Pop Polar – Canio Loguercio

5 novembre 2009
Pubblicato da

Ho chiesto a Canio di inaugurare questa sezione di Immateriali in cui tentare una cartografia del Pop attraverso esiti diversi dalla pura esecuzione di opere legate all’immaginario di una comunità (la comunità immaginata). Produzioni che contengano alcune risposte possibili all’emergenza del Pop contro le derive della Cultura di Massa. effeffe

Nota bassa
di
Canio Loguercio

Spesso dico che il napoletano è la sacra madrelingua delle passioni e, in effetti, credo che nella canzone napoletana si possano riscontrare altissimi esempi di ‘sacralità’ e sintesi espressive di rara efficacia.. Molti miei pezzi, tra l’altro, riprendono proprio versi e spunti di canzoni classiche napoletane. Provo a confrontarmi con loro.. o meglio.. a ricostruire un racconto a partire proprio dalle forti emozioni che queste canzoni sono in grado di trasmettere.
Non credo di essere un cantante così come lo si intende normalmente. Spesso faccio fatica a trovare la voce giusta per dare corpo sonoro a melodie costruite per lo più sul filo del parlato, a volte appena abbozzate e più che altro sussurrate. Mi considero un artigiano.

Uno che lavora con le parole, i suoni, le melodie, sicuramente non per produrre dei meccanismi sterili, bensì per provare a tessere una trama emozionale,qualcosa che conservi una sua intensità interiore.
E credo che anche le mie canzoni siano qualcos’altro. Mi sembrano tante stazioni di una via Crucis. Sì, se penso alle mie canzoni mi viene subito in mente una processione con le sue litanie, che metto in scena attraverso delle sgangherate bio-installazioni sonore, i miei concertini per l’appunto. Provo a costruire un meccanismo plurale, di condivisione di un rito in cui, attraverso dei rudimentali meccanismi, mi avventuro in velocissime incursioni dentro di me o verso un altrove quasi sempre banale, per raccogliere e fissare frammenti di natura varia in una sorta di catalogo/campionario double face, uno di quegli album da sfogliare recto-verso. Da un lato le foto della prima comunione, dall’altro ritagli e fotocopie di libri e giornaletti nascosti a lungo sotto il materasso: double face – doppio senso. Un po’ come le macchiette di Nino Taranto.
(Si veda (legga, ascolti) anche qui)

Tag: , , , ,

12 Responses to Pop Polar – Canio Loguercio

  1. gianni biondillo il 5 novembre 2009 alle 13:03

    Sia come sia, “Indifferentemente” è una canzone bellissima.

  2. francesco forlani il 5 novembre 2009 alle 13:51

    questa versione, insuperabile!
    effeffe

  3. diana durlin il 5 novembre 2009 alle 14:27

    che bella la voce di maria pia de vito,
    grazie effeffe

  4. francesco forlani il 5 novembre 2009 alle 14:36

    grazie a te diddì
    effeffe
    a completamento del post, qui il testo della sua “indifferentemente”
    Il brano “Giaculatoria dell’amore indifferente” è tratto dal Libro+CD “PASSIONI” di Canio Loguercio, ed. d’If , 2009

    Famme chello che vuò
    indifferentemente,
    tanto ‘o ssaccio che so’:
    pe’ te nun so’ cchiù niente!…

    E uno e doje, e uno e doje e tre e quatto
    e uno e doje, e comm e amara st acqua santa
    E uno e doje, sta buttegliella e succo e frutta
    schiatt a sotto, a sta criatura l e dato o sfratto
    E uno e doje, e uno e doje e tre e quatto
    e cinche e sei, e cinche e sei e sette e otto
    E tu si morta, a vocca toja m a sonno a notte
    a fronn e cerase, arravugliat a quatto giri int a vrachetta
    t e aizata comm o viento lazzaretta..
    vola mpepatella cosmica
    curre, curre, fuje lazzare
    Se, se pure senza sacramento io e te
    ammo fatto o sentimento
    E mo pecche indifferentemente
    comme fosse niente
    Se, se pure senza sacramento io e te
    ammo fatto pe tramente
    E mo pecche indifferentemente
    comme fosse niente
    E uno e doje, e tre e quatto e cinche e sei e sette e otto
    Tu m e lassato e mo pe tutt a notte viene nsuonno
    Facc e munaciello, core e lazzarella
    core, core, core e lazzarella mia
    Ammore, ammore, ammore senza
    cerimonia e cummarelle
    Cunfiette vvummecate e caramelle
    e o zuccaro e a cannella fanno sti criature belle
    E uno e doje o secreto e pulecenella
    Comme nu ffuoco, comme nu ffuoco
    m e appicciato o core e abbruciarra nfin a quanno campo
    E abbrucia a terra sott a sti fiamme
    sentenno a Mario Abbate
    ca pe te nun so cchiu niente
    Parole sante jettate o viento
    viento e sciato amaro, viento puorte sto veleno
    Ogge o dimane nun cagne niente
    co na funa tesa io moro indifferentemente

    Famme chello che vuò
    indifferentemente,
    tanto ‘o ssaccio che so’:
    pe’ te nun so’ cchiù niente!…
    E damme stu veleno,
    nun aspettà dimane…
    ca, indifferentemente,
    si tu mm’accide nun te dico niente.

    Oi lazzarella sposa carnale,
    carna consumata senza veli e senza altare
    E sissignore o chiamme ciro, o chiamme ciccio o ntuono
    so murzilluzze e passione
    Oi parulano pecche nun parle,
    pecche nun dice o munno
    tutto chello ca nun sanno
    Ma sti parole schiattate ncanna
    nun ponno asci pe mo, hann a passa ciento e cchiu anne
    e uno e doje, a o manicomio senza nattenuante
    e mo sfranto e mazziato chi o ssape o pateterno si me sente
    maria e gratia plena putesse sulamente ancora, ancora e sempe
    lazzarella mia
    ammore, ammore, ammore senza cummunione e pastarelle
    funzione, testimone e cumparielle
    e o zucchero e o penniello fanno sti criature belle
    e uno e doje.. oi stella e lazzarella
    E uno e doje, e uno e doje e tre e quatto
    vott a dinto, o sarchiapone int a bbuatta
    Core acciso te ne si jiuto o quatto e maggio
    e so rimasto senza na vrenzola e curaggio

    Cano Loguercio: voce, chitarre, grooves – Rocco De Rosa: piano, tastiere – Raiz: voce – Daniele Sanzone (‘A67): voce – Maria Pia De Vito: voce – Alessandro D’Alessandro: organetto, cori – Paolo Modugno: davul – Antonella Costanzo: cori
    Registrazione Raiz: Fabrizio Bacherini, Start Studio Roma
    Registrazione Daniele Sanzone: Ninni Pascale, il Parco Napoli
    Registrazione Maria Pia De Vito, Alessandro D’Alessandro, Antonella Costanzo e missaggio: Paolo Modugno c/o O.A.S.I. Studio, Roma
    ______________________________
    Autori: C. Loguercio S. Mazzocco U. Martucci / Compositori: C. Loguercio R. De Rosa S. Mazzocco – Ed. Musicali: La Canzonetta – Officina
    Nel brano è inserita una citazione della celebre “Indifferentemente” di Umberto Martucci e Salvatore Marzocco (Ed. La Canzonetta), un classico della canzone napoletana, portato al successo da Mario Abbate incoppia con Mario Trevi, al Festival di Napoli del 1963

    http://www.officinarecord.comhttp://www.ediziondidif.it

  5. francesco forlani il 5 novembre 2009 alle 14:42

    La versione cantata da Sergio Bruni e Mario Abbate (cui si fa riferimento nella canzone) , per chi non la conoscesse.

    INDIFFERENTEMENTE

    Tramonta ‘a luna
    e nuje, pe’ recitá ll’ùrtima scena,
    restammo mane e mane
    senza tené ‘o curaggio ‘e ce parlá.

    Famme chello che vuó’,
    indifferentemente,
    tanto ‘o ssaccio che só’,
    pe’ te io nun só’ cchiù niente!

    E damme stu veleno,
    nun aspettá dimane
    ca, indifferentemente,
    si tu mm’accide, i’ nun te dico niente.

    E ride pure,
    mentre mme scippe ‘a pietto chistu core.
    Nun sento cchiù dulore
    e nun tengo cchiù lacreme pe’ te.

    Famme chello che vuó!

    E damme stu veleno,
    nun aspettá dimane
    ca, indifferentemente,
    si tu mm’accide, i’ nun te dico niente.

    Indifferentemente,
    i’ voglio a te!

  6. Ares il 5 novembre 2009 alle 16:04

    Grandi !!! i Campani, in ogni forma d’arte. A volte mi sento orgoglioso di essere italiano.

  7. véronique vergé il 5 novembre 2009 alle 18:03

    In fine di giornata, un vero piacere, una voce che passa come attraverso un velo, una musica che ha danza e ondulazione.
    Un assaggio che fa il cuore felice.

    Grazie a effeffe per le parole che posso tradurre con il dizionario napoletano e il piacere di ascoltare una voce che non lascia indifferente.

  8. véronique vergé il 5 novembre 2009 alle 18:18

    “La sacra madrelingua delle passioni” è forse perché mi incanta e entra nel mio cuore carnale, non ho trovato spazio nella mia propia lingua, e lo trovo ascoltando voce murmurata come segreto.

  9. Bianca Madeccia il 6 novembre 2009 alle 09:11

    Bravissimo Canio e irresistibile il richiamo di “Indifferentemente”, una delle canzoni più intense della tradizione classica partenopea.

  10. Salvatore D'Angelo il 6 novembre 2009 alle 20:35

    Ho avuto modo di “vivere” un concertino di Canio Loguercio nella chiesetta di San Leone a Cairano, un paesino ell’Irpinia d’oriente, il più piccolo della regione Campania, ed è stata davvero una esperienza molto bella. Davvero centrato quello che dice Canio quando si definisce “artigiano” che cerca di tracciare delle coordinate per una esperienza emozionale condivisa: infatti quella notte di prima estate per me è stato davvero così. Loguercio è davvero un artista “transmediale”, posso dirlo?. Uno dei pochi in grado di essere autentico performer. Bravissimo

  11. Antonello Matarazzo il 8 novembre 2009 alle 12:39

    Scognami’ mò stai pure su nazione indiana!!! Quando ti vedremo all’Angelus dietro al Papa?

  12. guido il 11 novembre 2009 alle 11:31

    Visto al MAV di Ercolano, qualche mese fa, uno spettacolo concerto-melodramma-sceneggiata… che non lascia indifferenti…
    Guido



indiani