Persecutori (da)

11 maggio 2007
Pubblicato da

Sequenze

di
Francesco Forlani
avion.gif
Forse la suggestione di certe figure femminili, eroine travestite da agenti segrete, femmes fatales militari. Le hostess. Un numero infinito. Con uniformi da tagli e colori differenti a seconda delle compagnie aeree o dei paesi di destinazione. Sospese in un corridoio fatto di promesse e miglia da solcare per migliaia, con valichi danzanti tra perturbazioni e vuoti d’aria.

Nulla a che vedere con il personale di terra, quelle con gli sguardi severi, inamovibili, in mille trattative appese ad un chilo di troppo del bagaglio a mano o da spedire. La distanza che le separava era per me la stessa di quella tra le dive hollywoodiane e le cassiere dei cinema. Queste erano solo la porta d’ingresso, le altre, sul volo, angeli arcani che si offrivano ai viaggiatori e lesinavano carezze a passeggeri in ansia.

Non erano le loro grazie ad attirarmi, nessun immaginario morboso. Ciò che osservavo e registravo minuziosamente, con una precisione che allora non conoscevo, è il rito che le hostess eseguono al momento del decollo. Era solo in quel momento che la mente si apriva, e si faceva ricettacolo, spugna. Non potevo dimenticare il modo in cui una hostess della Lufthansa, dai tratti esteuropei per corporatura ed enfasi dei gesti, indossava la maschera d’ossigeno. Il modo di infilarla e sfilarla, mostrando, non senza imbarazzo, le ascelle incamiciate e la punta dei seni incollata al bottone e allo stemma. Non avevo mai assistito a una tale non chalance nel distribuire sorrisi, da destra a sinistra, alla fila di passeggeri del settore assegnato. E avevo pensato quanto quell’applicazione letterale del protocollo potesse essere totalmente sconnessa dagli eventi della vita che pure le avevano lasciato una traccia profonda. Mi ero immaginato, allora, quale distrazione fondasse la precisione di ognuno di quei gesti. Mi ero chiesto che cosa potesse pensare quella hostess quando mimava l’uscita della mascherina dal comparto in alto. A un amante tradito, alla fuga di un figlio, alle prossime vacanze. Certo non a un volo.

E non potevo dimenticare Monica, della compagnia di bandiera per eccellenza, l’Air France, Monica – il nome ce l’aveva scritto in fronte, e poi me lo aveva anche detto, credo – era di una bellezza triste. Non austera, tutt’altro – e con una calza sfilata, ma impercettibilmente giusto un dito sopra l’attacco della gonna. Il suo modo di indicare le uscite di sicurezza, quel mettere gli indici in movimento seguendo l’arco delle braccia e ripetere le stesse sequenze a seconda della lingua con cui la voce dagli altoparlanti rivelava le cose da fare e da non fare.

Forse era il silenzio. Il mutismo delle hostess in quei momenti che rammentava certi giochi da ragazzo in cui non bisognava ridere e tutto si tentava, gesti osceni e boccacce, perché qualcuno cadesse nella parola trappola, e ridesse.
Delle hostess americane invece ricordavo innanzitutto il trucco. Sugli occhi. Come un alone di grigio azzurro su pupille chiuse sul nulla. Le guance rosee, quasi da donne di campagna. Il mento invece era il calcio di un fucile incastonato nel colletto a fiocco. Non il foulard delle francesi, che le faceva regine di seta. Alla spagnola invece, al momento di indossare il salvagente, quasi le erano caduti gli occhiali, e al sorriso sulle labbra umettate erano arrivati scrosci di risate isteriche, era l’equipaggio, felice di volare.

Quel che mi ha spinto ad amarle è questo, poi. L’assoluta disparità tra la messa in scena del pericolo nell’esecuzione del protocollo, misurata, precisa, e la certezza, condivisa da tutti, che qualora si avverasse l’incidente nessuno si sarebbe salvato. Era il silenzio dei gesti che accompagna la futilità delle vite. Dei passeggeri allacciati all’ansia del primo volo, che ti chiedevano se è la prima volta come se parlassero dell’altra prima volta.
Ma oggi, dopo che ho conosciuto la verità di questa messa in scena, dopo che ho visto più a fondo, oltre i semplici gesti, e ho raggiunto la certezza assoluta, oggi a loro che ti chiedono se è la prima volta risponderei così: sarà anche l’ultima. Quando avrò sfiorato il pulsante sulla cintura armata che non hanno scorto ai controlli e i nostri corpi saranno diventati come quelli delle hostess. Meteore perdute tra i cieli.

Racconto pubblicato in
“I PERSECUTORI”(Racconti di desideri e di rivalità), Transeuropa Edizioni , Pagine 278,Prezzo 12.90

stasera siamo qui
http://www.hiroshimamonamour.org/spettacoli.htm
http://www.transeuropalibri.it/?Page=aut_persecutori.htm

17 Responses to Persecutori (da)

  1. Capuche il 11 maggio 2007 alle 13:41

    non mi sono mai venuti bene gli aereoplanini di carta, e volavano sempre storti!
    Approvo la decisione finale di tenere sempre i piedi ben piantati per terra, eccetto quando nuoti….
    ;-)

  2. Riccardo il 11 maggio 2007 alle 15:14

    ma queste hostess, sono sempre sempre gentili?

  3. max rizzante il 11 maggio 2007 alle 15:48

    buon racconto, francesco.
    Perché se nostro padre è Polemos, nostra madre è Misura.

  4. Rina il 11 maggio 2007 alle 17:51

    Ciao Franci,
    ho appena ascoltato Aereoplano degli 883,
    se posso permettimi di riportare questi mitici versi
    a presto
    Rina

    “Aeroplano dimmi un po’ se ci sono dei laghi tanto grandi che
    se da una riva io guarderò l’altra sponda non vedrò
    E dei boschi che chiunque ci va deve stare attento perchè incontrerà
    un orso che come per magia in un attimo lo porta via

    Ma non so se crederci o no
    non ci sono stata mai
    tante cose io non vedrò
    ma tu me le racconterai

    Se capirà che passerai per questo grigio cielo
    tu lasciami un po’ di tutta quell’immensità
    Se capiterà che passerai ancora in questo cielo
    regalerai almeno un po’ di libertà”

  5. Esmeralda il 11 maggio 2007 alle 18:40

    un beso al chichito muy lungo e perdido
    como l’aereo…

  6. diamonds il 11 maggio 2007 alle 22:05

    domenica salirò di uno di quegli arnesi con la temerarietà infusami dall’immagine di quella calza smagliata e di quella muta di angeli in divisa.Confido che il vostro uomo invece,con tutto il rispetto per le eteree parole della reclame,si trovi trattenuto da un montezuma non da nulla sulla tazza del cesso di qualche altra casa.Qualora non foste in grado di garantirmi queste condizioni opterò per la concorrenza cui fa riferimento il filmato indicato a seguire.Cordialità

    http://www.youtube.com/watch?v=E2KylZ7ON4Y

  7. Mario Ardenti il 12 maggio 2007 alle 00:44

    Istruzioni utili, per lo svago e per il volo.
    Eppoi, le hostess non sono donne, sono un mito maschile che naviga, lassù.

  8. chica il 12 maggio 2007 alle 08:17

    che simpatico filmato?
    ma il tenente Colombo da dove è sbucato?
    ;-)

  9. Beatrice il 12 maggio 2007 alle 12:48

    @Effeffe,
    com’è il trucco sopra gli occhi delle hostess americane?

  10. Beatrice il 12 maggio 2007 alle 12:56

    Te lo chiedo perchè io sono una hostes francese, e stendo solo un velo di ombretto color ambra sul bordo esterno della palpebra superiore….
    di celeste ho solo l’iride.

  11. Anastasia il 12 maggio 2007 alle 14:07

    Cuando volver
    aquì?
    :-(

  12. Filippo il 12 maggio 2007 alle 16:00

    me lo fai un aereoplano zio Francesco?
    ho tanta voglia di giocare, lo faccio volare sul fiume, adesso che c’è un pò di acqua…

  13. effeffe il 13 maggio 2007 alle 10:26

    @i nipoti tutti
    WWWWrrrrrrrrrooooooommmmmm!

    @Anastasia
    I’m back

    @ Air france
    regine di seta con ombretto accennato
    americane plus Kate Bush in Babooska
    effeffe

  14. […] bene, ed è pure bella a vedersi. Come un buon libro. La cosa più bella che ho sentito dire è di effeffe di NazioneIndiana, che magari ho anche frainteso, ma che suonava come “i blog dovrebbero […]

  15. zop il 15 maggio 2007 alle 11:23

    ho stampato il racconto su un foglio di carta, l’ho piegato e l’ho lanciato dal settimo piano… chissà se qualcuno lo leggerà mai… origames! :)
    saluti da zop (dopo il litacmp)

  16. cybbolo il 16 maggio 2007 alle 07:51

    decisamente più letale dell’unicorno di blade runner, questo areoplanino impastato d’emozioni, all’insegna dell’amore per le donne e la vita, e di morte, in inevitabile abbraccio.
    piacere della tua conoscenza alla Fiera del Libro.

  17. effeffe il 16 maggio 2007 alle 17:25

    gran momento quello del litcamp
    sto mettendo su un post
    sull’argomento
    a tutti voi presenti
    perchè eravate vivi
    e tosti
    effeffe



indiani