Parlando di scrittura con John Banville

5 novembre 2008
Pubblicato da

di Gianni Biondillo

[Questa chiacchierata con John Banville, che è stata pubblicata su L’Unità del 15.10.2008, era programmata in altra data. Ma credo possa essere un buon contributo alla questione teorica che si sta dibattendo in questi giorni su NI, grazie alle parole di Cortellessa, Donnarumma, Policastro, Inglese e di buona parte degli arguti commentatori. Fra questi c’è chi chiedeva l’opinione degli scrittori. Banville, mostrando la sua bottega, involontariamente propone degli stimoli sui quali, credo, si possa meditare. G.B.]

Non sono un giornalista, non ne ho il talento. Sono soprattutto un lettore. Non so bene come si intervisti un autore come John Banville, uno fra i più importanti in lingua inglese, vincitore del Booker Prize, amato da autori del calibro di Don DeLillo o di Martin Amis. Mentre gli stringo la mano glielo dico. “Bene, vorrà dire che non mi chiederai qual è la mia boyband preferita”. Neppure ci pensavo. Esistono piccole realtà territoriali, invece gli dico, come l’Irlanda o Israele, che hanno saputo produrre letteratura di livello globale.
Sono stati popoli sottomessi ad un impero oppure da sempre senza patria, che perciò non hanno potuto costruire monumenti autocelebrativi. “È vero” mi conferma, “in Irlanda non abbiamo monumenti di pietra, nulla di stabile, di durevole. Quello che ci manca nelle arti plastiche l’abbiamo cercato nella lingua. I due esempi che fai sono agli antipodi: in Israele sono riusciti a creare una identità passando dalla riscoperta di una lingua antica, viceversa noi irlandesi abbiamo subito la sostituzione forzata del gaelico alla metà del XIX secolo con l’inglese, una lingua nuova che non è stata scelta, ma imposta. Per noi è stato un cambiamento drammatico.”
Con Banville viene subito in mente la grande tradizione irlandese: Beckett, Joyce, Yeats. “Be’, non mi dispiace la compagnia” dice sorridendo. Ma non è forse un po’ troppo facile? Il flusso di coscienza e l’io narrante de Il mare, gli scacchi continui della memoria e le sue improvvise epifanie, hanno un sapore proustiano. Così come nelle storie dove il protagonista è l’anatomopatologo Quirke, piuttosto che al giallo classico anglosassone mi pare che Banville guardi a Simenon. “Io, innanzitutto non sono un anglosassone” dice con un lieve sorriso. “L’irlandese non è l’inglese, usa le parole dell’inglese ma formula la frase in una forma differente, più ambigua forse. La nostra è una lingua letteraria differente.” E Proust? – insisto. “Sai, in un certo senso tutti gli scrittori sono proustiani, solo che Proust ha concentrato in un’opera quello che tutti noi sentivamo, ne ha fatto una sintesi perfetta ed esemplare. Per me, per te che sei scrittore” (arrossisco all’idea di essergli equiparato) “per Joyce, per Beckett, l’infanzia rappresenta un mondo arcaico al quale noi rivolgiamo il nostro sguardo.”
Gli chiedo quanto un autore che scrive in inglese abbia dentro di sé anche le altre tradizioni letterarie. “Io da sempre leggo e ho letto i grandi testi della tradizione europea” mi dice. “Da giovane amavo Thomas Mann mentre non avevo alcun interesse per la letteratura irlandese – a parte Joyce e Beckett – che trovavo abbastanza provinciale; quello che volevo era diventare uno scrittore europeo: la conseguenza è stata che l’Europa non mi ha accettato e che l’Irlanda mi ha respinto. Ora mi trovo in mezzo. Volteggio a mezz’aria sull’Europa”.
L’invenzione del passato ha una forma squadrata, quasi fosse un cubo di pietra, fisicamente ostico anche solo a guardarlo nella sua perfetta graniticità; ne Il mare l’io narrante è il centro assoluto di tutta la narrazione, gli altri personaggi sembrano delle proiezioni sullo schermo dell’ego dell’io narrante, con una sovrapposizione perfetta, una aderenza addirittura impressionante fra l’autore e la voce narrante; in Dove è sempre notte e Un favore personale, c’è il narratore onnisciente che ne sa più di tutti gli altri, più del protagonista, più ancora dello stesso lettore. Insomma, non esiste un modo univoco di raccontare, uno stile unico per ogni libro, che soverchi la storia e la imprigioni nella lingua, ma sembra un continuo scendere a patti fra la voce e le esigenze della trama. “Ogni libro richiede o detta lui stesso lo stile della sua stesura, io per principio non è che mi accinga a scrivere un libro in un modo particolare o in un altro, di solito a metà del libro attraverso una fase di crisi e quasi di disperazione e a quel punto è il libro che mi suggerisce che direzione prendere. Non scrivo mai con uno stile preciso e definito a priori, ma mi adeguo alle esigenze della trama e del libro stesso.” Insomma non c’è uno “stile Banville”, ma esiste una continua interpolazione fra l’autore e la storia. “Non è tanto una questione di stile, ma di approccio, di metodo, di livello di concentrazione che è necessario per ogni particolare libro. Ad esempio nella prima e nella terza parte di L’invenzione del passato c’è uno stile denso mentre la parte centrale potrebbe averla scritta Benjamin Black” (è l’alter ego che usa quando scrive noir) “con uno stile più leggero, con un ritmo più agile, anche se io non ne avevo l’intenzione, mentre scrivevo, di farlo così.”
Si dice spesso che i personaggi si muovono di vita propria, ma è vero anche che esiste una ineluttabilità dell’autobiografico, anche se si scrivesse di mondi futuri, di realtà inimmaginabili si è inevitabilmente autobiografici. Io ho spesso la sensazione che lo scrittore si smembri, un po’ come il mito di Osiride, che si faccia a pezzetti nel campo della trama, facendo germinare e germogliare i personaggi che sono e non sono l’autore stesso. “Hai presente quello stato di veglia, se così si può chiamare? Quello immediatamente dopo che ti sei svegliato? Ecco: è da lì che prendo i miei personaggi. Quindi sì, hanno qualcosa di me, perché tutti i personaggi hanno una parte, un aspetto della vita dello scrittore, però più invecchio e più mi accorgo che in quello stato di veglia mi passano davanti un sacco di persone che non so da dove vengano, veri e propri personaggi misteriosi. E più passa il tempo e più aumenta questo alone di mistero. Non so come facciano i pittori o gli scultori che creano oggetti; noi invece creiamo queste strane essenze, questi nuovi esseri che sono nel mondo e allo stesso tempo non lo sono.”
Facciamo un gioco, gli dico: cos’hanno in comune Kertész, Pessoa, Borges, Gadda, Benjamin, Durenmatt, Sciascia? Banville ci pensa un po’, poi si arrende. Gli svelo la soluzione: questi e molti altri sono una piccola selezione del miglior ‘900 che ha amato, si è interessata e ha scritto romanzi noir, o polizieschi. Insomma: il ‘900 letterario ha sempre avuto un buon rapporto con la narrativa di genere, molto meno la critica che ha creato dei pregiudizi ancora oggi incrollabili. Banville annuisce vistosamente. “Ma certo! Cambierei 500 libri di mainstream per Il postino suona sempre due volte! Il noir ha prodotto decisamente della letteratura eccellente nel ventesimo secolo. I recensori hanno sempre avuto dei problemi con questa letteratura di genere perché hanno bisogno di classificare tutto in scompartimenti chiari, netti. Arte di qualità, genere, pop, e così via… io non sono d’accordo che esita una letteratura di genere o meno, per me c’è solo buona letteratura e cattiva letteratura. Una delle cose peggiori che ha prodotto il modernismo novecentesco è il fatto che la trama, così come la rappresentazione nelle arti pittoriche, o l’armonia nella musica, fossero intese come borghesi, da ceto medio, quindi da disprezzare. Il modernismo, che ha comunque prodotto dei capolavori, in questo senso è stato un movimento deleterio, perché ora noi dobbiamo rendere di nuovo “rispettabile” quelle cose che un certo Novecento disprezzava, dobbiamo restituire alla trama la dignità che le è stata sottratta. E io credo che molto, in questo senso, ha fatto la scrittura noir.”
Leggendo alcune recensioni degli ultimi due libri mi sono accorto che molti recensori del Banville “autoriale” sembravano spiazzati di fronte ai morti, il sangue, i colpi di scena. C’era un critico quasi dispiaciuto che Banville fosse riuscito a scrivere una storia così ben congegnata, rivoleva il “suo”, comodo, Banville! Allo stesso tempo leggendo su internet alcuni commenti di fanatici lettori di genere, vedevo il loro disappunto per le continue digressioni dalla trama principale. Insomma le storie di Quirke sono, allo stesso tempo, dentro e fuori la tradizione, sono come dei ponti fra i generi. Non è forse questo l’unico modo oggi di poter raccontare un noir?
“Ho un caro amico, John Gray, un filosofo inglese, che dopo aver letto Un favore personale mi ha detto che ho inventato un nuovo genere.” Ride. “Forse ai recensori e ai lettori questo genere non piace e allora vuol dire che ci dobbiamo inventare dei nuovi lettori. Oggi mi dispiace di aver usato, fuori dal mercato italiano, lo pseudonimo di Benjamin Black. Forse avrei dovuto scrivere da subito con il mio nome. È che quando ho iniziato pensavo fosse un semplice gioco, invece mi sbagliavo. Aver scritto come Black e come Banville ha dato luogo a una confusione che non reputo positiva.” Mi sorride, fa un gesto con le mani: “Quindi magari un giorno o l’altro strozzerò Benjamin Black.”
Sono stato fin troppo serioso in questa intervista. “Te l’ho detto: potresti chiedermi qual è il mio colore preferito o la mia squadra del cuore” insiste. Allora chiudo con una battuta: perché non sono ancora tradotto in inglese? Lui però la prende sul serio. “Una delle grandi disgrazie del mondo letterario in lingua inglese è che viene pubblicata così poca fiction e saggistica non inglese. Questo ha a che vedere con l’arroganza del mondo anglosassone, trovo tutto ciò davvero sconcertante e purtroppo penso che la situazione sia destinata a peggiorare. È un disastro, perché non si ha alcun tipo di nozione di quello che passa nella mente di un italiano o di un tedesco. I libri ti rivelano moltissimo del pensiero e della mentalità di un popolo, ma da noi non si traduce nulla. Ogni anno è come se, per qualche strano effetto climatico dovuto al riscaldamento terrestre, perdiamo, così come si perdono gli alberi, grandi e importanti opere scritte in lingue che non siano l’inglese. Potresti cambiare il tuo nome in uno scandinavo” mi dice sorridendo. “Negli ultimi anni gli autori scandinavi stanno avendo molto successo in America.” Mi faccio chiamare Sven, gli dico mentre mi alzo, Sven Biondillessen. Ridiamo, poi gli porgo la mano. “Ciao Sven” mi dice allungando la sua di mano, affabile.

Tag: , , , , , , , , , , , ,

7 Responses to Parlando di scrittura con John Banville

  1. massimo il 5 novembre 2008 alle 13:20

    Yeats, non Yeates

  2. véronique vergé il 5 novembre 2008 alle 13:38

    Il sentimento del mare.

    Ho letto con attenzione il brano, perché non penetra un discorso troppo astratto, è nell’ alta luce della letteratura, e proietta un aspetto che ho sempre ricercato nella mia passione di lettrice: la melanconia del tempo presente affrontando il regno potente dell’infanzia.
    La scrittura disegna il sentiero che porta alla soglia dell’infanzia.
    Nel romanzo di John Banville si ascolta il rumore del ricordo nella conchiglia marina. Il cuore del personnagio in lutto della moglie morte entra nel ritmo del paesaggio visto dal cielo, dal greto dove si svegliano gli esseri del passato in una descrizione che dà colori e tratti nitidi al ricordo.
    Colori e musica del mare, nuotatori di una spiaggia melanconica. Si amaraggia la scrittura che entra nel mare, ma anche trova la sua consolazione. Il termine del libro è un’immensa carezza dell’onda e un sentimento di oblio: resta niente della vita minuscola, sempre la scrittura raccoglie l’ultima memoria, è la sabbia lavorata dall’acqua, dal tempo.

  3. andrea inglese il 5 novembre 2008 alle 18:28

    Grande Gianni. Banville è davvero un autore importante. Di lui ho amato moltissimo “Athena” – credo uscito da guanda. Non so se lo conosci. Una sorta di poliziesco sentimentale che si svolge nell’ambiente dei collezionisti d’arte, con straordinarie descrizioni di quadri mitologici. Importante anche quanto dice sullo stile… In effetti, sentire il parere degli scrittori è fondamentale.

  4. gianni biondillo il 5 novembre 2008 alle 21:39

    oopss… Massimo… mo’ correggo il refuso…

    Grazie, Andrea; lo penso anch’io, anche se non vedo una grande reazione da parte dei critici fin qui ciarlieri in NI. Forse quello che pensa un autore è davvero poco importante…

    Atena l’ha tradotto Guanda, sì.

  5. véronique vergé il 6 novembre 2008 alle 09:49

    Non ho letto Athena…
    La mer è un romanzo che è propia la musica che voglio sentire leggendo.
    Inoltrare la lettura come una stagione poetica, vivere in un monde dove il ricordo apre la speranza di entrare in sogno.
    L’accenno a Proust non mi sorprende, segue la partizione.
    Mi è venuto anche il ricordo di Promenade au phrare, un romanzo di Virginia Woolf che per me a una musica luminosa.
    Sono scrittori del mondo sensibile…

  6. Roberto Plevano il 6 novembre 2008 alle 19:01

    Nei paesi di lingua inglese (inclusa l’Irlanda…) Banville si è guadagnato la statura di monumento letterario, e forse i due ultimi noir sono un modo di sperimentare, esplorare generi in cui conta la professionalità dello scrivere, più che la letterarietà.

    In realtà, quello che ho letto di Banville (poco purtroppo: il libro dell’evidenza, l’intoccabile, il mare) è scritto in un inglese straordinario, una prosa a lunghi tratti poetica, nel flusso e riflusso di monologhi interiori, memorie quasi sempre involontarie, ammissioni di fallimenti. Mi sono chiesto spesso, leggendo, come tradurre certi fulminanti giochi di parole, o l’humor nero di un Beckett o di un Nabokov uscito da un pub, malfermo sulle gambe.

    Ho trovato alcune costanti: il narratore ricorre alle memorie (fino alle memorie esemplari dell’infanzia) in modi obliqui, i ricordi diventano simulazioni di cui non si è consapevoli fino in fondo, quando non colpevoli divagazioni, espressione dell’incapacità di confessarsi responsabili di crimini perpetrati con le proprie mani. C’è una profonda riflessione sugli scarti tra la costruzione della identità sociale e il vissuto di impostura (e di tradimento) dei personaggi principali.

  7. camilla pacher il 7 novembre 2008 alle 08:01

    Banville , da quando lo conosco, (lettura del Mare) è diventato il mio scrittore preferito. Leggo spesso i suoi grandi romanzi e con emozioni inenarrabili ho trovati i legami strordinari tra -eclisse e l’invenzione del passato, tra la spiegazione dei fatti Athena. Magnifici tutti i suoi libri tradotti e ritrovabili sul mercato italiano (non c’è tutto. per chi conosce Banville (o chi ha la sfortuna di non conoscerlo ancora) i protagonisti dei suoi romanzi ti penetrano fin nel midollo e non ti lasceranno mai più. Anche i minori come la zia corkie(?) non ricordo bene come si scrive ma la ricordo sempre come fosse stata una zia , si fa per dire, mia. Con quel rossetto!. E i pianti del padre in eclisse!.piange la sua cass. e lei dove sta? nellinvenzione del passato con un vecchio rabbioso e disperato. e dove finisce? a poerto venere…..Insomma chi non conosce Banville non ha ancora letto niente. il suo pantheon, a mio avviso, è formato da Joyce, Beckett, naturalmente proust e Nabocov (anche se Banville è molto più …..umano e più “terreno” di Nab. E’ poco conosciuto in Italia, ma non sanno cosa si perdono. amo i due noir, impossibile non farlo, ma ROMANZONI sono più forti di qualunque altro romanzo degli ultimi decenni.



indiani