Photoshoperò # 22 objets trouvès – elogio della fuga

18 giugno 2009
Pubblicato da

Tag: , , ,

14 Responses to Photoshoperò # 22 objets trouvès – elogio della fuga

  1. véronique vergé il 18 giugno 2009 alle 10:24

    Bellissima.

    La fuga è il silenzio del mare pieno,
    quando il nuotare non tocca sabbia
    dentro oggetti trovati del cuore
    sfiorano la superficie dell’acqua
    Caserta come punto d’ancoraggio
    li sangue vivo della tua origine
    ha il colore della prima giornata
    la fuga sulla terra gialla,
    corsa selvatica dietro la paura
    Caserta come lingua del vento salino
    il tuo cuore a nudo,
    tu lo sai, la solitudine in mare
    in fuga non esiste,
    dentro si mormora le voce del desiderio
    e nuotano le isole dell’infanzia.

    Grazia a te, voyageur, poète , homme de belle humanité.

  2. Salvatore D'Angelo il 18 giugno 2009 alle 11:22

    Grande effeffe uno dei photoshoperò più belli, intensi, poetici. Riccchissimo. Da vedere e rivedere, per attizzarsi a scovare, con incanto, le mille pepite nascostevi. Bellissimo esempio di poesia concettuale e multimediale, audiovisiva. Posso fare una piccola nota critica? Curerei di più il ritmo delle sovrimpressioni scritte (nella prima parte sono armonizzate a quelle delle immagini, nella seconda parte diventano un po’ troppo veloci. Forse avrei escluso la citazione finale di Laborit, suona pleonastica, l’intero photoshoperò è di per sè un magnifico elogio della fuga , intesa proprio nel senso culturale e biologico datole da Laborit. Insomma, per citare Jack Nicholson in “Cinque pezzi facili”, egli dice, confessando i suoi smarrimenti davanti al padre paralizzato nella lingua e nei movimenti : “Io non fuggo, non scappo, semplicemente mi allontano dalle cose che vanno a male…”.
    Ma questo è un commento di getto. Il tutto è da vedere e rivedere, e ad ogni modo sempre i miei più vivi complimenti, per gli straordinari stimoli dei photoshoperò.

  3. davide vargas il 18 giugno 2009 alle 11:32

    Davvero bello, fili di immagini e parole che si srotolano

  4. fernirosso il 18 giugno 2009 alle 12:22

    dimmi ora
    che l’hai r a p p r e s o il viso
    e la digitale ha raggelato ogni linfa
    in quei grammi di luce pesta memoria
    pesata in un ciclo diverso
    dimmi cosa
    dimmi
    cosa ti è rimasto nella muta del sangue?

    Un castello o un cestello di mollette colorate
    acque reflue della passione fattasi meno di segni
    filiato-io di reti da caccia
    al(b)a che non arriva mai alla sorgente della notte e
    resta àncora il buio
    nel cristallino del occhio
    come in uno scavo nella f(r)onte.

    ef-fe per ringraziare effe

  5. francesco forlani il 18 giugno 2009 alle 12:59

    ma lo sai che mi hai commosso!
    effeffe (commosso viaggiatore)

  6. Partito Comunista Dandy cellula M. Proust Ischia il 18 giugno 2009 alle 15:07

    La cellula (impazzita e dissidente) W. Benjamin (già M. Proust) di Ischia del PARTITO COMUNISTA DANDY , che si batte instancabilmente contro la “zittatura del paroletariato”, segnala un delizioso libro di Ulf Peter Hallberg, “Lo sguardo del flaneur”, Iperborea Milano 2002, pp. 317, euro 18,00, prefazione di Claudio Magris: con la compagnia fantasmatica di Walter Benjamin e Anna Blume, l’autore viaggia attraverso la vecchia Europa, da Berlino a Praga, da Mosca a Pietroburgo, da Kiev a Cracovia, da Bratislava a Budapest, ma anche a Parigi, New York, Vienna. Interroga Paul Auster e Robert Menasse, Elfriede Jelinek, Péter Nàdas, Peter Estherazy, Gyorgy Konrad, Reinhard Jirgl, Ivan Klima, Gisela Freund, Yves Bonnefoy, gli attori orfani di Kantor etc.
    Come un’ombra, il flaneur sfiora le cose, gli oggetti, le persone senza sistematicità, muovendosi ai margini, non cerca una (improbabile) risposta definitiva essendo la realtà precaria e impermanente. Citazioni e fotografie si alternano in un testo tra i più amati dai comunisti locali (instancabili flaneur tra il balconcino fiorito e il cesso, dalla cucina al letto-divano-scrittoio).

  7. effeffe il 18 giugno 2009 alle 16:37

    grandissimo cellulare che dissidi ( cifra comunista dandy di tutte le cellule comuniste dandy è l’eresia.erosia) tenterò di procurarmi il libello sul flaneur circonflesso. saluti al castello aragonese che vegliò sulle nostre creazioni
    effeffe

  8. Lucifero il 18 giugno 2009 alle 18:10

    Il vero miracolo
    era di rimanere inchiodato
    per un solo braccio
    al destino

    mi piacque molto.

  9. Salvatore D'Angelo il 18 giugno 2009 alle 18:51

    Grande Giorgio! C’ è un tessera per me al PCD “M.Proust” di Ischia?
    Per averla, sono disposto a leggere non solo “lo sguardo del flaneur”, ma anche tutti gli altri libri che segnalerai e, previo esame di ammissione, accere alla sospirata tessera. Così ci aggiorniamo : negli anni cinquanta sessanta ( e anche inizio anni settanta nei paesi) prima di avere la tessera del Pci bisognava attaccarne manifesti, montare e smontare palchi e vendere l’unità la domenica! Ah, che tempi!….O tempora o mores!

  10. viola il 18 giugno 2009 alle 19:39

    bello davvero, un canto da zingaro cardillo…V.

  11. doarki il 18 giugno 2009 alle 23:12

    la vita è altrove:qui
    c.

  12. sparz il 19 giugno 2009 alle 10:10

    sono molto d’accordo col primo commento di Salvatore d’Angelo. Ma il risultato è comunque visionario, come da effeffico manuale, del resto.
    Se nei cinema, t’immagini?, si proiettasse una cosa così per una bella mezz’ora, forse il pubblico comincerebbe a svegliarsi un tantino e a uscire dalla debordiana società dello spettacolo, per entrare in uno stare insieme più umano.

  13. Salvatore D'Angelo il 19 giugno 2009 alle 14:38

    @ sparz
    ..e quello che dici, a proposito del pubblico, succederebbe proprio perchè effeffe ha ben letto “criticamente” la “società dello spettacolo” di Debord, e ne applica la lezione attraverso la creatività dei suoi photoshoperò.

  14. liviobo il 19 giugno 2009 alle 23:27

    fringuellante e insieme sfringuellante



indiani