Amore sfatto

4 aprile 2005
Pubblicato da

di Davide Racca

lenzuola.jpg

LE LENZUOLA SONO BIANCHE

Le macchie si rapprendono nelle lenzuola
e diventano croste che l’uno ha lasciato
nel sonno dell’altro. Lavarle, schiarirle,
asciugarle (le lenzuola sono bianche)
e poi darsi altre notti per farne di nuove.

Averne ancora per altri tempi e dimenticare
di essere vicini per macchiarle della stessa
sostanza che le aveva sporcate. E poi pentirsi
di averlo rifatto e lavarle via ancora dalle lenzuola
che non hanno dimenticato di dimenticare.

ORA IL CUORE

Ora il cuore stringe, preso tra i denti.
Poi allenta la morsa e il tempo lo dilata
e lo fa piano tra i battiti di un riposo.

E sempre qui è il suo attimo.

La mascella che si ritrae aprendo la spina
in rosa, si richiude e la rosa ritorna spina.

È un muscolo ed è un pazzo.

LABIRINTO

Il tempo è cresciuto nel vuoto
lievitato come pasta di pane
e di quel mantello che ci avvolgeva
è rimasto un filo sottile.

Guardando una tua foto, tu rivolta
all’obiettivo, è come se mi osservassi
da un punto fermo al di là del tempo
a questo momento, per colmare
i passi lunghi di memoria.

C’è voluto molto per fare del labirinto
un passaggio diretto, un unico brivido.

Sciogliere le trame dall’ordito
è stato, più che scucire,
una demolizione.

________________________

Immagine, Lucio Gallo Sotto le lenzuola“, olio su gesso, 1999.

7 Responses to Amore sfatto

  1. Anna Romano il 5 aprile 2005 alle 17:36

    Che bei versi……

  2. Paolo da Celano il 5 aprile 2005 alle 17:56

    Che palle sti versi di Racca. Questo tipo di poesia e morta e stramorta. Leggiti Ferrari, Riccardi, Arminio, cazzo…e impara..basta con la poesia dell’arcadia. Sputa, vomita, arrabbiati. E’ possibile ancora scrivere la parola ordito credendo di fare il poeta?

  3. Sandro Veronesi il 5 aprile 2005 alle 17:57

    A me sono piaciuti molto. E’ un è poeta di spessore. Con talento. Crescerà!

  4. Anna Romano il 5 aprile 2005 alle 18:01

    Paolo non capisci nulla. A me i versi di Racca sono entrati nell’anima. E’ uno dei migliori poeti che ho visto pubblicato su questo blog! Continua vecchio Davide!

  5. elogiodelleccedenza il 11 aprile 2005 alle 09:41

    Oh Madonna Santa!!!

  6. rosanna il 16 aprile 2005 alle 17:47

    Conosce parole strane,la tua anima, Davide, parole che nessuna bocca saprebbe pronunciare, parole che attendevo e che ha saputo dirmi.



indiani