Camilleri, Tomasi di Lampedusa o Sciascia? «Sfiga nei confronti della Sicilia». Parola di assessore.

18 febbraio 2010
Pubblicato da

(postato da Evelina Santangelo)

di Giacomo Di Girolamo

«Le ideologie sono ormai superate. Destra e sinistra, tutti assieme, almeno per un anno prendiamoci una pausa. Non leggiamo più per un po’ Camilleri, Tomasi di Lampedusa o Sciascia perché sono una sorta di sfiga nei confronti della Sicilia. Ci vuole ottimismo». Mario Centorrino, assessore alla Formazione della Regione Siciliana.

Non sono nuove le parole di Centorrino. Le abbiamo già sentite. Anzi, c’è tutta una letteratura, dei politici del «ghe pensi mi». L’aveva detto prima Gianfranco Miccichè: «Che nome triste per l’aeroporto di Palermo, chiamarlo Falcone e Borsellino….che immagine diamo della Sicilia?» (niente sapendo che poi, nel 2010, ci avrebbe pensato Dj Francesco a pulire memorie e coscienze nel programma televisivo più inutile e pacchiano che la Rai abbia mai trasmesso). Il Ministro Brunetta di questo stile ne ha fatto un punto programmatico forte: in ogni convegno in cui prende parola, ad un certo punto gonfia tutto e comincia (con la voce identica a quella di Paolo Rossi)  tutta la sua filippica contro il «marciume» culturale italiano. Per non dire poi del Ministro della Cultura Sandrone Bondi e quel suo «gli intellettuali fanno schifo» di poche settimane fa. O dello stesso Berlusconi, nel Maggio scorso: «Per la politica e la democrazia…. Ghe pensi mi!».

È Il tentativo di ribaltare il tavolo, di giocare ai superuomini.  Il politico che si crede demiurgo, che ha la bacchetta magica, e propone a tutti la visione differente delle cose: non è come credete voi. Avete seguito le regole sbagliate, i valori sbagliati, la strada sbagliata… Ricorda molto quella poesia di Benni sulla scuola più strana del mondo: «C’è un professor di storia che odia i Fenici… e un prof di latino che tiene per i barbari… E Il prof di geografia non sa dov’è Pechino… la prof di Italiano legge solo Topolino…»

Ecco. Basta con le tristi letture, sembra voler dire Centorrino, un po’ di ottimismo nella vita ci vuole.  E invita tutti a «non leggere per un anno (ma questa non è provocazione, l’italiano medio non legge tutta la vita, mica un anno soltanto…) Camilleri, Tomasi di Lampedusa o Sciascia». Ne guadagneremo in salute.

Proviamo a non leggere Saviano, e la camorra scompare. Oppure proviamo a non leggere, punto e basta, e godremo della scomparsa del  mondo, di ogni sua possibile interpretazione.

Un peccato. Voleva essere originale, Centorrino, calato fin troppo nella parte «dell’assessore-tecnico-di-sinistra-prestato alla politica-di-destra». Non c’è riuscito.

È stato talmente banale, che il solito Miccichè gli ha fatto eco e nel suo logorroico blog ha scritto subito un post dal minaccioso titolo «Sicilia Bedda». E’ lungo, ma vale la pena riportarlo tutto: «Le nostre enormi potenzialità di attrazione sono troppo spesso vanificate, mortificate da chi esporta un’immagine della Sicilia tutta coppola e onore. La responsabilità è dei radical chic da salotto nostrani, un’ipocrita classe intellettuale progressista, iper pessimista (e anche un po’ provincialotta), che non sa fare altro che produrre amplificatori di messaggi negativi della Sicilia, svendendone l’immagine al prezzo di una pretestuosa (e molto proficua) crociata di cambiamento, che in fin dei conti è solo semplice presa di distanze e condanna sommaria.  Ed è un peccato, sol se si pensa a quali eccelse menti siciliane dominano il mondo del cinema, della televisione, della comunicazione e dell’arte in generale»

Secondo Miccichè la letteratura siciliana è quella  «erede naturale di quella scuola federiciana che nel Duecento segnò l’inizio della letteratura italiana e i cui interpreti (da Cielo d’Alcamo a Giacomo da Lentini) non raccontavano null’altro che l’amore e i colori della nostra terra. Questa è la nostra Sicilia! Questa è la Sicilia che vogliamo offrire al mondo, a chi viene a trovarci in vacanza, a chi viene a investire qui, a chi viene a vivere da noi. E questa è la Sicilia che vogliamo offrire ai nostri figli, ai nostri giovani, ai quali è bene cominciare a trasmettere un messaggio diverso dal solito pessimistico: “meglio che ve ne andiate, qui non cresce né erba né lavoro”, è bene cominciare a responsabilizzarli di più, dicendo loro: “la vostra è un terra meravigliosa, restate qui, è vostro il compito di debellare ciò che la incancrenisce e di dare lustro a ciò che la rende così …BEDDA!!»

Ecco. Se c’è un ragionamento banale e provinciale è proprio quello di Miccichè. Che ha fatto tanto per se, poco per la sua isola.   Sarò banale anche io, ma, secondo me, le enormi potenzialità della Sicilia sono vanificate e mortificate proprio da Miccichè e dai suoi colleghi, che, per non affrontare e risolvere i problemi, hanno sempre l’alibi della banalizzazione del tipico. Abbiamo il mare, il sole, il buon vino, le arancine, il cous cous…perché ci rompete?

Centorrino ha perso un’occasione. Avrebbe fatto meglio a dire, invece: «Sospendiamo per un anno gli stipendi ai super manager siciliani, ai parlamentari, a noi assessori. Ci vuole ottimismo.  E con quei soldi, organizziamo sempre per un anno ( e sempre perché ci vuole ottimismo) delle pubbliche letture di Camilleri, Tomasi di Lampedusa, Sciascia».

Leggendo, Centorrino, Miccichè, tutta questa triste compagnia di giro, scoprirebbero che ad esempio Sciascia è stato anche politico, oltre che intellettuale e scrittore. In un tempo in cui gli intellettuali erano anche politici.  Scoprirebbero che il siciliano medio quando legge Tomasi di Lampedusa, pensa alla Sicilia irredimibile non per chi la popola, ma per chi la governa.

Proprio Sciascia denunciò in  un intervento in Parlamento, circa 40 anni fa, gli scandali dietro la ricostruzione del Belice devastato dal terremoto: «Si è cominciato a rubare subito, e anche male». Impossibile non pensare alla Protezione (in)Civile di oggi, e al corto circuito che vive oggi il nostro Paese. Berlusconi legittima Bertolaso. Perché Berlusconi gode del consenso popolare, e Bertolaso gode dell’approvazione di Berlusconi. Del Bono, il quasi ex Sindaco di Bologna, è un povero idiota: si è dimesso per una manciata di euro spesi con il bancomat della Regione. E invece, oggi vale il principio non della legalità, ma della «filiera autoreferenziale» (complimenti, De Bortoli): io garantisco che tu mi garantisci che io ti garantisco.

Ecco, se per un anno sospendessimo la politica, le liti, il carnaio, e tutto, e magari leggessimo un po’ di più scopriremmo il valore di quelle parole di Calvino: «La letteratura è necessaria alla politica prima di tutto quando essa dà voce a ciò che è senza voce…».

Senza voce è l’Italia di Termini Imerese. La nuova Italia di Rosarno. Senza voce è la Sicilia che sprofonda tra il fango di Messina e le macerie di Favara.  E’ tutto stato già scritto, già vissuto. Solo che non si ascolta, non si ascolta più.

Tag: , , , , , , , , , , ,

8 Responses to Camilleri, Tomasi di Lampedusa o Sciascia? «Sfiga nei confronti della Sicilia». Parola di assessore.

  1. Luciano Mazziotta il 18 febbraio 2010 alle 18:35

    Sottoscrivo con il sangue. Luciano.

  2. Giulia il 18 febbraio 2010 alle 19:11

    In quanto siciliana, non posso che restare inorridita dalla dichiarazione di Centorrino. Perchè aveva ragione Tomasi di Lampedusa nel grande capolavoro che è “Il Gattopardo”. E la nostra attuale situazione lo dimostra.

  3. Anna il 18 febbraio 2010 alle 20:39

    Ho compiuto da poco 18 anni e vivo in provincia di Trapani.L’assessore dovrebbe riflettere sul fatto che noi giovani abbiamo letto Sciascia, Tomasi di Lampedusa e Camilleri e troviamo queste letture molto più illuminanti dei discorsi dei politici di oggi. Com’è possibile che vi siano persone con incarichi tanto prestigiosi che possono permettersi certe provocazioni? Lo sa il signor Centorrino che se c’è un messaggio ottimistico che parte dalla Sicilia questo risiede oggi proprio nella crescente capacità critica di noi cittadini?e che la nostra capacità critica si nutre necessariamente delle letture di questi importanti autori siciliani ed in particolare della lezione di Sciascia?

  4. made in caina il 19 febbraio 2010 alle 02:22

    nello stesso tempo galli della loggia scrive un allucinante pezzo sul corriere dove discolpa tutti quelli che governano l’italia perché i governati sono “sporchi” e irrimediabilmente corrotti.

    in paese serio, dopo un tale articolo che insulta tutti, indistintamente e senza uno straccio di prova o di analisi, i governati avrebbero dovuto pretendere pubblicamente le scuse.

    per il resto, la sicilia dalla sicilia si dovrebbe dividere !

  5. Roberto il 19 febbraio 2010 alle 06:07

    Considerato che vi piace leggere e state esplorando la Sicilia “poitica”, vi suggerisco un romanzo giallo alla Agatha Christie, “La zia di Lampedusa” di Elvira Siringo (ed. Morrone)
    I motivi per leggerlo sono tanti. Architetture e paesaggi vengono descritti in maniera straordinaria. La vita quotidiana di un’albergo, gli ospiti intrappolati dalle circostanze, i prestigiosi piatti regionali, i difficili rapporti tra isole e Stato, i colpi di scena, sono tutti elementi che richiamano l’appassionante storia mediterranea. Una grande scenografia, un giallo abilmente costruito, digressioni filosofiche e religiose che se inizialmente possono appesantire, ricompensano ampiamente il lettore nel prosieguo. La stessa Elvira Siringo con tono semiserio ci avverte che le prime pagine sono imposte, quasi come penitenza indispensabile per acquisire lentamente il respiro e il ritmo adeguati all’impresa. Un lungo ed interessante viaggio.
    Per maggiori informazioni: (http://www.laziadilampedusa.it/)

  6. anfiosso il 19 febbraio 2010 alle 09:54

    Strano che si perda a vantare tanto nobile prosapia chi, nel suo scrivere, si mostra poi tanto poco siciliano – cioè bauscia e volgare come potrebbe essere un assessore leghista.

  7. Ares il 19 febbraio 2010 alle 10:46

    Sto pensando a Nina e Dario: due miei amici teatranti che lavorano in un piccolo teatro di Palermo, quanta fatica che fanno con i ragazzi per spingerli alla lettura, al cambiamento, alla comprensione di se e della propia città..

    .. e poi al potere decisionale ci sono questi inetti senza spessore alcuno.

  8. natàlia castaldi il 21 febbraio 2010 alle 22:29

    credo che tale assessore regionale sia una delle sfighe della Sicilia insieme a buona parte dell’assessorato regionale alla (de)formazione (con cui ho avuto a che fare anni addietro), ma lo dice lui stesso, non sono parole mie …. ha scritto una “sentenza” boomerang … solo non possiede la “formazione” per rendersene conto.



indiani