Anarcobaleno

15 dicembre 2008
Pubblicato da

[E’ uscito Album rosso, nuovo cd degli Yo Yo Mundi. Un album che trovo bellissimo, quasi ripercorresse la storia del gruppo e la superasse, nell’unico superamento possibile, quello di una voce nuova e altra e piena. Voce che s’inoltra – con un passo lieve come mai prima, e pure insieme deciso e immediatamente riconoscibile – nelle pieghe più intime della coscienza – dove il desiderio e Cefalonia non hanno soluzione di continuità. Sono davvero felice di aver partecipato all’album, con Anarcobaleno, canzone che ho scritto e cantato insieme a Paolo Archetti Maestri. La potete ascoltare qui:

[podcast]https://www.nazioneindiana.com/wp-content/2008/12/2anarcobaleno.mp3[/podcast]

Il testo, qui di seguito]

Testo: Paolo Archetti Maestri e Marco Rovelli. Musica: Andrea Cavalieri.

Blu come l’azzardo

verde acqua come la destrezza

è il mio orgoglio ocra o viola?

cerulea la tua bellezza

Grigio come il lupo

ma la paura non ha colore

l’indaco è di chi osa

bianco d’ombra la mia promessa sposa

Rossa la mia lotta e la tua speranza

nera la palpebra chiusa della coscienza

ma nero e rosso insieme sono gli occhi

spalancati alla nostra resistenza

Nera é la parvenza dei tuoi sguardi

senza nome il colore delle aurore

un bianco così denso che ne scroscia

mi acceca un terribile fulgore

Giallo poi danza il deserto

e rossa d’ambra é la tua traccia amore

all’azzurro del cielo resto nudo e aperto

rosso d’un fuoco che non muore

Rosso come il tempo che avvampa il cuore

nero il sangue sparso della cecità

ma nero e rosso insieme sono il fiore

della nostra infinita libertà

Tag: , , ,

10 Responses to Anarcobaleno

  1. lucia cossu il 15 dicembre 2008 alle 08:35

    bello, bello il suono scelto e creato.

  2. effeffe il 15 dicembre 2008 alle 09:43

    grandissimi

    effeffe

  3. l. tedoldi il 15 dicembre 2008 alle 12:28

    ANARCOBALENO, titolo meraviglioso

  4. viola il 15 dicembre 2008 alle 20:12

    un canto popular che risuona da lontano, e da molto – troppo -vicino, un saluto Marco, Viola

  5. stalker il 15 dicembre 2008 alle 21:48

    bella bella bella!
    si insinua lentamente tra le pietre e le zolle dei mie anfratti più nascosti
    quasi nell’anima
    quasi

  6. marco rovelli il 15 dicembre 2008 alle 23:02

    Grazie a tutti! Che l’anarcobaleno risplenda alto nel cielo… ;-)

  7. Natàlia Castaldi il 15 dicembre 2008 alle 23:50

    un anarcobaleno di note e pioggia.
    mojada!
    me ha gustado mucho.

  8. Pietro il 16 dicembre 2008 alle 10:55

    Canzone stupenda, la migliore dell’album.
    Dolce e intensa.

  9. marino il 20 dicembre 2008 alle 21:35

    davvero bella, Marco.

  10. Luca il 23 dicembre 2008 alle 00:47

    Bellissimo!!! complimenti. Vi consiglio di ascoltare, se gia non li conoscete anche Max Manfredi e Dani Greggio, due cantautori di livello assoluto. Ciao e sempre complimenti per r-esistere



indiani