Su Milan Kundera

21 febbraio 2012
Pubblicato da

di Massimo Rizzante

Qualche tempo fa una studentessa mi pose qualche domanda su Milan Kundera. Pubblico le mie risposte e allo stesso tempo colgo l’occasione per onorare la memoria di due grandi amici e compatrioti di Kundera, Josef Škvorecký (1924-2012) e Květoslav Chvatík (1930-2012), entrambi scomparsi nel mese di gennaio.
Il primo, scrittore raffinato di romanzi e racconti pieni di umorismo, amante della musica jazz e della letteratura di lingua inglese (Henry James, Evelyn Waugh, Faulkner, Hemingway, Chandler, tra i suoi scrittori preferiti), s’impose in patria soprattutto con il suo romanzo I Codardi, pubblicato nel 1958. Nel 1969, un anno dopo la Primavera di Praga, fu costretto a rifugiarsi in Canadà, a Toronto, dove fondò con la moglie Zdena la casa editrice Sixty-Eight Publishers, grazie alla quale furono pubblicati oltre duecento libri proibiti di scrittori cechi banditi in patria. La prima edizione in ceco de L’insostenibile leggerezza dell’essere di Kundera uscì nel 1985 per la sua casa editrice. Proposto per il premio Nobel nel 1982, dopo la fine del comunismo, pur visitando regolarmente la sua terra natale, decise di restare a Toronto. Il secondo, emigrato in Svizzera, è stato uno dei più importanti allievi di Mukařovský, forse l’unico critico in grado di continuare la tradizione estetica dello Strutturalismo praghese. A suo modo anche Kundera è un allievo di quell’estetica. Anche Kundera, come il suo amico Chvatík, si è nutrito delle idee di Husserl e di Patočka. La grande differenza tra la concezione dell’opera d’arte di Patočka, di Mukařovský, di Kundera e di Chvatík e le teorie nate durante gli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso dalla ricezione francese del Formalismo russo e dello Strutturalismo praghese sta nella loro apertura fenomenologica al “mondo della vita”. Per Kundera, Chvatík e per i loro maestri, difendere la specificità dell’arte non significa ridurre l’estetica alla linguistica – la più grande mutilazione apportata dalla teoria della letteratura della seconda metà del XX secolo al corpus delle opere di tutta la tradizione occidentale – né fare del “mondo della vita” un mondo di segni, né concepire la personalità dell’artista come un riflesso della Storia. L’artista, infatti, anche se condizionato dal “mondo della vita” – dominato dalla funzione pratica, ma dove la funzione estetica gioca il suo ruolo – è sempre in grado di compiere una variazione individuale capace di rivelare, come affermava Patočka, il senso della vita «nel tutto e nelle sue parti».
Di Josef Škvorecký in italiano si possono leggere i seguenti libri: Il sax basso, Adelphi 1993; Il miracolo, Fandango 2001 e Il racconto dell’ingegnere delle anime umane, Fandango 2010. Mentre di Květoslav Chvatík esiste solo un libro tradotto: Il mondo romanzesco di Milan Kundera, Università degli Studi di Trento 2004.

1. Per molti lettori, ancor oggi, Milan Kundera è soprattutto l’autore de L’insostenibile leggerezza dell’essere. Che cosa ha determinato, secondo lei, il successo di questo romanzo in Italia?

L’arte del romanzo di Milan Kundera possiede da sempre due livelli: una o più storie, spesso d’amore, che spesso culminano in una scena erotica, e una serie di digressioni, divagazioni o “saggi romanzeschi” che trasformano i problemi privati dei personaggi in problemi di tutti. È il caso anche dell’Insostenibile leggerezza dell’essere. Il lettore meno attento – cioè la stragrande maggioranza dei lettori di romanzi – si appassiona alla storia d’amore, mentre i lettori più esigenti cercano di collegare la storia d’amore alle riflessioni, ad esempio, filosofiche o musicali dell’autore.
Il lettore che sceglie questa strada si accorge ben presto che tutti i registri presenti nel romanzo sono pervasi dagli stessi temi, cioè dalle stesse domande, e che queste domande attraversano l’esistenza dei diversi personaggi. Quanto al successo, l’avventura internazionale di Kundera inizia ben prima della pubblicazione dell’Insostenibile, e cioè nel 1968, quando il suo primo romanzo, Lo scherzo, fu tradotto e pubblicato da Gallimard in Francia. Quando uscì, era appena scoppiata la Primavera di Praga, e tutti gli intellettuali francesi facevano a gara a elogiare il romanzo e il suo autore: formidabile esempio di lotta contro il totalitarismo. Solo che la sfida di Kundera non è mai stata politica, e la Storia, per lui, è sempre stato un “laboratorio antropologico” per cogliere un “contenuto esistenziale” inedito, e non un’occasione di dipingere una società in un particolare momento. Grande malinteso, dunque. Il successo di Kundera inizia con un grande malinteso. E credo sia proseguito di malinteso in malinteso. Fino a oggi.

2. In un’intervista, pubblicata nel 2002 sul “Corriere della Sera”, Roberto Calasso ha affermato che le vendite del libro hanno avuto un notevole incremento grazie alla trasmissione “Quelli della notte” di Renzo Arbore, dove il comico D’Agostino usava il titolo del romanzo come battuta-tormentone. Lei è d’accordo o quest’ipotesi è riduttiva?

Calasso, da editore, avrà fatto all’epoca le sue verifiche. Quel che è certo è che l’incontro tra Kundera e Calasso è stato per entrambi un incontro fortunato. Calasso, grazie ai libri di Kundera, ha rimpolpato le finanze dell’Adelphi, Kundera, grazie all’Adelphi e ai suoi traduttori, dopo alcune precedenti esperienze negative in Italia, ha trovato dei fedeli esecutori della sua opera. Non avendo agenti letterari (la sua sola agente è la moglie Vera), Kundera ha sempre rivisto e corretto le traduzioni dei suoi libri con un accanimento ossessivo. Per qualcuno come lui che per molto tempo ha scritto i suoi libri per un pubblico che non parlava la lingua in cui erano scritti, la traduzione è stata fondamentale. Ha scritto una volta: “Si dice: la traduzione è come la donna: o è fedele o è bella. È l’adagio più stupido che conosca. Infatti, la traduzione è bella se è fedele. Mi si obietterà che ciò non è possibile: nessuna parola di nessuna lingua trova il suo equivalente in un’altra. Certo, è evidente. Senhsucht, la celebre parola della poesia tedesca non significa né desiderio né nostalgia e il traduttore deve inventare la maniera più adeguata di rendere il suo senso in un’altra lingua: attraverso una perifrasi? L’aggiunta di un aggettivo? Un neologismo? La fedeltà di una traduzione non è una cosa meccanica, ma esige fantasia e creatività. La fedeltà in una traduzione è un’arte”.
Onore ai buffoni della TV. Onore ai fedeli traduttori italiani.

3. Quanto ha influito sull’opera di Kundera e sul suo modo di rapportarsi alla scrittura questo enorme successo?

La risposta qui è semplice, perfino laconica: nulla. Da quel che so, l’unico cambiamento avvenuto nella vita di Kundera dopo il successo planetario dell’Insostenibile è il suo trasferimento in una casa più spaziosa. Ah, ce n’è un altro: ha smesso di dare interviste alla stampa, essendo l’indiscrezione il suo regno. Kundera, dopo l’esperienza in un regime totalitario, ha sempre cercato di difendersi dalla manipolazione e dalla censura. Giunto a Parigi ha scoperto che la libera stampa occidentale operava con le stesse tecniche della polizia segreta della Cecoslovacchia: ritagliava, rimontava, ometteva, inventava le sue risposte e le sue riflessioni.

4. Kundera ha affermato che, quando gli avvenimenti dell’invasione dell’URSS in Cecoslovacchia saranno diventati solo ricordi, L’insostenibile leggerezza dell’essere sarà considerato semplicemente un romanzo. Pensa che questo cambiamento influirà sulla popolarità del libro o solo sul modo in cui viene “percepito” dai lettori?

Oggi già viviamo gli avvenimenti della Primavera di Praga come dei pallidi ricordi, a cui sobbalziamo solo in occasione di ricorrenze e mostre fotografiche. Certo le ricorrenze e le foto sono importanti, ma per comprendere il “contenuto esistenziale” di un’epoca storica c’è bisogno del romanzo: è il caso dello Scherzo e anche dell’Insostenibile. Molte epoche storiche possono andar perdute, possono passare inosservate se il loro “contenuto esistenziale” inedito non viene colto da un grande romanzo. È il caso, per quanto ne so, di un’epoca – dal 1989 ai nostri giorni – che potremmo chiamare “la fine del comunismo”.

5. Come è avvenuto l’incontro con Adelphi?

A questa domanda non so rispondere con precisione. Da quanto Kundera mi ha riferito, in modo vago (la sua memoria poetica è molto più prensile e precisa della sua memoria storica) tutto è veramente iniziato con la pubblicazione dell’Insostenibile. Era scontento delle case editrici italiane che lo avevano pubblicato precedentemente. E non poteva avere un rapporto diretto con i traduttori, cosa che, come ho detto, per Kundera, è molto importante.

6. Le opere di riflessione sul romanzo e sulla letteratura sono state tutte pubblicate dopo il grande successo de L’insostenibile leggerezza dell’essere. C’è un legame tra i due fatti?

Non credo. Penso, naturalmente, che la forza commerciale di un romanzo è, a tutte le latitudini, infinitamente superiore a quella di un saggio, soprattutto di un saggio letterario. Ma, ad esempio, L’arte del romanzo, pubblicato nel 1986 in Francia e nel 1988 in Italia, era già il titolo del primo libro di Kundera in ceco (in seguito rifiutato), scritto alla fine degli anni Cinquanta. In Kundera la riflessione sul romanzo, sulla civiltà europea, sull’arte moderna (pittura, musica, teatro, cinema) e sui Tempi moderni (presente dai Testamenti traditi fino a Un incontro) è corsa sempre parallela alla creazione della sua opera romanzesca. E questo perché Kundera pensa che il romanzo di Cervantes sia una forma d’arte maggiore che ha contribuito in modo essenziale alla nascita della moderna civiltà europea, alla stregua della filosofia di Cartesio o della scienza di Galileo.

7. In un articolo del 1995, ripubblicato in Un incontro, Kundera afferma che esiste un cinema-arte e un cinema-rimbecillimento, entrambi a pari titolo eredi dei fratelli Lumière. Ma il secondo non potrebbe essere una degenerazione o un’involuzione dovuta ai difetti della natura umana e a chi ha saputo sfruttarli?

Nel suo articolo, scritto nel centesimo anniversario della nascita del cinema, Kundera, rispondendo a un grande giornale tedesco, afferma che i fratelli Lumière non inventarono un’arte, ma una tecnica. Senza la scoperta dei fratelli Lumière il mondo di oggi non sarebbe quello che è. Afferma Kundera: “la nuova tecnica, infatti, è diventata l’agente principale del rimbecillomento… e secondariamente l’agente dell’indiscrezione planetaria”. La storia del cinema come arte è molto più breve di quella “del cinema inteso come tecnica”. L’esempio che Kundera riporta è lo scontro tra Fellini e le televisioni di Berlusconi, le quali a un certo punto decisero di interrompere i film con gli spot pubblicitari (seguite a ruota dalla televisione pubblica). Chi ha vinto? Lo sappiamo. Sappiamo anche che la vittoria è avvenuta con il beneplacito dei progressisti del nostro paese (quegli stessi che una volta al governo dimenticarono il conflitto di interessi), che in gioventù erano sulle barricate e che con gli anni, finalmente maturi, in nome del loro unico dio, il progresso, sono diventati parte integrante del processo di rimbecillimento che dagli anni Novanta – epoca in cui gli spot televisivi incominciarono a interrompere i film – è in atto in Italia e nel mondo (ma l’Italia è un’avanguardia, in questo senso). Non credo che si tratti di una degenerazione della natura umana – che per definizione possiede in sé una parte ferina – ma di un uso ideologico e demagogico della tecnica, del “cinema inteso come tecnica” o riproduzione in movimento della realtà. Ma chi oggi ha il coraggio di affermare, come fa Kundera, che l’arte e in particolare l’arte del romanzo se vorrà continuare la sua storia non “potrà che progredire contro il progresso del mondo”?

8. In Un incontro Kundera lamenta più volte la “scomparsa” dell’arte dalla mente e dall’attenzione della gente. Ma qual è, secondo lei, la causa di questa “scomparsa”?

La nozione di “arte” così come la intendiamo e la intende Kundera ha più di duemila anni. Non è detto che questa nozione debba durare. Non è detto che l’uomo abbia ancora bisogno di questa nozione dell’arte. Tuttavia ciò a cui Kundera tiene particolarmente è l’arte moderna del romanzo così come si è sviluppata da Rabelais e Cervantes a partire dal XVI e XVII secolo in Europa sviluppandosi poi, soprattutto nel XIX e nel XX secolo, in tutto il mondo. Ora, romanzo moderno per Kundera non significa un romanzo che rompe radicalmente con il passato, ma un romanzo che avanza attraverso nuove scoperte su una strada tracciata, una strada ereditata. Come giudicare il valore di un’opera se non siamo più in grado di concepirla in una continuità storica? Se non sappiamo collocarla nella storia della sua arte?

9. Nel 2007, in un’inchiesta sui “più grandi cechi di tutti i tempi”, Kundera è stato inserito solo all’85° posto. L’anno dopo, però, è stato accusato di essere stato una spia del regime comunista. Ora, lasciando da parte le polemiche, non crede che questa sia in effetti un’attestazione di fama o importanza superiore a quell’85° posto?

Il rapporto tra Kundera e il suo paese natale è ambiguo. Da una parte è sentito come un disertore, qualcuno che ha abbandonato la patria in un momento difficile. Dall’altra esistono in Repubblica ceca alcune cerchie di scrittori e intellettuali che lo amano e lo stimano. Del resto Kundera ha ben analizzato le dinamiche delle piccole nazioni nei confronti dei loro artisti: le piccole nazioni mitizzano i loro artisti per poi farne dei bardi nazionali da cui non vogliono essere tradite. Ha perciò sentito sempre il bisogno di distanziarsi da ogni “piccolo contesto” nazionale, affermando più volte che il solo contesto in cui un’opera deve essere giudicata è quello sovranazionale. Non ha risparmiato critiche neppure agli studiosi di letteratura ceca che in patria e all’estero non fanno altro che provincializzare, all’interno di “un nazionalismo universitario”, i loro autori, condannandoli all’emarginazione o al misconoscimento. Non dimentichiamo poi che Kundera è cittadino francese da più di vent’anni e che da molto tempo scrive in francese. Oggi molti critici in Francia lo definiscono un “autore francese di origine ceca”. Nel 1993 pubblicò un articolo su “Le Monde” assai significativo a questo proposito. Il titolo era “Il mio secondo paese natale”.

Tag: , , , , , , , , ,

4 Responses to Su Milan Kundera

  1. Pensieri Oziosi il 23 febbraio 2012 alle 19:44

    O è emigrato in Svizzera o a Constanza, che è sì ad uno sputo dal confine, ma rimane comunque in Germania.

  2. carmelo il 26 febbraio 2012 alle 20:52

    http://www.adelphi.it/catalogo/cerca/reply/advanced/YTo1OntzOjQ6InR5cGUiO3M6ODoiYWR2YW5jZWQiO3M6NzoiT3JkZXJCeSI7czo0OiJkYXRlIjtzOjU6ImZpZWxkIjtzOjU6InNtYXJ0IjtzOjc6InN1YnR5cGUiO3M6NjoiQXV0aG9yIjtzOjEyOiJGaWx0ZXJTdHJpbmciO3M6NDE6ImE6MTp7czo2OiJBdXRob3IiO2E6MTp7aTo2MjA7czozOiI2MjAiO319Ijt9/p1

    Massimo rizzante ha tradotto Il sipario e Un incontro. Quest’ultimo ho avuto il piacere e la fortuna di leggerlo: riflessioni lievi, intense e profonde, sul romanzo, sulla musica, sull’arte….sull’uuomo.

  3. Salvatore D'Angelo il 1 marzo 2012 alle 13:41

    Ho molto apprezzato questo post e gli spunti di riflessione che suggerisce. Anche perché – toh, il Caso e le due dinamiche !- esso cade proprio mentre rileggo (a distanza di 27 anni) l’Insostenibile leggerezza dell’essere e tutti gli altri romanzi dello scrittore ceco/francese (al momento in cui scrivo , Il Libro del Riso e dell’Oblìo assieme a La Lenteur).Ed è giusto quanto sostiene Rizzante circa l’attenzione o meno del lettore sulla totalità dei temi di un romanzo che ne costituiscono l’ordito e il “senso generale”. Avevo ritenuto da quel libro solo le cose che all’epoca della prima lettura “occupavano il centro” degli orientamenti, interessi, ossessioni più intime e ne avevo dimenticate molte altre. E’ stato come leggere un romanzo del tutto nuovo, e mi sono stupito, appunto, di come il tempo cambi la nostra percezione non solo del mondo materiale, ma anche quello più impalpabile delle idee, delle emozioni, dei sentimenti, delle sensazioni. Sì, sono d’accordo con Rizzante quando sostiene che Kundera ha sempre sfuggito alla gabbia della nazionalità in letteratura, perchè trovo che L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL’ESSERE sia un grande romanzo europeo, che , pur cogliendo con esattezza i movimenti di fondo del proprio tempo, va al di là della propria epoca e “parla” ancora, perché tratta della meravigliosa/in/significanza della vita e delle Grandi Idee, Illusioni, Mitologie; tratta della pesantezza e della leggerezza del vivere ( Parmenide) dell’anima e del corpo, della Bellezza, del Caso e del senso di stare al mondo. Il tutto con una leggerezza e una capacità di fabula e di affabulazione stupefacenti. Un gran bel libro, un romanzo /saggio sulla vita, sul suo senso e significato profondo, sull’amore, sui rapporti tra gli esseri umani, sulla politica e sul potere, sui meccanismi “strumentali” e sui “fraintendimenti” delle parole e di come ciascun essere umano sia legato a codici, miti e “microtraumi” che gli nutrono l’ inconscio, l’ interiore “archétipo” e gli “indirizzano” i comportamenti e come questo svii e inganni nel flusso del fiume della vita. Un libro che ha costruzione e tocco leggeri, eleganti, una struttura dialettica ricca di anticipazioni narrative e flasback, intessuta di miti greci (Edipo Re, Platone il Simposio, Parmenide, Eraclito), Illuminismo francese e meraviglioso scetticismo Boemo. E’ stato stupefacente ri/scoprire che la settima parte, quella intestata a “Karenin” la cagnetta di Tomàs e Tereza, costituisce una piccola “summa ” anticipatoria di temi che “ora” viviamo con scottante attualità : i temi della “decrescita” , la pretesa “antropocentrica” dell’Uomo rispetto alla Natura e al mondo della Materia e dello Spirito e via via enucleando. Si, credo che KUNDERA faccia parte a pieno titolo dei Grandi del Romanzo Europeo, tra coloro che più d’altri hanno saputo rinnovarne le strutture, con le radici ben piantate nella Grande Tradizione (nel caso Diderot, Laclos , Voltaire, i Grandi Illuministi) con l’ originalissimo filtro mitteleuropeo; specificatamente quell’ironia e quel meraviglioso scetticismo boemo che a mio avviso è la “cifra” espressiva che più lo denota/connota. Thanks a lot, Mr Rizzante.

  4. Marco il 7 marzo 2012 alle 04:22

    Bel pezzo. Una domanda Max: Kundera abita ancora a Parigi?
    In quale quartiere è possibile incontrarlo mentre fa la spesa?
    Marco