Piccole occasioni di darsi fuoco

22 febbraio 2007
Pubblicato da

di Christian Raimo

C’è un tapis-roulant che collega il centro storico con la periferia di Potenza: lì dodici anni fa mi sono augurato che il meccanismo si inceppasse e io sprofondassi all’interno dei cingoli per venire squartato, frantumate le ossa, divelta anche la carne della faccia.
Mi ero lasciato trascinare dal nastro scorrevole ed ero arrivato alla foresteria di cui ero ospite, un ex-seminario, che pareva costruito con i soldi qualche mafia locale: un edificio immenso con i bagni rifiniti da grand hotel. Mi ero bevuto una fanta al distributore automatico. Mi avevano alloggiato in una stanza al terzo piano: se mi fossi buttato dalla finestra, non sarei stato sicuro di morire. Francesco Stacchini, il mio vicino di casa quando ero piccolo, si era lanciato dal secondo piano ed era atterrato quasi incolume. Quando anni dopo Pessotto, il terzino della Juve, si era lanciato dal terzo, con un rosario in mano, aveva subito un trauma cranico, schiacciamenti di vertebre e costole ma non era morto.
In stanza, accesi la televisione e feci zapping tra le televisioni commerciali lucane. Si prendeva anche TeleNorba, un canale di televendite che fa la felicità di mia nonna. Una volta, tanti anni prima, avevo immaginato che sarei morto mentre in televisione trasmettevano una gara di tuffi olimpici. Avrei visto tizio saltare dal trampolino. E non avrei visto il successivo.
Sul televisore poi era comparso un prete di Telepace che stava recitando con una voce dialettale, chiusa su se stessa, le tappe della via crucis. Ero rimasto a seguirle tutte e a contarle. Erano dieci? Erano dodici, tredici? La chiesa dove erano ambientate le riprese era una parrocchia recente e le varie immagini di Cristo che arriva al Calvario lo ritraevano tozzo e cicciotto. Come se fosse veramente un vecchio contadino del Sud. Pareva mio zio Gennaro.
Poi avevo pensato che anch’io forse sarei ingrassato come tutti i parenti da parte di mia madre. La sua genetica, le ossa grosse e la difficoltà di smaltire il cibo. E alla fine mi ero addormentato sul letto disfatto e si era fatta ora di cena. Quindi ero sceso e avevo mangiato con i miei amici ritornati dal mare.

Tag:

22 Responses to Piccole occasioni di darsi fuoco

  1. Morgan il 22 febbraio 2007 alle 19:10

    Una quotidianità provinciale decadente che sta conquistando con il tempo anche le città, così pregne d’opulenza, ma tanto confuse nella mancanza di direzioni intense, profonde e illuminanti.
    Lo stesso occorso a Potenza capita in molti altri luoghi. Siamo tutti legati oramai. Non solo dalle informazioni, soprattutto invece dai costumi.

  2. Giuseppe Iannozzi il 22 febbraio 2007 alle 19:14

    Che è ‘sta roba?

    Qualcuno traduca, anche con google, ma traduca.

  3. bruno esposito il 22 febbraio 2007 alle 19:18

    Brillante ma troppo breve. Ancora.

  4. Acheronteinfronte il 22 febbraio 2007 alle 19:39

    Non è un granchè questo breve pezzo Christian, hai scritto cose molto più belle. Sembra scritto di corsa (anche un refuso…), con fretta di arrivare, di finire…

  5. valter binaghi il 22 febbraio 2007 alle 19:57

    Ancora.

  6. carla bariffi il 22 febbraio 2007 alle 20:03

    però vi incuriosisce…he?

  7. pedrocamacho il 22 febbraio 2007 alle 20:36

    Pezzo davvero sciatto. Per una volta, concordo pure con Iannozzi…
    Per favore, fate qualcosa!

  8. Nunzio Festa il 22 febbraio 2007 alle 21:33

    a questo punto, mi pare che ci siano proprio pregiudizi:

    se io leggo questo testo di Raimo, e (forse da lucano persino ma è vero lo stesso) sento un calore estremo che mi fa mangiare pianto – al di là dell’analisi minuziosa del testo – non capisco che voglia dire:
    “Che è ’sta roba?

    Qualcuno traduca, anche con google, ma traduca.”

    non dico che possa fare schifo il testo o che non possa piacere, o che questo Iannozzi Giuseppe DIRITTO di divertirsi a fare il provocatorio e la voce fuori dal coro (cosa che – alla fine, del resto – non gli riesce). ma quella domanda, in fondo, cosa significa?
    chi vuoi che cavolo ti risponda!?

    non fare il duro, caro, con me anche dico, che caschi male…

    e, poi penso proprio, non dico che egli debba fare uso d’autoerotismo, ma magari Giuseppe Iannozzi potresti fare meno il saccente ed essere più garbato, nonostante le tue Antipatie.

    b!

    Nunzio Festa

    p.s. comunque, e non lo dico per dire, certi interventi tuoi su altri temi e specialmente scritti d’altri autori capita che mi facciano bene

  9. Emanuele Kraushaar il 23 febbraio 2007 alle 00:09

    Per me questo è proprio un bel racconto. E per me Raimo sta crescendo molto.

  10. Emanuele Kraushaar il 23 febbraio 2007 alle 02:26

    Non direi proprio che è “troppo breve”, dico che è un ottimo esempio di scrittura per sottrazione. Vive di una luce rapida e intensa.

  11. Giuseppe Iannozzi il 23 febbraio 2007 alle 06:34

    Solo m’incuriosisce come si abbia il coraggio di mettere on line simili cavolate.

    Aspetto ancora che qualcuno traduca dal “raimese” all’italiano, anche con google. Mi accontento.

  12. vins gallico il 23 febbraio 2007 alle 11:15

    i 5 capoversi hanno una (quasi) scollegata bellezza (per me, riferito sia a scollegata che a bellezza).
    io “il raimese” devo averlo imparato la notte, visto che lo capisco benissimo…

  13. Lady Lazarus il 23 febbraio 2007 alle 18:19

    Eppoi si scopre che nello stesso seminario si svolge uno strano ritiro spirituale – organizzato da un certo don Gaetano – cui partecipano loschi e potenti personaggi… Todo Modo trentanni dopo versione moderna.

  14. bruno esposito il 23 febbraio 2007 alle 19:28

    Dico breve perchè s’intuisce che qualcosa accadrà dopo e viene la voglia di sapere cosa.

  15. sitting targets il 23 febbraio 2007 alle 19:41

    mettete una museruola a iannozzi.

  16. Emanuele Kraushaar il 23 febbraio 2007 alle 20:05

    Che un racconto breve procuri desiderio di sapere altro (oltre il racconto stesso) lo capisco bene, però questa voglia è appunto voglia di altro e prodotta dal racconto stesso. E a volte questa voglia può essere un segno di riuscita del racconto stesso.

  17. carla bariffi il 23 febbraio 2007 alle 20:46

    Tu ne sai qualcosa è…Emanuele!
    ciao

  18. leonida il 23 febbraio 2007 alle 22:17

    è ancora il tempo del pop del trash per trovare un po’ di ispirazione? forse è il caso di andare più a fondo o di avere il coraggio di affondare definitivamente…in silenzio!

  19. ninetta il 23 febbraio 2007 alle 23:02

    è che se si va a fondo….non si vede più il fondo.
    meglio stare in superficie
    galleggiare e
    cullarsi nel tramestìo dell’onda.

  20. ninetta il 23 febbraio 2007 alle 23:03

    e come è bello cullarsi…..

  21. carla bariffi il 24 febbraio 2007 alle 13:35

    non avevo ancora espresso la mia:
    mi piace perchè lascia molto spazio alla fantasia, lo trovo creativo nel linguaggio, l’incipit fa presa, e nell’insieme scorre,
    potrebbe avere un seguito.

  22. nanook il 25 febbraio 2007 alle 18:15

    devastante e vero



indiani