diari

esperienze, commenti all’attualità

Hipster non avrai il mio scalpo – Viaggio nella nuova San Francisco e nel covo dei pirati di McSweeney’s e 826 Valencia

Pubblicato da
7 aprile 2013
banksy-150x150

di Silvia Pareschi

I beat sono preistoria. La libreria City Lights di Ferlinghetti sopravvive, quest’anno compie sessant’anni ed è ancora bella, ma Haight Street (quella che fa angolo con Ashbury) è una strada piena di negozi di narghilè, frequentata soprattutto da tossici e turisti.…


Leggi il seguito »

Gli incontri-laboratorio di EX.IT e il primo titolo di una nuova collana di poesia

Pubblicato da
2 aprile 2013
Gli incontri-laboratorio di EX.IT e il primo titolo di una nuova collana di poesia



EX . IT  _  materiali fuori contesto

Biblioteca Comunale “Pablo Neruda”
Albinea* (Reggio Emilia), 12–14 aprile 2013…


Leggi il seguito »

Ciao, Enzo!

Pubblicato da
30 marzo 2013


le uniche parole per dire cosa sia stato Enzo Jannacci per le passate generazioni sono le sue.

È on-line L’Ulisse n.16: Nuove metriche. Ritmi, versi e vincoli nella poesia contemporanea

Pubblicato da
28 marzo 2013
È on-line L’Ulisse n.16: Nuove metriche. Ritmi, versi e vincoli nella poesia contemporanea

L’Ulisse, rivista monografica di poesia, arti e scritture diretta da Alessandro Broggi, Stefano Salvi e Italo Testa

NUMERO 16: Nuove metriche. Ritmi, versi e vincoli nella poesia contemporanea


Leggi il seguito »

Atlantide non fu affondata in un giorno – Di scrittura collettiva e letteratura

Pubblicato da
27 marzo 2013
Atlantide non fu affondata in un giorno – Di scrittura collettiva e letteratura

di Vanni Santoni e Gregorio Magini, a nome di SIC

Caro Giuseppe,

abbiamo letto con interesse la tua “lettera aperta” sulla scrittura collettiva. Per quanto ti rivolgessi a Vanni, il tuo discorso chiama in causa la SIC, ed è per questo che il presente post...
Leggi il seguito »

Come autore, non esisterei senza i blog – Una lettera di Vanni Santoni

Pubblicato da
23 marzo 2013
Come autore, non esisterei senza i blog – Una lettera di Vanni Santoni

(A causa di un problema di salute, Vanni Santoni non potrà essere presente alla festa. Però mi ha mandato questa lettera, che, a parole sue, è un “omaggio a tutto ciò che Nazione Indiana ha rappresentato e rappresenta per me, oltre che un tentativo, magari maldestro, di mettere una pezza alla...
Leggi il seguito »

Tra gnomi e troll

Pubblicato da
19 marzo 2013
Tra gnomi e troll

di Francesca Matteoni

 

 

nani delle caverne

 

 

 

A metà degli anni Ottanta io ero una bambina fervidamente innamorata della lettura e dei mondi che in lei si dischiudevano. Per la festa della Prima Comunione, in mezzo a noiosa paccottiglia d’oro, apparvero due libri, uno sulla storia delle civiltà antiche, l’altro di fiabe della buonanotte.…


Leggi il seguito »

Atlantide, Il Grande Dittatore e un dubbio capitale sulla scrittura collettiva – Una lettera a Vanni Santoni

Pubblicato da
17 marzo 2013
Atlantide, Il Grande Dittatore e un dubbio capitale sulla scrittura collettiva – Una lettera a Vanni Santoni

di Giuseppe Zucco

Caro Vanni,

domenica scorsa incontro un tuo lungo articolo su La Lettura del Corriere della sera, e affrontando quest’ultimo lo strano caso della scrittura collettiva, un argomento e una modalità di composizione letteraria che affiora ciclicamente nei punti più disparati dell’oceano della letteratura, un’isola tipo Atlantide, con...
Leggi il seguito »

Pierre Drieu La Rochelle. Morte di un delicato.

Pubblicato da
15 marzo 2013

di Francesco Filia

Si scrive veramente con l’inchiostro o con il sangue? Che rapporto c’è tra vita e scrittura? Tra esistenza e parolaLeggi il seguito »

Identikit e reazioni dello spettatore modello del film Educazione siberiana

Pubblicato da
9 marzo 2013
Identikit e reazioni dello spettatore modello del film Educazione siberiana

di Giuseppe Zucco

(attenzione, spoiler!)

Un testo postula il proprio destinatario come
condizione indispensabile non solo della
propria capacità comunicativa concreta
ma anche della propria capacità significativa.
Umberto Eco

a) Lo spettatore modello non ha le idee chiare appena entra in sala e il buio annerisce le poltroncine, ma comunque sa, grazie a un battage...
Leggi il seguito »

Quali politiche per il museo di arte contemporanea?

Pubblicato da
2 marzo 2013
Quali politiche per il museo di arte contemporanea?

di Michele Dantini

Annus horribilis. Il 2012 è stato funesto per la gran parte dei musei di arte contemporanea italiani, e il 2013, con le roventi polemiche destatesi attorno al Maxxi o il conflitto tra AMACI e CdA sulla conduzione del Castello di Rivoli, è iniziato sotto auspici persino peggiori.…


Leggi il seguito »

La geologia di Valerio Magrelli

Pubblicato da
7 febbraio 2013

di Franco Buffoni

Vale le perle della dama di Heaney in North lo chignon della nonna ciociara, conservatosi intatto per lunghi decenni nella tomba di famiglia a Pofi. E in una saga famigliare – in apparenza – consiste Geologia di un padre, la nuova proposta narrativa di Valerio Magrelli per Einaudi, che...
Leggi il seguito »

“E se il mondo non imparerà la lezione che queste immagini insegnano, la notte tornerà a cadere.”

Pubblicato da
27 gennaio 2013
ss a belsen

di Orsola Puecher
Ogni anno il 27 Gennaio Giorno della Memoria, volenti o nolenti, si presenta una motivazione forte e contingente per scrivere, documentare e ricordare agli smemorati e ai negazionisti di turno la Memoria dei Campi, titolo del documentario incompiuto sulla liberazione dei campi di concentramento nazisti, in cui...
Leggi il seguito »

La lucidità è il risultato di uno sfregamento continuo – Un’intervista a Christian Raimo su Il peso della grazia

Pubblicato da
26 gennaio 2013
La lucidità è il risultato di uno sfregamento continuo – Un’intervista a Christian Raimo su Il peso della grazia

di Giuseppe Zucco

Giuseppe del Moro è il protagonista di questo romanzo. Dottorando, assegnista, ricercatore, alla fine un perfetto esemplare di precarietà sociale e esistenziale – soprattutto una persona distratta, ma distratta a livelli epici. Com’è nato e si è sviluppato durante la scrittura del romanzo questo personaggio?


Leggi il seguito »

Quello che vampiri, lupi mannari e mutanti non dicono – Prima di scomparire, di Xabi Molia

Pubblicato da
24 gennaio 2013
Quello che vampiri, lupi mannari e mutanti non dicono – Prima di scomparire, di Xabi Molia

di Carlo Mazza Galanti

Distopie, utopie, ucronie, qualunque sia il taglio, tonale e formale, che si voglia dare alle diverse interpretazioni immaginarie della storia umana, quello della fantapolitica è forse il genere più “perturbante” oggi a disposizione degli scrittori, quello meglio capace di riprodurre la fertile e angosciosa convivenza di famigliarità e straniamento che Freud...
Leggi il seguito »

Impegno

Pubblicato da
24 gennaio 2013
Impegno

di Antonio Sparzani

Ebbene sì, non ve lo aspettavate, ma alla mia veneranda età ho deciso di impegnarmi in politica, non si può più — lo sento — esimersi da un così pressante dovere. E per chi non volesse crederci ecco qua il mio programma, chiaro e dettagliato, vedete un po’.…


Leggi il seguito »

Una cosa che torna ciclicamente sui ragazzi fin dai tempi di Flaubert

Pubblicato da
19 gennaio 2013
Una cosa che torna ciclicamente sui ragazzi fin dai tempi di Flaubert

di Gustave Flaubert

Una mattina di dicembre, nel recarsi alle lezioni di procedura, gli parve che in rue Saint-Jacques ci fosse più animazione del solito. Gli studenti uscivano a precipizio dai caffè, o, si chiamavano, di casa in casa, dalle finestre aperte.…


Leggi il seguito »

Le convergenze parallele #2

Pubblicato da
6 gennaio 2013
Le convergenze parallele #2

di Giuseppe Zucco

“Trasferirsi col pensiero e col sentimento in un altro essere era un’azione spirituale estranea a Aleksjéi Aleksandrovič. Egli stimava questa azione spirituale una fantasticheria dannosa e pericolosa.”
Anna Karenina, di Lev Tolstoj (fonte: l’Eugenio tascabile)

 

“Quale che fosse il suo segreto, ho appreso un segreto anch’io, e cioè: che l’anima...
Leggi il seguito »

Ma cosa intendiamo con istruzione, oggi, se già Vladimir Nabokov la sapeva così lunga?

Pubblicato da
28 dicembre 2012
Ma cosa intendiamo con istruzione, oggi, se già Vladimir Nabokov la sapeva così lunga?

[I classici sono la miniera che sapete - e in questi giorni, rileggendo Lolita, di Nabokov, mi sono imbattuto in un passaggio folgorante per nitore e attualità. In poche parole, Humbert Humbert, dopo un lunghissimo viaggio in macchina - un viaggio che, in realtà, è sia una fuga d'amore sia una dettagliata mappatura del...
Leggi il seguito »

Mandala

Pubblicato da
25 dicembre 2012

di Ottavio Fatica

 

La notte è viola. Ai fuochi dei pastori

sul crostone arroccato

di madrepora un bue

un asino, una vergine, un giuseppe

intorno pochi sbaffi di bambagia

mentre lo specchio d’acqua di stagnola

riflette una cometa

che converge sopra la grotta

dove in una greppia tutti aspettano

la Novità.…


Leggi il seguito »

Un’altra logica con cui scegliere i libri da leggere durante le vacanze e lungo tutto l’anno nuovo

Pubblicato da
22 dicembre 2012
Un’altra logica con cui scegliere i libri da leggere durante le vacanze e lungo tutto l’anno nuovo

di Roberto Bolaño

Una volta Amalfitano gli chiese, tanto per dire qualcosa mentre il giovane cercava sugli scaffali, quali libri gli piacevano e cosa stava leggendo in quel momento. Il farmacista gli rispose, senza voltarsi, che gli piacevano i libri tipo La metamorfosi, Bartebly, Un cuore semplice, Canto di Natale.…


Leggi il seguito »