orsola puecher

Nasce. [ in un giorno di rose e bandiere ] E scrive. [ con molta calma ] ,\\'

Web Site: http://www.orsolapuecher.org/


le rire 3°: ZAMPIRONI

29 agosto 2009
le rire 3°: ZAMPIRONI

  Alberto Savinio
Serenata per pianoforte

di Alberto Savinio

da NUOVA ENCICLOPEDIA

ZAMPIRONI. Quei piccoli coni di polvere insettifuga che si bruciano la sera nelle camere per stupefare le zanzare e renderle incruente; gli zampironi, altrimenti detti “sonni tranquilli”,...
Leggi il seguito »

Loca III: Le ceneri di Gramsci

25 agosto 2009
Loca III: Le ceneri di Gramsci

Non è di maggio questa impura aria
che il buio giardino straniero
fa ancora più buia, o l’abbaglia

Leggi il seguito »

le rire 2°: à la Cage [ Water Walk ]

21 agosto 2009

 

 

[


Leggi il seguito »

Loca II: Le città sottili. 3. Armilla

16 agosto 2009

 

©,\\’ Orsola Puecher

 
   di Italo Calvino
 
   Se Armilla sia così perché incompiuta o perché demolita, se ci sia dietro un incantesimo o solo un capriccio, io lo ignoro. Fatto sta che non ha muri, né soffitti, né pavimenti: non ha nulla che la faccia sembrare una città.…


Leggi il seguito »

SIGUR ROS Glósóli

12 agosto 2009

 

 
Sigur Ros – Glosoli
Caricato da TranssmusicSee the latest featured music videos.

 
Sigur Ros

Glósóli

Nú vaknar þú
Allt virðist vera breytt
Eg gægist út
En er svo ekki neitt
Ur-skóna finn svo
A náttfötum hún
I draumi fann svo
Eg...
Leggi il seguito »

le rire 1°: La vita del filosofo Kant

8 agosto 2009
le rire 1°: La vita del filosofo Kant

©,\\’ Orsola Puecher

  Joseph Haydn
dalla Sinfonia n. 101 in re maggiore, Hob. I: 101 “L’orologio”

 
   di Cesare Zavattini
 
   Quando a mezzogiorno preciso Kant usciva a prendere una boccata d’aria, i cittadini di Koenisberg regolavano gli orologi: Invece del...
Leggi il seguito »

Loca I: Poschinger Strasse, 1

4 agosto 2009

   di Giorgio Zampa

   “Per favore, può dirmi dov’era la villa di Thomas Mann?”, chiedo a una donna anziana che sta liberando dal ghiaccio un tratto di marciapiede, sul fronte della casa d’angolo fra la Poschinger Strasse e la Thomas Mann-Allee. La donna mi guarda con stupore.…


Leggi il seguito »

SOGNAVO PECORE ELETTRICHE

25 maggio 2009
SOGNAVO PECORE ELETTRICHE

 

img by ,\\’ da Blade Runner

 
di Nadia Agustoni
 
La moda non è cosa da prendere alla leggera. Così quando ci dicono che qualcosa o qualcuno è glamour dovremmo diffidare e fare alcune verifiche. Se questo non accade, o accade troppo poco, è perché c’è assuefazione, non tanto a certi discorsi,...
Leggi il seguito »

* * * di sassi e cristalli

1 maggio 2009
2glassarmonica

di Orsola Puecher

le lucciole delle notti d’estate
farfarelle dal volo tremolante
Driadi gentili sotto un bicchiere
imprigionate si smorzano all’alba

Leggi il seguito »

Se nulla era sbagliato

26 marzo 2009

di Nadia Agustoni

“Ma che sarebbero i prodigi in mare e in cielo
senza averti compagno al mio pensiero?”

John Keats, Sonetti

L’hanno definita una delle intelligenze più critiche e lucide degli states, ma nei due libri in cui racconta la morte del marito John e della figlia Quintana, avvenute a breve...
Leggi il seguito »

* * da cenere oro

19 marzo 2009
lafenice

di Orsola Puecher

gommalacca e resine
damasco cremisi
rosa antico e cinabro
e garanza e oltremare

Leggi il seguito »

Della guerra

3 marzo 2009
Della guerra

di Nadia Agustoni

“ un esercito perdente insegue invece il successo partendo dallo scontro diretto.”

Sun Tzu

Italo Calvino in Perché leggere i classici si poneva una domanda:

«Perché leggere i classici anziché concentrarci su letture che ci facciano capire più a fondo il nostro tempo?» e «Dove trovare il tempo e l’agio della mente...
Leggi il seguito »

* hiberno pulvere

5 febbraio 2009
polvere

di Orsola Puecher

conosce il segreto della polvere
dei pollini e dei corpuscoli argentei
adagiati sui riccioli del legno
sui piani lucidi dei tavoli

Leggi il seguito »

“…cercando primavere di viole”

27 gennaio 2009

  
  

di Orsola Puecher

Alice e Marie dormivano vicine e il sonno se le prendeva senza sollievo né pace. La notte era solo un intervallo inquieto al dolore e nel pulsare tanto flebile delle loro vite non c’era differenza di rumori rispetto al giorno: l’abbaiare dei cani, passi, le voci secche.…


Leggi il seguito »

ANIMAzioni#05: “The Christmas Card” [1968] di Terry Gilliam

25 dicembre 2008

 

D: Se ti reincarnassi in uno dei personaggi di Monty Python, quale vorresti essere?

TG: Vorrei essere il piedone animato. Perchè no? E’ l’entità onnipotente che calpesta tutto.

da AN INTERVIEW WITH TERRY GILLIAM

[ Terry Gilliam - unico americano fra...
Leggi il seguito »

Viaggio nell’insostenibile malinconia delle merci [1]: IL PARADISO

24 dicembre 2008
Viaggio nell’insostenibile malinconia delle merci  [1]: IL PARADISO

 

di Orsola Puecher

Il negozio si chiama “lI Paradiso de…”. In vetrina spicca insieme ad altri strani gingilli l’abitino Miss Christmas, € 47,50, fra un’intermittenza di lucette, del tipo musicale, a forma di campanelle che baluginano da lontano nella piazza buia e vuota della Cattedrale, diffondendo per l’aere dell’imbrunire...
Leggi il seguito »

sembra un prato

22 dicembre 2008
sembra un prato

 

 

inediti dai Libri di lettura
di Nadia Agustoni

 

c’è la neve

c’è la neve lì fuori e vorrei mentire una volta,
meno trasparente del vetro dar colpa a qualcuno
d’esser nata troppe volte a far nulla più che nascere

vedere la fatica dell’angelo...
Leggi il seguito »

♫ dei poeti le voci [3]: MARIA VALENTE

16 dicembre 2008
♫ dei poeti le voci [3]: MARIA VALENTE

 





  Maria Valente
DISCONNECT THE MACHINE O LA BUONA MORTE

 

  DISCONNECT THE MACHINE O LA BUONA MORTE  

 

La vita? la morte?… succede come i fiori e il loro vezzo
di decorare il tritacarne, renderlo confortevole- così
farcito...
Leggi il seguito »

Le scimmie all’aeroporto

9 dicembre 2008
Le scimmie all’aeroporto

 


di Paolo Sperandio

Esimio Scrittore,
              quella che legge non è una storia vera, non è una storia inventata, forse non è una storia. Tutto quello che è sta nel titolo, che sta nella mia memoria del Poeta.


Leggi il seguito »

♫ dei poeti le voci [2]: VIOLA AMARELLI

28 novembre 2008
♫ dei poeti le voci [2]: VIOLA AMARELLI

Ballate senza tempo

1660 a.C. circa – eruzione del Vesuvio detta delle “pomici di Avellino”

Fuggimmo, il cielo s’era fatto
basso, umido il vento
fuggimmo quando l’odore della sera
venne marcio
l’ammasso in volo di zanzare.
In fretta, tagliando i rovi,
battendo il sottobosco,
avanti con...
Leggi il seguito »

Ah, non parlatemi della Duncan!…

25 novembre 2008
Ah, non parlatemi della Duncan!…

 


F. Chopin, Berceuse in D flat major, Op.57, Andante

 

di Anna Tellini

Seduto nel secondo palco di prima fila della soffocante sala del teatro Malyj di San Pietroburgo, Rozanov assiste a un’esibizione di Isadora, impegnata in una delle sue...
Leggi il seguito »