Scrittori in prima serata

8 dicembre 2012
Pubblicato da

di Giuseppe Zucco

Nel migliore dei mondi possibili, questo post non avrebbe ragione di esistere. Gli scrittori avrebbero già un posto fisso nei palinsesti. Accanto ai programmi di puro intrattenimento, ce ne sarebbero altri in cui gli scrittori e le loro opere contenderebbero l’attenzione e la pazienza degli spettatori. In un regime di reale concorrenza, mentre i luminosi scacciapensieri trillerebbero la loro fugacità, gli scrittori avrebbero tutto il tempo di dimostrare la propria unica e inesauribile contraddittorietà, tanto quanto è contraddittorio il mondo che vivono e attraversano. Ma qui, oggi, in Italia, la monomania dell’intrattenimento ha riempito quasi tutte le caselline della scacchiera. Anche la cronaca nera, o il racconto della politica, nei grandi perimetri televisivi, sembrano più intrattenere lo spettatore, che infondergli una qualche novità. Anche se questo intrattenimento, questo in-trattenere, questo trattenere in sè, senza altro scopo, continua a perdere ogni giorno di più il proprio abbaglio. Cronometrate quanto tempo passate ormai davanti al televisore, e misurate la comodità con cui vi rifugiate su gli altri media, e avrete una mappatura abbastanza fedele del come e perché la televisione ha sperperato moltissime delle sue potenzialità, non ultima quella di conferire un senso al vostro personale modo di intendere l’intrattenimento. In attesa del migliore dei mondi possibili, o di una più efficace e intelligente ingegneria dei palinsesti, ecco una prova di cosa accadrebbe se l’acquario della televisione non fosse solcato solo da qualche pinna colorata o riempito dall’ottusità scintillante di qualche corallo.

Aldo Busi ospite a Otto e mezzo

Tag: , , , , , ,

2 Responses to Scrittori in prima serata

  1. spago il 8 dicembre 2012 alle 16:07

    Pensa ai grandi scrittori del ’900 (più o meno).. pensa a Burroughs o a Hemingway o a Fante.. pensa a Celine o a Gide.. pensa a Beckett.. pensa a Tanizaki, a Kawabata ad Oe.. pensa a Bernhard o a Bellow.. pensa a Bulgakow.. o a Kafka.. pensa anche a scrittori contemporanei, come Houellebecq o da poco riscoperti come Kristoff.. pensa anche a scrittori italiani (alla rinfusa) come Pasolini, Bianciardi, Morante, Moravia, Calvino, Vittorini, Meneghello, Malaparte, Maraini padre, etc.. ora pensa a Faletti, pensa ad Ammanniti, a Carofiglio, a Nove, alla Tamaro, a Nesi, alla Vinci, a Veronesi, a Piccolo, a Erri de Luca, a Baricco, a Camilleri, a Volo, alla Mazzantini, alla Avallone, a Pennacchi, a Corona, a Dacia Maraini, a Benni, a Saviano, a Piperno.. sinceramente, alcuni di questi mi piacciono di più altri meno, ma sinceramente, ma chi li vuol vedere? ma perchè mai? io preferisco non sapere, non vederli, non farmi del male. Busi è forse ancora l’unico che si salva, perchè tanti anni fa ha scritto qualcosa di significativo.. magari per simpatie personali potrei dire Avoledo.. ma per il resto la letteratura italiana è più o meno morta. Se esiste ancora qualcuno (per es. Tiziano Sclavi, che ha sempre anticipato tutti su tutto) o è in fuga o si nasconde o è palesemente ignorato e respinto.

  2. véronique vergé il 11 dicembre 2012 alle 12:26

    Non ho la TV… Ma mi rallegro di sapere che la letteratura sia vicina a chi accende la TV e forse non entra mai in una libreria … Sogno anche uno spazio dedicato alla poesia.