Un viaggio con Francis Bacon # 5 (13 pictures of an exhibition)

28 febbraio 2008
Pubblicato da

 blood-on-the-floor-painting-1986.bmp

di Franz Krauspenhaar

1. Mi sveglio alle tre dopo aver sognato di essermi perso in un documentario che parlava di me… A un tratto, un tipo ambiguo che mi offriva delle pillole per dormire accende un grande televisore al plasma nel quale trasmettono un documentario su Bacon; dell’artista nessuna traccia, solo la mia voce off che racconta della sua arte, e la visione di quadri astratti uno più improbabile dell’altro, dai colori pastello, che scorrono uno dopo l’altro a una velocità pazzesca. Io continuo a recitare il mio racconto con parole assurde. D’improvviso la pubblicità di alcuni libri: il tizio, con un telecomando, ingrandisce la foto  di un Adelphi dalla copertina color pesca, di un certo Robert Spock. Penso a Muriel Spark invece che all’omonimo personaggio di Star Trek dalle orecchie a punta. Mi sveglio di soprassalto, col solito mal di testa. Accendo immediatamente una sigaretta.

2. E’ consolante un Moment alle tre di notte. E’ consolante questo nome dato al farmaco, così beneaugurante. In mancanza del sollievo, ci accontentiamo della consolazione, mentre la testa baconiana sta per esplodere per la tensione, e i denti digrignano un sorriso da squalo.

3. Penso al fatto che Bacon potrebbe aver dipinto una serie impressionante di incubi. Anzi: quei visi e quei corpi trasfigurati stanno a metà tra l’incubo mostruoso e le figure dei personaggi dei cartoni animati. Dei cartoni sono molti sfondi, dai colori piatti. O certi letti (piazza d’armi di quei personaggi maschili che si avvicendano nelle opere ) che sembrano delle caricature per Hanna & Barbera. Certe porte, certi battiscopa… La vita è un incubo cartoon, sembra a me suggerire quest’arte in molte delle sue tranches de vie.

4. Bacon nel Marlon Brando di Ultimo tango –; più che altro nell’ “oh fucking…”, reiterato, mentre il divo sodomizza al burro Maria Schneider. Bacon come vizio assurdo di vivere nella notte la penetrazione della figura fuori campo.

5. In uno qualsiasi dei self portraits siamo anche raffigurati noi allo specchio, dopo una notte insonne come questa, o dopo un turbinio d’amore con qualcuno che ci ha fatto soffrire e che abbiamo fatto soffrire.

6. Il pittore in molte foto della maturità ha davvero l’espressione e l’andamento del classico vecchio frocio. La leggendaria giacca di pelle risplendente sotto le luci artificiali, il trucco in faccia ben posto, i capelli tinti color Chupa Chups alla cola, il viso tra l’assente e il beffardo. E’ bardato da protopunk, mai una cravatta, tutte evidentemente date ai suoi uomini nei suoi quadri; e pantaloni sempre di buon taglio, eleganti. Bacon nella maturità è un bel mix umano di volgarità e distinzione – molto inglese dunque, molto da personaggio hitchcockiano di Frenzy ( fa il grossista di frutta e verdura ma ammazza un sacco di donne e ha una sua eleganza, anche nel farlo…)

7. FB ha sempre detto di non essere un tipo musicale. In effetti non mi riesce di pensare a una musica o a un compositore che accompagni la sua arte. In un primo tempo pensai a Samuel Barber, lo squisito autore americano (e omosessuale) del celeberrimo Adagio for strings; ma proprio pensando a quest’opera ci sento, ancor più nel ricordo, uno struggimento pervasivo che con la pittura di FB non ha nulla a che fare. La pittura contemporanea raramente suscita emozioni positive, commozione. Tanto meno quella del nostro eroe.

8. Alla fin fine è più baconiano il Franco Franchi di Ultimo tango a Zagarol  del Bertolucci original. E’ un po’ come dire, allora: non è baconiano proprio nessuno, ma è anche come dire, però, che Bertolucci è maledettamente retorico, sempre. FB è disturbante, mai retorico, mai veramente sopra le righe, anche se qualcuno potrebbe asserire il contrario.

9. Alla fine della corsa. Si potrebbero dire e scrivere molte altre cose ma c’è in agguato per me il lusso – che non posso permettermi – di ripetermi. E sono stanco. Vedremo nel futuro.  Inoltre, non credo dignitoso saccheggiare la sterminata letteratura sul nostro eroe. Da proletario della vita, preferisco buttare giù gli ultimi schizzi, come se stessi disegnando lo storyboard di un cartone animato su Bacon, che non verrà mai realizzato. Opere incompiute a iosa, è il nostro destino.

10. Musicalmente, ora penso, si potrebbe accompagnare un qualsiasi quadro del genio con una ipotetica versione di Satisfaction dei Rolling Stones eseguita dai Sex Pistols nel modo come sconvolsero quel brutto pastone di My way di Sinatra. Penso davvero che questa colonna sonora potrebbe andare a pennello per la follia dei suoi quadri.

11. Il rosso del sangue e del bordello. E poi tutti questi interni. Difficile trovare un vero esterno, riconoscibile come tale. Anche quando dipinge Soho e un’automobile, sembra di essere in uno studio. Bacon ficca davvero tutto il mondo esterno nel suo studio, lo fa non solo nella sua mente, potrei dire, ma anche nell’evidenza della sua arte. Il mondo si chiude in studio e si mette in posa, e chi s’è visto s’è visto.

12. Un esterno facilmente visibile è quello di un quadro di due nuotatori a coppia, uno dietro l’altro, identici, ai bordi di una piscina. Il cielo è di un azzurro piatto come non mai, cielo da cartoon. Ecco l’eccezione che conferma la regola: quel cielo è ricostruito in studio ancora una volta, è il cielo di un disegnatore della Warner Bros, è il cielo di Will Coyote.

13. In certe interviste si nota una certa modestia dell’artista. Anzi, una certa salda umiltà. Ne viene fuori il ritratto di un uomo che artigianalmente, giorno dopo giorno, si mette all’opera tentando di cavare qualcosa di buono. Niente proclami, niente “poemi”, niente gigantismi programmatici: lui, come ogni vero artista, è soprattutto un artigiano che sottomette il suo talento. Conosce la verità: ogni grande opera è fatta di metodo – anche caotico, anche anarchico – e di duro, giornaliero lavoro. Il resto, direi anche queste, sono chiacchiere.

self-p-69.bmp

(Fine. Immagini – in alto: Francis Bacon – Blood on the floor painting, 1986. In basso: Self portrait, 1969. Puntate precedenti  #1     #2    #3    #4  Su Bacon ho già scritto per NI qualche anno fa. Qui )

Tag: , , , ,

10 Responses to Un viaggio con Francis Bacon # 5 (13 pictures of an exhibition)

  1. véronique vergé il 28 febbraio 2008 alle 08:44

    E’ un testo che accoglie gli ucelli della notte, i viaggiatori in angoscia, quando la notte è nella ferita del Tre ore della mattina.
    La menta lavora, partorisce d’incubi: volti trascinati dal tempo, corpo d’infanzia prigioniero del cuore adulto.
    Si vede con chiarezza questa tela con macchia di sangue, questa tavola che custode la morte dell’amore, i cadaveri, la presenza del dolore come una macchia di pittura nella menta, una stella.
    E’ il volto blu del pittore, del scrittore, del poeta, raggiunge questa solitudine della notte: il punto blu incubo delle tre ore, che conosco bene.
    Questo testo mi ha toccata.

  2. fem il 28 febbraio 2008 alle 22:41

    Ci voleva un Virgilio speciale per addentrarsi in tale Inferno. Cinque passi alla volta.

    grazie Franz

    fem

    (il quadro della piscina si può vedere anche in rete?)

  3. franz krauspenhaar il 29 febbraio 2008 alle 09:13

    http://www.troubling.info/wp/wp-content/uploads/2007/09/bacon_twomen.jpg

    Il quadro si intitola “Two men working in a field”, ed è del 71. E’ curioso – almeno per me- il fatto che, nonostante il titolo, io abbia “visto” la scena in modo ben diverso da come suggerisce il titolo: due addetti alla piscina, o nuotatori, che puliscono, appunto, una piscina sporca; mentre per Bacon si tratta quasi sicuramente di due onesti lavoratori della terra in un campo.

    Grazie a Fem, grazie a Veronique e a tutti coloro che hanno seguito questo mio piccolo viaggio con Francis Bacon.

  4. Nicole Diver il 29 febbraio 2008 alle 09:40

    Bacon sempre più presente nelle nostre vite. Applausi da spellarsi le mani all’autore del pezzo.

  5. Nicole Diver il 29 febbraio 2008 alle 09:46

    Guardando il quadro delle Tow Women io ci ho visto pesone che cercano di rastrellare un occhio, che poi è quello che faceva anche Bacon con se stesso ed è anche l’effetto che i suoi quadri fanno ai miei occhi.
    Bacon è immenso.
    Segnalo anche questo articolo:
    http://iconoclastique.blogspot.com/2008/02/love-is-devil.html

  6. franz krauspenhaar il 29 febbraio 2008 alle 11:23

    Grazie Nicole.

    Invito anch’io a leggere il pezzo linkato.

  7. véronique vergé il 29 febbraio 2008 alle 16:10

    Franz, ho trovato originale l’analisi mescolata al tuo percorso di creatore.
    Molto bello nello stile e l’idea.
    Di più ho trovato una corrispondenza nella notte, l’impressione di non essere sola a affrontare l’angoscia e la solitudine.

  8. Iconoclastique il 29 febbraio 2008 alle 16:23

    come dici tu il nostro amico sembra molto post punk. anche io avevo pensato ai rolling stones ma a “gimme shelter”, però adesso che ci penso andrebbe bene anche lo Sparlklehorse di “good morning spider”. hai ragione niente proclami, belle le tue “chiacchere”.

  9. Elisa il 1 marzo 2008 alle 19:27

    Mi fa piacere (è pazzamente umano) che anche tu pensi bacon realizzi non solo incubi ma anche figure retoriche o da cartoons. L’ho sempre pensato ed è per quetso che lo considero un artista geniale!

  10. franz krauspenhaar il 3 marzo 2008 alle 12:22

    Grazie ancora. Ciao Elisa!



indiani