I sepolti

La_Chiusa.jpg
Di Sergio La Chiusa

da “nel museo delle belle arti”

I

non è cosa umana il messia di grünewald è un relitto
che stilla una melassa scura, un succo di more che ingrassa
la schiatta delle pulci – procediamo per le sale del museo

benché fuori non s’oda il nostro passo il sasso scagliato
nello stagno l’intaglio del bulino che inchioda l’ala al legno
(i corpi li gettano a mucchi nelle buche a pochi chilometri da qui)

II

in corridoio studi di ladroni dimenticati sulle croci, dettagli
rimasti fuori quadro – è nostro compito riscrivere la storia:
che s’imprima negli occhi del passante anche la gamba

saltata sulla mina, la casa squarciata, snudata in pieno
inverno, a cielo aperto: non vedi la lingua di carta da parati
al quarto piano la ciabatta intatta il calco del piede ancora caldo?

VII

di corridoio in corridoio ci ha condotti il sonno in un cortile
cieco, dove l’unico privilegio è non avere scelta; come
i carcerati di van gogh che camminano eternamente in cerchio

senza uno spicchio di cielo a sviare l’occhio – ha chiuso
il custode, ma ha avuto buon cuore di lasciare accese le luci:
che le falene vedano gli specchi contro cui sbattono le ali

da “l’occhio della gazza”

La caduta dei ciechi

chi l’avrebbe detto che quell’inciampo
quella caduta del primo della fila
sarebbe stata per tutti una rovina:
abbiamo sentito l’abisso a uno a uno squarciarsi
sotto i piedi la spalla amica cedere sotto la mano
e il cielo e la chiesa e la campagna fermi nel silenzio
prima e dopo il precipizio
non badano a quella frana di corpi disarticolati
come noi neppure immaginiamo l’orrore d’uova
sgusciate che ci hanno ficcato al posto degli occhi

– non dovevamo fidarci di quella guida
cieca come noi solo più sicura, presuntuosa –

Sergio La Chiusa è nato nel 1968 a Cerda (PA) e vive a Milano. Sue poesie sono apparse in alcuni volumi collettivi e sulle riviste “Specchio”, “Il Segnale”, “La Clessidra”, “Capoverso”. Ha pubblicato “I sepolti” (LietoColle, 2005, con postfazione di Biagio Cepollaro). Di prossima pubblicazione “Il superfluo” (e-book, Biagio Cepollaro E-dizioni).

andrea inglese

Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ha pubblicato uno studio di teoria del romanzo L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo (2003) e la raccolta di saggi La confusione è ancella della menzogna per l’editore digitale Quintadicopertina (2012). Ha scritto saggi di teoria e critica letteraria, due libri di prose per La Camera Verde (Prati / Pelouses, 2007 e Quando Kubrick inventò la fantascienza, 2011) e sette libri di poesia, l’ultimo dei quali, Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, è apparso in edizione italiana (Italic Pequod, 2013), francese (NOUS, 2013) e inglese (Patrician Press, 2017). Nel 2016, ha pubblicato per Ponte alle Grazie il suo primo romanzo, Parigi è un desiderio (Premio Bridge 2017). Nella collana “Autoriale”, curata da Biagio Cepollaro, è uscita Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016 (Dot.Com Press, 2017). Ha curato l’antologia del poeta francese Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008 (Metauro, 2009). È uno dei membri fondatori del blog letterario Nazione Indiana. È nel comitato di redazione di alfabeta2. È il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini. 

  4 comments for “I sepolti

  1. carta
    22 aprile 2005 at 12:12

    è un libro a pagamento?

  2. atrac
    22 aprile 2005 at 14:02

    10.000.000 euro in panetti di coca plastificati.

  3. 23 aprile 2005 at 20:31

    La Chiusa è bravo, altro che palle.

  4. elogiodelleccedenza M.Z.
    27 aprile 2005 at 09:36

    Direi molto bravo.

Comments are closed.