Juke box / Carmela

24 aprile 2007
Pubblicato da

sergio_bruni_antologia_1200.jpg

[l’ascoltavo oggi – questa ed altre splendide canzoni interpetrate da Guglielmo Chianese in arte Sergio Bruni – mentre scrivevo una cosa. M’è venuta voglia di condividerla. G.B.]

parole del poeta Salvatore Palomba musica del maestro Sergio Bruni

Stu vico niro nun fernesce maje
e pure ‘o sole passa e se ne fuje.
Ma tu stai llà, addurosa preta ‘e stella,
Carmela Carmè !

Tu chiagne sulo si nisciuno vede
e strille sulo si nisciuno sente,
ma nun’ è acqua ‘o sanghe dint’ ‘e vvene,
Carmela Carmè !

Si ll’ ammore è ‘o cuntrario d’ ‘a morte, e tu ‘o ssaje.
Si dimane è surtanto speranza, e tu ‘o ssaje.
Nun me può fà aspettà fin’ a dimane,
astrigneme ‘int’ ‘e braccia pe’ stasera,
Carmela Carmè !

14 Responses to Juke box / Carmela

  1. Pier Luigi il 24 aprile 2007 alle 19:38

    oppure perchè l’ha citata l’altra sera Saviano da Biagi? Comunque ottima scelta.

  2. bruno il 24 aprile 2007 alle 21:21

    Ci vuole coraggio a postare una cosa come questa qui dentro. Grazie Biondillo.
    Bruni diceva che per lui Carmela raffigura il destino di Napoli, un vicolo scuro che non finisce mai.
    E per Bruni quella fu la canzone della svolta, da cantante melodico e romantico a cantore di tradizione popolare e maestro di chitarra. Carmela fa parte di un disco del 1975, “Levate ‘a maschera Pulecenella” in cui il maestro per la prima volta affrontava argomenti a lui desueti. Erano gli anni dei fratelli Bennato, De Simone e della Compagnia di canto popolare.
    Una piccola annotazione : non dovrebbe essere ” addurosa preta ‘e stella” ( profumata pietra di stella ) ma “tu rosa, preta e stella” ( tu rosa, pietra e stella ).

  3. antoniomenna il 24 aprile 2007 alle 21:49

    ‘o fridd nguoll

  4. gianni biondillo il 24 aprile 2007 alle 23:09

    Pier Luigi, faccio Biondillo di cognome, non Cazzaniga. Ascolto musica napoletana da quando ero in fasce. Se hai tempo ti canto tutto il repertorio… ;-)

  5. marisa il 25 aprile 2007 alle 03:08

    torno da una festa, non ho sonno, mi metto a navigare e trovo questo bel regalo, la cantava mio marito, leggo le parole e ascolto il canto
    Si ll’ ammore è ‘o cuntrario d’ ‘a morte, e tu ‘o ssaje.
    grazie, grazie assai

  6. carla bariffi il 25 aprile 2007 alle 09:25

    Meraviglioso!
    e non ho nenche bisogno della traduzione….

    Ah!…l’amore!

  7. Pier Luigi il 25 aprile 2007 alle 13:47

    E cantami Palomm’, Biondì, ca è chell’ ca me piac’ e’ cchiù.

  8. Guendalina il 25 aprile 2007 alle 14:13

    ps, Gianni….
    quanto tempo ci vuole, così mi regolo?

  9. Casal di Principe il 25 aprile 2007 alle 14:38

    Grande Bruni! Immensa Carmela! Onore a Gianni!

  10. Gabriele il 25 aprile 2007 alle 18:38

    Il Sergio Bruni post festival della canzone napoletana è davvero un grande anche se gli resta quel modo di cantare nasale e quell’abitudine all’infioritura che spesso appesantisce il dettato musicale. Per questo mi piaceva molto Murolo per quel suo modo di cantare la tradizione napoletana con voce sempre pulita e calda senza mai cadere nella retorica.
    pepe

  11. gianni biondillo il 25 aprile 2007 alle 19:56

    E io, vedi un po’, ho sempre preferito Bruni a Murolo (che negli anni aveva perso smalto nella voce, al posto di impreziosirsi quale quella di Bruni).
    Ma si sa, sono scuole di pensiero… ;-)

  12. valter binaghi il 25 aprile 2007 alle 23:42

    Gianni, sai per caso chi è l’autore di “Dicitencello vuje”?

  13. funiculì funiculà il 25 aprile 2007 alle 23:56

    Fusco / Falvo – 1930

  14. valter binaghi il 26 aprile 2007 alle 02:08

    Grazie funi



indiani