Bacheca di giugno 2006

1 giugno 2006
Pubblicato da

Se vuoi, puoi usare i commenti qui sotto come spazio per segnalazioni e discussioni a tema libero durante il mese.

12 Responses to Bacheca di giugno 2006

  1. stefano il 8 giugno 2006 alle 20:25

    L’associazione culturale I DRUIDI presenta

    L’ORA D’ARIA ’06

    il 15, 16 e 17 giugno presso le ex carceri di Loreo (RO).

    Info: http://www.druidi.org

  2. Novara Street Festival il 9 giugno 2006 alle 11:32

    Dal 10 al 18 giugno è di scena la Quinta Edizione

    Al via sabato il Novara Street Festival,
    viaggio nella musica e viaggio della musica

    Oltre cento concerti: la musica protagonista in strada con i più diversi generi,
    suonati da artisti provenienti da tutto il mondo (Cile, Turchia, Olanda, Stati Uniti…)
    Oleggio, Orta San Giulio, Arona, Novara,
    un itinerario in quattro tappe alla scoperta della provincia piemontese

    Completa il programma, martedì 13 a Orta,
    l’incontro dedicato a Arte di Strada e Istituzioni

    Parte sabato 10 giugno da Oleggio, la 5° edizione del Novara Street Festival che quest’anno allarga il suo palcoscenico coinvolgendo i comuni di Oleggio, Orta San Giulio, Arona per rientrare venerdì 16 giugno a Novara, arricchito di pubblico e musica.

    Il Novara Street Festival è ormai un classico tra le manifestazioni di strada in Italia: quest’anno amplia i confini e, forte del successo ottenuto sino a ora, raggiunge il Lago d’Orta e il Lago Maggiore, confermando la formula della musica in strada. Un viaggio nella musica con artisti di ogni genere e provenienza (Germania, Russia, Gran Bretagna, Francia, Cile, Belgio, Spagna, Danimarca, Stati Uniti, Polonia, Ungheria, Svizzera, Turchia e ovviamente Italia), un viaggio che è un percorso in quattro tappe tra i laghi e le colline della provincia di Novara.

    Ad animare il Festival sono la musica, gli artisti, con decine e decine di concerti in esecuzione contemporanea, tutto rigorosamente in strada e tutto offerto al pubblico. Il carattere non competitivo della manifestazione e la possibilità di ascoltare tanti generi diversi contemporaneamente si è rivelata la formula migliore e un’occasione irrinunciabile d’incontro sia per i musicisti, sia per tutti gli appassionati.

    La musica entrerà nelle case, arriverà fino dentro ai vicoli, tra le vie e le piazze diventando un tutt’uno con il pubblico, parte fondamentale del successo della manifestazione novarese. Si realizzerà così il più singolare tra i Festival di strada che, nella sua nuova configurazione, può definirsi unico in Europa: la prima manifestazione di musica in strada che coinvolge quattro comuni in nove giorni di musica senza interruzione….

  3. Sportello Arianna il 10 giugno 2006 alle 17:23

    Arianna: il primo sportello giovane che aiuta i giovani.
    Sei giovane, abiti a Torino e hai difficoltà ad interfacciarti con il complicato mondo della pubblica amministrazione? Lo sportello Arianna può aiutarti trovando per te notizie su bandi, borse di studio, finanziamento di progetti di volontariato, associazionismo, supporto all’imprenditorialità, adesione ad albi, servizio civile volontario nazionale, stage di studio, stage formativi, crediti formativi, agevolazioni e altro. Arianna saprà indirizzarti negli appositi uffici per poter soddisfare le tue richieste, e ti assisterà gratuitamente in tutte le fasi delle pratiche sottoposte. Contattaci: http://www.sportelloarianna.it -info@sportelloarianna.it o allo 011/8138718 (segreteria 011/8138711). Altrimenti prendi un appuntamento e vieni a trovarci, dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14 alle 18. Abbiamo sede presso il Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Torino “VSSP” in Via Giolitti 21/B Torino

  4. stefano castelli il 11 giugno 2006 alle 16:59

    segnalo mio blog letterario http://stefanocastelli.blog.kataweb.it
    con nuovi post su:
    -christine angot
    -i marcido
    -battiato
    -blob berlusconiano
    -l’omicio berlusconi nella letteratura italiana
    -ratzinger
    -“platinette e i mondiali”

  5. casa editrice I sognatori il 16 giugno 2006 alle 11:03

    Segnaliamo l’uscita del primo romanzo edito dalla casa editrice I sognatori (www.casadeisognatori.com), intitolato “L’orologio di cenere”, scritto da Aldo Moscatelli. L’opera in questione sta ottenendo ottime critiche da parte di tutti coloro che, coraggiosamente, hanno deciso di investire una manciata di euro in un’opera meritoria e accattivante, figlia dell’hard boiled di Chandler e Latimer. Per saperne di più, visitate il sito sovraindicato, e il blog http://lestanzedellarte.ilcannocchiale.it/
    alla voce LETTERATURA.

  6. michele il 20 giugno 2006 alle 11:54

    Ho scritto un romanzo molti anni fà. Lavoravo come autore, poi mi sono stancato di lavorare come autore e ho cambiato lavoro. Per dieci anni silenzio, avevo altro da fare. Ora qui lascio un sito dove il mio romanzo dorme imbernato. E’ un posto dove non conosco i meccanismi, ma la cosa mi diverte. Un romanzo con pubblicità, che sò un ferramenta che a fronte di una pagina lascia un vieni in via… vernici e chiodi.. La cosa è divertente e un poco dissacrante, era quello che ci voleva. Giorni fà mi telofona “l’editore” mi dice -hai visto Michè, il tuo romanzo… cento venti hits, senti- fa l’editore -siccome è lunghetto (300 p.) e siccome non se pò che a ogni pagina ci mettiamo uno sponsor, sto romanzo diventa de seicento pagine, stiamo trovando due tre che si vogliono accollà la spesa.- Io trovo assolutamente esilerante la cosa, quello che ho scritto ormai quindici anni fà, sponsorizzato,,,, un ferramenta, un negozio di giocattoli, una macelleria. Magari in duemila copie.(si spera) Ecco, poi sono in compagnia di altri “autori” miei colleghi. Altri aspiranti artisti che cercano sponsorizazioni, assolutamente fantastico. Comunque per chi vuole divertirsi può andare ad www. edizionifabula.it nel reparto Laboratorio, (un nome un programma) il mio romanzetto -Esistenza pigra e lenta. -Troverete lì anche la prefazione di un finto autore, un probabile autore che racconta il “perchè” di quel romanzo. Forse si sarebbe dovuto chiamare, Finzioni. Buona giornata. AH, una ultima cosa, il romanzo è di una noia sconcertante, per chi lo legge o lo sfoglia, lo consideri un mio regalo per chi ha difficolta ad addormentarsi. Michele

  7. Lucio Angelini il 22 giugno 2006 alle 09:11

    Segnalo l’articolo “COPPIE DELLO STESSO SESSO”, collage di riflessioni del giurista FRANCESCO BILLOTTA, nel blog:
    http://www.lucioangelini.splinder.com
    (22 giugno 2006)

  8. francesco il 22 giugno 2006 alle 23:43

    Per tutti gli amici pugliesi (e non) di NI.
    Dalla prossima settimana in libreria (Edizioni Palomar) una bella inchiesta del giornalista Marco Brando (Corriere del Mezzogiorno). Titolo: “Sud-Est: vagabondaggi estivi di un settentrionale in Puglia.
    Ecco la scheda.
    IL LIBRO: SUD EST nasce da un’inchiesta giornalistica condotta sulle pagine del «Corriere del Mezzogiorno», dorso di cronaca pugliese distribuito col «Corriere della Sera», nel corso delle estati 2004 e 2005.
    Lo scopo è quello di descrivere e raccontare – con spirito critico e una buona dose di ironia – luoghi più o meno turistici, personaggi di ieri e di oggi, fenomeni di costume, radici storiche, pregi e difetti della Puglia (estiva e non solo) e dei pugliesi.
    Sono due gli itinerari principali: un primo percorso lungo gli oltre 800 chilometri di costa; il secondo «dentro» la Puglia, attraversata da sud a nord senza mai toccare il mare. Completano il testo due «fuori rotta»: una notte su un peschereccio in compagnia dei pescatori di Molfetta; un viaggio attraverso gli scenari incantevoli percorsi dalle Ferrovie Sud-Est.
    Un viaggio intenso, divertente, ricco di riferimenti alla storia e al costume, raccontato da chi non nasconde di subire il fascino di questa regione così bella e complessa. Tanto che il suo racconto si conclude con un augurio: «Arrivederci, Puglia. Abbi cura di te».

    Rocco

  9. Fabio Del Toro il 25 giugno 2006 alle 16:22

    COMUNICATO STAMPA

    La mazzata di Madonna al Circolo culturale “Sing Sing”

    Una azione congiunta di tutte le maggiori case discografiche assieme a questi artisti:

    Madonna Ciccone, Billie Joe Armstrong (dei Green Day), Bruce Springsteen, Eric Clapton, Lou Reed e il Vevet Underground, Darius C. Rucker (cantante di Hootie and the Blowfish), Ray Manzarek (ex tastierista dei The Doors) e Alanis Morissette.

    Il circolo Sing Sing è una moderna mediateca che si propone ormai da più di 12 anni di consentire l’accesso ad un grande patrimonio di opere musicali e multimediali ai suoi iscritti della Toscana.

    Dopo essere passati indenni, sotto la lente di ingrandimento della giustizia penale e tributaria, ci troviamo coinvolti in una causa civile intentata da undici artisti di fama internazionale e da sette case discografiche che ci hanno accusato di recar loro ingenti danni economici.

    Dopo il primo grado di giudizio che li ha visti ottenere una prima vittoria grazie all’ UNICA testimonianza di un loro avvocato che si è prestato a compiere un’investigazione strumentale ad ottenere le informazioni necessarie ad intentare la causa, la controparte ha deciso di chiedere il pagamento dei danni che ammontano alla stratosferica cifra di oltre un milione di euro.

    Senza neppure attendere la conclusione del processo, i nostri dodicimila iscritti si sono visti portar via l’intero patrimonio culturale comune impedendoci così anche la minima attività associativa garantita costituzionalmente.

    La macchina del caffè così come sedie, postazioni d’ascolto, stampanti, computer, sono stati pignorati per essere messi all’asta, senza riguardo per i dati personali di tutti i soci e dipendenti del circolo contenuti nelle nostre attrezzature.

    A fine Giugno verrà discussa la vendita all’asta di un patrimonio per gran parte costituito da opere non più reperibili sul mercato in nome di un risarcimento danni che deve trovare ancora due conferme nei prossimi gradi di giudizio.

    Stiamo cercando un canale di approfondimento che ci permetta di far conoscere la nostra posizione su questi temi e magari poter, grazie a dei contatti che ci sono sempre stati negati, aver un confronto diretto con le parti in causa.

    Siamo disposti a fornire tutte le informazioni necessarie a far chiarezza a chiunque sia interessato a seguire questa vicenda in cui le dimensioni delle due parti sono talmente sproporzionate da farci chiedere se questa causa ha realmente una motivazione economica o sia piuttosto l’ennesima forma di imposizione di un certo tipo di mercato teso a considerare la cultura un affare privato dove l’interesse di pochi non lascia spazio alla libera crescita di tuttti.

    Maggiori info presso:
    http://www.singsing.org

    http://www.culturale.it

    http://www.culturamusicale.it

    Circolo di cultura musicale e arti multimediali Sing Sing

    Via F. Filzi 12 52100 AREZZO 0575901818

    Viale Mazzini 17 53100 SIENA 0577222932 FAX 0577249182

    fabio@singsing.org

    Fabio Del Toro

    presidente del circolo Sing Sing

  10. Roberto Taioli il 29 giugno 2006 alle 20:22

    Martedì 8 agosto 2006 ore 21
    Champoluc (Aosta)- Palazzetto dello Sport
    per la reaasegna “Ayas cultura 2006)

    presentazione della plaquette

    ROBERTO TAIOLI
    NATURA NATURANS
    Edizioni Ulivo, Balerna, Svizzera, 2006

  11. fuoridallerotte il 2 luglio 2006 alle 16:24

    nuova casa editrice che un po’ per “fare la conoscenza” un po’ per il gusto esplorare fuori dalle rotte – e dove sennò – propone un piccolo devertissement estivo: LibriGialli. Nel senso di quelli ingialliti dal tempo.

    Incipit, brani, Autori magari un po’ fuori moda, se non dimenticati.

    non diteci che tra i vostri non c’è un librogiallo…

    segnalazioni e commenti a librigialli@fuoridallerotte.it, volentieri verranno pubblicati

    FdR

  12. Lucio Angelini il 6 luglio 2006 alle 07:54

    Esce oggi su http://www.carmillaonline.com l’ultima puntata de
    “IL FANTASMA DI ANDERSEN”, parzialmente ripresa qui:

    http://www.lucioangelini.splinder.com
    Ringrazio di cuore Giuseppe Genna e Valerio Evangelisti per l’ospitalità concessami e abbraccio quanti hanno hanno avuto la pazienza di fermarsi ad ascoltare i ricordi del mio specialissimo amico…:- )



indiani