Articoli con tag ‘ memoria ’

IGIABA SCEGO Affile: una vergogna nazionale da “Roma negata” [ediesse 2014]

Pubblicato da
28 maggio 2014

I ritorni di memoria, come li ha chiamati efficacemente Silvana Palma, hanno avuto la loro apoteosi nefasta nella costruzione ad Affile del mausoleo dedicato a Rodolfo Graziani, uno dei peggiori criminali di guerra che il mondo conosca. Continua a leggere »

Le bleu du malheur

Pubblicato da
27 gennaio 2014
csmall


di Augusto Petruzzi

Surriscaldato da forze centrifughe, il ‘900 si torce al centro intorno ad una catastrofe, l’unica vera tragedia del nostro tempo.
Leggi il seguito »

Dieci anni senza “Manolo”

Pubblicato da
11 gennaio 2014
Dieci anni senza “Manolo”

Manuel Vázquez Montalbán e le maschere delle città

 

di Alberto Giorgio Cassani

 

«Buon pro le faccia». Così, in quello che è rimasto l’ultimo romanzo della serie Carvalho, Millennio 2. Pepe Carvalho, l’addioLeggi il seguito »

Memoria identità luogo

Pubblicato da
3 febbraio 2013
Memoria identità luogo

 (E’ da poco in libreria un voluminoso tomo – Memoria, identità, luogo, Maggioli editore, 930 pag. – dove architetti, storici, critici del restauro e dell’architettura, urbanisti e paesaggisti, storici dell’arte, restauratori, filosofi, critici letterari e dell’arte insieme a scrittori e poeti, un regista, un food designer, un archeologo, un geografo scrittore di...
Leggi il seguito »

Nostalgia canaglia

Pubblicato da
18 aprile 2012
Nostalgia canaglia

due parole sul futuro della memoria e sui Navigli meneghini

di Gianni Biondillo

In un romanzo rimasto incompiuto di Elio Vittorini, proprio nelle prime pagine, l’autore ci racconta delle due cerchie di terrapieni e mura meneghine che andavano abbattendosi già dagli anni Trenta del secolo scorso.…


Leggi il seguito »

VISIONI in TRALICE [VI] di perle e rospi

Pubblicato da
11 gennaio 2012

Adriaen Van Utrecht VANITAS
 
Adriaen Van Utrecht [ 1599 – 1652 ] Vanitas

    CLAUDIO MONTEVERDI   [ 1567 - 1643 ]   E’ questa vita un lampo
[mottetto a 5 voci] da Selva morale e spirituale [VENEZIA 1631 in tempo di peste]

È questa vita un lampo
ch’all’apparir dispare
in questo mortal campo
che se miro il passato è già morto,
il futuro ancor non nato
il presente sparito
non ben anco apparito. Continua a leggere »

Due poesie da “Quattro quaderni”

Pubblicato da
16 agosto 2011

di Giuliano Mesa

è come se andarsene non fosse che questo,
questo restare, e fare ancora un gesto
(è come se dirlo fosse soltanto vero,
e non più vero, ancora, del non dirlo)

e poi quello che manca mancherà
e ciò che è è ciò che ormai è stato
(e parlane, mio amore, dinne ancora,
fa...
Leggi il seguito »

Memorandum su Genova

Pubblicato da
20 luglio 2011

di Marco RovelliI.  …
Leggi il seguito »

150 anni di memorie divise – Dialogo del Centro TraMe con John Foot

Pubblicato da
15 marzo 2011

a cura del Centro TraMe

John Foot ha dedicato e dedica tuttora le sue ricerche al nostro paese e alla sua storia recente nei suoi vari aspetti: dallo sport (Calcio 1898-2007. Storia dello sport che ha fatto l’Italia) alla storia delle città italiane (Milano dopo il miracolo.…


Leggi il seguito »

PER RICORDARE PIERA OPPEZZO

Pubblicato da
9 febbraio 2010

di Luciano Martinengo

Nel 2009 sono scomparse a Milano due importanti voci della poesia: Alda Merini e Piera Oppezzo. Alda, simpatica, debordante e popolare; Piera, schiva, orgogliosa e dimenticata. E’ di Piera che voglio parlare, dell’amica che ho seguito negli ultimi due mesi di vita, fra le tribolazioni ospedaliere e lo spegnersi di ogni volontà...
Leggi il seguito »

Dell’ordine e del lasciarsi andare

Pubblicato da
10 giugno 2009
Dell’ordine e del lasciarsi andare

Una conversazione con Giuliana Bruno fatta in esclusiva per l’inclito pubblico di Nazione Indiana da Paola Bonini (che qui ringrazio assaissimo)

Lo spazio delle immagini in movimento e il movimento del corpo fra le immagini, l’architettura come territorio psichico e la psiche come architettura che preserva la memoria.…


Leggi il seguito »

Vivi a Berlino (Life in Berlin)

Pubblicato da
27 gennaio 2009

Quest’anno i miei morti voglio ricordarli così. Con un canto messianico yiddish intonato a Berlino dai Klezmatics di New York, i più grandi reinventori della musica klezmer. Il cantante dalla incredibile voce bianca, Lorin Sklamberg, è gay. Joshua Nelson che ha collaborato al disco “Brother Moses smote the Waters” improntato sui comuni tratti libertari...
Leggi il seguito »

Un mondo a parte

Pubblicato da
12 gennaio 2009
Un mondo a parte


di Helena Janeczek

Al cimitero di Orta Nova, in Puglia, c’è’ un piccolo mausoleo di marmo bianco simile a quelli dedicati al Milite Ignoto. Ma il ragazzo che vi è sepolto non è caduto in guerra. E’ morto nei tempi di pace che hanno generato l’Europa unita, è morto perché credeva che potessero...
Leggi il seguito »

L’ordine, i nomi. Il delirio.

Pubblicato da
20 dicembre 2008
L’ordine, i nomi. Il delirio.

di Marco Rovelli

Dimenticare, l’ardore più bello (André Breton-Philippe Soupault)

Ci sono ancora pile di diari conservati nei cassetti nascosti della casa dove sono cresciuto. In quei diari è racchiusa la mia adolescenza. E il suo delirio. Certo, ci sono riflessioni, pensieri, poesie – velleità di pensiero e di poesia, dovrei dire...
Leggi il seguito »

L’arte della dimenticanza

Pubblicato da
19 dicembre 2008
L’arte della dimenticanza

di Andrea Inglese

Io ho sempre voluto dimenticare. Il mio problema specifico è dimenticare. Ho sempre avuto molte cose da dimenticare, e questo mi ha tenuto parecchio occupato durante quarantun anni di vita. Purtroppo come tutti ho dei ricordi. Uno non sceglie di avere ricordi, perché i ricordi sono già sempre lì, nelle...
Leggi il seguito »

♫ dei poeti le voci [3]: MARIA VALENTE

Pubblicato da
16 dicembre 2008

 





[ img © ,\\' ]

  Maria Valente
DISCONNECT THE MACHINE O LA BUONA MORTE

 

  DISCONNECT THE MACHINE O LA BUONA MORTE  

 

La vita? la morte?… succede come i fiori e il loro vezzo
di decorare il tritacarne, renderlo confortevole- così
farcito di metastasi – rosa determinante o piuttosto
grigio accogliente che si spalanca e inghiotte tutto:
braccia e busto, gambe e busto, bastone e carota,
bastone e carota, bastone e carota

nessuna indicazione sul senso di marcia

se abbiamo conservato i nomi è stato per
abitudine, unicamente per abitudine, perché è b…

ma più spesso, preferisco confinarmi nella più
piccola delle mie idee: una formula magica, le
prime parole. il resto: l’ho già scordato come
il mio indirizzo – ammesso pure che qualcuno
mi abiti, perché dovrei farne parte?
Continua a leggere »

La vittima, la memoria, l’oblio

Pubblicato da
28 novembre 2008

di Christian Raimo

Nello spento dibattito politico italiano, ossia in quel palcoscenico sfasciato che può venir occupato per giorni da un dito medio di Bossi, da una caduta dal gommone di D’Alema o dagli apprezzamenti di Berlusconi per una schermidora olimpica, c’è forse un tema meno farsesco che ha carsicamente attraversato gli ultimi mesi,...
Leggi il seguito »

La fame di realtà e l’immaginazione romanzesca

Pubblicato da
10 novembre 2008
La fame di realtà e l’immaginazione romanzesca

di Massimo Rizzante

Questo pezzo è uscito quest’anno con molti altri in “Finzione e documento nel romanzo” a cura mia, di Walter Nardon e Stefano Zangrando, Università di Trento, Trento. Il libro raccoglie il frutto di un anno di studi e incontri organizzati dal SIR (Seminario Internazionale sul Romanzo).…


Leggi il seguito »

I “miracoli” di Spike Lee

Pubblicato da
18 ottobre 2008
I “miracoli” di Spike Lee


di Gaetano Liguori

Estate del ’44, i tedeschi e i fascisti (non dimentichiamolo) sono attestati sulla linea...
Leggi il seguito »

Le ragioni del ritorno

Pubblicato da
2 agosto 2008
Le ragioni del ritorno

Eraldo Affinati risponde a Massimo Rizzante

Massimo Rizzante
Comincerei da una delle tue ultime fatiche, Compagni segreti. Storie di viaggi, bombe e scrittori (Fandango, Roma 2006). Questo libro – anche se ha una parte letteraria dedicata agli scrittori che formano il tuo «museo immaginario» – assomiglia alle tue opere precedenti...
Leggi il seguito »

La fame

Pubblicato da
25 luglio 2008
La fame

di Nina Maroccolo

Rinnovamento della colpa: il nemico guerrafondaio.
Un continuo scoscendere per riproporre padri e madri divoratori. La temuta necessarietà di promulgare i massimi sistemi endocrini, endogeni ed egoici, nei quali il castigo ascende verso la tanto sospirata redenzione: a seguire i giorni del perdono.…


Leggi il seguito »