Uomo libero

2 novembre 2005
Pubblicato da

Una delle prime presentazioni critiche sull’opera di Giorgio Caproni è stata fatta da Pier Paolo Pasolini che lo definisce “uno degli uomini più liberi del nostro tempo letterario”. Pier Paolo Pasolini è stato il promotore forse della migliore Poesia che sia stata fatta nel Novecento in Italia: da Giorgio Caproni a Sandro Penna, a Amelia Rosselli… per citarne alcuni. Ci sono moltissimi modi per parlare bene (o male!) di Pasolini. forse uno potrebbe essere questo, di ripubblicare dei versi a lui dedicati dal poeta livornese in occasione della sua morte.

Davide Racca

da Res Amissa

Dopo aver rifiutato un pubblico commento sulla morte di Pier Paolo Pasolini

Caro Pier Paolo.
Il bene che ci volevamo
– lo sai – era puro.
E puro è il mio dolore.
Non voglio, per farmi bello,
fregiarmi della tua morte
come d’un fiore all’occhiello.

Pasolini

Quanto celeste, quanto
bianco, quanto
verdeazzurro vedo
nel tuo nome uno e trino.

*

Ti mando questa bella
– gialla – cartolina
da Vega, ch’è la stella,
dicono, più vicina.



indiani