“Qui. Appunti dal presente” n° 13

20 marzo 2006
Pubblicato da

È uscito il numero 13 di “Qui – appunti dal presente”, una rivista nata nel 1999 per, come dice il nome, prendere “appunti” sul presente attraverso vari genere di scrittura: dalla pagina di diario al saggio, dalla poesia alla lettera ecc. Con occhi critici. A essa collaborano “intellettuali”, persone attive nel volontariato e… persone e basta, da più parti del mondo: dal febbraio 2005, infatti, ne esce anche un’edizione in inglese. Il titolo del numero appena uscito è “la vita normale”.

Presenta, fra altri testi, la storia di una famiglia cristiana in Palestina; pagine di diario di una giovane irachena che, nell’anniversario dell’11 settembre, ricorda da Baghdad l’attentato alle Torri gemelle; riflessioni da Parigi sulle rivolte nelle banlieues; pagine di diario di un intellettuale ebreo americano critico verso Israele e la sua politica; e altre, come dice il titolo del numero, di “vita normale”: quella vita che la grande Storia, tanto spesso, schiaccia.

La rivista esce ogni quattro mesi e viene distribuita su carta solo su richiesta, ma è possibile leggerla anche su Internet al
www.quiappuntidalpresente.it.

Chi desidera riceverla su carta (che è anche un modo per aiutarla: non gode di nessun finanziamento che non siano i contributi dei lettori) può acquistare un singolo numero (10 euro) o sottoscrivere un abbonamento a tre numeri (25 euro) tramite: carta di credito (comunicandone tipo, numero e scadenza via telefono o fax allo 02-57406574), vaglia postale o assegno non trasferibile (a “Qui – appunti dal presente, via Bastia 11, 20139 Milano), o bonifico bancario (conto corrente 25101, intestato a “Qui – appunti dal presente”, presso la Banca Popolare di Milano, ag. 24, via Ripamonti 114, Milano, Abi 05584, Cab 01624). Per informazioni: massimo@quiappuntidalpresente.it

2 Responses to “Qui. Appunti dal presente” n° 13

  1. tashtego il 20 marzo 2006 alle 13:46

    @ingles
    Perché scrivi “intellettuali” tra virgolette?

  2. andrea inglese il 20 marzo 2006 alle 13:51

    chiedilo direttamente a Parizzi; il brano è suo



indiani