Dubbi indiscreti (La gestione dei campi rom)

28 novembre 2007
Pubblicato da

container-ghina-2-2007-10-30-033_1_11.jpg

di Laura Nobili e Imma Tuccillo Castaldo

Pochi giorni fa, ai primi di novembre 2007, l’Alto Commissariato dell’Onu per i Diritti Umani ha richiamato l’Italia per il mancato rispetto delle norme internazionali in materia di diritti delle popolazioni rom. In particolare, sono state messe sotto accusa le azioni di sgombero forzato degli insediamenti ‘legali’, oltre che di quelli abusivi, a Roma e in alcune altre città italiane. In questi insediamenti vivevano comunità ‘storiche’ rom, insieme ad altre di più recente immigrazione. Si tratta di una vera e propria ‘ripulitura del territorio’ ai fini del decoro pubblico, come sembra sostenere il sindaco Walter Veltroni. La condanna dell’Onu segue quella dell’aprile 2006, sancita dal Comitato Europeo per i Diritti Sociali (CEDS): con questa l’Italia viene accusata di sistematica violazione del diritto delle popolazioni rom ad un alloggio adeguato, in riferimento all’art. 31 e art. E della Carta Sociale Europea Revisionata .
Il progetto di ‘restauro’ del centro e delle periferie romane depresse è stato inaugurato il 22 febbraio 2007. Le agenzie di stampa hanno battuto la notizia del lancio delle operazioni di sgombero, distruzione indiscriminata e ‘delocalizzazione’ dei cittadini rom. Questa è la conseguenza dell’azione pianificata dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Roma, l’organo collegiale di consulenza dell’ex Prefetto capitolino, Achille Serra.

Nel marzo 2007, per rafforzare le politiche di eugenetica urbana, il Ministero dell’Interno e l’Associazionie Nazionale dei Comuni Italiani hanno siglato il Patto per la Sicurezza, a cui sono seguiti, pochi mesi dopo, a maggio, i Patti per Roma sicura e per Milano sicura, imitati con poche varianti da altri capoluoghi di provincia.
Il Patto per Roma Sicura, che prevede notevoli contributi finanziari da parte di Regione, Provincia e Comune, oltre che l’indispensabile collaborazione della Prefettura, promuove «interventi risolutivi delle esigenze di contenimento delle popolazioni senza territorio, nonché inclusione sociale, attraverso, rispettivamente: la costruzione di quattro villaggi della solidarietà in aree attrezzate in grado di ospitare circa 1000 persone – ciascuno da realizzare su aree comunali o demaniali – disciplinati da specifici regolamenti di gestione; programmi di abbattimento di insediamenti abusivi, con successiva riqualificazione delle aree liberate».
Il primo risultato conseguito dal varo del Patto per Roma Sicura è stata la legittimazione della sistematica distruzione dei beni materiali, già esigui, di migliaia di persone, confermando la propensione del centro-sinistra veltroniano a spacciare per umanitarismo e solidarietà il mero tentativo di cavalcare la deriva populista dell’Italietta odierna, priva di nerbo e di idee politiche.
Si conferisca pure il beneficio del dubbio e si consideri come fine di questi sgomberi forzati la creazione di una città ‘vivibile e disinfettata’ e un migliore destino per gli sgomberati; ci si interroghi allora sul significato e sull’efficacia dell’integrazione ‘modello Roma’.

Ora, se Veltroni & Co. dovessero spuntarla, I villaggi della solidarietà potrebbe diventare un bellissimo titolo per un film di fantascienza a carattere sociale, e, senza troppi sforzi di immaginazione, Quentin Tarantino potrebbe metterlo in scena: da una parte, villaggi collassati di poveri umani da salvare e, dall’altra, un collegio di saggi che sputa direttive e impartisce ordini all’armata aliena degli operatori cosmici. Allora sì, il film sarebbe perfetto, candidato al festival del cinema perbenista di veltroniana invenzione: una sceneggiatura impeccabile in cui la Società dello Spettacolo e il Circo del Sociale si confermano i più efficaci strumenti di visibilità politica per associazioni, partiti e ominidi portaborse e portatessera. I villaggi della solidarietà non sarebbero nient’altro che dei megacontenitori per merce umana, ora sparpagliata su tutto il territorio romano: un concentrato di esseri umani rigettato su qualche chilometro quadrato. Ecco che ‘Roma città aperta’ si trasfigura in Rom città chiusa (è il titolo di un documentario prodotto nel 2001 da Manfredi, Marchetti e Pasquini) e l’emarginazione sociale si fa topica oltre il Raccordo Anulare, alla faccia della tanto agognata integrazione.

I media non utilizzano tutti i dati che hanno a loro disposizione: per esempio, sono in pochi a ricordare che dei circa 160.000 rom censiti in Italia, il 60% sono in realtà cittadini italiani. La maggior parte dei giovani di terza e quarta generazione sono nati e cresciuti in Italia; se si sono trasformati in cittadini stranieri o in cittadini invisibili, apolidi de facto, è soltanto a causa del bizzarro funzionamento di un preciso dispositivo di legge, quello cioè sulla cittadinanza (Legge n. 91/92). Prima di riuscire a garantire il diritto, questa legge crea infatti delle assurde quanto inestricabili trame burocratiche, in cui restano impigliate le vite di migliaia di persone.

Entrata in vigore nel 1992, con essa si stabiliscono le modalità di naturalizzazione per le persone nate in Italia da cittadini stranieri. Riassumiamo. Lo straniero nato in Italia acquisisce la cittadinanza italiana solo nel caso in cui ‘vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età’ e dichiari di volerla acquisire entro un anno a partire da questa data. Sembrerebbe, quindi, che ‘manifestare la propria volontà’ possa bastare al soggetto richiedente per poter ottenere la cittadinanza. Contrariamente a qualsiasi logica, però, il Decreto di Attuazione (DPR 572 del 1993) relativo a quella disposizione dispone che il soggetto, oltre a dover manifestare questa volontà, debba altresì dimostrare di aver risieduto legalmente sul territorio; ma il soggetto potrà dimostrare di risiedere legalmente sul territorio soltanto se i suoi genitori avranno a loro volta potuto mantenere la propria posizione regolare, vale a dire: permesso di soggiorno e residenza ininterrotta per l’intero periodo dei diciotto anni. Detto in altre parole: se i genitori di un bambino nato in Italia non avevano il permesso di soggiorno al momento della sua nascita, anche se il bambino viene iscritto nel registro dell’ufficio anagrafico, di fatto questa iscrizione non basta. Solo l’iscrizione del bambino nel permesso di soggiorno di uno dei genitori garantisce, infatti, la ‘legalità’ della residenza. Migliaia di quei bambini, oggi ormai adulti, pur avendo frequentato le scuole italiane e pur avendo vissuto tutta la loro esistenza in Italia, sono diventati ‘irregolari’ o apolidi al compimento del loro diciottesimo anno di età. È bastato semplicemente che i genitori al momento della loro nascita non avessero un permesso di soggiorno o che, pur avendolo, non avessero formalizzato l’iscrizione anagrafica con l’inserimento del bambino nel permesso di soggiorno, perché il ‘gap’ legale della residenza, di qualche mese o di un anno, fosse sufficiente al rigetto delle domande di cittadinanza.

Per anni è mancata una legge organica sull’immigrazione che regolasse lo status dei cittadini stranieri in Italia. Il progressivo inasprimento delle procedure di regolarizzazione, legate per lo più al possesso di un lavoro, ha molto rallentato il percorso di regolarizzazione per tutti i migranti stanziali di prima generazione (nati tra la seconda metà degli anni ’70 e la seconda metà degli ’80). Una situazione drammatica per chi avesse scelto di vivere in Italia, ma altrettanto drammatica per quasi tutti bambini che sono nati in Italia alla fine degli anni ’80, quindi prima del varo della legge sulla cittadinanza del 1992.

In uno Stato di diritto non dovrebbero vigere le buone intenzioni, soprattutto quando si devono sanare oltre venti anni di segregazione forzata (in tuguri) di quelli che, per comodità filosofica o politica, siamo soliti definire nomadi.
Se si leggono le delibere e i piani di intervento per l’istituzione dei campi approvati negli ultimi 6/7 anni dalle amministrazioni capitoline, si scopre che lo Stato di diritto è stato praticamente sospeso e trionfano, purtroppo, le buone intenzioni. L’enorme sforzo intellettuale di quelle amministrazioni ha partorito, nei confronti di queste popolazioni, un progetto residenziale fondato su tre livelli di ‘integrazione sociale’:
– i campi sosta, definiti aree di sosta temporanea;
– i villaggi attrezzati, cioè strutture fornite di moduli abitativi prefabbricati;
– gli inserimenti abitativi, vale a dire l’assegnazione di case popolari per tutti i cittadini rom italiani e per i cittadini rom stranieri legalmente soggiornanti sul territorio italiano.
Il primo livello prevede i servizi di base e un tempo massimo di permanenza di 12 mesi. Il secondo prevede l’inserimento nei villaggi attrezzati per una durata massima di 36 mesi, prorogabile, ma sempre in funzione della successiva assegnazione di case.
Infine, l’inserimento e la permanenza nei campi sosta, così come nei villaggi attrezzati, può avvenire soltanto sulla base della provata ‘buona condotta’ dei rom. I rom, essendo nomadi nell’immaginario collettivo dei loro detrattori e di molti untori dei diritti umani, dovrebbero comportarsi secondo norme che le amministrazioni municipali redigono sotto forma di ‘Patti sociali’. In queste strane scritture viene persino prescritta una sorta di codice di condotta della vita privata, a cui le persone dovrebbero attenersi per essere degne di integrazione: è come se il proprietario di casa ci facesse stipulare un contratto d’affitto solo a condizione che i bambini vengano mandati a letto presto, o che la presenza di qualsiasi ospite venga tempestivamente ‘denunciata’ al corpo di Polizia Municipale.

Di solito, nei Patti sociali sono anche accennati i doveri che l’amministrazione assume nei confronti dell’assegnatario di un posto in un campo sosta o di un prefabbricato nei villaggi attrezzati: si tratta di servizi minimi e del rispetto delle più elementari garanzie di sicurezza sociale: acqua potabile, sistemi antincendio, manutenzione straordinaria, ecc., come si addice a luoghi destinati alla pubblica convivenza. Il fatto è che le amministrazioni non assolvono quasi mai a tali espliciti doveri, oppure lo fanno in maniera soltanto parziale, cavalcando e sfruttando la serie dei soliti pregiudizi metropolitani (mascherati da discorsi d’opportunità politica) per giustificare le loro stesse inadempienze.

È importante sottolineare come tutti i progetti di sgombero seguano sempre le stesse modalità e rendano sempre conto degli stessi processi politici e sociali; in essi, ricorrono le stesse tipologie progettuali di allestimento, di gestione e di manutenzione dei campi ‘attrezzati’ per i rom. È tutto un copia e incolla di delibere, regolamenti, piani di intervento, ordinanze, ecc. A cambiare sono solo gli importi che vengono versati per gli appalti di messa in opera, rinnovati continuamente ed aumentati esponenzialmente a fronte di proroghe e autorizzazioni che altro non fanno che rendere di fatto ‘eccezionale’, e perciò ancor più precaria, ogni soluzione prospettata per la ‘sistemazione’ dei rom: una manna(ia) dall’alto.

Era il 2005 quando il campo di Vicolo Savini, dove da quasi trent’anni abitavano 770 persone, viene sgomberato per ‘emergenza sanitaria’. Trent’anni di emarginazione non possono che produrre emergenze sanitarie. Al km 24 della via Pontina, nei pressi di via di Trigoria, fu allestita dalla Protezione Civile una tendopoli: 200 tende, ognuna per gruppi di 4 o 5 persone, 100 gabinetti chimici, 3 serbatoi d’acqua, 2 tendoni per le cucine, e una trentina di docce. Il più grande campo d’Europa fu distrutto e Walter Veltroni, in compagnia dell’Assessore alle Politiche Sociali Raffaella Milano, illustrò alla stampa progetti e prospettive cui sarebbero state destinate quelle vite, sradicate da un terreno di proprietà dell’Università Roma Tre. Dopo due mesi di permanenza, la comunità avrebbe dovuto essere spostata in sistemazioni più confortevoli, composte da moduli abitativi prefabbricati, e presso aree che l’amministrazione comunale avrebbe individuato, garantendo altresì il rimpatrio facilitato nei paesi d’origine per alcuni o l’accesso ai fondi destinati all’emergenza abitativa per altri. Il megacampo di Castel Romano, prototipo dei famosi villaggi della solidarietà, nasce così da un un lancio di dadi sulla Pontina, nell’area di Decima Malafede.

Decima Malafede è una Riserva Naturale, sottoposta a vincolo ambientale; una serie di norme regionali ne garantiscono – o dovrebbero garantirne – l’inviolabilità del territorio, del suolo, delle specie animali e vegetali e delle falde acquifere. Un Ente Autonomo della Regione Lazio (Roma Natura) ha il compito di renderle esecutive. I rom del campo non hanno acqua potabile, ma l’amministrazione comunale, oltre ad aver davvero fornito ai rom dei moduli abitativi prefabbricati installandoli in un’area sottoposta a vincolo ambientale, ha provveduto immediatamente al riequilibrio del disagio idrico: le autobotti riforniscono le persone di acqua nera e maleodorante, che deve bastare a tutti per lavarsi, pulire, cucinare – e per bere. (*1)

Il divieto di utilizzare le acque della riserva naturale (DL n.152 del maggio 1999) ha come conseguenza almeno due altre fondamentali omissioni di gestione che rendono inaccettabile la qualità della vita nel campo: l’impossibilità di allestire un sistema fognario e l’impossibilità di rendere funzionante un impianto antincendio. Le ditte appaltate per la messa in opera del campo hanno provveduto alla fornitura delle attrezzature antincendio; il dubbio potrebbe sorgere qualora si scoprisse che non vi sono schede tecniche di collaudo delle stesse. E il dubbio si rigenererebe da sé se volessimo chiedere di verificare le schede di manutenzione ordinaria che ogni sei mesi vanno compilate dalla ditta che se ne occupa. Per capirci: ci sono le manichette per gli idranti, ma non possono essere collegate alla rete idrica.

E i bambini, tanto cari alle amministrazioni comunali? Per i bambini sono previsti progetti di scolarizzazione e innumerevoli altri progetti e progettini, gestiti da varie associazioni sinistroidi o pseudoumanitarie che inghiottiscono, disperdono e volatilizzano il denaro pubblico senza mai arrivare alla realizzazione degli impegni assunti. Per esempio, i progetti di scolarizzazione prevedono pulmini per portare a scuola i bambini. Ma a scuola i bambini ci andrebbero molto più volentieri se, anziché fare un tragitto di circa un’ora e mezza per raggiungere la scuola assegnata da un Protocollo di Intesa ormai vecchio e non più adeguato alla realtà dei fatti, potessero accedere alla molto più vicina scuola di Pomezia. (*2) Dove sta allora l’origine di quel grave fenomeno che sociologicamente viene chiamato ‘dispersione scolastica’?

Per il campo attrezzato di via dei Gordiani, il Patto sociale firmato nel 2002 dall’ex presidente del VI municipio, il dott. Vincenzo Puro, e dai capofamiglia assegnatari dei moduli abitativi prefabbricati, ribadiva il carattere transitorio della sistemazione in containers per le persone che da quasi 35 anni vivono in Italia. Le tragedie che hanno investito le famiglie residenti in quel campo sono innumerevoli. L’ultima si consuma il 30 ottobre 2007. Appena il giorno prima, agenti della polizia municipale avevano consegnato a cinque capofamiglia, assegnatari di altrettanti containers, un invito ad allontanarsi dal campo. Poche ore dopo, alle 7.30 del mattino, una ruspa agli ordini di Antonio Di Maggio, Comandante del Gruppo Sicurezza Urbana della Polizia Municipale, ha fatto molto più che rendere esecutivo l’invito di allontanamento. Accusati di varie malvivenze, tra le quali il possesso di stupefacenti ai fini di spaccio, uomini, donne e bambini sono stati cacciati dal campo, e i loro averi distrutti. Eppure, in uno Stato di diritto esiste ancora un codice penale e uno civile; il dubbio si insinua: chi ha violato le leggi italiane e chi quelle internazionali? Ad una giovane donna, per esempio, nemmeno è stato notificato l’invito ad allontanarsi dal campo: era in ospedale, affetta da broncopolmonite. Dimessa qualche giorno dopo, si è trovata improvvisamente per strada; lo stesso è successo alla madre, malata di cancro. Suo nipote, cittadino italiano, seguiva un corso di inserimento professionale dopo il diploma di terza media: è costretto ora a ricominciare daccapo e a ricomprarsi i libri, andati tutti distrutti assieme al resto, sotto i colpi di mandibole d’acciaio obbedienti agli ordini impartiti.

Qualche ora dopo, in un altro tugurio della capitale italiana, si consumava l’omicidio Reggiani: la violenza è aberrante, non ha connotazioni etniche. La morte di qualcuno, la sua sofferenza, l’immaginarne il dolore non possono che indurre pudore e rispetto. Le riflessioni sono sempre successive, il pensiero si organizza sì, ma questo avviene sempre un attimo dopo. Invece la razionalità utilitaristica degli uomini che ricoprono alte cariche istituzionali ha dato prova del suo cinico opportunismo: un decreto ad hoc che scuote anche quella minima, irrisoria percezione dell’uguaglianza formale di tutti i cittadini europei davanti alla legge europea. La Sottosegretaria al Ministro dell’Interno, Marcella Lucidi, nella puntata de L’Infedele del 7 novembre, spiega che il Ministero dell’Interno è contro ogni forma di discriminazione e che pertanto è giusto non criminalizzare l’intera comunità romena per l’omicidio Reggiani. Le sue parole, caute ed educate scatenano un altro dubbio: è possibile che sia ignara dell’operazione di polizia e pulizia etnica condotta con perizia e disciplina a Roma, nei campi rom? Il consenso costruito sulle e contro le miserie che la nostra società genera è pericoloso. Chissà se Walter Veltroni e gli uomini del suo gabinetto ricordano di aver studiato la storia italiana, soprattutto quella che va dalla fine della prima guerra mondiale ai giorni nostri. Ma certo, che stupidaggine è mai questa, Veltroni ogni anno va in pellegrinaggio ad Auschwitz. Solo, a questo punto, non è ben chiaro che cosa ci vada a fare.

Note
1. Il manifesto – Riccardo Iori, 4/11/ 2007.
2. Il Messaggero – Claudio Marincola, 7/11/2007.

(Foto di uno dei container distrutti a Via dei Gordiani il 30 ottobre)

12 Responses to Dubbi indiscreti (La gestione dei campi rom)

  1. sparz il 28 novembre 2007 alle 10:58

    Grazie, Andrea di questo pezzo che mi insegna così tante cose che non sapevo, o che soltanto sospettavo. Ad esempio le difficoltà burocratiche, e ovviamente non solo, per l’ottenimento della cittadinanza non mi erano note, pensavo ingenuamente che per i nati in Italia fosse automatica. Perfino i selvaggi USA ai nati nel loro Sacro Territorio concedono la cittadinanza in automatico. C’è da chiedersi se il veltronismo, più perbenista, insinuante e mascherato del berlusconismo, ne sia meno pericoloso per il paese in generale.

  2. antuàn il 28 novembre 2007 alle 11:34

    avanti veltroni!

  3. Giocatore d'Azzardo il 28 novembre 2007 alle 12:24

    Andrea, complimenti per il post. E a dimostrazione che serve far passare le notizie vere (vedi il mare umano di ‘apolidi’ che popolano e popoleranno l’Italia in futuro) ecco l’intervento di Sparz che non sapeva della ‘questione cittadinanza’.

    Sai cosa mi meraviglia Andrea di questa serie di articoli: la clamorosa ignoranza (nel senso di non conoscenza) che aleggia su temi fondamentali quali la cittadinanza. Fino a quando questi temi non saranno risolti alla radice, tutto il resto rimarrà chiacchiera fine a se stessa ed è su questi temi che deve nascere un movimento d’opinione.

    L’altro aspetto ‘strano’, e mi ha meravigliato, è che il tema ‘apolidi’ fosse chiaro a uno come me, che di sinistra non ne vuol sentire parlare nemmeno sotto voce, e molto poco chiaro a chi di sinistra si proclama e dovrebbe essere, teoricamente, molto più informato di uno che passa le sue giornate (o meglio serate e nottate) a giocare a carte.

    Vuoi vedere che vivere al di fuori dei circuiti informativi ‘standard’ ha anche qualche vantaggio?

    Blackjack.

  4. giulia il 28 novembre 2007 alle 14:22

    Grazie davvero per questo post così ben documentato, Giulia

  5. gianni biondillo il 28 novembre 2007 alle 15:34

    Blackjack, forse NI è proprio uno dei tanti circuiti informativi NON standard. Tu che ne dici?

  6. andrea inglese il 28 novembre 2007 alle 16:23

    a sparz e black jack
    nei commenti al post “quelli che vengono dall’altro mondo” bj aveva sollevato la questione dei bambini apolidi; e sono stato contento che essa sia stata affrontata dalle due autrici nel loro pezzo; e tutti i meriti vanno a loro che da tempo seguono le vicende dei rom, e hanno sentito l’esigenza di comunicare alcune situazioni che hanno conosciuto direttamente.

    C’è una quantità di elementi di realtà, di dati ed esperienze, che sono sistematicamente elusi dai circuti informativi standard e generalisti; è nostro dovere riappropriarcene, per poter ragionare sulle cose, e non lasciarci solo trasportare emotivamente dagli episodi del grande feuilleton mediale; la rete è un’occasione dunque per “ritessere” questi saperi e queste esperienze, che in realtà esistono ma in condizione atomizzata, dispersa, clandestina.

    Ognuno di noi, in fondo, è oggi un potenziale nodo di “informazioni” alternative o supplementari a quelle dei grandi media generalisti. Lo sforzo vero, in tempo e energia, è passare da questo stadio potenziale ad una attuazione, seppure puntuale e circoscritta.

  7. lunkhead il 28 novembre 2007 alle 16:56

    Mi aggiungo al coro di chi ringrazia per questo post. Ho potuto scoprire molte cose che non sapevo.

    Veltroni non mi ha mai conquistata, ma adesso comincio davvero a stomacarmi. Con la sua aria da Messia d’accatto e un curriculum che annovera una serie di viaggi in Africa e di “libri” pietistico-girotondini (non sia mai che si finisca per scontentare i “morettiani”!), lui, che ha proclamato solennemente che avrebbe abbandonato la politica alla fine del secondo mandato come sindaco di Roma per dedicarsi ad attività a sostegno dell’Africa (salvo poi divenire il signore e padrone del PD appena qualche mese più tardi…), si ammanta di tolleranza e solidarietà, ma non può far a meno di compiacere i suoi elettori con sgomberi ed espulsioni. Perché i rom non sono mica teneri come i bimbi africani! I veltroniani in collier di Bulgari e Tod’s sono giustamente commossi dai pancini gonfi di vuoto dei bimbi del Sudan, ma se ne infischiano se altri bambini che abitano in Italia vivono come e peggio di quelli. Hanno più a cuore il “decoro” della loro città e la sicurezza di continuare ad essere sempre e comunque la classe dominante e soverchiatrice…

    Scusate lo sfogo.

  8. lunkhead il 28 novembre 2007 alle 16:57

    Oooops!
    Errata corrige: nella terza riga del commento intendevo scrivere “comincia” e non “comincio”. Sorry!

  9. Giocatore d'Azzardo il 28 novembre 2007 alle 18:34

    Biondillo, ma quando io parlo di circuiti informativi non ‘standard’ parlo di altri circuiti che trattano altre informazioni; per esempio, sono informatissimo su KEM, NTP, Fournier, Copeg, persino Modiano. Le mie preferite rimangono comunque le Fournier (le 18 standard per l’esattezza).

    Sono carte, marchi di mazzi di carte. E le informazioni le raccolgo direttamente ai tavoli, si fa prima e quasi sempre provengono da fonti primarie. Sai, la gente, quando perde a carte, ha la tendenza a cercare di riassumere il proprio ruolo originale, rimesso pesantemente in discussione, magari da uno sconosciuto, e allora racconta, parla, esce dagli schemi.

    Eh, dovessi sapere quanta gente diversa passa sui tavoli di carte di bische e Casinò ;-)

    Blackjack.

    PS: comunque complimenti per gli articoli, quando ci vuole ci vuole!

  10. Giocatore d'Azzardo il 28 novembre 2007 alle 18:38

    Andrea, parli di ‘migrare’ dal ruolo di dententori (parziali) di informazioni al ruolo di potenziali attuatori. Per quanto mi riguarda vedo complesso un simile passaggio, semplicemente per il lavoro che faccio; ciò non toglie che riesca sempre a meravigliarmi la mancanza di ‘pressione civile’ che esiste in Italia.

    E quando compare è quasi sempre sterile e fine a se stessa: destinata a durare il tempo della polemica. Ok, sto facendo polemica e smetto.

    Blackjack.

  11. marco rovelli il 28 novembre 2007 alle 21:51

    Far conoscere la situazione dei rom è essenziale. In giro degli “zingari” si pensa tutto il male possibile, lo sappiamo benissimo. Io lo vedo a scuola, anche. Spesso esco ferito dalla ferocia dei ragazzi. Eppure ci sono tante cose elementari che non si sanno. Che il loro nomadismo è spesso obbligto. Che i campi sono un’anomalia italiana. Eccetera eccetera. Bisogna insistere, anche se di fronte ai ragionamenti, ahimé, la panza è sempre più forte, e tante orecchie restano serrate. (Scusate ma oggi sono parecchio pessimista, d’umor nero, dopo le discussioni a scuola su queste cose – se a qualcuno interessa sul mio blog lo spiego il perché)

  12. Angelo il 17 dicembre 2007 alle 12:32

    A parte che dopo i Rom si troverebbe qualche altro bel capro espiatorio…
    A parte questa amara verità, i campi, che siano per presunti “nomadi per scelta” o di altro tipo (prima accoglienza, concentramento, di lavoro, ecc.), sono una cosa aberrante, evidente segno di disumanità quando diventano la regola nei rapporti con una specifica comunità (si veda Agamben e il suo Homo sacer).
    Rinchiudendo persone in un campo si sospendono i diritti normali di cui una persona, un cittadino dovrebbe godere, installando un diritto speciale per cui “quelli lì dentro” non hanno i nostri diritti come quello alla casa, all’igiene, al lavoro, ecc.
    Gli stereotipi vanno tanto perché sono una comodità cognitiva che non ha eguali. Ma sono una semplificazione della realtà che non ha riscontro, se non in minima parte.
    “Tutti i Rom sono ladri” o “tutti gli italiani sono furbi/pizza/mandolino/cappuccino/mafia/buonacucina e quant’altro” sono discorsi generalisti che non risolvono nulla e contribuiscono solo ad alimentare capri espiatori o costruzioni dell’altro come nemico.
    Il problema dei diritti fondamentali dell’uomo e del cittadino è ancora lontano dall’essere risolto, il “problema zingari” ne è una dimostrazione evidente.
    C’è non conoscenza dei diritti, c’è gelosia dei propri diritti, c’è bisogno di un nemico sempre e comunque…
    Una via per cambiare le cose per me è il riconoscimento dei diritti anche per quelli che la maggioranza di noi considerano esseri umani di serie B o C come i Rom, solo sporchi, ladri, ecc. (I rom sono una delle popolazioni più colpite dal Nazismo (500-600000 vittime), eppure quasi nessuno conosce il termine “Porrajmos”, cioè l’equivalente della Shoah, dell’Olocausto per i Rom stessi => sono anche vittime di serie B). Includendoli nei diritti sarebbero inclusi nel diritto e portatori di doveri, non esclusi in una dimensione parallela.
    Iniziamo a chiamarli Rom/Sinti/ecc. e non più “zingari”, che sarebbe già un passo avanti



indiani