Aleksandr Solzhenitsyn [ 11.XII.1918 – 3.VIII.2008 ]

5 agosto 2008
Pubblicato da

Mstislav Rostropovich
Johann Sebastian Bach, Cello Suite N.2, I. Prelude

[ molte pagine di Arcipelago Gulag furono scritte nella casa di Mstislav Rostropovich, che ospitò e nascose l’amico Aleksandr Solzhenitsyn ricercato dal KGB ]

da ARCIPELAGO GULAG
Traduzione di Maria Olsùfieva
Arnoldo Mondadori Editore 1974

A cuore stretto mi ero astenuto per anni dal pubblicare questo libro, già pronto: il dovere verso chi era ancora vivo prendeva il sopravvento su quello verso i morti.
Ma oggi che la Sicurezza dello Stato ha comunque in mano l’opera, non mi rimane altro che pubblicarla immediatamente.

Aleksandr Solzhenitsyn
settembre 1973.

In questo libro non vi sono personaggi né fatti inventati.
Uomini e luoghi sono chiamati con il loro nome.
Se sono indicati con le sole iniziali, è per considerazioni personali.
Se non sono nominati affatto, è perché la memoria umana non ne ha conservato i nomi: ma tutto fu esattamente così.
L’anno millenovecentoquarantanove ci capitò sotto gli occhi, a me e alcuni amici, una curiosa nota nella rivista Natura dell’Accademia delle Scienze.
Vi si diceva, in minuti caratteri, che in riva al fiume Kolyma, [1] durante gli scavi, era stato trovato uno strato sotterraneo di ghiaccio, antico torrente gelato, e racchiusi in esso esemplari pure congelati di fauna fossile (di qualche decina di millenni fa).
Fossero pesci o tritoni si erano conservati tanto freschi, comunicava il dotto corrispondente, che i presenti, spaccato il ghiaccio, li mangiarono sul posto, VOLENTIERI.
Probabilmente i pochi lettori della rivista si saranno meravigliati quanto lungamente il pesce può conservarsi nel ghiaccio.
Ma ben pochi avranno capito il significato vero, titanico, dell’incauta nota.
Noi lo capimmo subito.
Vedevamo chiaramente tutta la scena nei suoi minuti particolari: come i presenti spaccavano con accanita fretta il ghiaccio; come calpestando i sommi interessi dell’ittiologia e respingendo l’un l’altro a gomitate, si strappavano pezzi di pesce millenario, lo trascinavano al falò, lo sgelavano e si saziavano.
Lo capimmo perché eravamo tra quei PRESENTI, tra quella possente razza di detenuti, unica al mondo, che sola poteva mangiare VOLENTIERI un tritone.
Kolyma era infatti l’isola più grande e celebre, il polo della efferatezza di quello straordinario paese che è il GULag, [2] geograficamente stracciato in arcipelago, ma psicologicamente forgiato in continente, paese quasi invisibile, quasi impalpabile, abitato dal popolo dei detenuti.
Questo Arcipelago s’incunea in un altro paese e lo screzia, vi è incluso, investe le sue città, è sospeso sopra le sue strade, eppure alcuni non se ne sono accorti affatto, moltissimi ne hanno sentito parlare vagamente, solo coloro che vi sono stati sapevano tutto.
Ma, quasi avessero perduto la favella nelle isole dell’Arcipelago, essi hanno serbato il silenzio.
Per un’inattesa svolta della nostra storia qualcosa, infinitamente poco, dell’Arcipelago è trapelato alla luce.
Ma le stesse mani che stringevano le nostre manette ora si alzano a palme protese, concilianti: Lasciate stare! Non si deve rivangare il passato! Si cavi un occhio a chi lo rimesta!.
Il proverbio però aggiunge: E due a chi lo scorda.
Passano i decenni e rimuovono irrevocabilmente cicatrici e piaghe.
Certe isole nel frattempo hanno sussultato, si sono dissolte, il mare polare dell’oblio le ha inondate.
Un giorno, nel secolo futuro, questo Arcipelago, la sua aria, le ossa dei suoi abitanti, congelate nello strato di ghiaccio, appariranno ai posteri quale inverosimile tritone.
Io non avrò l’audacia di scrivere la storia dell’Arcipelago: non mi è stato possibile leggere i documenti.
Toccherà a qualcuno conoscerli, un giorno? Chi non vuol RICORDARE ha avuto tempo sufficiente (e ne avrà ancora) per distruggere tutti i documenti fino all’ultimo.
Io che sento gli undici anni passati lì, non come vergogna, non come sogno maledetto, io che ho finito quasi per amare quel mondo mostruoso e ora per di più, grazie a una svolta fortunata, sono diventato il confidente cui giungono tanti tardivi racconti e lettere, saprò io portare ad altri qualche ossicino, un po’ di carne? carne del resto ancor viva, del tritone; vivo, del resto, ancor oggi.

NOTE.
1.
Fiume nell’estremo nord-est della Siberia; lungo il suo corso superiore fu sviluppata l’estrazione dell’oro dalle miniere e la regione divenne famosa, fra il 1930 e il 1950, per i suoi numerosissimi campi di lavoro forzato, che fornivano tutta la mano d’opera occorrente per l’estrazione dell’oro. [^]
2.
GULag: sigla di Amministrazione generale dei campi d’internamento.
[Nota del Traduttore.] [^]

Tag: , , ,

6 Responses to Aleksandr Solzhenitsyn [ 11.XII.1918 – 3.VIII.2008 ]

  1. carmine vitale il 6 agosto 2008 alle 15:08

    orsola per adesso solo un grande grazie
    per una vetta del novecento
    c.

  2. elio il 6 agosto 2008 alle 17:54

    Mi associo.

  3. CapitanFeendoos il 6 agosto 2008 alle 18:02

    Il proverbio citato è stupendo, per quanto poco seguito: cavare due occhi a chi dimentica il passato.

  4. franz krauspenhaar il 7 agosto 2008 alle 07:04

    Un gigante. Un grande combattente, scomodo e coraggiosissimo- contro il comunismo. Uno scrittore senza pari. Consiglio – per chi non l’avesse fatto- un altro romanzo capitale di AS: Padiglione cancro. Meraviglioso è dire poco.

  5. effeffe il 7 agosto 2008 alle 09:48

    cara orsola
    da quando hai messo su questo post ogni frase mi risuona dentro provocando in me dolore e speranza
    effeffe

  6. Cristoforo Prodan il 9 agosto 2008 alle 09:37

    Parlare di “romanzo”, almeno nel caso di Arcipelago Gulag di Solženicyn, mi sembra fuorviante, e forse un po’ riduttivo. Si tratta in realtà di un saggio storico, di un’inchiesta, di una testimonianza, che è servita a darci una visione più completa di un periodo molto triste. Il romanzo, di solito, non è organico a questo scopo: anzi spesso è meglio che non serva a nulla.



indiani