Inedite poesie: Annalisa Teodorani

27 agosto 2007
Pubblicato da

scultura_rubinetto-thumb.jpg
scultura di Gary Guydosh

Al spousi zòvni

Al spousi zòvni l’è pavaiòti
Ch’a l perd l’arzént pr’una fulèda ad vént
Gòzli d’aqua
Ch’ a l roiga un voidar
La matòina prèst.

Le giovani spose

Le giovani spose sono falene/ che perdono l’argento per una folata di vento/ gocce d’acqua/ che rigano un vetro/ al mattino presto

L’ Amour

Fa’ còunt e Vajont
Una muntagna ch’la va zò tl’ aqua.
L’amour l’ è un invarnèda
Ch’ la giàza al tubatéuri
L’è una diga
Senza gnenca un rubinèt.

L’ Amore
Fai conto il Vajont/ una montagna che cade nell’acqua/ l’amore è un inverno/ che gela le tubature/ è una diga/ senza nemmeno un rubinetto.

***

Al Zéi

Te schéur dla voita
Sla curouna tal mèni
A gli à fat la vègia
M’un dispiasoir a la volta.
A l cnos la radga d’ogni fiour.
Al zéi a gli à la scórza di arzipréss
E quant al pienz
Resna e mél.

Le zie

Nel buio della vita/ con il rosario tra le mani/ hanno vegliato/ un dolore alla volta./ Conoscono la radice di ogni fiore./ Le zie hanno la scorza dei cipressi/ e quando piangono/ resina e miele.
***

Un furminènt

E se ta m zènd
A dvént un furminènt
Che fóil ad zèndra
Ch’ e’ sta so par mirècal.

Un fiammifero
Se mi accendi/ divento un fiammifero/ quel filo di cenere/ che sta su per miracolo.

***

Cmè la léuna
Ta n pu dmandè
D’andè dalòngh da te.
Euna cmè la léuna
tal nòti
Ad me u s vàid
Una fitina stóila.

Come la luna

Non puoi chiedere
Di andare lontano da te.
Una come la luna
nelle notti
Di me si vede
Una fettina sottile.

***

La dóta

I cavéll pulóid
I arléus te sòul
Cavéll ad ragàza da imbastoi curéd.
Che la nona e la ma a l s’aracmànda.
La mi dóta
L’è un fas ad spoin.

La dote

I capelli puliti/ brillano nel sole/ capelli di ragazza da imbastire corredi./ Che la nonna e la mamma si raccomandano./La mia dote/ è una fascio di spini.

***

Sudisfaziòun

Ta m dé la sudisfaziòun
D’ una puràza svóita.

Soddisfazione
Mi dai la soddisfazione / di una vongola vuota.

***

Un pèl

Dal vólti t’ arvènz
Cmè éun ad chi pèl
Ma la bòca de pòunt.
Quand la voita la n t lasa i segn
la t lasa agli òmbri.

Un palo
A volte rimani/ come uno di quei pali/ alla bocca del ponte. / Quando la vita non ti lascia i segni/ ti lascia le ombre.

Tag: ,

22 Responses to Inedite poesie: Annalisa Teodorani

  1. Angelina il 27 agosto 2007 alle 22:12

    La scultura è sublime!
    :-)

  2. RobertoRossiTesta il 28 agosto 2007 alle 09:38

    La scultura sarà anche sublime ( :-) ) , ma le poesie sono sbalorditive.
    Da riaprire, se mai s’è chiuso, il discorso sulla cosiddetta poesia dialettale, in quelle lingue del cuore che nessun basic o standard english riuscirà mai a sfrattare.
    Un caro saluto,
    Roberto

  3. Ginevra il 28 agosto 2007 alle 10:09

    a me queste poesie non hanno trasmesso alcunchè!

  4. Smaniz il 28 agosto 2007 alle 10:25

    Scultura sublime e poesie per fortuna uscite dal rubinetto. Grazie Francesco per averlo aperto. Un saluto Smaniz

  5. enrico de lea il 28 agosto 2007 alle 11:08

    i dialetti come lingue letterarie, quando riescono a superare i rischi di manierismi e/o birignao vernacolari (sempre in agguato), credo diano risultati davvero notevoli, come in tal caso – complimenti
    P.S.
    durante ‘ste vacanze ho riletto un autore siciliano del tutto dimenticato, Santo Calì, dell’altezza di un Tessa o di un Marin

  6. Stefano il 28 agosto 2007 alle 12:05

    Sono d’accordo, i dialetti hanno sicuramente possibilità espressive notevoli. Premesso che le poesie del post mi sono piaciute davvero molto, aggiungerei che mi piacerebbe vedere la lingua dialettale alle prese con la modernità, con l’oggi. Il soggetto e le poetiche della poesia che conosco sono, in gran parte, legate ancora troppo ai ricordi di una civiltà contadina ormai scomparsa, ad una lingua che vive nel passato e che pochi parlano ancora nella sua purezza. Basterebbe osare un po’, provare ad uscire da questo paesaggio. I risultati, per conto mio, sarebbero sicuramente notevoli….

  7. Stefano il 28 agosto 2007 alle 12:08

    Ovviamente il mio discorso non è direttamente rivolto alle poesie in questione, anzi…

  8. Marco Saya il 28 agosto 2007 alle 12:38

    Frammenti sobri, semplici ed essenziali.

  9. Chapuce il 28 agosto 2007 alle 14:11

    Mi è molto piaciuta “la dote”
    stile asciutto e pulito
    limpido come la luce.

  10. véronique V il 28 agosto 2007 alle 14:11

    Una tradizione che dice la nobiltà, la purezza delle donne; una lingua delle nozze, della verginità offerta, un lungo amore con i corpi fatti nella terra, si parla di muntagna, chiara lingua che assomiglia al “patois” du Sud, dimenticato in Francia, Langue oc che parlava gli antenati, lingua che vorrei parlare ma che ho lasciato come il paesaggio dell’infanzia, tra cipressi e citadelle. Allora queste poesie sono una meraviglia di sapienza, di vita simple nella natura, le gusto.

    Grazie, grande Francesco!

  11. un passeggere il 28 agosto 2007 alle 15:04

    la scultura la vedrò al mio prossimo passaggio da queste parti. adesso porto via con me il lampo abbagliante di questi versi di carne, sangue e terra. echi di un desiderio che attraversa i giorni e si fa voce, nell’umiltà della vita che il suo sguardo abbraccia fino alle radici. grande, grandissima poesia. se ancora un aggettivo significa qualcosa.

  12. matteo fantuzzi il 28 agosto 2007 alle 15:29

    vi consiglio caldamente di leggere i libri ad oggi usciti di annalisa, cioè ‘Par senza gnent’ del 1999 e quello credo estremamente più facile da trovare cioè ‘La chèrta da zugh’ uscito nel 2004 per le Ed. Il Ponte Vecchio di Cesena.

  13. metrovampe il 28 agosto 2007 alle 17:10

    bellissime “le zie”.

  14. fk il 28 agosto 2007 alle 17:46

    Una grande sensibilità. Poesie brevi che sono frecce che indicano il dolore di tutti. Brava!

  15. Nevio il 29 agosto 2007 alle 00:00

    A me sono piaciute molto: trovo che siano delle poesie limpide e belle… Soprattutto quella delle giovani spose (come falene che perdono l’argento, come gocce d’acqua che rigano un vetro…): è bellissima.
    :-)

    [nm]

  16. sarmigezetusa il 29 agosto 2007 alle 00:58

    Splendide: grazie.

  17. francesca genti il 29 agosto 2007 alle 17:36

    bravissima annalisa!
    un saluto e un bacio.

  18. andrea barbieri il 30 agosto 2007 alle 08:41

    E sì che sono belle.
    E’ dialetto delle parti di Cesena o Santarcangelo oppure verso il mare, Rimini…

    Nell’ultima poesia non è?:
    “Dal vólti t’ arMènz

    A la bòca de pòunt.”

    e in “Cmè la léuna” dovrebbe essere:

    “IN tal nòti”

    e in “La dóta”

    “I cavéll pulóid
    I arléus IN te sòul”

    però non so eh, non è proprio il mio dialetto e comunque il dialetto lo mastico poco.

  19. andrea barbieri il 30 agosto 2007 alle 16:12

    Ho fatto una ricerca autarchica e in altre poesie “IN” non c’è, si vede che non è un errore di battitura nel pubblicarle su NI.
    Poi ho scoperto che Annalisa Teodorani è di Rimini, quindi (a questo punto faccio un’apostrofe rivolgendomi direttamente a lei) ti volevo dire se passi da qui, che sabato primo settembre a Marina di Ravenna c’è la festicciola di Fernandel al bagno 72 – Hana Bi dalle 18,45 in poi… magari ti interessa.

  20. margherita rimi il 30 agosto 2007 alle 18:26

    belle queste poesie.
    le loro forti immagini impressionano la mente.
    credo che sapendole leggere in dialetto assumano ancora più lunghe risonanze una più magica evocazione:

    …Al zéi a gli à la scórza di arzipréss
    E quant al pienz
    Resna e mél.

    Le zie hanno la scorza dei cipressi/ e quando piangono/ resina e miele.

    ***
    Al spousi zòvni

    Al spousi zòvni l’è pavaiòti
    Ch’a l perd l’arzént pr’una fulèda ad vént
    Gòzli d’aqua
    Ch’ a l roiga un voidar
    La matòina prèst.

    Le giovani spose
    Le giovani spose sono falene/ che perdono l’argento per una folata di vento/ gocce d’acqua/ che rigano un vetro/ al mattino presto
    ***

    complimenti ad Annalisa Teodorani

  21. cavolo il 2 settembre 2007 alle 22:27

    mi piace la pizza margherita

  22. annalisa teodorani il 3 settembre 2007 alle 17:34

    grazie a tutti per le vostre riflessioni
    sono commossa….



indiani