Disperato amore senza fine

29 marzo 2008
Pubblicato da

chuck-close-nancy-1968.bmp 

di Franz Krauspenhaar

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

(non ricordo più bene quella spiaggia consumata dalle scarpe mie e tue, parlavamo di progetti che svanivano surclassati da continue parole magiche, una semplicità devastante, come quando vedi alzarsi il sole e ti sembra di averlo visto allora soltanto per la prima volta)

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

(una stanchezza che non era più nostra, forse di qualcun altro che pesava la sua propria infelicità, e lo sai, lo sai bene che il nero è il colore che copre ogni altro, ogni scintilla si posa nel buco di poltiglia e cenere e si spegne, mentre la notte subentra a quel mattino di sole che era durato tutto il nostro grande giorno)

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

(amore grande parola e soprattutto grande voragine, dalla carta dura di una fotografia balza il colore blu e rosso delle nostre spugne sommate, come cigni colorati che adoravano non volare ma cercare una meta, il nido, la sembianza umana del riscatto)

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

(mille parole sventagliate come gocce di pioggia da un impermeabile ruotante da un temporale di felicità, passi da Gene Kelly e il risuonare adesso di un rimbombo che si fa cupo, come è la felicità ammazzata che si ricorda da lontano, nel cumulo delle nostre follie)

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

repeat

toh, prendi, dai, oh, dai, godi, toh, tiè tiè tiè, oh, sì, dai, oh, dai, godi, tiè, puttana, tiè, troia, toh, toh, toh, prendilo, dai, tiè, dai, godi troia dai, prendilo prendilo dai, oh sì, vacca puttana schifosa dai, oh sì dai, troia schifosa sì dai, oh prendilo dai, in bocca, toh, in culo ora dai, oh, sì, aspetta, dai, sì, oh dai sì, vacca dai sì, davanti ora dai, oh sì prendilo dai, oh sì prendilo tutto questo cazzone schifoso dai, tieni dai prendi il cazzo dai, il cazzo del porco dai, tiè toh toh toh dai, oh sì prendilo prendilo dai, dai su prendi dai toh tiè tiè, oh sì dai che vengo toh, dai che sborro dai toh, dai puttana dai muoviti dai toh, sì oh sì godo sì vengo oh, sì

repeat

repeat

repeat

(Immagine: Chuck Close – Nancy, 1968)

Tag: , ,

51 Responses to Disperato amore senza fine

  1. Lucio Angelini il 29 marzo 2008 alle 08:02

    Cfr. “Io mi son un che, quando Amor mi spira, noto, e a quel modo ch’e’ ditta dentro vo significando” (Dante)

  2. Chuck il 29 marzo 2008 alle 08:31

    Tosto!

  3. Chuck il 29 marzo 2008 alle 08:33

    mi riferisco al contrasto tra il contenuto nelle parentesi e il delirio fuori parentesi…

  4. Giuseppe Iannozzi il 29 marzo 2008 alle 08:33

    Poveretto. Fai quasi pena.

  5. missy il 29 marzo 2008 alle 09:49

    …Finalmente!
    :-)

  6. giovanni cossu il 29 marzo 2008 alle 10:40

    E così mi colpì un’improvvisa voglia di partecipare al gioco proposto da Krauspenhaar.
    Ma subito dopo mi pentii.
    Troppo in fretta le frasi fatte si erano presentate alla mia mente, quasi non fossero farina del mio sacco.
    So bene che un giudizio impulsivo è, per la fredda ragione, come l’onomatopea per le parole: una rinuncia.
    Quella che si era presentata alla mia mente, davanti alla proposta di Krauspenhaar, era infatti una onomatopea concettuale.
    La sua sostanza avrebbe offeso sia me che l’autore del pezzo.

  7. cristiano prakash il 29 marzo 2008 alle 11:09

    galleria d’arte, sfilata di opposti, porno da seghe adolescenti e amor cortese, fucking dadaismo?
    non lo so dire, non lo so capire, per cui di solito taccio.
    tuttavia, dinnanzi al non capire, talvolta mi si aprono orizzonti di vogliosa ricerca, di confronto coi miei limiti.
    stavolta no

  8. Jimmy il 29 marzo 2008 alle 11:29

    Cambia mestiere.

  9. franz krauspenhaar il 29 marzo 2008 alle 11:49

    Giovanni scusa non ho capito quasi nulla del tuo commento.

  10. giovanni cossu il 29 marzo 2008 alle 13:56

    Non sono abituato all’esegesi della mie parole, ma siccome sono io che mi sono messo in questa situazione, una risposta è dovuta.
    Ho provato imbarazzo davanti a “Disperato amore senza fine”. Ma non perché questo amore appaia in qualche modo disperato. Perché non ho capito.
    La prima reazione, in queste condizioni [saranno i neuroni specchio] è fare il verso all’autore.
    La prima risposta, quindi, era stata quella che ho chiamato “onomatopea concettuale”, un leggero pezzo, poche righe che trasportassero la forma di quella scrittura in un altro ambito fisiologico. Vedendo se per caso quella forma – sempre lei – riusciva a nobilitare anche quello.
    Se non ci riusciva era la forma ch’era sbagliata.
    Non lo nobilitava.
    Quella scrittura era sbagliata.
    Ma questo modo risulta quasi sempre infantile e ci si preclude un ulteriore analisi per assicurarsi che davvero non ci sia sfuggito qualcosa.
    Ho quindi letto e riletto “Disperato amore”.
    Dopo un po’ lo sapevo a memoria.
    Ma non erano le parole del testo, bensì i ricordi delle mie esperienze, e con quel pezzo non avevano niente a che vedere.
    E dire che sono stato disperato anch’io.
    Poi alla fine, finalmente ho capito: è pop.
    Ma che dico è poetry writing.
    Ancora i neuroni specchio e sono uscito di casa.
    Sulla facciata di Santa Maria Novella, appena restaurata, ho disegnato con le bombolette un segnale di divieto di sosta, e l’ho pure scritto:
    DIVIETO DI SOSTA.
    A chi verrà mai in mente che le volute e i ricami dell’Alberti sono le decorazioni che accompagnavano le candide lenzuola dei miei vent’anni?

  11. franz krauspenhaar il 29 marzo 2008 alle 14:05

    Dico la mia. (Anche l’autore di un pezzo ha una sua idea, di solito). Penso sia pop.

    In questo senso: penso che ognuno, in un pezzo del genere, può ritrovarci (o non ritrovarci) se stesso. O altri. Può sentirlo vero o artefatto. Una boiata totale o un pezzo di vita. Per me è impossibile prendere sul serio una cosa del genere. E anche NON prenderla sul serio. Ecco perchè i commenti, in questo caso, secondo me sono importanti.

    E’ tutto come con le canzoni pop, che ci accompagnano nella vita.

    Non ho capito la storia finale del Divieto di sosta, ma dev’essere un mio limite.

    Grazie della spiegazione.

  12. véronique v il 29 marzo 2008 alle 15:09

    Le parole mi rendono ammalata.

  13. véronique v il 29 marzo 2008 alle 15:32

    Il rispetto della donna essiste.
    Franz, preferisco i brani che svelano la tua sensibilità: la memoria del tuo cuore e non questo delirio di masturbazione.
    Mi rammento un brano superbe a proposito del padre o il saggio su Bacon.

  14. véronique v il 29 marzo 2008 alle 15:35

    Io, lo prendo sul serio!

  15. Gena il 29 marzo 2008 alle 16:33

    Che sia un pezzo pop non ci sono dubbi, sicuramente originale, è proprio un pezzo a tinte forti.

    G.

  16. missy il 29 marzo 2008 alle 17:03

    evabbè…. non è che si può parlare sempre di Bacon.
    Oddio, leggere un saggio con il tuo repeat… farebbe molto beat!

  17. valeria il 29 marzo 2008 alle 17:35

    ma quanto chiacchieri, ragazza mia.
    Scopami subito, altrimenti vado Via

    Franco Marcoaldi

  18. santina sorvoliamo il 29 marzo 2008 alle 19:03

    io una volta lo presi sul serio, ma ci rimasi molto male, ferita dentro.

  19. franz krauspenhaar il 29 marzo 2008 alle 19:21

    Verò, ti ringrazio, ma forse ha ragione Missy, non si può sempre parlare di Bacon…

    Santina, ma sorvoliamo davvero?

  20. jolanda catalano il 29 marzo 2008 alle 19:41

    Disperato amore senza fine,questo il titolo.
    Ora,Franz,io credo che la splendida e superba parte in corsivo sia più che significativa ed esplicativa,un corpo mobile,di quell’amore disperato e senza fine.
    L’aver collocato nelle vicinanze,in modo così reiterato,a volte in neretto,una rappresentazione del sesso,permettimi “un po’ ovvia”,secondo me non aiuta l’assimilazione di quel “disperato”
    Il contrasto tra la spasmodica sessualità descritta e l’amarezza del ricordo non equilibra la bilancia della parola.

    Ma questa è solo una mia opinione e tu sai che ti dico sempre ciò che penso. Ti prego,non mi massacrare troppo!
    abbracci
    jolanda

  21. valter binaghi il 29 marzo 2008 alle 20:16

    E’ una composizione che ha un senso più pittorico che letterario o musicale.
    Una manciata di perle liriche buttate sul merdaio degli stereotipi porntube.
    La lettura semantica senza l’occhio alla sintassi fraintenderebbe il pezzo.

  22. franz krauspenhaar il 29 marzo 2008 alle 21:00

    E’ una specie di quadro pop dipinto con parole abbastanza sensate, a questo avevo pensato anch’io. Binaghi secondo me non la spara a vanvera, come si dice.

    Jolanda, secondo me quelle frasi in corsivo non sono affatto splendide; ma forse è appunto il “quadro” che conta.
    Ti ringrazio come sempre.

    Se qualcuno trova il tutto una boiata pazzesca dica pure.

  23. Eolin il 29 marzo 2008 alle 23:04

    è una boiata pazzesca che per un istante mi ha eccitato e perlopiù immalinconito. L’amore è disperato quando non chiava. Ma nel delirio letterario pare vada tutto bene; una quadro molto poco sensuale, un colore di parole conturbante.

    A scopare son tutti buoni, ma l’amare resta dolore, proficuo, ma pur sempre dolore.

  24. WD il 29 marzo 2008 alle 23:09

    che trombata
    ma io non citerei assolutamente parole come avant.pop, pop, dada e quant’altro, per niente.

  25. Nino Becchi il 29 marzo 2008 alle 23:54

    però l’immagine è bella

  26. giovanni cossu il 30 marzo 2008 alle 06:55

    Non capisco come Franz sia così pronto a riconoscere a Binaghi di averlo inquadrato in un modo per lui accettabile e di avere invece risposto così pelosamente a proposito del Divieto di sosta a Santa Maria Novella.
    C’era già tutto, lì.
    Forse Franz è stato deviato dalla parola “poetry”, ma quella era secondaria
    e si riferiva alle poche righe tra un blocco e l’alto dell’orgasmo. La parola che contava era “writing” che non era scrittura ma “graffito” [le bombolette].
    Che il segnale sia stato disegnato sulla più bella facciata che esista sulla
    Terra, voleva indicare il fatto ccome era prevedibile: quel testo è un’offesa per alcune sensibilità non solo femminili, oggettivamente.
    Il divieto di sosta sta tutto nella ininterrotta meccanicità di quell’amplesso descritto, una performance di sopraffazione, non un rapporto.
    E le volute e i ricami dell’Alberti, negati da questa scrittura, il modo ingenuo, ma poetico [questo sì] delle prime volte dei nostri vent’anni.
    E’ vero che il mio giudizio di presentava in modo esoterico. Non considero affatto il pezzo un capolavoro, tutt’altro. Ma chi si ricorda più
    la canzone “Santa Maria Novella” di Pupo, anche quello era un inno d’amore disperato, nelle sue intenzioni.

  27. Giuseppe Iannozzi il 30 marzo 2008 alle 08:57

    CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO CAPOLAVORO

    il trollaccio Iannozzi

  28. Alessandro Morgillo il 30 marzo 2008 alle 10:43

    ———– Sipario ———–

  29. franz krauspenhaar il 30 marzo 2008 alle 11:59

    Giuseppe, non ci crederai, ma apprezzo molto il tuo commento.
    :-)

    Giovanni, apprezzo davvero i tuoi interventi, e sono d’accordo – cioè li sento vicini alla mia sensibilità – in alcuni punti.
    Però non credo, come dici tu, che quel messaggio sia offensivo per le sensibilità non solo femminili ecc. Voglio dire, ognuno ci può leggere, là dentro, quello che vuole. Pure un’altra cosa, per dire.
    Tu dici “oggettivamente”.
    Ma il tuo è un giudizio soggettivo. E’ la tua sensibilità, che parla. Almeno credo.

    Ciao Morgillo.

  30. giovanni cossu il 30 marzo 2008 alle 14:07

    Scusate l’ossessività, ma sono abituato ad andare a fondo, nelle cose.
    Franz dice che è soggettiva la mia opinione sul fatto che il suo scritto “offenda “ oggettivamente alcune sensibilità, non tutte femminili.
    Non sono d’accordo.
    E’ oggettivo: prevedibile – come è avvenuto – che certe sensibilità sarebbero state ferite dal suo scritto.
    E non esistono scritti in cui, chiunque, ci possa leggere quello che vuole.
    Questo può accadere per un segno convenzionale : X [e anche questo è opinabile].
    La scrittura è invece fatta di segni, ma segno non è.
    La convenzionalità, storicamente ineludibile, l’ha già caricata di significati, di cui possiamo prevedere gli effetti.
    Ma non per questo giudico illegittima l’operazione di Franz. Anzi.
    L’offesa e la distruzione delle sensibilità sono sempre state le caratteristiche di ogni Avanguardia.
    Ma quelle cercavano di colpire sensibilità che giudicavano irretite con mezzi illeciti da una qualche Autorità Tradizionale.
    E’ qui che il problema si affaccia sull’abisso: vedi la vicenda delle vignette su Maometto.
    Le Avanguardie cercavano di distruggere l’Autorità Tradizionale e perciò colpivano le sensibilità in quanto le reputavano artificiose, costruite, imposte, ma mai avrebbero offeso La Sensibilità in quanto tale..
    E’ proprio quello che accade oggi.
    In mancanza di un’Autorità Tradizionale – i gesti eversivi sono quanto di meglio è apprezzato dal business – le avanguardie sprecano le loro funzioni in modo del tutto soggettivo.
    La provocazione è contro chi non sente e non vede come loro.
    Dice un certo Cristo agnostico (cito a memoria): “Se non sai quello che fai sarai maledetto, se sai quello che fai sarai salvato”.

    So di spendere due nomi che sono importanti per questo sito.
    Il nichilismo è una faccenda troppo seria per essere praticata senza responsabilità.
    E nella nostra storia c’è stato un Kraus che ci ha insegnato che proprio chi riesce a raggiungere la più profonda confidenza con le parole è anche quello che, con le parole, può fare più male.
    Ho cercato di imparare a scrivere per fare il più male possibile, ma nel modo giusto.

  31. franz krauspenhaar il 30 marzo 2008 alle 15:29

    Mi pare che tu la prenda troppo sul serio, sinceramente.

    Secondo me non esistono scritture sbagliate, esistono scritture brutte, semmai. Questa è una scrittura non brutta, secondo me.
    Perchè, forse, (così immaginavo e immagino io) può essere aperta a una vera interpretazione.
    Ci si può costruire sopra un’altra storia. Non è narrativa, dove ti viene raccontata una storia nella quale tu, lettore, sei tutto sommato alla mercè di chi scrive. Qui, in questo poetry writing, diciamo, ti viene offerto uno scorcio, violento, certo, ma incrociato. Positivo e negativo in un montaggio alternato.

    Le parti in corsivo sono, per questo, indispensabili. Altrimenti avresti ragione tu. (E magari hai ragione davvero, però ti dico come la penso io, e secondo me hai torto).

    Questa, insomma, almeno nel mio intento, non è una provocazione, è un esperimento, semmai. Magari di dubbio gusto. Nessun nichilismo, nella mia personale lettura.

    Sempre grazie per i tuoi affondi.

  32. a. il 30 marzo 2008 alle 16:43

    è un pezzo così vero! esiste una sola Letteratura e molti modi di leggerla. questo pezzo non offende – come ha detto qualcuna/o – la femminilità; è una sorta di requiem del rapporto donna-uomo (anche al di fuori delle lenzuola), le parentesi non vanno viste in antitesi con il testo “pop” ma testimoniano le tante sfumature della mente: la capacità di sapersi contraddire, evolvere, o anche -perché no- la volontà di rimanere in uno stato di stasi-duplice.
    a.

  33. bruno il 30 marzo 2008 alle 17:52

    E’ un rap.

  34. beccalossi il 30 marzo 2008 alle 18:01

    a me in fondo non dispiace. anzi mi piace quel contrasto tra le parentesi -che richiamano romanzi anni sessanta ambientati sul lago maggiore, amori crepuscolari, di confine, a metà tra Liala e Vittorini – e il neretto – fumettacci porno di quelli che il barbiere teneva per i clienti più affezionati, nel cassetto.

    Da un punto di vista letterario, l’impressione è che le parentesi siano più border-line degli insulti (se non altro geograficamente: ripeto, leggo le parentesi e rivedo Locarno). Quello che apre ferite nel quotidiano letterario (come squarci tra le nubi sopra le alpi lepontine) non sono le parole reiterate in neretto, ma gli incisi in corsivo.

    Le parentesi al confine, un confine privato; l’orgasmo al centro, pubblico, ostentato, violentemente urlato.

    d’altra parte basta aprire la finestra, e guardare di sotto, o in televisione. non mi sembra ci sia da stupirsi mica tanto.

  35. franz krauspenhaar il 30 marzo 2008 alle 18:14

    Beccalossi, mi sa che sono quasi d’accordo: le parentesi in corsivo a me hanno fatto venire in mente (dopo che le avevo scritte – ho fatto tutto molto alla svelta, devo dire) proprio un Piero Chiara che però si fonde (letterariamente!) con la Mazzantini più infima.
    Interessante quanto dici, stranamente (scherzo sull’interessante:-)

    Avevo pensato anche a quanto dice a. , secondo me con molto acume. Lui /lei parla alla fine di “capacità di sapersi contraddire, evolvere, o anche -perché no- la volontà di rimanere in uno stato di stasi-duplice”. Io però lo vedo qui non come atto volontario, (in una rappresentazione dell’amore di coppia) ma come condizione non voluta, come condizione e basta.

    Per chi ha detto che il pezzullo fa schifo, a parte Iannox: mi dispiace non essere (perlomeno ancora) d’accordo.

  36. a. il 30 marzo 2008 alle 18:49

    in effetti la condizione di coppia è una mia interpretazione. sono un’umanista: tendo a filtrare la scrittura attraverso il vissuto. e paradossalmente la mia realtà somiglia alla tua interpretazione.
    a.=angie (f)

  37. Guido Tedoldi il 30 marzo 2008 alle 19:24

    Il testo di Krauspenhaar mette in evidenza un aspetto dei rapporti tra i sessi che non ho mai capito bene: la differenza che passa tra la concezione di «rispetto» che si ha nella vita quotidiana, tra maschi e femmine che lavorano insieme o semplicemente si incrociano percorrendo la stessa strada, e il «rispetto» reciproco tra due persone che fanno sesso insieme. Ciò che vale in un contesto, nell’altro può essere controproducente.
    Ma probabilmente è una carenza mia. Affronto il problema troppo cerebralmente. Delle volte è richiesto di ragionare con il cazzo invece che con il cervello (scusate la volgarità).

    Guido Tedoldi

  38. giovanni cossu il 30 marzo 2008 alle 19:48

    Un attimo!
    Quello che è in discussione, per me, non è quello che è letteratura o come è che è letteratura.
    In questo impera sovrano il Soggetto.
    Forme e contenuti si impongono come canone attraverso il processo storico.
    E anche la più turpe delle oscenità può venire a far parte di un valore assoluto.
    Bloom al cesso.

    Quello che mi interessa è cosa se ne fa. Della letteratura. Perché la si fa.
    E una risposta del tutto dignitosa può essere anche, da parte di un autore,: “Perché si!”
    Ma è questo: una risposta, che mi aspetto.

    Altrimenti, senza intenzione dell’autore, non esisterebbe affatto letteratura.
    Questa sarebbe semplicemente un evento naturale.
    Allora sì senza alcun bisogno di giustificazione.
    Mi ucciderei in tal caso.

    Già ho rinunciato a scrivere seriamente da quando ho conosciuto Gadda, ho smesso di scrivere poesie da quando ho conosciuto ee.cummings, ho rinunciato a tradurre da quando ho visto la traduzione in italiano che Mary de Rachwiltz ha fatto della poesia di quello “L’ape”.
    Perché non c’e alcuna possibilità di superamento.

    Come farei a competere col rumore del mare o con lo stormire delle foglie?

  39. Plessus il 30 marzo 2008 alle 19:58

    Franz, a me sembra che (permettimi l’amichevole tu), più che credere appieno nella “qualità” di ciò che hai scritto, hai pubblicato in virtù della forte curiosità sulle reazioni che lo scritto stesso avrebbe potuto provocare.
    Insomma, hai provocato.
    Ti ho letto altre volte, anche su LPELS, e, al contrario delle precedenti, questa è stata la meno pregna di significato.
    Ciao

  40. franz krauspenhaar il 30 marzo 2008 alle 21:41

    Parto dal fondo.

    @Plessus.

    Intanto grazie per l’attenzione.
    Ho scritto il pezzo perchè volevo trattare in un modo diverso l’argomento. Un argomento molto difficile e scivoloso. Non ricordo chi, mi pare Warhol, diceva che trattare diciamo così artisticamente il sesso significa camminare su un terreno scivoloso, perchè trovare un tono (e il tono è tutto, o quasi) è molto difficile.
    Ma l’amore, chiamiamolo così, è qualcosa – anche- di astratto, no?
    Paradossalmente, secondo me, si presta ad essere rappresentato per segni, per scorci, per flashes, più che per mezzo di una narrazione. Narrare l’amore finisce molto spesso per diventare stucchevole, noioso, sopra le righe nel senso più banale del termine.
    E allora penso che l’amore venga trattato meglio dal cinema, dalla pittura, dalla musica, meno dalla narrativa. Dopo De Sade, dopo Henry Miller… Ognuno ha i suoi eroi. Ma la poesia? Beh, quella l’amore lo ha consegnato e lo consegna al nostro sguardo e al nostro cuore per come è. E allora mi è venuta questa idea di fare una specie di quadro pop fatto con le parole, ma con un senso. Mi si dirà: “Ma scrivere per 10 volte ‘toh prendi, troia, oh ah oh’ non è scrivere parole in libertà? Sì, appunto. Più libere di così… Ma hanno o non hanno un senso, che, soprattutto, non è quello letterale?
    Lo vogliamo dire a chiare lettere, questo?.
    Provocare? Dentro di me c’è il gusto di fare qualcosa che dica qualcosa. A volte ci si riesce, a volte ci si riesce poco, a volte si fa un errore, o non si comunica nulla. Ciao!

    @Giovanni.

    Che devo dire? Mi sorprendi ad ogni stoccata. Comunque sì, l’intenzione c’è sempre. Perchè scrivi? “Perchè non ho tempo per leggere”.
    :-)

    @Guido.

    Questo sì che è un terreno scivoloso. Il rispetto. E’ anche su questo terreno che si gioca questo pezzullo: è un altro dei possibili argomenti di discussione. (Ma il sesso qui lo “parliamo” e basta?:-)

    @Angie.

    Ti confesso che avevo fatto finta di non aver capito che sei una donna. Ma quel “lui/lei”, molto “radical chic/pari opportunità” una volta tanto volevo usarlo anch’io. Anch’io tendo a filtrare la scrittura attraverso il vissuto, mi ha fatto piacere il tuo commento. Grazie.

  41. Martino il 31 marzo 2008 alle 08:26

    Ho riconosciuto il film. Mi ricordo quel giorno. Eravamo in sala insieme? Io ero quello con il Corriere della Sera aperto sulle ginocchia in penultima fila. Altri erano più disinibiti di me. La cassiera tra un biglietto e il rarissimo altro leggeva un romanzo di Lansdale. Una volta le avevo lasciato il Magazine e proprio lì diceva d’averne trovato una recensione promozionale di D’Orrico.

  42. Renata Morresi il 31 marzo 2008 alle 13:58

    a me questo pezzo piace molto, lo trovo di un *romanticismo* (si può dire su NI?;) disperato e struggente – e non grazie alle parole in corsivo, ma proprio per i “toh, prendi, dai”, nella ripetizione di un canovaccio che è ricerca ossessiva di possedere l’altra, di godere l’altra, senza però arrivarci mai (e infatti la voce di lei non si sente: c’è? c’era? stava a quel gioco? non sappiamo)

    insomma, può anche essere letto semplicemente come alternanza tra momenti lirici e patetici stereotipi porno, ma se va a toccare certe corde, (non solo le mie, da quel che leggo qui), è perché il sesso a volte è stato un gioco, con le sue regole e le sue messe in scena del primitivo (e qui il rispetto sta a monte: nella ricerca vicendevole del piacere, non in quello che si fa per arrivarci), e il “bel sentimento” invece è stato, lui sì, pornografico, narcisistico, egocentrico e “voragine”.

    insomma, c’è ambiguità, e, a mio avviso, per questo funziona.

    re

  43. Biancarosa il 31 marzo 2008 alle 16:05

    …Mamma mia, quanti commenti!!! Franz…mi hai fatto divertire!!!

  44. nadia agustoni il 31 marzo 2008 alle 22:26

    Sottoscrivo Biancarosa

  45. Nina Maroccolo il 1 aprile 2008 alle 02:48

    Caro Franz,
    Io credo che lo “sbilanciamento” fra le parti bellissime in prosa e i refrain continui ed ossessivi portino ad una soluzione, invece, di pacifica convivenza.
    Nei giudizi appena letti, che rispetto profondamente, trovo una sorta di ostilità, a volte palesata, a volte con un carico di omissione pesante rispetto a quello che si vorrebbe dire sulla scabrosità – chiamamola così – del testo morbosamente/provocatoriamente/sessual-porno. Credo che in fondo ognuno di noi si sia accostato al concetto e al fare tattile/verbale del nostro Franz: ma lui ostenta sino alla repulsione sia il fare sia la verbalità sconcia e musicale, con la ragione della scrittura (e forse non solo). E questo desta clamore.
    E adesso scandalizziamoci del tutto! Io, come donna, non mi sento né offesa, né vacca, né puttana. Dunque no problem.
    Piuttosto l’offesa sta nei rapporti che non funzionano e si vogliono mantenere intatti pur di non restare soli; nei falsi pudori; nel passatismo dipinto di nostalgico fulgore al tetrapak; nei sentimentalismi patetici che offuscano quella rara, miracolata passione/amore senza la quale si potrebbe anche morire.
    Qui sta la malinconia, la voragine che non si ripete più tra due atomi d’amore: fra uomo e donna. Oppure: fra uomo e uomo. Oppure: fra donna e donna. Poco importa.
    Questo mi commuove. Qui sta quel romanticismo che l’amica Renata commentava sopra.
    Tutto il resto è gioco.
    Bravo, romanticissimo Franz!
    Nina

  46. franz krauspenhaar il 1 aprile 2008 alle 12:04

    Grazie a Renata, Biancarosa, Nadia e Nina per i commenti.

    Una lettura affascinante, quella di Renata e Nina.

    Ma “romanticissimo”, Nina, mi pare davvero troppo!

    :-)

  47. Giuseppe Iannozzi il 1 aprile 2008 alle 16:23

    Cercavo di venire nello spirito di questo tuo orgasmo prolunga prolungato ato ato ato … … …
    Cercavo di venire nello spirito di questo tuo orgasmo prolunga prolungato ato ato ato … … …
    Cercavo di venire nello spirito di questo tuo orgasmo prolunga prolungato ato ato ato … … …
    Cercavo di venire nello spirito di questo tuo orgasmo prolunga prolungato ato ato ato … … …
    Cercavo di venire nello spirito di questo tuo orgasmo prolunga prolungato ato ato ato … … …
    Cercavo di venire nello spirito di questo tuo orgasmo prolunga prolungato ato ato ato … … …
    Cercavo di venire nello spirito di questo tuo orgasmo prolunga prolungato ato ato ato … … …

    :-D

    Però adesso che qualcuno scriva l’epigrafe a Lucio Angelini.
    Leggete sul suo blog. :'(

  48. franz krauspenhaar il 1 aprile 2008 alle 16:33

    Grazie Giuseppe, anche qui hai colpito splendidamente nel segno.

    Mi dispiace per Angelini, in fondo gli volevo bene, anche se a modo mio.

  49. Fabrizio Corselli il 1 aprile 2008 alle 17:21

    Notevole caro Franz…

    Adesso so per certo che anche la mente è un organo che eiacula.!!! ;)

    Fabrizio

  50. Giovanni Monasteri il 7 aprile 2008 alle 01:17

    … c’è qualche parola di troppo. Per esempio, quell’aggettivo schifoso/a, riferito alla troia e al cazzone.
    Troverei più sobrio ed efficace un “toh, prendi, dai” ripetuto un migliaio di volte (che stupirebbe il lettore per la tenuta del… testo). Oppure un ciuf-ciuf-ciuf alternato a un clop-clop-clop. Così il “pezzo” sarebbe ancora più icastico ed evocativo, ma suonerebbe meno sgradevole a un orecchio sensibile. Per non dire che il lettore colto (ma anche uno che ha fatto le medie) penserebbe a un rifacimento, o una parodia de “la fontana malata” di Palazzeschi (“Clof, clop, cloch, cloffete, cloppete …”).
    Franz ci ha regalato cose migliori di questa, senza dubbio. Poi, non so che bisogno ci sia di nuovi misfatti letterari, o se ci possa scandalizzare di alcunché, dopo un secolo di stravaganze avanguardistiche alternate ad altrettanti rappelle à l’ordre.

    repeat
    … c’è qualche parola di troppo. Per esempio, quell’aggettivo schifoso/a, riferito alla troia e al cazzone.
    ecc.

  51. Giovanni Monasteri il 7 aprile 2008 alle 01:21

    errata corrige: O se ci si possa scandalizzare…



indiani