Pinelli. Manichini a dicembre

6 ottobre 2009
Pubblicato da

di Giovanni Catelli
Pinelli_manichino
Alla memoria di Pino Pinelli, ferroviere anarchico, padre, caduto innocente da una finestra della Questura di Milano la notte del 15 dicembre 1969.

Cadono i manichini, dalle finestre della Questura, come angeli, con leggere traiettorie di stupore, pallida memoria d’ogni peso, si librano quasi verso l’alto, nell’aria priva di dolore, nello sguardo attento di chi vede, non conoscono inverni, notte, dicembre, non sanno di questori, commissari, brigadieri, stanze colme di fumo, e anarchici colpiti, forse non solo da malori attivi, eppure capaci di scatti fulminei, proprio così, è un dono degli anarchici, lo scatto fulmineo, chissà quale gioia l’andarsene, con balzo felino, da un quarto piano della questura, in una notte di dicembre, nell’aria frizzante, pulita finalmente, come una salvezza, dopo un fermo illegale, stanze di elastici poliziotti che minacciano, e cercano nel fumo l’idea per un’accusa.

Ora cadono soltanto manichini, per indagine accurata, calcolo scientifico, ricerca della pura verità, come si potrebbe ledere anche un minimo diritto, i tempi son diversi, le persone ragionevoli, non è più nemmeno la memoria delle bombe, chi ricorda strategie della tensione, il Paese si unisce nel consumo, lo spettacolo continuo dissolve ogni conflitto, si è tutti più sereni, si è trovato finalmente a chi ubbidire.
Così bianco e soffice il cortile di Questura, così lieve il cadere dei manichini, a decine, con minimi variabili tragitti, traiettorie accurate, per ogni possibile malore, o balzo, scatto, lieve spinta, incoraggiamento, invito, forse scarica nervosa motoria, ecco il vero genio del malore attivo, quella fertile energia che fa la differenza, e fa scattare lo scavalco di ringhiera : ma, ci si chiede, fosbury o ventrale? E allora nuovi lanci, dorsali e frontali, con diverso impeto, entusiasmo, decisione, con variabili pendenze del corpo nel malore, un poco attivo oppure molto, sempre comunque volto al balzo, allo scatto (fulmineo, felino), alla caduta.
Quale nuova meravigliosa scienza del cadere, si costruisce qui, con tutti i crismi della legge, a futura conoscenza, ed esperienza, in vista di chissà quali futuri malori, o scatti, o balzi, da gestire, governare con saggezza, per poter dimenticare, per sempre, quelle notti a dicembre, quegli schiaffi, quegli anarchici superflui, quel fumo insalubre, quella piccola stanza colma di questurini maneschi, e quell’uomo solo, capace, con balzo felino, scatto fulmineo, malore attivo, di sfuggire a tutti, per un minimo pertugio tra le imposte, e volare via nell’aria libera, lasciando ai suoi guardiani solo una scarpa, in mano, a futura memoria, o pena, impaccio nell’indagine, polvere nell’ingranaggio della morte, dell’inganno, dell’oblio.
Cadono ancora, i manichini, come neve, mentre noi ce ne andiamo, precipitano lievi, con ostinata precisione, si sente una remota lietezza nelle voci di chi lancia, e una strana, metodica insistenza, una cura sottile nell’indagine scientifica, ossessiva minuzia nel capire, nell’assolversi, nell’attento infinito prepararsi.

Tag: , , , , ,

8 Responses to Pinelli. Manichini a dicembre

  1. véronique vergé il 6 ottobre 2009 alle 15:17

    Grazie per questo articolo, sparz.

    Solo angeli volano della finestra del nostro mondo,
    solo ombre scivolano nell’aria,
    e il corpo giù è l’immagine delle cose orribile che gli uomini inventano
    per rafforzare il potere,
    Solo angeli effimeri ( le saut de la mort) sono innocenti.

  2. girolamo il 6 ottobre 2009 alle 15:58

    Come dice quel tale che crede di essere figlio di un santo in corso di beatificazione, la fortuna non esiste. L’ingiustizia e il potere invece si :-/

  3. giorgio mascitelli il 6 ottobre 2009 alle 20:50

    Il mio saluto a chi non dimentica nel tempo dei papaveri della rassegnazione, e un plauso all’eleganza dell’italiano di questa poesia in prosa

  4. sergio falcone il 7 ottobre 2009 alle 00:19

    12 dicembre 1969 – 12 dicembre 2009. Valpreda innocente, Pinelli assassinato, la strage è di Stato

    http://sergiofalcone.blogspot.com/2009/09/12-dicembre-1969-12-dicembre-2009.html

    ***

  5. Vincenzo Garzillo il 7 ottobre 2009 alle 10:30

    Ognuno è libero di scegliersi i propri eroi e i propri nemici, e di chiudersi nel proprio delirio. Che Dio vi benedica.

  6. vanna il 7 ottobre 2009 alle 12:36

    Anarchici”distratti”…
    quarant’anni di manichini in volo…
    nulla è cambiato .

    molto bello ….originale
    complimenti !!

  7. franz krauspenhaar il 8 ottobre 2009 alle 11:04

    elegante e tagliente, molto bello, complimenti all’autore.

  8. giovanni il 9 ottobre 2009 alle 03:50

    grazie a tutti, per primo a sparz.
    cerchiamo di non dimenticare Pinelli.



indiani