Vi racconto di Marano e dei due compari.

5 agosto 2004
Pubblicato da

Storia di camorra politica nell’Italia dimenticata.

di Roberto Saviano

salgado.jpg Trasite e’ pann’ ca chiove!

Marano è una città a Nord di Napoli. Una città di catrame e cemento, identica a mille altre, un luogo della periferia meridionale, nato a ridosso della grande città. Marano è una città ricca, densa di palazzi, ristoranti, alberghi per matrimoni. Agglomerati condominiali spuntati come funghi negli anni novanta troneggiano come corona alla periferia della periferia, condomini strozzati di cemento svettano ai lati di fastose ville a più piani con piscina in giardino, decine di mastini dietro i cancelli e le telecamere alla porta.

Marano però non è soltanto una innocua e brutta cittadella al nord di Napoli, non è solo ciò che sembrerebbe passeggiando per il suo centro, ovvero nulla più che un agglomerato di costruzioni che soffocano ogni strada. Marano è qualcos’altro. Qualcosa che ha reso questo luogo un polo di incredibile ricchezza, ma solo per pochissimi, solo per una sparuta parte di eletti. Solo per gli uomini del clan e per i suoi alleati. Ebbene, Marano è il feudo del clan Nuvoletta, una famiglia affiliata a COSA NOSTRA e da sempre vicina ai Corleonesi al punto da sedere a pieno titolo nella cupola mafiosa facendo della propria voce una delle più ascoltate e temute in tutto il sistema politico-economico-militare mafioso. Negli anni ’80 il clan Nuvoletta è retto da tre fratelli Lorenzo Nuvoletta, Ciro Nuvoletta ed Angelo Nuvoletta. Gestiscono il contrabbando di sigarette e riescono a divenire i più importanti trafficanti di eroina d’Europa utilizzando al meglio i rapporti con i narcos attraverso COSA NOSTRA ed evitando di farsi convolgere nella battaglia che stava avvenendo in Sicilia all’interno della Pizza Connection della triade Badalamenti (nella foto a destra in bianco e nero) – Buscetta – Bontade. badalamenti.jpgTano Badalamenti

Con la vittoria dei Corleonesi di Bontade e Riina (nella foto a sinistra) i Nuvoletta, che a loro erano legati, incrementano il proprio potere ed i propri affari. Il clan di Marano si trova alla fine degli anni ’80 al centro della più grande alleanza imprenditoriale e criminale che la storia italiana abbia conosciuto: la Nuova Famiglia, cartello di centinaia di clan campani che si organizzarono contro la Nuova Camorra Organizzata di Raffaele Cutolo. Uno scontro quello tra NF e NCO che soltanto sul piano militare generò oltre seimila morti, una cifra da guerra. riina.jpg

Una guerra che non ha mai avuto racconto e di cui s’è persa memoria. Con la progressiva sconfitta di Cutolo (nella foto a destra a colori) e con la perdita da parte di quest’ultimo dei legami con ministri, sindaci e con gli imprenditori più potenti, la NF inizia a subire frazionamenti interni. Dinanzi al potere raggiunto l’alleanza sembra essere soltanto un peso, ed il mercato torna ad essere libero da vincoli e patti. I Nuvoletta così, lentamente si defilano e lasciano scannare tra di loro i clan della Nuova Famiglia e i rimanenti uomini della Nuova Camorra Organizzata. Il loro obiettivo, assieme a tutta COSA NOSTRA è quello di indebolire entrambe le contrapposizioni imprenditorial-criminali per poi emergere con forza e con legami politici blindati al dine di poter egemonizzare tutti i mercati in Campania e quindi in Italia ed all’estero. cutolo.jpg

Di ciò però si resero conto gli altri clan dirigenti della Nuova Famiglia, in particolar modo Antonio Bardellino, (nella foto grande a sinistra in bianco e nero) capo indiscusso del clan dei Casalesi (ed affiliato alle famiglie perdenti di COSA NOSTRA) egemone in provincia di Caserta. Con un suo commando si recò nel 1984 nella tenuta dei Nuvoletta a Poggio Vallesana. Trascorsa la notte a casa di un parlamentare dell’Movimento Sociale Italiano, in buoni rapporti con il clan, Bardellino e compagni riuscirono ad entrare nell’inespugnabile feudo ed uccidere una delle menti della famiglia, Ciro Nuvoletta. BARDELLINO_ANTONIO.jpg

nuvoletta.jpg Da qui nacquero rivalità e faide interne che attireranno l’attenzione di un giovane e mal pagato cronista de Il Mattino, Giancarlo Siani, che verrà ucciso proprio per volontà di Angelo Nuvoletta (nella foto piccola a destra) per la sua attività di denuncia e per aver svelato in un articolo che il clan di Marano aveva usato la delazione ai carabinieri per sbarazzarsi senza guerre interne di un suo alleato scomodo, Valentino Gionta boss di Torre Annunziata.

La storia dei Nuvoletta è lunga e si potrebbero redigere intere pagine. Ma quanto scritto basti per aver sentore generale e generico del soggetto di questa narrazione e dei luoghi di ci parlo.

Ora, per far comprendere cos’è la tenuta dei Nuvoletta a Poggio Vallesana dovrei esclusivamente prender per mano il lettore ed accompagnarlo lungo la strada che costeggia i chilometri del muro di cinta gremito di telecamere e cancelli blindati. Ettari di terreno che ospitano aziende agricole, lussuose ville, depositi di auto, agrumeti, vigneti, mandorli, e poi orti eleganti, aghi artificiali, collinette di pioppi e pini. V’è persino un binario interno alla tenuta in uso ad un piccolo treno che collega i diversi appezzamenti. A Poggio Vallesana, alla periferia di Marano, vi abitano tutti i Nuvoletta, figli, nipoti, parenti acquisiti. E’ un vero feudo, un presidio dal sapore tardomedievale che raccoglie edifici moderni e masserie d’impianto ottocentesco, un paese nel paese, un presidio principesco, una difesa da testuggine alla propria incolumità ed al proprio potere. In molti punti, soprattutto nelle zone di campagna, è possibile accedere, seguendo il percorso dei trattori e dei braccianti agricoli. Un giovane ricercatore giapponese nel 1998 che stava facendo una tesi di dottorato sui Nuvoletta in Criminologia all’Università di Tokyo si ostinò per entrare nella tenuta per scattare delle foto. Si avvicinato alle abitazioni, ha fotografato auto e scalinate sino a quando non è stato beccato e terribilmente picchiato. Gli hanno rotto le due braccia ed una gamba. Gli è andata tutto sommato bene. A me è andata meglio, sono riuscito a percorrere gran parte della tenuta senza essere importunato ma quando mi hanno identificato i “guaglioni” di guardia ho preferito lasciar perdere e non azzardarmi a battere i sentieri troppo vicino agli edifici. Questo feudo non è mai stato sottratto dall’Antimafia alla famiglia Nuvoletta, soltanto qualche appezzamento lontano e marginale è stato sequestrato ma ovviamente continua ad essere a disposizione del clan non essendoci nessuno disposto a prendere in uso un terreno dei Nuvoletta.

A Marano, quindi, nel feudo del clan che egemonizza una parte di Napoli e provincia, che riempie di droga mezza Europa, che investe in palazzi e casinò i propri soldi, che impone ai supermarket ed alle salumerie i prodotti che pagano il clan come distributore privilegiato o più semplicemente hanno nella loro struttura azionaria capitali del clan, ebbene proprio in questo luogo è stato eletto nel 2001 un sindaco anticamorra Maurizio Bertini, di Rifondazione Comunista. Il miracolo è accaduto dopo anni di gestioni politiche decise dai Nuvoletta, dove sindaci ed assessori erano imposti dal clan ed il piano regolatore deciso a tavolino in riunioni nelle ville di Poggio Vallesana. Bertini, toscano di nascita e maranese per caso, riesce ad essere eletto per volontà di un nutrito gruppo di elettori che è stanco della presenza ossessiva ed oppressiva del clan Nuvoletta capace di fatturare capitali astronomici depredando il territorio, ma investendo ben lontano dal territorio devastato. Maurizio Bertini è stato l’unico sindaco che ha avuto coraggio e capacità d’opporsi a questo potentissimo sodalizio economico. rifondazione.jpg

Il comune di Marano è stato più volte sciolto per infiltrazioni camorristiche, nel 1991 durante un blitz fatto in una casa di un affiliato fu beccato un consigliere comunale di maggioranza, allora del sindaco Dc Credentino, che partecipava al summit, molto probabilmente per ricevere direttive dai boss. Dal 1991 al 1993 quindi il comune di Marano venne commissariato. Poi Bertini riuscì a vincere le elezioni come sindaco, ma subito un gioco di poltrone lo fece cadere, sino a quando nel 1996 nuovamente vinse le elezioni ma questa volta con una larga maggioranza e quindi con reali possibilità d’amministrare. Dal ’96 ad oggi Bertini imposta la sua politica in chiara battaglia contro il clan. Un attenzione spasmodica agli appalti, un allontanamento di personaggi e ditte vicine ai Nuvoletta, una terra bruciata fatta intorno agli affiliati, ed un attenzione continua che ha portato nell’autunno del 2004 all’arresto di molti dirigenti del clan Nuvoletta che negli ultimi anni avevano organizzato la propria struttura in un modo gerarchico e multilivello. In breve per evitare che un affiliato, anche di basso rango, dopo un pentimento riuscisse a descrivere e scompaginare l’intera organizzazione i Nuvoletta hanno da ormai dieci anni utilizzato una serie di clan satelliti per le attività più esposte. Clan minori che non entrano mai in contatto con la dirigenza, solo il loro referente ha rapporto con un singolo uomo dei Nuvoletta. Gli uomini satelliti quindi non sapranno mai chi prende le decisioni e chi sono gli affiliati e quali imprenditori e politici hanno rapporti con loro. Vengono utilizzai solo per circoscritte operazioni. Ogni livello, conosce solo il proprio gruppo e nessun’altro. In questo modo la magistratura può scoprire sempre e soltanto una parte dell’organizzazione ma mai l’intera struttura. Se questo meccanismo è stato compreso, lo si deve al sindaco Bertini capace di scavare una vera e propria trincea tra il clan e l’amministrazione della città. Questo sindaco comunista, diviene un reale problema per i mafiosi di Marano, un grave problema, poiché regola assoluta di ogni clan è che sul proprio territorio d’origine v’è necessità di libera circolazione, di totale capacità di riciclaggio e dominio incontrastato. E’ l’alveo iniziale, il punto originario da cui dipanare il proprio ptere ed in cui rifugiarsi nel pericolo ed in cui raccogliere danaro in momento di crisi. Bertini questo lo sa e sente che i Nuvoletta sono messi alle corde. Insiste, insiste, insiste. Isola, denuncia, organizza convegni, conferenze, cerca di rendere cristallina ogni azione della sua giunta comunale.

Accade però che due compari Emiddio Novi senatore di Forza Italia e Michele Florino parlamentare di Alleanza Nazionale decidono di utilizzare l’accusa di camorra per intralciare il lavoro di questo sindaco. Vanno in commissione antimafia e chiedono (ottenendolo) che il comune di Marano gestito da Mauro Bertini sia sciolto per infiltrazione camorristica. Questa è l’arma privilegiata di chi vuol combattere coloro che si impegnano nella battaglia anticamorra. Screditarlo, diffamarlo, sostenere dinanzi la cittadinanza che colui che si espone contro la camorra, ergendosi a difensore di certa idea di giustizia, poi in fondo non è moralmente limpido, non è fuori da certi meccanismi è lui stesso colluso. La sua battaglia quindi è solo una lotta parziale, contro una parte di potere, non è un piano oggettivo di lotta che coinvolge l’intera compagine dell’economia, della politica ma soltanto un partigiano punto di vantaggio. Insomma, insinuano che Bertini accusa una parte di camorra, ma in realtà è alleato ad un’altra parte. Il fine di queste accuse è voler dimostrare che nessuno può sottrarsi al potere della camorra, che non è cosa politicamente reale mantenersi lindo e distante dai clan. E’ un invito a certa sinistra a rendersi meno rigida perché: si è tutti uguali, tutti sotto lo stesso cielo. Bertini però si è sempre rifiutato di star sotto il cielo dei Nuvoletta.

Qualunque cosa, basta che non salga Bertini” è questa la frase perentoria che si può leggere negli atti dell’inchiesta del pm Borrelli, che Salvatore Nuvoletta in una telefonata dice ad un altro membro della famiglia mafiosa prima delle elezioni che porteranno alla vittoria proprio il candidato di Rifondazione Comunista, Maurizio Bertini. Eppure il senatore di Forza Italia, Emiddio Novi classe 1946 da anni attraverso interrogazioni parlamentari e interpellanze denuncia infiltrazioni e collusioni tra camorra e politica a Marano al ministro degli interni ed in sede di commissione antimafia. Allo stesso modo avevano accusato il comune di Portici attraverso il suo sindaco Leopoldo Spedaliere di infiltrazioni camorristiche. Guarda caso sia Bertini che Spedaliere sono entrambi sindaci di centrosinistra. Spedaliere dopo esser stato rimosso con l’infamante accusa di essere stato colluso con i clan è stato rimesso in carica dal Consiglio di Stato. La magistratura amministrativa ha reintegrato Spedaliere ridandogli la dignità perduta. L’accusa a Spedaliere è stata un buco nell’acqua per Novi e Michele Florino di An che ritentano con Marano. Emiddio Novi si è formato in gioventù all’interno di organizzazioni neofasciste napoletane e tutto il suo percorso politico in Forza Italia si contraddistingue per una particolare solerzia nello scovare presunti “comunisti” e nell’accusare di collusione con la camorra i suoi antagonisti politici. Una strategia questa che ha il prioritario risultato di gettare discredito e fango senza dover passare per l’accertamento dei fatti e l’analisi delle questioni. L’accusa di camorra insomma come battaglia politica al fine di strappare i voti e battere knockout il proprio avversario riuscendo così ad emanciparsi dalla dialettica democratica. Novi ex direttore del Giornale di Napoli conosce bene le dinamiche mediatiche e sa quindi che un titolo a piena pagina che incrimina di collusione con i clan conta molto di più di una veritiera valutazione e spesso nessuna sentenza può cancellarlo nella mente di certa parte di elettorato. Emiddio Novi laddove non può usare l’accusa di camorra utilizza quella di comunista. novi.jpg

Dopo la sconfitta elettorale Novi (nella foto a sinistra) inizia a denunciare la presenza di pericolosi “d’alemiani” anche in Mediaset: “Dopo questa campagna elettorale si apre una grande questione democratica sul ruolo del gruppo Mediaset ormai controllato da Giorgio Gori e dal Sig. Maurizio Costanzo, due uomini politicamente legati alla stabilizzazione d’alemiana” (Ansa 16.11.97). Persino il calcio Napoli secondo la sua attenzione è pervaso dalla piovra rossa: Ulivieri doveva trasformare il Napoli in una squadra rosso-azzurra per volontà del sindaco part-time Bassolino. Rispediamolo a Bologna, a contemplare il busto di Lenin che tiene in camera da letto» (Ansa 8.11.1998). A volte è capitato, dando il meglio di se, che Novi sia riuscito ad accusare di entrambe le cose, come nel caso del comune di Napoli dove secondo lui: «il sistema imprenditoriale comunista e post comunista» è legato da «rapporti incestuosi con le camorre dei Galasso e degli Alfieri» (Ansa 24.10.2000). Bisognerà che qualcuno spieghi a Novi che il cartello della Nuova Famiglia di Alfieri, Bardellino e Galasso era terminato molti anni prima della sua dichiarazione.

Nel caso di Marano, Novi sembra essere particolarmente acrimonioso. Per accusare la gestione Bertini, Novi ha sfruttato l’affermazione di un pentito, Massimo Tipaldi, il quale negli interrogatori del 3 aprile e del 7 maggio 1999 alla Dia di Napoli aveva rivelato che nelle elezioni del 1996 i clan Nuvoletta e Polverino, in cambio di alcune concessioni edilizie, avevano indirizzato i loro voti prima su Pasquale Cavallo dei Ds e poi su Bertini. Dopo quattro anni di indagini però il Gip Giovanna Ceppaluni ha concluso che: «L’elemento decisivo che esclude ogni possibile contiguità di Bertini con il clan Nuvoletta è desumibile dalle intercettazioni telefoniche del centro operativo Dia di Napoli dalle quali è dato evincere come il clan Nuvoletta abbia appoggiato alle elezioni del 13 e del 27 maggio 2001 il concorrente di Bertini, Giuseppe Spinosa» (La Voce della Campania, 2003). Giuseppe Spinosa infatti quando avrebbe usufruito dei voti della camorra era candidato del Ppi e militava nell’Ulivo, ma una volta perse le elezioni è immediatamente passato con Forza Italia e attualmente è capogruppo del partito di Silvio Berlusconi al Comune di Marano. Salvatore Nuvoletta in una telefonata intercettata dice : “ io spero salga Peppe Spinosa, io lo voto”. Le indagini della Dia ora vertono sui rapporti tra il clan Nuvoletta e Forza Italia, soprattutto dopo l’arresto di un altro consigliere comunale azzurro, Mauro Chianese, sorpreso in compagnia del boss latitante Raffaele Abbinante.

In realtà seguendo questa logica sembra che Novi abbia usato quindi l’accusa di camorra ed il suo potere di membro della commissione Antimafia al fine di confondere le idee su ciò che realmente sta accadendo a Marano e negli altri comuni accusati. Bisogna ricordare che proprio il candidato a sindaco del partito di Florino ovvero AN al comune di Marano, Gianfranco Scoppa è consuocero del boss Angelo Nuvoletta visto che il figlio Alessio ha sposato la figlia del mafioso. Novi e Florino sembrano ignorare tutti questi elementi ed anzi lasciano scivolare accuse a presunti parenti dei Nuvoletta presenti in giunta. Si tratta però solo di omonimia, come nel caso di Fortuna Nuvoletta, 39 anni, interprete e traduttrice, è in carica dal 29 aprile ed è una esponente della Margherita sorella di un giovane carabiniere ucciso nel 1985 dal clan dei casalesi per il suo impegno contro la camorra.

La medesima solerzia usata da Novi in commissione Antimafia per accusare le giunte di centrosinistra non è stata utilizzata a Calvi Risorta dove alle ultime elezioni comunale è stata oggettiva la pressione sull’elettorato del clan Papa di Sparanise, vicino Capua. Forse a causa della questione della centrale termoelettrica dove l’onorevole Emiddio Novi è ben addentro ha preferito tacere e lasciar passare i forti interessi camorristici sulla centrale e sulle elezioni. Anche a Mondragone Novi si riscoprì d’improvviso tollerante, minimizzò infatti la disavventura giudiziaria della consigliera comunale di Forza Italia di Mondragone Maria D’Agostino, condannata per i rapporti con il boss Gaetano Di Lorenzo: «Perché si deve infierire per un reato di 25 anni fa…» disse. Stesso comportamento di piena tolleranza e persa severità Novi l’ha tenuto con l’ex sindaco di San Tammaro, Raffaele Scala di Forza Italia, già presidente del consiglio provinciale di Caserta, accusato da un suo assessore di percepire tangenti per conto del camorrista Carlo Del Vecchio e condannato di recente a 8 anni di carcere. Novi ha sempre pubblicamente difeso Scala. Nel settembre del 2000 Novi in Commissione antimafia citò come «esempio di degrado istituzionale» l’annullamento della festa popolare del Monacone, organizzata dal clan Misso-Pirozzi, notoriamente vicino alla destra e polemizzò con il questore di Napoli.

L’unico risultato sino ad ora ottenuto dalla coppia Florino-Novi è stato quello di costringere le giunte accusate ad interrompere il proprio percorso amministrativo per un lungo periodo. Ma così come per Portici anche per Marano gli elementi raccolti sembrano smentire le accuse. Marano feudo dei Nuvoletta, cosca campana che siede da sempre nella cupola di COSA NOSTRA, uno dei maggiori sodalizi economico criminali d’Europa è stata aspramente messa in difficoltà da Bertini e gli arresti del Novembre 2003 che coinvolsero il gotha del clan e tutte le sue federazioni dimostrano l’operato cristallino della sua giunta capace di fare terra bruciata intorno al potente clan. Gli unici a non vedere ciò sono proprio Emiddio Novi e Michele Florino (nella foto a sinistra). florino.jpg

I Nuvoletta del resto hanno avuto famosi difensori, il capostipite don Lorenzo Nuvoletta fu difeso dall’avvocato Siniscalchi, poi parlamentare DS, (nella foto a destra) che attaccava la magistratura secondo lui qualunquista che metteva in carcere un vecchio settantenne malato di cancro solo perché chiamato Nuvoletta, non era altro che un bravo fruttivendolo (eggià era iscritto alla camera di commercio di Marano come venditore di frutta) strano però che un fruttivendolo abbia un patrimonio personale che nel 1990 ammontava a circa 400 miliardi di veccie lire. Parecchio buone dovevano essere le mele annurche che vendeva….siniscalchi.jpg

Per comprendere quanto valore abbiano i Nuvoletta come famiglia mafiosa basterà ricordare diversi episodi raccontati da Giovanni Brusca, l’assassino di Giovanni Falcone. Ebbene Brusca dichiara esplicitamente alla DIA di Palermo che era spesso pendolare con Marano e che proprio dai Nuvoletta lui ebbe pratica di come poter sciogliere un essere umano nell’acido (Brusca infatti sciolse nell’acido il dodicenne figlio del pentito Balduccio Di Maggio…). brusca_giovanni.jpg

Sempre Brusca (nella foto a destra), suffragato da altri pentiti, ricorda che quando fu intrapresa la stagione del terrorismo mafioso, prima di iniziare a etter bombe Riina e tutta la cupola siciliana chiese ai Nuvoletta il loro parere ed il loro aiuto. I Nuvoletta, sempre restii ad operazioni militari eclatanti e sempre attenti a non finire sotto i riflettori di tv e opinione pubblica non condivisero il progetto e non diedero il loro appoggio. I Nuvoletta eseguirono un omicidio che fu determinante per la salvezza dei conti in banca di COSA NOSTRA. Uccisero nel Marzo del 1983 (per mezzo dell’altro clan mafioso in Campania i Lubrano-Ligato di Pignataro Maggiore imparentati con i Nuvoletta) Franco Imposimato, coraggioso sindacalista di Maddaloni (Ce) per intimidire suo fratello il giudice Ferdinando Imposimato che a Roma stava indagando sui capitali finanziari di COSA NOSTRA e di certa N’drangheta . Imposimato fu scelto come bersaglio anche per la sua caparbia battaglia contro la depredazione abusiva delle cave di pietra.

Quando la camorra e la mafia decidono di non uccidere un loro nemico ciò significa che è possibile abbatterlo con mezzi più innocui che non attirino l’attenzione della stampa, delle tv e quindi l’ansia della magistratura più democratica. Questo è il caso di Bertini. I Nuvoletta non l’hanno ucciso ma hano utilizzato prima un pentito, poi certe amicizie per poter usare l’accusa di camorra al fine di far diminuire la legittimità della sua battaglia. Smanticamente del resto nessun Nuvoletta nessun affiliato, sente di essere camorrista o mafioso. Imprenditore certo, uomo d’onore e di fede.. Impresari e commercianti, menti politiche e mediatori, questi sono i reali ruoli degli uomini della mafia campana.

Pisanu e Ciampi hanno ovviamente firmato lo scioglimento del comune. E la giunta Bertini, uno dei pochi presidi sulla penisola contro lo strapotere della mafia sta crollando in totale silenzio e profondissima indifferenza. Ma ciò accade in una parte d’Italia che non esiste.

Quanto scritto è inedito tranne un suo piccolo lacerto riguardante Emiddio Novi pubblicato come corsivo su L’Unità-L’articolo il 28 Luglio 2004. La questione Bertini ovviamente non ha interessato con inchieste ed analisi nessun giornale nazionale. (r.s.)

Tag: , ,

5 Responses to Vi racconto di Marano e dei due compari.

  1. gianni biondillo il 5 agosto 2004 alle 22:29

    Massimo rispetto, Roberto, dal tuo maddalonese in pectore. Lo sai, il mio divano letto è sempre pronto quando ne avrai bisogno.

    G.

  2. marcodettori il 11 agosto 2004 alle 12:11

    grazie. la sensazione quando si leggono queste cose è di frustrazione e di impotenza. serve qualcuno che abbia il coraggio di continuare a parlarne. la stampa nazionale? un coro di petomani.

  3. JQ il 11 agosto 2004 alle 13:49

    Visit my site about Graal:

    http//:digilander.libero.it/vicit.leo

    1) Una bambina di Poggibonsi

    Voleva mangiare un gelato

    tenendo il braccio alzato

    Saltava saltava

    Ma non lo raggiungeva

    Gli colò in bocca

    Fu felice e gridò: c’è l’ho fata ce l’ho fata,

    quella bambina di Poggibonsi tenace e sciocca

    2) Un signore eremita

    Voleva temperare una matita

    Sfruttando un unghia incarnita

    Finì all’ospedale e gli amputarono il piede

    Ci rimase male quel bizzarro e parsimonioso eremita

    3) Un goliardo di Monleale

    Cercava di ruttare e scoreggiare all’unisono

    Senza farsi del male

    Ma stonò una nota e lo presero a pomodorate

    Quell’ambizioso goliardo di Monleale

    4) una lepre educata del Poggio

    che viveva fuori dal salmì

    voleva mangiare una carota del vicino

    allora gliela chiese

    e due ne ottenne senza attese

    ma si ritrovò con loro dentro al salmì

    la imprudente gentile lepre del Poggio

    5) un volpino di Volpara

    voleva accoppare un pollo

    senza rompergli il collo

    lo rapì e lo lasciò morir di fame

    ma non ne fu satollo

    quel cinico e sentimentale Volpino di Volpara

    6) un rospo di Guazzora

    desiderava tanto una donna baciare

    per farla diventare rospa

    trovò di notte una ciospa

    e disse: il nuoto mi dovrebbe bastare

    ad altri divertimenti tornò

    il lussurioso rospo di Guazzora

    7) il Marco di Tortona

    lasciava la bella per una buona

    poi spariva e tornava spettinato

    chi aveva lasciato?

    Lo sapremo alla prossima sorpresona

    Di quel misterofilo esteta di Marco di Tortona

    Un signore molto piccolo di Como

    Una volta salì in cima al duomo

    E quando fu in cima

    Era alto come prima

    Quel signore micropiccolo di Como

    Una volta un dottore di Ferrara

    Voleva levare le tonsille a una zanzara.

    L’insetto si rivoltò

    E il naso puncicò

    A quel tonsillifico dottore di Ferrara

    Due amici di Torino

    Due amici di Torino

    che abitavano in un camino,

    un bel giorno presero fuoco

    perché stava cucinando il cuoco.

    Quegli stracotti amici di Torino.

    Mio fratello golosone

    Mio fratello golosone

    mangiava ogni giorno tre torte e un cappone

    sì caprette, no polpette

    tutto sempre senza forchette

    mio fratello gran mangione.

    (Sara Biscaro e Giorgia Pregnolato)

    Un riccio di Parigi

    aveva un fratello di nome Gigi,

    nella città lui passeggiava

    e tutti quanti punzecchiava.

    Quel vagabondo riccio di Parigi.

    Uno scienziato un po’ turbato

    uscì a prendere il gelato

    ma il gelato si sciolse

    quando cadde lo raccolse.

    Quello strambo scienziato turbato.

    Mia sorella Celestina

    amava ballare da sera a mattina.

    Nella spiaggia di Tropea

    ballava come una dea .

    La giraspiagge Celestina

    C’era un signore di Treviso

    che abitava in un paradiso

    seduto su di un cartello

    cantava uno strano ritornello.

    Quel canterino signore di Treviso.

    C’era un inquilino triste e scontento:

    era per tutti un vero tormento

    ma gli dissero: “Bello strazio

    averti qui in questo spazio!

    Oh triste signor scontento”.

    C’era una signora che in terrazza

    allevava una mucca pazza

    e la gente che passava

    le chiedeva come stava

    quella mucca pazza in terrazza.

    C’era un inquilino triste e scontento

    era per tutti un vero tormento.

    Un giorno si prese una sassata

    e tornò a casa con una chiappa fasciata

    e di quel giorno ne fece un tormento.

    Un animale un po’ strano

    galoppò fino al Duomo di Milano

    incontrò una vecchietta

    che gli diede l’erbetta

    allo strano animale di Milano.

    C’era un cane da tartufo

    che era sempre stufo

    aveva le gambe snodate

    e mangiava spesso patate

    quel goloso cane da tartufo.

    Un tipo di Tortona
    voleva una manona,
    la scaldava in una serra
    piantata nella terra,
    quel tipo manogigante di Tortona.

    Un tipo di Tortona

    tomaco scarabocchiò,
    quello

    Limericks da G.M. Prati ( amico di Marco Candida uomo dello schermo)

    C’era un Marco da Tortona che giocava con l’arco

    L’arco era fatto di parole e sparava lontano

    Un giorno sparò un “ ohi vita mia” nel culo di un soprano

    Che gorgheggiò per un mese innamorata di qual paroliere di Marco

    C’era un pompiere a Bruggi

    Ma di boschi non ne trovava

    Allora un giorno bruciò di notte una casa

    Da allora fece il piromane

    Quel pirofilo di Bruggi

    C’era una mucca di Caldirola

    Che era stufa di farsi chiamare vacca

    E allora aggiunse al suo nome l’acca

    E la chiamarono Luanah

    Quella merdarola e vanitosa mucca

    C’era un blog di Poggio Decima fatto di vuoto

    Che risucchiava gli altri blog

    Sembrava gog e magog

    Un giorno fece ingestione

    E partorì un blob

    Quell’ ingordo di blog

    C’era un gelataio di Monza

    Che voleva vender gelati nella pista

    Ma poi dopo il terzo ricovero in ospedale

    si stufò e disse basta

    Quell’impaziente gelataio di Monza

    C’era un fauno di Casasco che oziava

    Felice con un fiasco, un giorno gli fecero le zampe

    In salmì e e lui gridò: ohi mimì ohi mimì

    Quell’incauto e accidioso fauno di Casasco

    C’era una volpe di Val nera

    Che mangiava polli solo di sera, una sera

    Il pollo mangiò prima di lei

    E lei non se la sentì di spezzargli il collo

    La sciocca e compassionevole volpe di Val nera

  4. claudio il 18 agosto 2004 alle 09:55

    Grazie a Saviano per questo articolo. A noi, qui al nord, certe cose sembrano lontane: ho pensato tra me e me che leggendo la notizia dello scioglimento del consiglio comunale di Bertini mi sarei ripassato il solito ritornello, “eccone un altro, tutti uguali alla fine, politicanti e mafiosi, sia a destra che a sinistra…”
    Grazie ancora, di cuore.

  5. diego il 31 agosto 2004 alle 12:13

    di cuore anch’io ti ringrazio,e spero che questo abbia anche un minimo valore per te.
    Ho appena finito di leggere il libro sui 25 anni di lotta alla mafia di Saverio Lodato; prima avevo letto “La Nebulosa” sul caso Moro e prima ancora “Piombo Rosso” di Galli. Perché cito quegli altri due? mmm, sento delle sovra-connessioni; vedo incroci sottili tra fatti apparentemente lontani; soffro la volontà di non “leggere” lo stato delle cose per come veramente è da parte di molti. Troppi.
    A tutto quello che dici sui Nuvoletta c’è riscontro nelle indagini sulla “cupola” in Sicilia e molto altro.
    Ho frequentato l’università a Napoli: ho l’mpressione di aver conosciuto Siani quando mi recai alla redazione del Mattino per chiedere informazioni per una tesi su politica dell’ambiente e fui accolto da un giovane magro e occhialuto che mi fornì delle indicazioni utili. Non sono certo che fosse lui ma sotto sotto sento di sì. Quando morì, se non sbaglio nell’85, leggendo su di lui mi passò dentro una sofferenza che ancora adesso mi prende ai polmoni e mi sfrangia la respirazione.
    Tutto questo per dirti, Roberto Saviano, che apprezzo molto quello che fai e che ci rendi un gran servizio raccontandoci le cose proprio come fai tu.

    ti abbraccio



indiani