Articoli con tag ‘ immigrazione ’

Cari signori con i piedi neri

Pubblicato da
4 ottobre 2013

di Giacomo Sartori

Cari signori

con i vostri piedi neri e magri

che spuntano dalle cerate

(donate da noi

teniamo a precisare)

ci accusate di questo e di quello

ma è facile biasimare

bisogna che capiate

che la colpa non è nostra

sono i nostri colleghi

(voi non lo sapete

ma esiste una cosa

che si chiama

Unione Europea)

sono loro

che dovrebbero convincervi

a restare a casa vostra

o insomma intercettarvi

in...
Leggi il seguito »

video arte #23 – adrian paci

Pubblicato da
10 luglio 2013

Adrian Paci, Centro di permanenza temporanea, 2007.

Raccontare l’Italia postcoloniale: note sparse su identità e cultura nei documentari Aulò e La quarta via

Pubblicato da
14 dicembre 2012
Raccontare l’Italia postcoloniale: note sparse su identità e cultura nei documentari Aulò e La quarta via

di Daniele Comberiati

Nel documentario La quarta via. Mogadiscio Italia di Simone Brioni, Ermanno Guida e Graziano Chiscuzzu, contenuto nel libretto Somalitalia. Quattro vie per Mogadiscio a cura dello stesso Brioni e distribuito da Kimerafilm, viene intervistata la scrittrice Kaha Mohamed Aden, già autrice per Nottetempo del bel libro di racconti...
Leggi il seguito »

Al largo di Pontremoli. Divagazioni, tra cronaca scolastica e letteraria, circa l’urgenza di consegnare una lettera 45 anni dopo.

Pubblicato da
12 luglio 2012
Al largo di Pontremoli. Divagazioni, tra cronaca scolastica e letteraria, circa l’urgenza di consegnare una lettera 45 anni dopo.

di Ugo Fracassa

Ugo Fracassa ha partecipato di recente a un convegno ministeriale sulla «Lettera a una professoressa», in occasione dell’uscita del volume di Adele Corradi, collaboratrice di Don Milani, Non so se Don Lorenzo (Feltrinelli, 2012). Tuttavia non è facile tenere insieme i recenti...
Leggi il seguito »

Non fate come me

Pubblicato da
21 febbraio 2012

di Enrico Donaggio

Incrocio sotto casa corpi e volti appena scorti di là dal mare, al telegiornale. Pugni al cielo, sventagliate di mitra, grida di vittoria o paura tra bandiere che bruciano e piedi in fuga. Sono proprio loro: giacche di pelle come guappi anni Sessanta, tute da ginnastica degne di arresti domiciliari, qualcosa di sgualcito per sempre nel viso e nelle mani. Parlano e fumano attorno a un carrello della spesa zeppo di volantini pubblicitari, gli stessi che maledicono ogni giorno la buca delle lettere. Continua a leggere »

Le polveri

Pubblicato da
13 settembre 2011
Le polveri


di Helena Janeczek

Cosa ci fa una pubblicità in polacco nella metropolitana newyorchese? Non ho pazienza per decifrare il testo che accompagna la foto di un uomo con la faccia da operaio, però scorrendo sopra le teste dei viaggiatori, l’occhio trova un cartello in spagnolo e infine una donna di colore...
Leggi il seguito »

FABIO FRANZIN

Pubblicato da
11 agosto 2011

L’é stronzo co’là, e basta

Anca incùo, tre de agosto domìe e undese,
intànt che ‘e borse brusa mièri de miliardi
e tuta l’economia del mondo ‘a ghe sbrissa
via dae man sporche e sbusàdhe dei póitici,

anca incùo son qua sot el sol che vae ‘torno
fra capanóni vèrti e altri seràdhi opùra vòdhi,
son...
Leggi il seguito »

In fondo al barile del Caro Leader

Pubblicato da
24 maggio 2011
In fondo al barile del Caro Leader

di Marco Rovelli

(il manifesto, 24/5/2011)

“Milano non può, alla vigilia dell’Expo 2015, diventare una città islamica, una zingaropoli piena di campi rom e assediata dagli stranieri a cui la sinistra dà anche il diritto di voto”. Il Caro Leader – trovandosi d’un tratto di fronte alla catastrofe personale, frantumatosi lo specchio narcisista...
Leggi il seguito »

Abusare la terra, abusare gli umani

Pubblicato da
16 maggio 2011

di Marco Rovelli

(il manifesto, 15/5/2011)

E saniamole queste case abusive, dice il Caro Leader. L’abuso eretto a norma, morale prima che giuridica, pare ormai uno dei segni più marcati di questa età di Fine Impero. L’abuso è generalizzato, ci dice il Caro Leader strizzandoci l’occhiolino, siamo tutti complici di un’illegalità diffusa: ovviamente non quell’illegalità diffusa...
Leggi il seguito »

Stranieri in patria

Pubblicato da
10 maggio 2011
Stranieri in patria

di Helena Janeczek

Si trovano all’angolo della piazza, davanti alla filiale della Banca Popolare di Bergamo, già Credito Varesino, non appena smette di piovere. Restano lì a fare grappolo, perché le due panchine non basterebbero per ospitarli, ma soprattutto perché non sono come le sedie attorno al tavolo di un circolo, di quelli...
Leggi il seguito »

In lotta, ancora

Pubblicato da
5 maggio 2011

di Marco Rovelli

E’ un’altra battaglia, dopo la gru di Brescia e la...
Leggi il seguito »

Per Yusuf

Pubblicato da
20 aprile 2011


di Stefano Liberti e Andrea Segre

Pochi minuti fa ci ha chiamato Yusuf Aminu Baba. E’ un ragazzo nigeriano di 30 anni. Migrante. E’ il protagonista di A sud di Lampedusa, il documentario che abbiamo girato insieme 5 anni fa nel deserto del Niger.…
Leggi il seguito »

La guerra agli immigrati

Pubblicato da
6 aprile 2011

di Marco Rovelli

);">Alfabeta2: nelle ultime settimane, abbiamo assistito a un nuovo capitolo della guerra agli immigrati,...
Leggi il seguito »

1° marzo, sciopero degli stranieri

Pubblicato da
1 marzo 2011

A Roma “Siamo tutti libici, siamo tutti egiziani, siamo tutti tunisini”, corteo alle 16,30 da piazzale Aldo Moro, fino a piazzale Esquilino.
A Milano alle 18 in piazza Duca d’Aosta.
E in cento altre città.
Altre notizie qui.…


Leggi il seguito »

Caro Maroni, ecco che succede appaltando gli immigrati alle dittature

Pubblicato da
15 febbraio 2011

di Andrea Segre

Devo ringraziare il Ministro Maroni, perché nella sua indubitale intelligenza di uomo politico offre sempre l’occasione di smascherare l’ipocrisia delle politiche italiche sull’immigrazione.
Stanno arrivando centinaia di ragazzi tunisini sulle coste italiane.
E come li definisce Maroni? “Esodo biblico di fronte al quale l’Europa non può...
Leggi il seguito »

Cinesi in Italia: cittadinanza e illegalità

Pubblicato da
26 novembre 2010
Cinesi in Italia: cittadinanza e illegalità



di Andrea Pia (via Tommaso Facchin)

The Guardian del 17 novembre esce con un bell’articolo sull’immigrazione cinese a Prato. L’autore, John Hopper, descrive il suo ingresso nella Chinatown  cittadina passeggiando lungo via pistoiese: “Dopo la panetteria, al numero 29, L’Italia evapora”.…


Leggi il seguito »

OLTREilMARginE : 11-14 novembre 2010

Pubblicato da
4 novembre 2010
OLTREilMARginE : 11-14 novembre 2010

Festival di letteratura e migrazione

Brescia, Borgosatollo, Castenedolo
11-14 novembre 2010

http://www.5e6.it/oltreilmargine

a cura di Simone Brioni

Il Festival ‘OLTREilMARginE’ nasce con l’intento di presentare a Brescia, una delle città e provincie italiane con la più alta popolazione di immigrati, i principali protagonisti di quella che è stata chiamata...
Leggi il seguito »

Wanted, but not welcome

Pubblicato da
18 settembre 2010

Video proiettato alla III edizione dell’Immigration day all’interno del Milano Film Festival 2010


Leggi il seguito »

Lo scandalo delle nuove schiavitù: uno sguardo all’Italia, dalla Cina

Pubblicato da
31 agosto 2010
Lo scandalo delle nuove schiavitù: uno sguardo all’Italia, dalla Cina

di Ivan Franceschini, foto Veronica Badolin

A volte è il caso di ripetere anche ciò che è ovvio.

Zaher, 18 anni, afgano, clandestino: morto a Mestre nel 2008, schiacciato dalle ruote del camion nel cui cassone si era nascosto dopo essere sceso da una nave arrivata dalla...
Leggi il seguito »

A casa Brescia non risponde nessuno

Pubblicato da
7 luglio 2010
A casa Brescia non risponde nessuno

di Sarah Zuhra Lukanic

In quel pomeriggio piovoso e bigio, mi ero riparato sotto il portico che conduceva a casa di Alessandro Brescia. I miei abiti, neri e logori, preannunciavano la brutta notizia che stavo portando. In quel periodo mi faceva da scorta Luek, un ragazzo singalese.…


Leggi il seguito »

Il disastro del rame

Pubblicato da
30 giugno 2010

di Helena Janeczek

Una mattina di marzo sono incappata in un disastro dovuto all’estrazione delle materie prime. Non ero in una miniera delle Ande, ma su un treno che collega Milano a Varese, Domodossola, Ginevra, Torino. Eppure è a causa del rame che siamo arrivati con tre, quattro, persino cinque ore di ritardo.…


Leggi il seguito »