le rire 1°: La vita del filosofo Kant

8 agosto 2009
Pubblicato da

©,\\’ Orsola Puecher

Joseph Haydn [ 1732 – 1809 ]
dalla Sinfonia n. 101 in re maggiore
Hob. I: 101 “L’orologio”

 
   di Cesare Zavattini
 
   Quando a mezzogiorno preciso Kant usciva a prendere una boccata d’aria, i cittadini di Koenisberg regolavano gli orologi: Invece del colpo di cannone a Koenisberg c’era il critico della ragion pura. I forestieri, visitando Koenisberg non mancavano mai di assistere alla tradizionale uscita di Kant. Appena Kant socchiudeva l’uscio, i presenti applaudivano calorosamente: Kant, astratto e solitario, con un libro sotto il braccio, lento lento si avviava verso la circonvallazione.
   Nessuno sospettò che Kant tenesse alla fama di un uomo che spacca il secondo: eppure Egli si preparava lungo le scale ogni dì alle undici e cinquanta, aspettava il segnale del servo che nella sala da pranzo, intanto, sbarrava gli occhi sulla pendola.”Via” gridava Martino. Emanuele Kant faceva in un salto i quattro gradini, poi apriva la porta e s’incamminava con l’aria più metafisica di questo mondo. Dovete sapere che il professor Karl Klaus invidiava il celebre filosofo. Una domenica Klaus invitò i cittadini per il mezzogiorno nella piazza di Koenisberg: ivi avrebbe pronunciato un discorso contro l’imperativo categorico di Kant. Kant allora ne pensò una bella: infatti, suona il mezzogiorno alla pendola e lui fermo in casa, nascosto dietro le persiane. Già in istrada c’era tanta folla ad attendere che poi sarebbe andata ad ascoltare Klaus.
   Ma passa un’ora e Kant non esce. Quando Martino entra ad avvisare Kant che il professor Klaus è andato a letto con un travaso di bile, Kant prende cappello e bastone, e va fuori. Sono le due. La folla applaude e regola gli orologi. Qualche fischio è sommerso dalle disapprovazioni generali… Da quella domenica a Koenisberg sono indietro di due ore rispetto al meridiano di Greenwich.

 

1930

 

Cesare Zavattini
[ Luzzara, 20 settembre 1902 – Roma, 13 ottobre 1989 ]

DITE LA VOSTRA
Da “Il Secolo Illustrato
Pag. 618
Scritti giovanili
A cura di Guido Conti
2002, Ugo Guanda Editore

 
[ Cesare Zavattini – Za – con cui inizio – d’elezione e per acclamazione – una piccola serie – le rire – di scritti divertenti – ma non per questo leggeri – anzi – nella sua trasmissione radio Voi ed io. Punto e a capo. – in quegli anni ’70 non poi ‘sì mitici – avvertì che – il giorno dopo – il 25 ottobre 1976 – avrebbe detto – per la prima volta attraverso l’etere delle patrie onde hertziane – quella parola con due zeta – vulgata di parte anatomica maschile – che oggi inflaziona e intercala ogni discorso minimo e affligge qualsiasi paginetta di parlato giovanilistico e finto trasgressivo – si veniva da tempi in cui in RAI avevano censurato con spesse calze nere le gambe lunghissime – 2X4 – delle gemelle Kessler – ed era vietata persino l’espressione membro del parlamento – e la disse – poi – davvero – quella parola con due zeta – in un sussurro soave della dolcezza emiliana del suo vocione simpatico – la disse così – per dirla – e perché – dicendola – sapeva che non sarebbe accaduto nulla di trascendentale – il fatto che le parole e soprattutto quelle degli scrittori cambino la realtà è pura illusione romantica – Za era un anticonformista – riuscendo – contemporaneamente – a prendere in giro gli anticonformisti – qui – in Kant – che esce dalla porta di casa puntuale come un cucù dal suo chalet tirolese – meccanico come il girotondo dei Re Magi sulla Torre dell’Orologio di Piazza San Marco – stigmatizza la creduloneria verso i maestri di qualsiasi cosa – che approfittando della loro fama – meritata o meno – diventano delle specie di guru – letterati o politici o filosofi che siano – che qualsiasi cosa dicano o facciano tutti se la bevono volentierissimo – oggi come allora – in quei littori anni trenta in cui un tragico cucù dalla mascella quadra – fra le ovazioni del popolo italico – tuttora assai incline a questo tipo di sbandate – faceva le sue uscite marionettistiche da un certo balcone romano ]
 
 

Tag: , ,

8 Responses to le rire 1°: La vita del filosofo Kant

  1. chi il 8 agosto 2009 alle 11:37

    nell’ora del nostro esser contenti.
    grande orsola! è bellissimo.
    :-)

  2. Ferdinando_Vino il 8 agosto 2009 alle 17:44

    Delizioso davvero. Grazie.

  3. sparz il 8 agosto 2009 alle 18:53

    la-parola-con-due-zeta, che bello, Orsola!

  4. paolettodicanio il 8 agosto 2009 alle 19:07

    ebbrava orsola, de quelle dei parioli sei la mejo, se te pijo me te magno

  5. viola il 8 agosto 2009 alle 19:18

    la profondità è sempre un fatto di superficie, un abbraccio Orsola

  6. lucia cossu il 8 agosto 2009 alle 19:20

    e dopo questo è una bella serata.

  7. Mino Bigna il 8 agosto 2009 alle 22:01

    Klaus è inventato, ma il dirimpettaio Hamann no (e se Kant lo vedeva, deviava).

  8. MARLENE il 26 agosto 2009 alle 23:18

    Kant! Quanto mi ha fatto penare..pensare, crescere.Ancora mi chiedo cosa farò da grande..e me lo rivedo, cercando qualche trucco ed un piccolo inganno.
    Ma,ancora,non ne trovo un’IDEA. Grazie ORSOLA:sei davvero interessante. Marlene



indiani