VivaVoce#01: Thomas Stearns Eliot [1888–1965]

21 aprile 2008
Pubblicato da

T.S. Eliot ritratto da Wyndham Lewis

[T. S. Eliot in un ritratto di Percy Wyndham Lewis (1882 – 1957)]


The Love Song of J. Alfred Prufrock

letta dalla viva voce di Thomas Stearns Eliot – con ironia sottile –
pause e tensione drammatica da monologo teatrale

tseepigram2.jpg

Let us go then, you and I,
When the evening is spread out against the sky
Like a patient etherized upon a table;
Let us go, through certain half-deserted streets,
The muttering retreats
Of restless nights in one-night cheap hotels
And sawdust restaurants with oyster-shells:
Streets that follow like a tedious argument
Of insidious intent
To lead you to an overwhelming question. . .    10
Oh, do not ask, “What is it?”
Let us go and make our visit.

In the room the women come and go
Talking of Michelangelo.

The yellow fog that rubs its back upon the window-panes
The yellow smoke that rubs its muzzle on the window-panes
Licked its tongue into the corners of the evening
Lingered upon the pools that stand in drains,
Let fall upon its back the soot that falls from chimneys,
Slipped by the terrace, made a sudden leap,    20
And seeing that it was a soft October night
Curled once about the house, and fell asleep.

And indeed there will be time
For the yellow smoke that slides along the street,
Rubbing its back upon the window-panes;
There will be time, there will be time
To prepare a face to meet the faces that you meet;
There will be time to murder and create,
And time for all the works and days of hands
That lift and drop a question on your plate;    30
Time for you and time for me,
And time yet for a hundred indecisions
And for a hundred visions and revisions
Before the taking of a toast and tea.

In the room the women come and go
Talking of Michelangelo.

And indeed there will be time
To wonder, “Do I dare?” and, “Do I dare?”
Time to turn back and descend the stair,
With a bald spot in the middle of my hair—    40
[They will say: “How his hair is growing thin!”]
My morning coat, my collar mounting firmly to the chin,
My necktie rich and modest, but asserted by a simple pin—
[They will say: “But how his arms and legs are thin!”]
Do I dare
Disturb the universe?
In a minute there is time
For decisions and revisions which a minute will reverse.

For I have known them all already, known them all;
Have known the evenings, mornings, afternoons,    50
I have measured out my life with coffee spoons;
I know the voices dying with a dying fall
Beneath the music from a farther room.
So how should I presume?

And I have known the eyes already, known them all—
The eyes that fix you in a formulated phrase,
And when I am formulated, sprawling on a pin,
When I am pinned and wriggling on the wall,
Then how should I begin
To spit out all the butt-ends of my days and ways?    60
And how should I presume?

And I have known the arms already, known them all—
Arms that are braceleted and white and bare
[But in the lamplight, downed with light brown hair!]
Is it perfume from a dress
That makes me so digress?
Arms that lie along a table, or wrap about a shawl.
And should I then presume?
And how should I begin?

.  .  .  .  .

Shall I say, I have gone at dusk through narrow streets    70
And watched the smoke that rises from the pipes
Of lonely men in shirt-sleeves, leaning out of windows? . . .

I should have been a pair of ragged claws
Scuttling across the floors of silent seas.

.  .  .  .  .

And the afternoon, the evening, sleeps so peacefully!
Smoothed by long fingers,
Asleep . . . tired . . . or it malingers,
Stretched on the floor, here beside you and me.
Should I, after tea and cakes and ices,
Have the strength to force the moment to its crisis?    80
But though I have wept and fasted, wept and prayed,
Though I have seen my head (grown slightly bald) brought in upon a platter,
I am no prophet–and here’s no great matter;
I have seen the moment of my greatness flicker,
And I have seen the eternal Footman hold my coat, and snicker,
And in short, I was afraid.

And would it have been worth it, after all,
After the cups, the marmalade, the tea,
Among the porcelain, among some talk of you and me,
Would it have been worth while,    90
To have bitten off the matter with a smile,
To have squeezed the universe into a ball
To roll it toward some overwhelming question,
To say: “I am Lazarus, come from the dead,
Come back to tell you all, I shall tell you all”
If one, settling a pillow by her head,
Should say, “That is not what I meant at all.
That is not it, at all.”

And would it have been worth it, after all,
Would it have been worth while,    100
After the sunsets and the dooryards and the sprinkled streets,
After the novels, after the teacups, after the skirts that trail along the floor—
And this, and so much more?—
It is impossible to say just what I mean!
But as if a magic lantern threw the nerves in patterns on a screen:
Would it have been worth while
If one, settling a pillow or throwing off a shawl,
And turning toward the window, should say:

“That is not it at all,
That is not what I meant, at all.”    110

.  .  .  .  .

No! I am not Prince Hamlet, nor was meant to be;
Am an attendant lord, one that will do
To swell a progress, start a scene or two
Advise the prince; no doubt, an easy tool,
Deferential, glad to be of use,
Politic, cautious, and meticulous;
Full of high sentence, but a bit obtuse;
At times, indeed, almost ridiculous—
Almost, at times, the Fool.

I grow old . . . I grow old . . .    120
I shall wear the bottoms of my trousers rolled.

Shall I part my hair behind? Do I dare to eat a peach?
I shall wear white flannel trousers, and walk upon the beach.
I have heard the mermaids singing, each to each.

I do not think they will sing to me.
I have seen them riding seaward on the waves
Combing the white hair of the waves blown back

When the wind blows the water white and black.

We have lingered in the chambers of the sea
By sea-girls wreathed with seaweed red and brown    130
Till human voices wake us, and we drown.

[1915]

 

Il canto d’amore di J. Alfred Prufrock

 

tseepigram2.jpg

Allora andiamo, tu ed io,
Quando la sera si stende contro il cielo
Come un paziente eterizzato disteso su una tavola;
Andiamo, per certe strade semideserte,
Mormoranti ricoveri
Di notti senza riposo in alberghi di passo a poco prezzo
E ristoranti pieni di segatura e gusci d’ostriche;
Strade che si succedono come un tedioso argomento
Con l’insidioso proposito
Di condurti a domande che opprimono…    10
Oh, non chiedere « Cosa? »
Andiamo a fare la nostra visita.

Nella stanza le donne vanno e vengono
Parlando di Michelangelo.

La nebbia gialla che strofina la schiena contro i vetri,
Il fumo giallo che strofina il suo muso contro i vetri
Lambì con la sua lingua gli angoli della sera,
Indugiò sulle pozze stagnanti negli scoli,
Lasciò che gli cadesse sulla schiena la fuliggine che cade dai camini,
Scivolò sul terrazzo, spiccò un balzo improvviso,    20
E vedendo che era una soffice sera d’ottobre
S’arricciolò attorno alla casa, e si assopì.

E di sicuro ci sarà tempo
Per il fumo giallo che scivola lungo la strada
Strofinando la schiena contro i vetri;
Ci sarà tempo, ci sarà tempo
Per prepararti una faccia per incontrare le facce che incontri;
Ci sarà tempo per uccidere e creare,
E tempo per tutte le opere e i giorni delle mani
Che sollevano e lasciano cadere una domanda sul tuo piatto;  30
Tempo per te e tempo per me,
E tempo anche per cento indecisioni,
E per cento visioni e revisioni,
Prima di prendere un tè col pane abbrustolito

Nella stanza le donne vanno e vengono
Parlando di Michelangelo.

E di sicuro ci sarà tempo
Di chiedere, « Posso osare? » e, « Posso osare? »
Tempo di volgere il capo e scendere la scala,
Con una zona calva in mezzo ai miei capelli –   40
[Diranno: « Come diventano radi i suoi capelli! »]
Con il mio abito per la mattina, con il colletto solido che arriva fino al mento,
Con la cravatta ricca e modesta, ma asseríta da un semplice spillo –
[Diranno: « Come gli son diventate sottili le gambe e le braccia! »]
Oserò
Turbare l’universo?
In un attimo solo c’è tempo
Per decisioni e revisioni che un attimo solo invertirà

Perché già tutte le ho conosciute, conosciute tutte: –
Ho conosciuto le sere, le mattine, i pomeriggi,    50
Ho misurato la mia vita con cucchiaini da caffè;
Conosco le voci che muoiono con un morente declino
Sotto la musica giunta da una stanza più lontana.
Così, come potrei rischiare?
E ho conosciuto tutti gli occhi, conosciuti tutti –
Gli occhi che ti fissano in una frase formulata,
E quando sono formulato, appuntato a uno spillo,
Quando sono trafitto da uno spillo e mi dibatto sul muro
Come potrei allora cominciare
A sputar fuori tutti i mozziconi dei miei giorni e delle mie abitudini?   60
Come potrei rischiare?
E ho già conosciuto le braccia, conosciute tutte –
Le braccia ingioiellate e bianche e nude
[Ma alla luce di una lampada avvilite da una leggera peluria bruna!]
E’ il profumo che viene da un vestito
Che mi fa divagare a questo modo?
Braccia appoggiate a un tavolo, o avvolte in uno scialle.
Potrei rischiare, allora?-
Come potrei cominciare?

. . . . .

Direi, ho camminato al crepuscolo per strade strette   70
Ed ho osservato il fumo che sale dalle pipe
D’uomini solitari in maniche di camicia affacciati alle finestre?…

Avrei potuto essere un paio di ruvidi artigli
Che corrono sul fondo di mari silenziosi

. . . . .

E il pomeriggio, la sera, dorme così tranquillamente!
Lisciata da lunghe dita,
Addormentata… stanca… o gioca a fare la malata,
Sdraiata sul pavimento, qui fra te e me.
Potrei, dopo il tè e le paste e, i gelati,
Aver la forza di forzare il momento alla sua crisi?   80
Ma sebbene abbia pianto e digiunato, pianto e pregato,
Sebbene abbia visto il mio capo (che comincia un po’ a perdere i capelli)
Portato su un vassoio,
Io non sono un profeta – e non ha molta importanza;
Ho visto vacillare il momento della mia grandezza,
E ho visto l’eterno Lacchè reggere il mio soprabito ghignando,
E a farla breve, ne ho avuto paura.

E ne sarebbe valsa la pena, dopo tutto,
Dopo le tazze, la marmellata e il tè,
E fra la porcellana e qualche chiacchiera
Fra te e me, ne sarebbe valsa la pena   90

D’affrontare il problema sorridendo,
Di comprimere tutto l’universo in una palla
E di farlo rotolare verso una domanda che opprime,
Di dire: « lo sono Lazzaro, vengo dal regno dei morti,
Torno per dirvi tutto, vi dirò tutto » –
Se una, mettendole un cuscino accanto al capo,
Dicesse: « Non è per niente questo che volevo dire.
Non è questo, per niente. »
E ne sarebbe valsa la pena, dopo tutto,
Ne sarebbe valsa la pena,  100

Dopo i tramonti e i cortili e le strade spruzzate di pioggia,
Dopo i romanzi, dopo le tazze da tè, dopo le gonne strascicate sul pavimento
E questo, e tante altre cose? –
E’ impossibile dire ciò che intendo!
Ma come se una lanterna magica proiettasse il disegno dei nervi su uno schermo:
Ne sarebbe valsa la pena
Se una, accomodandosi un cuscino o togliendosi uno scialle,
E volgendosi verso la finestra, dicesse:
« Non è per niente questo,
Non è per niente questo che volevo dire. »  110

. . . . .

No! lo non sono il Principe Amleto, né ero destinato ad esserlo;
Io sono un cortigiano, sono uno
Utile forse a ingrossare un corteo, a dar l’avvio a una scena o due,
Ad avvisare il principe; uno strumento facile, di certo,
Deferente, felice di mostrarsi utile,
Prudente, cauto, meticoloso;
Pieno di nobili sentenze, ma un po’ ottuso;
Talvolta, in verità, quasi ridicolo –
E quasi, a volte, il Buffone.

Divento vecchio… divento vecchio…  120
Porterò i pantaloni arrotolati in fondo.

Dividerò i miei capelli sulla nuca? Avrò il coraggio di mangiare una pesca?
Porterò pantaloni di flanella bianca, e camminerò sulla spiaggia.
Ho udito le sirene cantare l’una all’altra.

Non credo che canteranno per me.

Le ho viste al largo cavalcare l’onde
Pettinare la candida chioma dell’onde risospinte:
Quando il vento rigonfia l’acqua bianca e nera.

Ci siamo troppo attardati nelle camere del mare
Con le figlie del mare incoronate d’alghe rosse e brune  130
Finché le voci umane ci svegliano, e anneghiamo.

[traduzione di Roberto Sanesi]

File audio da salon.com

 

VivaVoce#01: Thomas Stearns Eliot [1888–1965]
VivaVoce#02: Gherasim Luca [1913–1994]
VivaVoce#03: Sylvia Plath [1932–1963]

 

,\\’

Tag: , , , , , ,

12 Responses to VivaVoce#01: Thomas Stearns Eliot [1888–1965]

  1. cri il 21 aprile 2008 alle 12:07

    Grazie del file audio! Caspita, era la prima volta che la sentivo letta da Eliot!

    Nel 1990 entrai nei bagni della facoltà di architettura a Venezia,allora occupata, e qualcuno aveva ricopiato questo testo sulle pareti. Facevano un certo effetto, quelle piastelline azzurrine, completamente ricoperte da uno dei poemi più belli mai stati scritti, parole fitte, nere, dal pavimento al soffitto

    Mah, altri tempi.

  2. Lousatumular il 21 aprile 2008 alle 12:26

    Meraviglioso testo di Elliot. Ricordo ancora quando l’insegnante di inglese spiegò The Love Song of J.A. Prufrock, rimasi colpito sin dall’inizio.

    Do I dare
    Disturb the universe?
    In a minute there is time
    For decisions and revisions which a minute will reverse.

    L’essere umano e il passare del tempo, le forze che vengono meno, la bellezza che si sciupa, l’inacapacità di compiere minimi gesti e il peso che opprime, il peso di quella domanda schiacciante: overwhelming question…

  3. véronique vergé il 21 aprile 2008 alle 12:26

    Sguardo deluso, fragile, quando il viaggiatore rompe con la vita. Il viaggio diventa il fiumo giallo, il defluire malinconico, l’impressione di vedere il fiumo dei anni, il circolo delle cose.
    Vedo questa frattura nei versi (perdere i capelli) e mi sembra che è la bella fragilità dell’uomo.
    Il poema sfocia sulla vista delle sirene, dimensione altra realtà, tentazione del mare, ultimo bastione contro la tristezza, l’incrinatura.

  4. litbrother il 21 aprile 2008 alle 13:58

    cose da Orsola.
    tov meod, Mrs Puecher.

  5. sparz il 21 aprile 2008 alle 14:18

    fantastico

  6. nadia agustoni il 21 aprile 2008 alle 15:40

    Grazie Orsola, ottima scelta

  7. Lousatumular il 21 aprile 2008 alle 17:37

    “A sputar fuori tutti i mozziconi dei miei giorni e delle mie abitudini?
    Come potrei rischiare?””

    Altri versi meravigliosi, l’abitudine per eccellenza e l’incapacità di rinunciare ad una cosa perché si è abituati a ripeterla.Che altro può esistere di più abitudinario di una sigaretta? Difficile rinunciarvi…
    Poi il mozzicone la parte terminale per eccellenza…

    Il correlativo oggettivo…

  8. colbach il 22 aprile 2008 alle 03:25

    PLAGIO

    Nell’altero mattino dei natali
    un corvo gracchia
    come fosse, nero
    un tenero bisticcio di parole

    il sole aggruma un senso
    di speranza lecito
    e raccomanda un nesso
    a scapito di falsi ritmi

    Sulla terra muove un rimprovero
    l’adagio andare dei serpenti
    : foste non viver visti
    e canzona l’acume
    che ti donano le cose

    Un pietoso rattrappire di congiunti
    t’offre il segreto dei semi paternali
    : tagli a fette le rose.

    Ma tu, se turbi
    le rose rimangono lo stesso?

    Grande cavillo, il tempo
    l’uomo: la più perfetta protesi.

  9. robertorossitesta il 22 aprile 2008 alle 09:00

    Cara Orsola,
    continui a farci doni meravigliosi.
    Eliot legge Prufrock come ho sempre pensato (bontà mia!)andasse letto; forse soltanto con un filo d’ironia di troppo, ma la cosa è spiegabile col fatto che il testo è suo, l’autore sente pertanto di doversene difendere in maniera speciale (ricordiamoci del timore tradizionalmente attribuito a mamma vipera del morso dei viperotti appena partoriti).
    Grazie e un caro saluto,
    Roberto

  10. orsola puecher il 22 aprile 2008 alle 10:24

    Grazie a tutti.
    Questo VivaVoce è il primo di una serie.
    Nasce dalla scoperta casuale della presenza in rete di un grandissimo numero di file sonori con la voce di grandi poeti (italiani pochissimi, ché il popolo di santi e navigatori dei poeti fa davvero poco conto ) che leggono i loro testi.
    Oltre al piacere e all’emozione di questa ‘resurrezione’ sonora, in questi testi si apre davvero qualcosa di nuovo. Un valore aggiunto che non ha paragone. Qualcosa che sulla carta resta solo accennato. La poesia è spartito di lettura come nessun altro testo letterario.
    Vive nella lettura e della voce.
    L’ascolto può anche aggiungere suggestioni e suggerimenti preziosi al traduttore.
    Ma assolutamente una volta di più evidenzia i limiti e l’inutilità maniacale dell’accapigliarsi e struggersi sulla questione del rispetto della rima, del valore di certe parole, che ci si ostina a scardinare con il piede di porco, che sembrano al maniaco dell’esegesi parole chiave e che invece scivolano via per posare l’accento su altre magari più “banali” ma che nell’economia sonora e concettuale della poesia hanno un ruolo più importante.
    A esempio dopo aver sentito leggere Plath, cosi tagliente, dolorosa, sprezzante, ironica per disperazione ed assenza, con la voce che a tratti si incrina, ogni traduzione pare troppo ‘buonista’, estetica. Neutra. Si sente il filo che si sta spezzando verso la sua fine prematura. .
    L’ironia calma ed apotropaica di Eliot rispetto al morso velenoso dei suoi testi, mi sento di consigliarla assolutamente a chiunque rispetto a se stesso, ai propri versi, ai propri dolori, alla vita in generale. Misurata a piccoli cucchiaini da caffè, non grandi sorsi che strozzano.

    ,\\’

  11. véronique vergé il 22 aprile 2008 alle 12:34

    Che piacere leggerti Orsola Pulcher! Un ascolto sensibile: la voce traducce l’anima: è cosi vero che si sente imbarazzata quando tu ascolti la tua propio voce registrata: tu senti la tua fragilità a nudo.
    Le voce del autore è fragilà perché porta la passione, la paura, il sentimento di portare alla luce il segreto del cuore.
    La parola è come una musica, la respirazione della creazione: leggendo il poeta scopre di nuovo il testo come vedendo la nascita.
    E’ forse leggendo si dice che avrebbe cambiato la parola, silenzio e incertezza, ma anche impronta del lavora di creazione.

  12. orsola puecher il 23 aprile 2008 alle 08:09

    grazie Verò
    anche il tuo è sempre un ‘ascolto sensibile’



indiani