RADIOBAHIA: racconti per canzoni [012]

1 agosto 2008
Pubblicato da

di Marco Ciriello

RADIOBAHIA: suona

“Between the bars”
di Elliott Smith

12.
Un futuro pieno di pioggia, acqua per cuori assetati, prevede la veggente chiamata La Paca. Ha forma di un bambino, invece, per Erika Pérez, poliziotta a Città del Messico. Incinta e senza compagnia, appena uscita dal quartiere di Tepito, un posto più pericoloso della striscia di Gaza, porta la vita sulla spalla della morte. Torna a casa, non all’indirizzo scritto sulla guida telefonica, non aspetta più sere folgoranti. Negli occhi gente in agonia, strade lunghe, grida. Ha una percezione fotografica della realtà, ragiona per particolari: ogni volta che mette a fuoco un viso pensa che dietro, l’orologio interno, dica solo morte, in modo estremo, come un ticchettio tachicardico. E no, non c’è verso di strappare un desiderio a una figura sfocata, riportare a velocità moderata il suo passaggio nel presente.

Radiobahia suona ogni venerdi all’alba sul quotidiano IL MATTINO

RADIOBAHIA: [ 001 ] [ 002 ] [ 003 ] [ 004 ] [ 005 ] [ 006 ] [ 007 ] [ 008 ] [ 009 ] [ 010 ] [ 011 ]

[ Elliot Smith, da Either/Or, Between the bars, track 04, Kill Rock Stars, 1997 ]

[ immagini animazione da Bansky in Palestina ]

Tag: , , , ,

4 Responses to RADIOBAHIA: racconti per canzoni [012]

  1. andrea branco il 1 agosto 2008 alle 16:43

    grande elliott smith!! grande!!!
    grazie.

  2. véronique vergé il 1 agosto 2008 alle 16:52

    Un testo con immagini forte che entrano nell’anima: l’ombra della bambina si fa impronta nel cuore e ora spero che altrove una bambina possa fare partire verso il cielo i palloni della speranza.

    Grazie a te Orsola e a Marco Ciriello per questo apputamento del venerdi.

  3. NoUtopy.org il 1 agosto 2008 alle 19:10

    Elliott Smith for President!

  4. maria (v) il 1 agosto 2008 alle 19:40

    Grazie a marco ciriello e orsola, ma soprattutto

    W W W BANKSY! io lo trovo semplicemente meraviglioso. viva la street art, viva i writers…grazie di cuore per questo regalone, oggi mi avete proprio reso felice



indiani