Incipit per una commedia

30 ottobre 2007
Pubblicato da

di Marco Palasciano

A un terzo del mio secolo di vita, tra gli sterpi correndo in infinito cerchio con strani animali ansiosi d’asciugarsi dopo l’ultimo lachrymoso diluvio, sempre incalzato dallo spettro di quel Poeta dal buffo copricapo rosso il quale io in corsa rattamente volgendomi a guardare vedevo a sua volta avere alle spalle tutta una folla di personæ nonché archetipi antropomorfi e zoomorfi e teratomorfi quali già sguinzagliò sir Peter cineasta enciclopedico sull’isola di Prospero chi brandendo un sestante chi una lira chi una sciabola chi un libro aperto, io, in affannata corsa verso non sapevo piú che zenith e partito da non sapevo piú che nadir o viceversa, affatto lasso, mezzo infangato da un paio di cadute da far ridere les hommes d’équipage, maglietta lacerata dagli spini e sbrendolata come la veste di madonna Philosophia, io, Poliphilo/Pollicino/Palasciano, mi ritrovavo in quella che per metafora obbligata chiameremo una selva oscura, o bosco iniziatico dal quale l’adolescente di turno non è piú uscito senza però per questo ricevere in dono fatato l’aeromobilità di Peter Pan; e in questa selva che è piú un ipnolabirinto o, spostando l’interesse dalla sua oniricità alla sua multidimensionalità, iperlabirinto, non solo la diritta via mi si era smarrita ma, poiché nell’ultimo terzo di millennio cadde dal trono anche la Geometria euclidea, ora, se pure avessi ritrovato quella via, per diritta che vi sarebbe parsa, avrebbe intersecato diosà quante vie ad essa parallele e potuto perfino guidarmi, con crudele inganno, io distratto da bachi e da conigli, a precipitare nelle fauci titaniche di un buco nero, intorno al cui orlo, come stelle sul mare palpitanti, i Quanti ognora saltellano, irridendo il decrepito Apollo storte frecce, nella teoria o danza del Caos che tutto move.

[questo inedito di Marco Palasciano è un’anticipazione del numero 10 della rivista Sud, che ringrazio. a.r.]

Tag: , , ,

8 Responses to Incipit per una commedia

  1. La scimmia il 30 ottobre 2007 alle 15:09

    Lingua strana, labirinto nel bosco delle parole: c’è una dimensione onirica. Entro nel regno denso della parola, scopro magia dopo magia,
    provando un sentimento di irrealtà, un gioco di specchio tra identità: Peter Pan, Poliphilo, Palasciano, danza bizarra, barroca.

  2. viola il 30 ottobre 2007 alle 22:11

    semplicemente della sana letteratura, dove il semplicemente è un avverbio di soddisfatto sorriso, per niente male direi, Viola

  3. Chapuce il 30 ottobre 2007 alle 22:23

    inseguiamo noi
    esuli figli di Brema
    reconditi sogni…

  4. sparz il 31 ottobre 2007 alle 10:52

    (Souvent, pour s’amuser, les hommes d’équipage
    prennent des albatros, vastes oiseaux des mer,…
    )
    bellissimo pezzo, grazie.

  5. pa(u)per il 31 ottobre 2007 alle 11:12

    *Io Poliphilo/Pollicino/Palasciano

    Bellissima particella di commedia…

  6. Marco Palasciano il 31 ottobre 2007 alle 22:21

    :-) Troppo buoni! quasi proseguirei,
    contuttoché passati son sei anni.

  7. viola il 1 novembre 2007 alle 20:08

    e tu prosegui(sci)…sei anni non è niente…nella tempiternità, Viola

  8. Roldano De Persio il 5 novembre 2007 alle 22:47

    Ciao spero che la cosa non risulti OT. Un incipit come questo è proprio un punto di partenza adatto. In breve sto cercando di portare avanti un progetto letterario che ha come fine quello di creare un’ opera letteraria che ha 1000 o 2000 autori. I molti campi questa operazione è possibile, perché non nella letteratura?

    Qui se vi interessa alcuni link:

    http://nonromanzo.wordpress.com/

    http://nonromanzo.wordpress.com/info/



indiani