Da: Partenope

27 gennaio 2007
Pubblicato da

partenopei.jpg

di Antonella Pizzo 

I

alla prima piaga ci prostrammo
in ginocchio
un po’ distanti per non toccare

 

soglia d’assalto ripulsa in estasi
la santa è spiga vuota  avena sfatta
oasi invertita sulle strade
confusa e sui raccordi sovrapposta
a peli e ciglia sporche consumate
di vene cinta
interseca le  braccia
si nutre a ghiande
che ai porci tanto piacciono

vedi di questo parlano le gambe
raccontano varici e di radici lì dove il blu
sembrava fosse stato
unico colore
nel cielo ora d’amianto

negli occhi larghi
ci abitavano le stelle, la luna al naso
le pendeva ai lobi strisce di galassie
insiemi lattescenti

ai seni pieni gocce di colostro
che del bambino la bocca satollava
s’allarga gola lingua lecca lecca
soddisfazioni  mugolii piaceri

se nel concepimento lei fu data e diede
se lei fu presa, ridiede e diede
le anche e i fianchi e i glutei smosse
mari e tempeste e baci di lascivia

ora si stende in questo letto sacco
sacro di plastic fiumane di rifiuti
mali leziosi decantano sul petto
la notte cani le fanno sinfonia
in questo strano mistero di distacco
senza pupille l’orologio muto
rende grazie  per il nostro pacchetto
colmo di bordi di pizza margherita.

 

II

quando arrivammo
s’era già aperta la seconda piaga
putrida puzzolente
nostra signora dei dementi
delle pustole e delle cancrene
della pelle squamata e rossa
nascosta sotto una maglia a scacchi
dacci la direzione perché

è come una croce questa galleria
i chiodi sono i negozi
l’estremo capo profuma di babà:
baroccano le scatole
di ceramiche e d’argenti
calzascarpe d’avorio e tartarughe
ci ammiccano agli occhi.
Stasera sono pettinata alla sciantosa
in gonna a fiori e zatteroni
velo alla grande e barco a navigare
in un sogno di mari a specchio
smeriglio vetro, sanguino lenta.

la meraviglia mi cava un dente
lo faccio d’oro
lo infilo nell’apposita feritoia
non entra e lo forzo e lo sforzo
è masso che mi risuona nel cristallino dirotto
poi mi viene una mestizia quieta
di liquirizia e menta
di buccia di limone

la meraviglia mi toglie una mola
amore e morte
vocale e consonante
nel seno la madre, nel caos a caso
l’imperdibile occasione
d’andare a Pausillipon

dove finisce il dolore

e poi uno disse andiamo
dai, s’è fatto tardi
per oggi abbiamo visto abbastanza
se facciamo il giro dell’isolato
giriamo a destra e poi a sinistra
tempo un’ora arriveremo in hotel

occhi negli occhi
nocche su nocche
mio muscolo mastoideo
  
oh mio maschio angioino

qui c’è tutto un formicolio di gente
un brulichio di vermi sotto un masso
i piedi prudono  sanguinano le mani
ma fai many shopping darling
fai many shopping money money
a toledo fai stima e comparazione

detto fatto siamo già a pezzi
vetrine e prezzi  nostra follia
 

III

occhio nell’asfalto scandaglio di tombini
alla terza piaga lo vedemmo:
tempeste nella barba
le guance  tormente
alcune stridevano fra i denti

eccolo è un santone
un primitivo che scava nella roccia
ha una mano
fa come una fossa
un catino lento, un incavo cavo
vano, fa una buca fonda fonda
usa un cucchiaio senza manico
una conchiglia  capesanta

oh le nostre borse piene di orpelli
e luccichii di stelle
sono vere e false
derivate da processi di sintesi
sono vuote e piene
ma a scuoterle non escono parole credibili

fossero bisbigli d’acqua
fossero venti sorgenti farebbero sperare
nell’incontro fra un locale idioma
ed una lingua giapponese
che sa di sushi, di code di rospo bilanciate
ma qui non c’è bilancio, non c’è pareggio
qui c’è una marcatura netta
una perdita di liquido
che rosso  è il sangue e rosso il conto
fermo il nastro, inciampo alla partenza
è un ostacolo ostico
che non si può saltare
saltare i pasti, forse, questo è possibile
ma lui, il santone, la sa lunga la storia
e la racconta a chi la chiede e vuole
e la scava
a chi ha bisogno di sapere e chiede
e ha chiesto
ai sassi ai folli ai pazzi
ai savi che nelle fronti rughe
hanno scolpito i pensieri netti

 

(Da “Partenope – sette piaghe e un segno”)

Tag:

24 Responses to Da: Partenope

  1. bruno esposito il 27 gennaio 2007 alle 12:27

    Versi molto belli.
    Approfitto per ringraziare il prof. Vittorio Sermonti, il famoso dantista, per le parole che ha avuto nei confronti di Napoli durante l’intervista di Serena Dandini dell’altra sera a Raitre. Chi ha avuto modo di vedere sa di che parlo.

  2. carla il 27 gennaio 2007 alle 12:49

    il segno resta dentro, leggendo queste tue Antonella, sai essere così tagliente a volte, entri nel quotidiano come sai fare solo tu, con un misto di cinismo e ironia ben destreggiati, ci fai sbalzare così velocemente tra una vetrina e un’atto di concepimento che
    ….si rimane sbalorditi, con gli occhi pieni di immagini forti:

    “la notte cani le fanno sinfonia
    in questo strano mistero di distacco
    senza pupille l’orologio muto
    rende grazie per il nostro pacchetto
    colmo di bordi di pizza margherita.”

    Un salutone
    carla

  3. Giuseppe Iannozzi il 27 gennaio 2007 alle 13:24

    Oh, finalmente delle poesie che si possono dire a pieno titolo poesie.
    Molto ma molto belle.

  4. cara polvere il 27 gennaio 2007 alle 14:54

    già, c’è un tale ordine! c’è una tale soluzione benefica!
    già. tutto pulito. rutto aspirato dal folletto. tutto l’attacco è stato procrastinato prima di tutto questo. nessuna pace se la coerenza impera. se la meritocrazia sfinisce come giuggiola di campo increato.
    e si arriva con la “e” a inizio di discorso, che non si fa.
    e c’è l’attacco e poi le piume di lei che riscuotono tomi delicati intra vos o vox
    la cera perugina sfregata sui tanghi dell’omero
    mio dio, mia madonna, mio pescato mattutino.
    la lingua netta il coltello
    la schiena sospende di fottere
    è chiaro che l’ingegnere staziona nel suo sesso stenografato
    presso il fax dei silenzi in genere.

    di tutto il recente incendio delle mie mani
    non è rimasto che un boccaporto in cromo: il dolore
    dell’intervento e poi la morte e poi le scuse
    per essere morta subissate dalle scuse
    dell’assassino sono rimasti i ganci palliativi
    di una madre inventata e di un paio di ciabatte
    comprate al tre di maggio di questo mese porco
    che fa acquetta volendo essere maroso.

    la madonna è penetrata nei miei sonni ed era quasi un uomo
    mattone del castro precipuo dello stantuffo previdente
    nel ricordo
    buttati là, mi dicesti.
    mi buttai di schiena e fu.
    dunque adessi quest’alba d’insulina deve essere plagiatamente
    dotta, circostanziata al caso di vitamina
    basta un abbraccio e un perdono? squisito il kivi del suo glande
    squisito il sebo dei suoi capezzoli
    squisito il manico dell’inferno che clona la scimmia.

    amore nostro. tu baci come una cataratta.
    il tuo sudore è un cubo di maiolica in bilico
    sulla finestra.
    amore nostro. ci baciammo del mio io
    del tuo tu, e le vespe mutarono alle strette la nostra carne
    la nostra merda
    mangiarono il nostro pesce
    la nostra casa
    il nostro antico calendario. tu volevi che io dimenassi
    il rossore per tutte le case
    sbucciando di bussare le porte ma così non fu.
    fui più coraggiosa di un adulto e più sola ma questo non fa conto
    non fa testo
    non fa differenza di tolleranza.

    [il muscolo crudele è un avvelenato ultravioletto. una chioma]

    un saluto e i miei complimenti, antonella-
    paola

  5. Marco Saya il 27 gennaio 2007 alle 15:09

    Una poesia che mi piace, vive nel presente.

    Ciao
    Marco

  6. Oddy il 27 gennaio 2007 alle 15:39

    E’ bella la fantasia che impone un’atmosfera da favola, ma il solito troppo pieno di metafore, molte delle quali usurate.

  7. sitting targets il 27 gennaio 2007 alle 19:35

    che belle le critiche motivate come questa. una volta a un romanziere dissero: bella la prima parte. brutta la seconda. in che senso? domandò il romanziere. in nessun senso, gridò una voce dalla platea.

  8. vocativo il 27 gennaio 2007 alle 19:55

    Credo che l’atmosfera “da favola”, o comunque questo quotidiano straniato sia una cifra stilistica di Antonella. Anche altrove :)

  9. gian ruggero manzoni il 27 gennaio 2007 alle 20:33

    Notre Dame des Fleurs e Il miracolo della rosa, Genet, 1944 e 1946. Place de Verdun, Simone de Beauvoir, Alberto Giacometti, Henri Matisse, Brassaï che bevono Pernot e masticano il rosario del ladro-poeta… “a chi ha bisogno di sapere e chiede, e ha chiesto, ai sassi ai folli ai pazzi, ai savi che nelle fronti rughe hanno scolpito i pensieri netti”… là, il corpo del cavallo sfiancato e il nostro cinto erniario di europei. Un fox trot con Antonella, al Cafè de la Bastille, mentre Roland Subaru modula “Barbara” di Yves Montand… e via così.

  10. antonella il 27 gennaio 2007 alle 22:09

    cercherò di rispondere in ordine di apparizione

    @ bruno esposito, Napoli è una città particolare, ha qualcosa di indefinibile che altre città non hanno, ci sono stata solo una volta, e per non molto tempo, appena tre giorni, e molto tempo del quale l’ho passato chiusa in una stanza con un grande balcone, era di maggio, ricordo bene.. era de maggio e te cadéano ‘nzino, a schiocche a schiocche, li ccerase rosse… Fresca era ll’aria…e tutto lu ciardino addurava de rose a ciento passe… c’era il balcone e ogni tanto mi affacciavo a guardare la città caotica e confusa, ma magica, insomma mi sono venute queste poesie. posso dire che è stato amore a prima vista. non ho sentito l’intervista, mi dispiace.

    @ grazie carla, sì vetrine, molte e luccicanti e cani randagi e monumenti imbrattati e bambini tantissimi in piazza plebiscito e barboni tantissimi.

    @ cara polvere vedo che spesso i miei versi ti ispirano, infatti questa non è la prima volta che ti accade e ciò mi lusinga molto. grazie

    @ marco saya un saluto anche a te e grazie

    @oddy le metafore sono volutamente barocche e usurate, perché la città di Napoli è usurata e barocca e rococò, ma mi farebbe piacere sapere a quali metafore ti riferisci in particolare

    @sitting grazie :-)

    @ vocativo sì, hai già detto dell’ atmosfera da favola e dell’effetto straniente di alcune mie poesie, l’altrove sperò ci sarà presto :-)

    @ e poi grande Ruggero che m’hai scritto un commento così poetico che non sono capace di commentare a mia volta. un fox trot… al cafè de la Bastille davvero niente male

    @ Marco Saya, Giuseppe iannozzi semplicemente e sinceramente grazie

    buona serata a tutti antonella

  11. Valter Binaghi il 28 gennaio 2007 alle 00:08

    Dimmi ancora, antonella, di questo fachiro clochard dell’ultima strofa, scavatore di roccia e Caronte che spalanca l’inferno del pensiero.
    Ho visto un demone antico o un angelo forse, di quando l’istinto e lo spirito erano ancora fratelli.

  12. litbrother il 28 gennaio 2007 alle 08:03

    nacqui a posillipo e ritrovai qui il segno di ciò che vidi con i miei occhi pieni di golfo e di camorra, un cielo a piombo sul piombo della morte e la pizza c’a pummarola n’coppa. una pizza alla pizzo, d’ora in poi.

  13. antonella il 28 gennaio 2007 alle 09:38

    oh sì, è proprio quello che hai visto tu, ha una barba lunga e porta in spalla un sacco e dentro il sacco i semi del passato, del presente e del futuro, del bene e del male, delle vocali e delle consonanti, porta i semi di tutte le note e tutti hanno la stessa forma e la stessa natura ma non sappiamo da dove sono nati questi semi, o dove ha trovato il sacco, solo lui lo sa, bisogna chiederglielo e lui qualcosa dice ma non è chiaro. oh ma non è babbo natale :-) babbo natale anche lui è dentro al sacco, e pure tutte le slitte! buon giorno valter. a.

  14. antonella il 28 gennaio 2007 alle 09:49

    una pizza alla pizzo potrebbe essere un’idea esplosiva. perchè sopra ci mettono il vesuvio e l’etna :-) a.

  15. bruno esposito il 28 gennaio 2007 alle 11:45

    Anto, la prossima volta non stare solo affacciata. Scegliti un buon accompagnatore e vai in giro per Napoli. Se la sola visione dal balcone ti ha ispirato questo lavoro molto bello figurati che succcederà se ti cali nelle viscere di quel paradisiaco bordello che è la mia città.

  16. sitting targets il 28 gennaio 2007 alle 12:52

    paradisiaco bordello? scusa bruno, potresti invitarmi a napoli? sistemami anche in hotel, non c’è bisogno che ti scomodi. ah, sia chiaro, il treno me lo pago io. arrivooo!

  17. antonella il 28 gennaio 2007 alle 17:02

    bruno in verità un pomeriggio ho fatto mezzo un giro con mio marito, e sono nate le poesie, e le sere poi al ristorante. e siccome mia nonna era salernitana, mio padre canticchiava spesso ‘e spingole frangese e a napoli ho trovato uno col mandolino che ce l’ha cantata tutta, mio papà sarebbe stato contento :-) a.

    ps. ehi sitting vengo anch’io?

  18. antonella il 28 gennaio 2007 alle 17:07

    ps. invitiamo pure litbrother che è nato lì?! :-) a

  19. sitting targets il 28 gennaio 2007 alle 17:37

    l’è di vesuvio city il siur litbrother? mica lo sapevo. pensvo fosse di caputmundi.

  20. vocativo il 28 gennaio 2007 alle 18:46

    Antonella, quando sei a Napoli, fammi un fischio, mi offro come accompagnatore…

  21. antonella il 28 gennaio 2007 alle 19:39

    il litbrother è di posillipe, l’ha detto lui. voc se vado a napoli di sicuro ti chiamo. grazie! questi sono gli amici e non quelli che vai nella loro città e non si fanno vedere :-) a.

  22. bruno esposito il 28 gennaio 2007 alle 19:44

    A disposizione dotto’. Basta che non parlate di soldi vi porto dove volete e pure gratis.

  23. sitting targets il 28 gennaio 2007 alle 20:03

    avete ragione, bruno. tacerò sui soldi. a caval donato…

  24. litbrother il 29 gennaio 2007 alle 00:03

    song’e pusilleco, è o vero. ma la caputmundi m’ha magnato er fegato dopo un anno è mezzo de vita.



indiani