A Gamba Tesa/ Piero Cademartori

Altan per Rivista SUD

Lavoro, dolore e carne appesa

– hanno di che derubricare il sonno, deliberare il monno, che è il nostro sonno, il nostro monno, di rubricare il sogno, varcare il monno, sturare il giorno, virare il sonno

– hanno di che maliarci l’occhi, maliare carne, maliare il cuore, l’occhi, il sangue, mangiarci l’occhi

– hanno di che ‘mmalare sogni, ‘mmalare carne, l’occhi, sanare sonni, sveltire i gesti, i passi, sgranare d’occhi

– hanno di che disancorare carni, vestire segni, gestire l’occhi, di che giostrare l’anni, lenire pegni, hanno di suscitare sonni, gestire pegni, hanno l’impegni, i semprepregni

– hanno di che metterci ‘n giostra, venirci apposta, i giustapposti, sopra li sogni, l’orrendi sonni, in carne avara, appesa, scarna, in carne cava, amara, avara, d’orrendi monni

– hanno del bene ch’arpiona il sonno, del vasto scempio, del vasto monno, hanno quel sale che brucia carne, che svelle i sogni, che ammorba sonni, hanno bei loculi e tabernari, hanno gli zuccheri postribolari, hanno il già tutto, il verbo, il pane, hanno dei segni tentacolari

francesco forlani

Vive a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman e Il reportage, ha pubblicato diversi libri, in francese e in italiano. Traduttore dal francese, ma anche poeta, cabarettista e performer, è stato autore e interprete di spettacoli teatrali come Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, con cui sono uscite le due antologie Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Corrispondente e reporter, ora è direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Con Andrea Inglese, Giuseppe Schillaci e Giacomo Sartori, ha fondato Le Cartel, il cui manifesto è stato pubblicato su La Revue Littéraire (Léo Scheer, novembre 2016). Conduttore radiofonico insieme a Marco Fedele del programma Cocina Clandestina, su radio GRP, come autore si definisce prepostumo. Opere pubblicate Métromorphoses, Ed. Nicolas Philippe, Parigi 2002 (diritti disponibili per l’Italia) Autoreverse, L’Ancora del Mediterraneo, Napoli 2008 (due edizioni) Blu di Prussia, Edizioni La Camera Verde, Roma Chiunque cerca chiunque, pubblicato in proprio, 2011 Il peso del Ciao, L’Arcolaio, Forlì 2012 Parigi, senza passare dal via, Laterza, Roma-Bari 2013 (due edizioni) Note per un libretto delle assenze, Edizioni Quintadicopertina La classe, Edizioni Quintadicopertina Rosso maniero, Edizioni Quintadicopertina, 2014 Il manifesto del comunista dandy, Edizioni Miraggi, Torino 2015 (riedizione) Peli, nella collana diretta dal filosofo Lucio Saviani per Fefé Editore, Roma 2017 

  2 comments for “A Gamba Tesa/ Piero Cademartori

  1. antonio sparzani
    7 febbraio 2006 at 22:38

    ottimo, Cipputi, in una vignetta mezzo Capitale.
    antonello

    Assieme alle mie pietre,
    nutrite con il pianto
    dietro le sbarre,

    mi strascinarono
    al centro del mercato,
    là dove
    si dispiega la bandiera
    cui io non prestai giuramento … …
    [Paul Celan]

  2. francesco forlani
    8 febbraio 2006 at 08:33

    non la conoscevo questa di Celan. Dentro c’è l’altra metà, del capitale.
    effeffe

Comments are closed.