Alcuni Effetti dell’Emigrazione

18 gennaio 2007
Pubblicato da

di Philip K. Dick / Mattia Paganelli

Spaesamento; traduzione (mia) da Philip K. Dick, “A Scanner Darkly”, capitolo 8:

CAPITOLO OTTO

Sulla sua via per Bobo Arcore casa, dove un mazzo di teste poteva usualmente essere trovato per un morbido girato su tempo, Carlo Frico lavorava fuori un numero per mettere il vecchio Barri su, per pagarlo indietro per l’offesa senza senso al ristorante dell’Albero Violino quel giorno. Nella sua testa, come lui abilmente evitava le trappole radar che la polizia teneva ovunque (i furgoni dei radar della polizia normalmente prendevano la maschera di vecchi scassati furgoni Volkswagen, dipinti di un marrone noioso, guidati da strani barbuti; quando lui vedeva un tale furgone lui rallentava), lui corse un numero di fantasia anticipata del suo metti-su.

Frico: (casualmente) io ho comprato una pianta di metadrina oggi.
Barri: (con un’espressione catarrosa sulla sua faccia) Metadrina è un fagiolino come la velocità; è irritabile, è cristallo, è anfetamina, è fatta sinteticamente in un labo. Così non è organica, come il vaso. Non c’è una cosa così come un pianta di metadrina come c’è una pianta di vaso.
Frico: (smollando la linea di pugno in lui) Io intendo io ereditai quarantamila da un vecchio zio e comprai una pianta nascosta nel garage di questo tipo dove lui fa metadrina. Io intendo, lui c’ha avuto una fabbrica lì dove lui manufa’ la metadrina. Pianta nel senso di …
Lui non poté averlo frasato esattamente giusto come guidava, perché parte della sua mente stava sui veicoli attorno lui e le luci; ma lui sapeva quando ebbe alla casa di Bobo lo avrebbe disteso su Barri super buono. E, specialmente se un mazzo di gente era lì, Barri sarebbe salito al morso sarebbe visibile a ciascuno piatto-fuori come un chiaro ed evidente buco di culo. E quello avrebbe super buono pagato lui indietro, perché Barri peggio di nessun’altro poteva stare di essere fatto divertente.
Quando tirò su di fronte trovò Barri fuori dalle porte lavorando alla macchina di Bobo Arcore. Il cappuccio era su, e entrambi Barri e Arcore stavano assieme con una pila di attrezzi da macchina.
“Oh uomo”, Frico disse, sbattendo sua porta e camminando sopra tutto. “Barri”, disse giusto fuori in una via fresca, mettendo sua mano su spalla di Barri per attrarre attenzione.
“Dopo”, Barri ringhiò. Lui aveva i suoi abiti da riparo su; grasso e come quello copriva il tessuto già sporco.

Frico disse “comprai un pianta di metadrina oggi” .
Con uno sguardo impaziente, Barri disse “come grande?”
“Cosa tu intendi?”
“Quanto grande pianta?”
“Bene…”, Frico disse, immaginando come andare avanti.
“Come quanto h’pagato per quella?” disse Arcore, anche grassoso dalla riparazione della macchina. Loro avevano il carb fuori, filtro d’aria, canne e tutto.
Frico disse “circa dieci cerbiatti”
“Gianni poteva averla per te meno cara”, Arcore disse, riesumando I suoi lavori. ” non poteva Gianni?”
“Loro praticamente danno i piante di metadrina via”, disse Barri.
“Questo è un completo garage scopante!” protestò Frico. “Una fabbrica! Gira fuori un milione di pastiglie al giorno – la macchina rotola pillole e tutto. Tutto!”
“Tutto quello costa dieci dollari?” disse Barri, ridendo largamente.
“Dove è locata?” Arcore disse.
“Non qui attorno”, Disse Frico a disagio. “Eh, scopatelo, voi ragazzi”
Pausando il suo lavoro – Barri faceva molto pausare nel suo lavoro, sia che nessuno gli stesse parlando o meno – Barri disse, “Tu sai, Frico, se cadi o spari troppa meta tu comincia a parlare come Paperino”
“Così?” Frico disse.
“Allora nessuno ti può capire,” disse Barri.
Arcore disse “Cos’ha’detto, Barri? Io non potevo capirti”.
La sua faccia ballando con allegria, Barri fece la sua voce suonare come Paperino. Frico e Arcore digrignarono e ne goderono. Barri andò avanti, gesticolando finalmente a il carburatore.
“Cosa riguardo il carburatore?” Arcore disse, non sorridendo adesso.
Barri, nella sua voce normale, ma ancora ridendo largamente, disse, “tu c’hai avuto una sbarra di soffocamento piegata. L’intero carb dovrebbe essere ricostruito. Altrimenti il soffocamento è andando a chiudere su te mentre tu stai guidando lungo la strada libera e poi tu vorrai trovare che il tuo motore è allagato e morto e qualche buco di culo vorrà fine-dietrare te. E possibilmente in aggiunta quel gas crudo lavando giù per i muri dei cilindri -se va su lungo abbasatnza- vorrà lavare la lubrificazione via, così i tuoi cilindri vorranno essere totalizzati e danneggiati permanentemente. A allora tu avrai bisogno loro annoiati di nuovo.
“Perchè l’asta di soffocamento è piegata?” Arcore chiese.
Spallando, Barri riesumò prendendo a parte il carb, lui non aveva risposto. Lui lasciò quello su a Arcore e a Carlo Frico, che non seppe niente riguardo ai motori, specialmente riparazioni complesse come questa.
Venendo fuori di casa, Luomofortunato, vestendo una camicia rumorosa e jeans stretti alto stile, portando un libro e vestendo ombre, disse, “io telefonai e loro sono controllando per vedere cosa un carburatore ricostruito vorrà metterti indietro per questa macchina. Loro vorranno telefonare in un po’, così io ho lasciato la porta di fronte aperta.”
Barri disse, “tu potresti mettere su il tuo quadribarile invece di questi due mentre sei a questo. Ma tu dovr’avere da mettere su un nuovo molteplice. Noi potremmo prenderne su uno usato non per molto.
“Si impigrirebbe troppo in alto”, disse Luomofortunato, “con come un quadribarile Roccestre – è quello che intendi? E non vorrebbe scorrere propiamente. Vorrebbe scorrere su.”
“I getti pigri potrebbero essere rimpiazzati da getti più piccoli” Barri disse, “Quello vorrebbe compensare. E con un conta lui potrebbe guardare i suoi girpermin così non sovra voltava. Lui vorrebbe sapere dal conta quando non è scorrendo su. Usualmente solo indietrando via sul pedale del gas lo causa di scorrere su se il collegamento automatico alla trasmissione non lo fa. Io so dove noi possiamo avere un conta, pure. Infatti ne ho uno”
“Si,” Luomofortunato disse, “bene, se lui pestava giù pesante sulla marcia passante per avere molta torsione improvvisamente in un’emergenza sulla strada libera, quello vorrebbe scorrere giù e rivolgere su così alto che quello vorr’ soffiare la testa guarnizione o peggio, molto peggio. Soffiare su l’intero motore.”
Barri, pazientemente, disse “lui vorr’ vedere l’ago del conta saltare e lui vorr’indietro giusto spento.”
“Mentre passando?” Disse Luomofortunato “mezza via passato uno scopando gran metà? Merda, lui vorr’avere da tenere barilare su, alto rivolgimento o no; lui vorr’avere da soffiare su il motore piuttosto che indietreggiare spento, perchè se lui indietreggiava spento lui non vorr’arrivare mai attorno a quello che lui stava cercando di passare.”
“Inerzia” Barri disse. “In una macchina cosî pesante, l’inerzia vorrebbe portarlo su lungo anche se lui indietreggiasse fuori.”
“Cosa riguardo in salita?” disse Luomofortunato, “Inerzia non ti porta molto lontano in salita quando tu sei passando”
A Arcore, Barri disse, “Cosa fa questa macchina … ” Si piegò per vedere di che marca fosse. “Questa….” le sua labbra si mossero , “Vecchie”
“Pesa circa un mille pesi” Arcore disse. Carlo Frico lo vide strizzare l’occhio verso Luomofortunato.
“Tu sei giusto, allora”, Barri concordò. “Non c’era molta massa di inerzia a quel peso leggero. O voleva lì?” Lui palpò per una penna e qualcosa per scrivere su. “Un mille pesi viaggiando a ottanta miglia per ora costruisce una forza uguale a –”
“Quell’è un mille pesi” Arcore mise dentro, “con i passeggeri in quello e con un serbatoio pieno di benzina e un gran cartone di mattoni nel bagagliaio”
“Come quanti passeggeri?” Luomofortunato chiese mortapadella.
“Dodici”
“È quello sei in dietro, “Luomofortunato disse, “e sei in –“
“No” Arcore disse, “ quell’è undici in dietro e il guidatore sedendo da solo di fronte. Così tu vedi, ci vorrà essere più peso sulle ruote posteriori per più trazione. Così non vorrà codadipesciare”
Barri sguardò su allertatamente “Questa macchina codadipescia?”
“A meno che tu non hai undici persone correndo di dietro,” Arcore disse.
“Essere meglio, allora, di caricare il bagagliaio con sacchi di sabbia”, Barri disse.
“Tre due-cento-pesi sacchi di sabbia. Allora i passeggeri potevano essere distribuiti più ugualmente e loro volevano essere più confortevoli.”
“Cosa riguardo una sei-cento-pesi scatola di oro nel baule?” Luomofortunato gli chiese. “Invece di tre due-cento-“
“Vorrai tu sdraiare giù?” Barri disse. “ Io son provando di calcolare la forza inerziale di questa macchina viaggiando a ottanta miglia un’ora”
“Esso non vorrà essere ottanta”, Arcore disse. “Ess’ha un cilindro morto. Io intendevo dirtelo. Esso tirò una sbarra l’ultima notte, sulla mia via casa da il Sette—Undici”
“Allora perchè noi tiriamo il carb?” Barri domandò. “Dobbiamo tirare l’intera testa per quello. Infatti molto più. In fatti tu puoi avere un blocco crepato. Bene, quello è perchè non vuol cominciare”
“Non vuol cominciare la tua macchina?” Frico chiese Bobo Arcore.
“Esso non vuole cominciare,” Luomofortunato disse, “Perchè noi tirammo il carb fuori”.
Confuso, Barri disse, “Perchè abbiam tirato il carb? Io dimentico”.
“Per avere tutte la molle e le piccole piccoline parti rimpiazzate”, Arcore disse. “Così non vorrà scopare su di nuovo e vicinamente ucciderci. Il meccanico di Stazione Unione ci ha avvisati di così”
“Se voi bastardi non volevate rappity-rap su,’ Barri disse, “Come tanti strani di velocità, io potevo completare la mie computazioni e dirvi come questa particolare macchina con il suo peso voleva maneggiare con un quadribarile Rorciastro carb, modificato naturalmente con più piccoli getti pigri.” Lui era genuinamente infiammato adesso. “Così CHIUDETE SU!”
Luomofortunato aprì il libro che era portando. Lui sbuffò su, allora, a molto più largo del solito; il suo grande corpo superiore gonfiato, e così fecero i suoi bicipiti, “Barri, io sono andando a leggerti” Lui cominciò a leggere da il libro, in una via particolarmente fluente. “ ‘ Colui a cui esso è dato di vedere Cristo più reale di ogni altra realtà…”
“Cosa?” Barri disse.
Luomofortunato continuò leggere. “… più di ogni altra realtà ne il Mondo, Cristo ovunque presente e ovunque crescendo più grande, Cristo la finale determinazione e principio plasmatico de lo Universo-‘”
“Cosa è quello?” Arcore disse.
“ Chardin. Teilhard de Chardin.”
“Azz, Luomofortunato,” Acore disse.
“’ … quell uomo infatti vive in una zona dove nessuna moltiplicità può stressarlo e che è nondimeno il più attivo laboratorio di riempimento unversale’” Luomofortunato chiuse il libro.
Con un alto livello di apprensione, Carlo Frico mosse tra Barri e Luomofortunato. “Rinfrescatelo,voi ragazzi”.
“Hai fuori de la via, Frico” Luomofortunato disse, portando indietro il suo braccio destro, basso, per un vasto spazzante mietitore a Barri. “Vieni su. Barri, io sono andando a freddogallarti dentro domani, per parlando ai tuoi migliori come quello”.
Con un belato di selvaggio, domandante terrore, Barri cadde la sua penna di feltro e blocco di carta e corse a piccoli passi via irregolamente verso la frontale porta aperta di la casa, gridando indietro come correva “Io sento il telefono riguardo il carb ricostruito”.
Loro lo guardarono andare.
“Io era solo scherzando lo, Luomofortunato disse, sfregando il suo labbro piu’ basso.”
“Cosa se lui ha sua arma e silenziatore?” Frico disse, suo nervosismo fuori scale interamente. Lui mosse a gradi ne la direzione di sua propria macchina per cadere rapidamente dietro essa se Barri riappariva fuocando.
“Vieni su” Arcore disse a Luomofortunato; loro caddero di nuovo insieme ne il loro lavoro a macchina, mentre Frico indugiava apprensivamente vicino suo proprio veicolo, speculando perchè aveva deciso di passare qui su oggi. Esso non aveva qualità morbida oggi, qui, nessuna del tutto, come usualmente ebbe. Lui ebbe sentito the cattive vibraz sotto lo scherzare giusto da la partenza. Cos’è il scopamadre sbagliato? Lui speculava, e ebbe indietro oscuramente dentro sua propria macchina, per cominciarlo su.

Sono le cose andando a avere pesanti e cattive anche qui, lui speculò, come loro fecero a casa di Gerardo Fabiano durante le ultime settimane con lui? Esso usava di essere office qui, lui pensò, ogni uno calciando indietro e girando su, incanalando roccia acida, particolarmente i sassi. Femmina sedendo lì ne la sua giacca di pelle, riempiendo tappi, Luomofortunato rotolando giunti e dicendo riguardo il seminario lui pianificava di dare a UCLA in fumando droga e rotolando giunti, e come qualche giorno lui ‘rrebbe improvvisamente rotolare il giunto perfetto e esso volev’ essere piazzato sotto vetro e elio indietro a Sala Costituzione, come parte di Storia Americana con quegli altri oggetti di importanza simile. Quando io guardo dietro, lui pensò, anche a quando Gianni Barri e io eravamo sedendo a lo di Violino, l’altro giorno… esso era meglio anche allora. Gerardo cominciò esso, lui pensò; quell’è cos’è venendo giù qui, quello qui che portò fuori Gerardo. Come possono giorni e eventi e momenti così buoni diventare così rapidamente brutti, e per nessuna ragione, per nessuna ragione reale? Solo – cambio. Con niente causandolo.
“Io sono dividendo”. Lui disse a Luomofortunato a Arcore, che erano guardando lui avogere su.
“No, sta, eh, uomo,” Luomofortunato disse con un sorriso tiepido. “Noi bisognamo te. Tu se’un fratello”
“Na, io sono tagliando fuori”
Da la casa Barri apparì cautamente. Lui portava un martello. “Esso era il numero sbagliato,” lui gridò, avanzando con grande cautela, fermando e osservando come una cosa-gambero in un film guida-dentro.
“Per cos’è il martello?” Luomofortunato disse.
Arcore disse, “per fissare il motore”.
“Pensai io volevo portarlo con me,” Barri spiegò come ritornò leggermente a la Vecchie, “da quando ero entroporte e lo notai.”
“Il tipo di persona più pericolosa,” Arcore disse, “è una che ha paura della sua propria ombra”. Quello era l’ultimo che Frico sentì come guidava via; lui soppesava sopra cosa Arcore intendeva, se intendeva lui Carlo Frico. Lui sentì vergogna. Ma merda, lui pensò, perché appicicare intorno quando è un tale cattivo super culatore? Dove è il pollo in quello? Non partecipare mai in nessune scene cattive, lui ricordò se stesso; quello era suo motto ne la vita. Così guidò via adesso, senza guardando dietro. Lascia loro cancellare l’un l’altro, lui pensò. Chi ha bisogno loro? Ma lui sentì male, realmente male, di lasciare loro e di avere testimoniato lo oscurando cambio, e lui immaginò ancora perché, e cosa signficò, ma poi accadde a lui che può essere cose volevano andare la altra via ancora e avere meglio, e quello rallegrò lui su. In fatto, esso causò lui di rotolare un corto numero di fantasia in sua testa come guidava lungo evitando invisibili macchine polizia.

Tag: ,

5 Responses to Alcuni Effetti dell’Emigrazione

  1. Humbert Goombert il 18 gennaio 2007 alle 17:03

    Hem… sicuro che la traduzione è fatta bene? Cioè: tutto così sconclusionato? Ho letto trenta righe, sembrava Burgess senza la geniale follia metodica di Burgess. Ho abbandonato. Ci riprovo domani…

  2. *_* il 18 gennaio 2007 alle 20:18

    ehm…mi associo a Humbert Goombert..non è che sia proprio cristallino…

  3. gina il 18 gennaio 2007 alle 21:55

    TUTTI QUANTI SEDUTI LI’ COME PRIMA

  4. gherardo bortolotti il 18 gennaio 2007 alle 22:50

    grande mattia! amo da matti i calchi e alla fine mi vien voglia di dire che le traduzioni andrebbero fatte tutte così: letteralmente letteralmente (soprattutto di quel testo favoloso che è scanner darkly, in cui la trama per metà la fa la grammatica).
    l’unica cosa: avrei tradotto bobo arctore (ma non me la prendo ;-)

  5. mattia paganelli il 19 gennaio 2007 alle 20:23

    quando anni fa cominciai a lavorare negli stati uniti, nell’inevitabile ristorante italo-americano, in cucina c’era un cartello viola e arancione (obbligatorio per avere la licenza) titolato “CHOCKING VICTIMS” (vittime del soffocamento). Illustrava come intervenire in caso qualcuno soffocasse per un boccone di traverso. Io, complice il cibo particolarmente cattivo del ristorante, lo confondevo con “COOKING VICTIMS”!
    Non me lo sono mai piu’ tolto di dosso: una lingua dice cose diverse agli stranieri.



indiani