Articoli con tag ‘ Antonio Sparzani ’

Il mondo come prigione e la prigione come mondo

Pubblicato da
10 dicembre 2012
Il mondo come prigione e la prigione come mondo

di Antonio Sparzani

«Ora che, passati gli anni, ho smesso d’arrovellarmi sulla catena d’infamie e fatalità che ha provocato la mia detenzione, una cosa ho compreso: che l’unico modo di sfuggire alla condizione di prigioniero è capire come è fatta la prigione.» Così, nella puntigliosa e certo non filologica ricostruzione di Italo Calvino...
Leggi il seguito »

Domani comincia “Reti” al Palladium, Roma

Pubblicato da
26 novembre 2012

volentieri pubblico, per la cortesia di Canio Loguercio, la presentazione di Luigi Cinque dell’evento Reti, Roma – Palladium, 27-28-29 novembre 2012 e un contributo di Ruggero Pierantoni.

Le ragioni di un Festival.

RETI: incontri straordinari di Musica, Scienza e PoesiaLeggi il seguito »

Tempo di elezioni: la mia clausola

Pubblicato da
18 novembre 2012
Tempo di elezioni: la mia clausola

di Antonio Sparzani

Tempo di elezioni. Personalmente credo ancora, in mezzo a mille difficoltà su cui non mi metto ora a discutere, che sia una buona cosa andare a votare.
Sì, ma con quali criteri si dà il proprio voto? Quali ragionamenti, quali priorità?…


Leggi il seguito »

PIOVVE SEMPRE SUL BAGNATO

Pubblicato da
15 novembre 2012

I racconti ora faceti ora uggiosi di Giorgio Mascitelli
letti da lui medesimo e interrotti da Biagio Cepollaro.
Dove:
Libreria popolare via Tadino 18, Milano
Quando:
Lunedì 19 novembre 2012 ore 21

Giorgio Mascitelli (1966) vive a Milano. Ha pubblicato i romanzi Nel silenzio delle merci e L’arte della capriola.…


Leggi il seguito »

il Grande Rischio scienza

Pubblicato da
25 ottobre 2012
il Grande Rischio scienza

di Antonio Sparzani

Ci vorrebbe una vera Commissione Indipendente che vigilasse continuamente e attivamente sui grandi rischi connessi sia con la scienza, sia, e forse soprattutto, con i suoi variopinti portavoce, o profeti, o sacerdoti, non so, detti scienziati, e scienziate, naturalmente.…


Leggi il seguito »

Un biglietto nel calice d’argento

Pubblicato da
21 ottobre 2012
Un biglietto nel calice d’argento

di Antonio Sparzani

«Il Suo etichettare le idee distinguendo quelle di origine spirituale (ideale) da quelle di origine fisica (o fisiologica) e la Sua corrispondente definizione della fisica come scienza delle idee della seconda categoria fa rivivere dentro di me alcuni ricordi giovanili.…


Leggi il seguito »

Per una valutazione del barocco

Pubblicato da
6 ottobre 2012


(Carlo Emilio Gadda, Il primo libro delle favole, Garzanti, Milano 1976; disegno di Mirko Vucetich)

Eric John Ernest Hobsbawm (Alessandria d’Egitto, 9 giugno 1917 – Londra, 1º ottobre 2012)

Pubblicato da
1 ottobre 2012


Lettera aperta ad Antonio Gramsci

originale …


Leggi il seguito »

essere o non essere . . .

Pubblicato da
23 settembre 2012

di Antonio Sparzani

Ci sono state, e ci sono, nella mia vita, come probabilmente in quella di molti altri, occasioni nelle quali ho sentito l’urgenza di richiamarmi a qualche puntello di base, di ripetere il riferimento a qualche testo fondamentale, di ritrovare una bandiera sotto la quale riconoscermi; urgenza squisitamente soggettiva, frutto solitamente di...
Leggi il seguito »

Un ordine della scienza?

Pubblicato da
9 settembre 2012
Un ordine della scienza?

di Antonio Sparzani

(da Alfabeta2, settembre 2012)
«L’ordine era di disporre l’esercito in ordine di battaglia» questa frase mi si è formata nella testa appena ho cominciato a riflettere su quella formula magica foucaultiana dell’ordine del discorso, così che il campo semantico del lemma ordine mi si è...
Leggi il seguito »

Lubiana e il drago

Pubblicato da
30 agosto 2012
Lubiana e il drago

di Antonio Sparzani

Lubiana è Ljubljàna nella sua lingua madre slovena, così più dolce, e vicina al richiamo semantico inevitabile a chi abbia anche una vago orecchio per le lingue slave, ljubóv’ in russo, ljubézen in sloveno ― stessa famiglia indoeuropea del tedesco Liebe, ― significano amore, e il nome della città, con...
Leggi il seguito »

Nella mia giovanezza ho navigato

Pubblicato da
27 agosto 2012
Nella mia giovanezza ho navigato

di Antonio Sparzani


Trieste chiama Trieste: per il mio compleanno del 1963 qualcuno mi regalò Mediterranee, di Umberto Saba (Trieste 1883 – Gorizia 1957), collana Lo specchio di Alberto Mondadori, copertina rigida di colore uniforme, marrone chiaro. Sono andato ieri, 55 anni esatti dalla morte del poeta, a ripescarlo e ho letto, cosa che...
Leggi il seguito »

Vista da Trieste

Pubblicato da
9 agosto 2012

di Antonio Sparzani

È quel momento inquietante che prepara il buio della notte, è finito il violetto chiaro dell’ultimo sole, pochi minuti e rimarrà solo buio e le luci artificiali. Però.

Però è piena di luna piena la mia sera, qui, chissà se è proprio al culmine – certo sembra occupare tanto cielo, un cerchio...
Leggi il seguito »

quello pane orzato del quale si satolleranno migliaia

Pubblicato da
2 agosto 2012
… quello pane orzato del quale si satolleranno migliaia …

di Antonio Sparzani

Il dantesco Convivio vuol essere, nelle sue intenzioni iniziali, una piccola enciclopedia dello scibile dell’epoca, Dante vuole farsi perdonare della, almeno apparente, leggerezza della Vita Nova («fervida e passionata, questa temperata e virile» ci avverte, contrapponendo a quella la presente opera), e delle Rime scritte in vita e in morte di...
Leggi il seguito »

Olimpiadi, vecchia storia

Pubblicato da
27 luglio 2012
Olimpiadi, vecchia storia

di Antonio Sparzani
A Olimpia sorgeva uno straordinario tempio di Zeus, contenente una statua in oro e avorio del padre degli dèi, opera di Fidia, una delle sette meraviglie del mondo antico.
A Olimpia per la prima volta si svolsero delle gare – forse potremmo dire...
Leggi il seguito »

Aurora

Pubblicato da
24 luglio 2012

Quis fuit, horrendos primus qui protulit enses?
Quam ferus et uere ferreus ille fuit!

[“Chi fu il primo ad inventare le terribili spade? quanto davvero ferino e ferreo egli fu!”, Tibullo, Elegie 1.10, intorno al 25 a.C.], a.s.

Parliamo de Le Qualità – seconda parte

Pubblicato da
13 luglio 2012

di Antonio Sparzani

Continua la conversazione con Biagio Cepollaro a proposito del suo Le Qualità, iniziata qui. Segnalo nel frattempo che una recensione del volume, ad opera di Giorgio Mascitelli, è già apparsa qui.

Dato che nella prima domanda accenno alla prima...
Leggi il seguito »

Parliamo de Le Qualità

Pubblicato da
10 luglio 2012

di Antonio Sparzani

Con felice acribia Biagio Cepollaro arricchisce costantemente il suo patrimonio di produzione poetica, così come accresce quello della produzione pittorica, con il primo, del resto, strettamente connesso e intersecato. L’ultima raccolta, Le Qualità, è uscita da pochi mesi per i tipi de La camera verde, Roma, direttore e animatore Giovanni...
Leggi il seguito »

Cronache di Mesagne

Pubblicato da
3 luglio 2012
Cronache di Mesagne

Il convento dei Cappuccini a Mesagne, sede del'ISBEM

di Antonio Sparzani

Ulivi e ulivi e ulivi senza fine corrono sul finestrino del treno che mi porta via da Mesagne e da Brindisi. Sole e ancora sole, benefico e implacabile, che ci schiaccia un po’ tutti verso il basso.…


Leggi il seguito »

La terza festa di Nazione Indiana è a Mesagne (Brindisi): 30 giugno – 1 luglio 2012

Pubblicato da
26 giugno 2012

sabato 30 giugno – domenica 1 luglio

all‘ISBEM

c/o Ex Convento dei Cappuccini - Via Reali di Bulgaria – 72023 Mesagne (BR)

(come arrivare)

Programma della festa Continua a leggere »

Il diritto all’ozio

Pubblicato da
26 giugno 2012
Il diritto all’ozio

di Paul Lafargue

Un dogma disastroso

«Diamoci all’ozio in ogni cosa, fuorché nell’amore e nel bere, fuorché nell’oziare.»
Lessing

Una strana follia possiede le classi operaie delle nazio­ni in cui domina la civiltà capitalistica.…


Leggi il seguito »

Ceci n’est pas un compte rendu [Questa non è una recensione]

Pubblicato da
3 giugno 2012
Ceci n’est pas un compte rendu [Questa non è una recensione]

di Monica Mazzitelli

Roma, parco di Villa Ada, aprile finisce domenicale cedendo infine alla primavera.
Nei viali e sui prati, una coppia di amiche rumene di mezza età con caviglie virili e varicose parlano fitte sbocconcellando panini e il vino dal cartone, rannicchiate sopra un plaid tartan sull’ocra con orli sfilacciati, le dita dei...
Leggi il seguito »

. . . non è prevedibile . . .

Pubblicato da
29 maggio 2012
 . . . non è prevedibile . . .

di Antonio Sparzani

«Prevedibile, non è prevedibile mai», così il Sismologo di Fama, il Direttore dell’Istituto deputato ad occuparsi di terremoti e dei movimenti interni del nostro pianeta in generale. Così sì che si sintetizza bene la scienza della sismologia, quella che si vorrebbe invece sentir dire «questa zona è sicura», «quest’altra meno».…


Leggi il seguito »

Ombra di bestia

Pubblicato da
23 maggio 2012
Ombra di bestia

di Giusi Drago

[Giusi Drago è nata a Trento e vive a Milano, dove lavora nell’editoria. Traduttrice dal tedesco, ha ricevuto il Premio italo-tedesco per la traduzione letteraria 2011. Le sue poesie sono apparse nell’antologia 7 poeti del premio Montale, Scheiwiller, 1995.…


Leggi il seguito »

Melissa e Nicola

Pubblicato da
21 maggio 2012

di Antonio Sparzani
Una ragazzina e un ragazzino. Adesso sono morti tutti e due.
Melissa lo sanno tutti chi era e che è morta dilaniata da un’esplosione davanti alla sua scuola di Brindisi, mentre vi si stava recando, da Mesagne, come tutte le mattine.…


Leggi il seguito »

Quando parliamo di ebook non dimentichiamoci gli scrittori

Pubblicato da
13 maggio 2012
Quando parliamo di ebook non dimentichiamoci gli scrittori

di Virginia Fiume

(d’accordo con Francesco Forlani, ritengo utile dare voce e riprendere qui un articolo pubblicato da Virginia Fiume sul suo blog, e poi rifiutatole da un quotidiano on-line. a.s.)

Si svolge in questi giorni il Salone del Libro,…


Leggi il seguito »

Azione Atzeni

Pubblicato da
2 maggio 2012
Azione Atzeni


di Francesco Forlani
«Correva da solo, fuori dal branco, ruvido e schietto, ancora capace di stupirsi, indignarsi, ridere. Perché era un uomo vero, in un ambiente in cui crescono a vista d’occhio individui virtuali. Perché era un uomo antico che anticipava il futuro.…


Leggi il seguito »