I ragazzi della Tecnocasa

9 aprile 2004
Pubblicato da

di Christian Raimo

tecnocasa.jpg Quei ragazzi che lavorano alla Tecnocasa
e che chiudono alle nove, anche nove e dieci,
che serrano la porta di un colore bianco
definito, uguale a tutte le altre porte
degli uffici in tutto il Centritalia,

quei ragazzi che si alzano alla sette
e si infilano uno dei tre completi blu
comprati appena dopo l’assunzione,
che fanno turni di dodici ore al giorno,
dieci e mezzo contando l’intervallo,
quei ragazzi che masticando sempiterni
chewing-gum alla fragola e alla menta,
mantenendo l’alito pulito, il capello pettinato,
devono scovare ogni giorno nuove case,
bussando e richiedendo
al vicino confidente del vicino diffidente,
quei ragazzi che illustrano le case,
i battiscopa, le caldaie, i bagni dopo la cucina,
la luce nelle stanze, i materiali dei solai,
che insistono dicendo di non farlo,
che guardano guardare venti o trenta volte
gli stessi sgabuzzini da ristrutturare,
quei ragazzi che ogni mese se va bene
si portano a casa quasi due milioni tondi,
che hanno il fine settimana per la vita personale,
per farsi una famiglia, un’idea sul terrorismo,
un corso di violino, una gita al nuovo Auchan,
quei ragazzi che con i soldi risparmiati
si stressano di meno, si migliorano la vita,
una macchina più grande, più scelta di cravatte,
un’autoradio più tascabile, la possibilità di entrare
in locali dove in tre passetti o quattro
accedere al piacere, rapidi e assassini,
cuccioli e puntuali, con quegli occhi abituati al sonno corto,
quei ragazzi con le madri che gli lavano i calzini,
con le donne che gli lasciano messaggi al cellulare,
con i padri che gli comprano la casa,
quei ragazzi hanno un numero comune:
7046002, Ufficio Tecnocasa per il Lazio.

Tag:

6 Responses to I ragazzi della Tecnocasa

  1. franc. bamai il 11 aprile 2004 alle 20:18

    Caro Raimo, ma questa epopea dei ragazzi Tecnocasa, che vista così come la racconti tu è di una tristezza gigantesca, non è, semplicemente, la vita?

  2. Lavinia il 13 aprile 2004 alle 08:51

    M’è piaciuta assai sta storiella
    E non credo che sia “semplicemente, la vita”, o almeno non è la mia. Di tanti altri si, ma che tristezza, no?

  3. fabio il 13 aprile 2004 alle 09:50

    oddio… un agente immobiliare che fa un corso di violino?

    comunque oso dire che c’è un filone letterario portato avanti dal duo lagioia-raimo: l’immobiliarismo.

    fabio.

  4. M. il 13 aprile 2004 alle 14:07

    Molto bella questa immagine, christian. Per fortuna non è la mia realtà, ma temo che sia così per molti. Non ti fa paura? a me si.
    P.S. Complimenti per la qualità dell’aria.

  5. franc. bamai il 13 aprile 2004 alle 17:10

    Appunto, Lavinia e M., non dico che sia la ‘mia’, di vita. Chi lo direbbe, chi si riconoscerebbe? Quello che mi fa un po’ effetto è questo sguardo spersonalizzante, che esce dai destini individuali e guarda alla professione, al ruolo sociale. Quanti ragazzi Tecnocasa, quante regazze Blockbuster, quante signore che infilano perline, quanti impiegatini asburgici, possono riconoscere se stessi nel mestiere che fanno? Ma il discroso mi sembra che debba valere anche per professionisti più prestigiosi, anche loro a farsi un’idea sul mondo e il terrorismo nei weekend. La vita non è altrove?

  6. Lavinia il 14 aprile 2004 alle 08:06

    Sì, la vita è altrove (a parte pochi casi fortunati). Proprio per questo misuro la buona qualità di un lavoro dalle ore giornaliere di impegno che richiede. I ragazzi Tecnocasa lavorano davvero tutto tutto il giorno, non è un’invenzione di questo racconto!



indiani