Articoli con tag ‘ mass media ’

Diario parigino 2. Colonia e il “fatto ultimativo”.

Pubblicato da
4
26 gennaio 2016

[Diario parigino 1]

di Andrea Inglese

Cose inutili da fare: scrivere su una notizia consumata.

 

La notizia l’ho letta in uno dei quei portali qualunquisti, su cui finisci quando ti colleghi ad internet. Potrei fare in modo di finire direttamente sul portale degli atei marxisti favorevoli alla letteratura sperimentale per il resto dei secoli, ma ho paura poi di non avere più anticorpi nei confronti del razzismo, del qualunquismo e della disinformazione ambientali. Continua a leggere »

Tanto baccano per una strage

Pubblicato da
26 novembre 2015

di Andrea Inglese

Perché tanto baccano per le stragi del 13 novembre a Parigi, che hanno fatto solo 130 morti? La domanda è legittima, se uno considera che la copertura mediatica di queste stragi è stata particolarmente intensa a livello mondiale.…


Leggi il seguito »

NoTAV e lo spazio comunicativo delle istituzioni

Pubblicato da
3 marzo 2012

Valsusa: dove e perché rompere la costruzione della mitologia negativa dei duri e delle frange estreme

da senzasoste.it

La resistenza è sempre possibile. Ma dobbiamo impegnarci nella resistenza sviluppando prima di tutto l’idea di una cultura tecnologica. Nonostante tutto, ai nostri giorni, quest’idea...
Leggi il seguito »

Progressismo e sottocultura

Pubblicato da
8 dicembre 2010
Progressismo e sottocultura

di Luca Lenzini

“Dove sono stati per tutto questo tempo i progressisti?” La domanda posta da Massimiliano Panarari a p.122 di L’egemonia sottoculturale. L’Italia da Gramsci al gossip (Einaudi) riguarda l’ultimo trentennio di storia patria, e merita attenzione.

Secondo l’autore, docente di “analisi del linguaggio politico” all’università, quel periodo ha visto il trionfale instaurarsi nel...
Leggi il seguito »

In tutta evidenza. Sakineh ci “riguarda” davvero?

Pubblicato da
9 settembre 2010
In tutta evidenza. Sakineh ci “riguarda” davvero?

di Marco Rovelli

Poche cose appaiono alla nostra coscienza più ripugnanti della pratica della lapidazione, con quella brutalità che istituzionalizza e legittima la violenza di una comunità verso un capro espiatorio, eletto in quanto debole e diverso, e lo fa con modalità che ci viene spontaneo chiamare “barbare”, ovvero totalmente, radicalmente “altre”, un’irruzione  di...
Leggi il seguito »

Le millecinquecento battute di Enrico Deaglio

Pubblicato da
24 luglio 2009

di Andrea Inglese

In millecinquecento battute ieri su Repubblica Enrico Deaglio ha esposto alcuni fatti nodali per la vita della nostra democrazia, di cui i media avrebbero dovuto occuparsi più di ogni altra cosa durante questi anni e che avrebbero dovuto essere ininterrottamente al centro del nostro dibattito politico.…


Leggi il seguito »