Litania della poesia

4 dicembre 2004
Pubblicato da

main_52.gif
di dj Raos & Inglese MC

C’è poeta e poeta (poesia
e poesia) come prozia
e prozia (pota e priorìa)
poema e prossema, poetare
e pietire. E c’è critica e critica
di vaglia e di voglia,
militante ed aitante, c’è cosa
e cosa, (scusa e posa), e il rhum
e la rima, la strofa e la scrofa.


E dopo c’è:

il poeta gran mercante
(il poeta coribante)

il poeta masaccio
(o lirismo, o testaccio)

il poeta usocapione
(sonetto e minestrone)

il poeta saccentino
(il poeta bel cretino)

il poeta col cazzo
(da stupore ad andazzo)

il poeta malandrino
(il poeta assai carino)

il poeta a casa mia
(‘rcodìo, radio maria…)

il poeta poco sano
(il poeta partigiano)

il poeta massacrato
(il poeta appena nato)

il poeta intimidito
(il poeta molto ardito)

il poeta introvertito
(il poeta pervertito)

il poeta postremo
(il poeta polifemo)

il poeta marabù
(il poeta tutto blu)

il poeta stroncato
(massacrato, cagato)

il poeta birba birba
(il poeta con la barba)

il critico balzano
(il critico padano)

il critico vistoso
(recensore costoso)

il critico sicario
(bravo solo luzimario)

il critico barzocco
(siciliano, bustocco)

il critico bilioso
(il critico noioso)

il critico pacioso
(vorrei, ma non oso)

il critico fetuso
(se non paghi, hai chiuso)

il critico minore
(coscienzioso mal d’amore)

il critico frizzante
(il critico sbrambante)

il poeta retrocesso
(il poeta fatto fesso)

il poema imbarazzato
(il poema straincazzato)

il poema comunista
(fortini, apripista)

il poema pitocco
(il poema barocco)

il poema baccalaureato
(assai remunerato)

poesia, omeopatia
(chiudi il gas e vieni via)

Tag: ,



indiani