I veleni dell’ecomafia che investe sulla crisi

10 giugno 2010
Pubblicato da

di Roberto Saviano

Raccontano che la crisi rifiuti è risolta. Che l’emergenza non c’è più. Gli elenchi dei soldati di camorra e ‘ndrangheta arrestati dovrebbero rassicurare che la battaglia è vinta. O almeno, questa è la versione. Molto distante, però, da ciò che realmente accade. Ogni anno Legambiente attraverso il suo Osservatorio ambiente e legalità produce storie e numeri: “Ecomafia”.
Quello dei rifiuti è uno dei business più redditizi che negli anni ha foraggiato le altre economie. Come il narcotraffico, il fare affari con i rifiuti, sotterrare scorie tossiche, devastare intere aree, ha permesso alle organizzazioni criminali e a semplici consorterie imprenditoriali di accumulare capitali poi necessari per specializzarli in altri settori. Catene di negozi, imprese di trasporti, proprietà di interi condomini, investimenti nel settore sanitario, campagne elettorali. Sono tutte economie sostenute con i rifiuti. Esempio lampante ne è l’economia campana e i suoi gangli politici che si sono strutturati intorno alla crisi rifiuti. Il mondo intero non si spiegava come fosse possibile che un territorio in Europa vivesse una piaga tanto purulenta. Come fosse possibile che le dolcissime mele annurche o le pregiate bufale campane, caratteristiche proprio di quelle zone, potessero trasformarsi improvvisamente in prodotti rischiosi per la salute. Possibile che convenga di più avvelenare che concimare e raccogliere?
Evidentemente sì, basta saperne leggere i vantaggi. L’emergenza rifiuti in Campania è costata 780 milioni di euro l’anno. Questa è la cifra quantificata dalla Commissione bicamerale sul ciclo dei rifiuti nella scorsa legislatura che, moltiplicata per tre lustri (tanto è durata la crisi), equivale a un paio di leggi finanziarie. Di fronte a cifre come questa è comprensibile che nessuno avesse convenienza a porre rimedio all’emergenza. Rapporti di consulenza politica, assunzioni, e persino specializzazione delle ditte nello smaltimento; oggi le imprese campane del settore rifiuti, grazie anche ai soldi dell’emergenza e alla pubblicità – sembra assurdo parlare di pubblicità, no? – che ne hanno ricavato, sono tra le più richieste in Europa. Ma risolvere un’emergenza significa anche non averne più i benefici e gli utili. E in verità, nonostante i proclami, oggi si è risolto poco. Si è tolta la spazzatura dalle strade ma, come afferma chi lavora nel settore, è solo fumo negli occhi, perché sta per tornarci. “Se non ci saranno altri impianti entro il 2011 la Campania, come molte regioni italiane, rischia una nuova crisi rifiuti”. Sono parole dell’amministratore delegato dell’Asia (l’azienda che fornisce servizi di igiene ambientale ai napoletani.) Come un tempo, quindi, la spazzatura sta di nuovo per essere accumulata. Resta quindi il problema di scongiurare una crisi da mancanza di discariche. Una crisi che sarebbe estremamente grave anche perché purtroppo in Italia sono ancora le discariche la valvola di sicurezza del sistema rifiuti. Come risulta dal rapporto di Enea e Federambiente queste continuano a ingoiare il 51,9 per cento del totale della spazzatura del nostro Paese e il 36,5 per cento senza nessun trattamento. Nel Sud le bonifiche delle terre avvelenate da decenni di sversamenti di veleni sono rare e lente. I rifiuti tossici hanno spalmato cancro prima nei terreni, poi nei frutti della terra, nelle falde acquifere, nell’aria. Poi addosso alla gente, nelle loro ossa e nei tessuti molli. Ogni ciclo di vita è stato compromesso.
La diossina, i metalli pesanti e le sostanze inquinanti vengono ingerite, respirate, assimilate come una qualunque altra sostanza. La pelle di ogni cittadino delle zone ammorbate trasuda sudore e scorie. Il cancro ha raggiunto percentuali molto più alte che negli altri Paesi europei. Gli ultimi dati pubblicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità mostrano che la situazione campana è incredibile, parlano di un aumento vertiginoso delle patologie di cancro. Pancreas, polmoni, dotti biliari più del 12% rispetto alla media nazionale. La rivista medica “The Lancet Oncology”, già nel settembre 2004, parlava di un aumento del 24% dei tumori al fegato nei territori delle discariche e le donne sono le più colpite. Ma l’ecomafia non è un fenomeno che appartiene solo al Sud. Nel Sud assume caratteristiche totalizzanti e più evidenti: nelle strade si inscena il dramma dei cassonetti incendiati, il puzzo accompagna ogni movimento, e il silenzio copre ogni cava, ogni singolo luogo dove è possibile accumulare e nascondere. Ma è sempre più il nord Italia il centro del vero business. E la novità di quest’anno, al di là del noto primato di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, è che il Lazio si posiziona al secondo posto tra le regioni con il più alto numero di reati ambientali. Tra le inchieste più rilevanti del settore, nel 2009, ce ne sono alcune con nomi fantasiosi, talvolta anche vagamente familiari. “Golden Rubbish”, “Replay”, “Matassa”, “Ecoterra”, “Serenissima”, “Laguna de Cerdos”, “Parking Waste”. Alcune, già dal nome si riescono anche a localizzare geograficamente, e tutte quelle che ho citato sono inchieste che riguardano il nord Italia. È evidente che il Nord ce la sta mettendo davvero tutta per non essere secondo al Sud in questa gara all’autodistruzione.
La “Golden Rubbish” è un’inchiesta che vede coinvolta la provincia di Grosseto, ma ancora conserva legami con Napoli e la Campania perché ha preso le mosse da un’inchiesta che riguardava la movimentazione dei rifiuti prodotti dalla bonifica del sito industriale contaminato di Bagnoli. Si tratta di un traffico spaventoso: un milione di tonnellate di rifiuti e un sistema che ha coinvolto decine e decine di aziende di caratura nazionale. L’inchiesta “Replay” è tutta lombarda e l’organizzazione criminale sgominata operava tra Milano e Varese. Un affiliato al clan calabrese che fa capo a Giuseppe Onorato è finito in manette insieme a un manipolo di colletti bianchi, tra cui funzionari di banche. Lombarda è anche l’inchiesta denominata “Matassa”.
È trentina, e precisamente della Valsugana, l’inchiesta “Ecoterra” che ha bloccato un traffico illecito di scorie di acciaierie che venivano riutilizzate, senza alcun trattamento, per coprire discariche o per bonifiche agrarie. Come dimenticare Porto Marghera, dove l’operazione “Serenissima” ha scoperto il traffico illecito di rifiuti diretti in Cina. Ma anche nelle Marche l'”Operazione Appennino” ha intercettato un flusso criminale di scarti derivanti dalle lavorazioni delle industrie agroalimentari e casearie.
È umbra, invece, nonostante il nome spagnoleggiante l’operazione “Laguna de Cerdos” un traffico illecito di rifiuti liquidi di origine suinicola per cui la regione e i singoli comuni si sono a lungo palleggiati le responsabilità. Friulana, invece è l’inchiesta “Parking Waste” che ha smascherato lo smaltimento illecito di medicinali scaduti. In tutte queste inchieste, l’aspetto che più colpisce è il legame strettissimo che si è creato tra gestori delle ditte di smaltimento, politici locali e istituti di credito presenti sul territorio.
Tra le altre cose, vale la pena ricordare che a marzo l’Italia è stata condannata dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea per come ha gestito l’emergenza rifiuti in Campania. È stata condannata per “non aver adottato tutte le misure necessarie per evitare di mettere in pericolo la salute umana e danneggiare l’ambiente”. E nella sentenza si legge che l’Italia ha ammesso che “gli impianti esistenti e in funzione nella regione erano ben lontani dal soddisfare le sue esigenze reali”.
Come non rimanere colpiti da questo dato: se i rifiuti illegali gestiti dai clan fossero accorpati, diverrebbero una montagna di 15.600 metri di altezza, con una base di tre ettari, quasi il doppio dell’Everest, alto 8850 metri.
Se un cittadino straniero conservava l’illusione delle colline toscane e del buon vino, delle belle donne e della pizza gustata osservando il Vesuvio da lontano mentre il mare luccica cristallino, qualcosa inesorabilmente cambia. Tutto assume una dimensione meno idilliaca e più sconcertante. La domanda più semplice che viene da porsi è come può un Paese che dovrebbe tutto al suo territorio, alla salvaguardia delle sue coste, al suo cielo, ai prodotti tipici, unici nelle loro caratteristiche, permettere uno scempio simile? La risposta è nel business: più di venti miliari di euro è il profitto annuo dell’Ecomafia, circa un quarto dell’intero fatturato delle mafie. Le mafie attraverso gli affari nel settore ambientale ricavano un profitto superiore al profitto annuo della Fiat, che è di circa 200 milioni di euro, e più del profitto annuo di Benetton, che è di circa 120 milioni di euro. Quindi in realtà usare il territorio italiano come un’eterna miniera nella quale nascondere rifiuti è più redditizio che coltivare quelle stesse terre. Tumulare in ogni spazio vuoto disponibile rifiuti di ogni genere costa meno tempo, meno sforzi, meno soldi. E dà profitti decisamente più alti. Bisogna guadagnare il più possibile e subito. Ogni progetto a lungo termine, ogni ipotesi che tenga conto di una declinazione del tempo al futuro viene vista come perdente. Un euro non guadagnato oggi è un euro perso domani. Questo è l’imperativo del nostro Paese che vede coincidere mentalità dell’imprenditoria legale e criminale. Per difendere il Paese, per continuare a respirare, è necessario comprendere che in molte parti del territorio il cancro non è una sventura ma è causato da una precisa scelta decretata dall’imprenditoria criminale e che molti, troppi, hanno interesse a perpetrare.
O quello delle ecomafie diventa il tema principale della gestione politica del Paese, o questo veleno ci toglierà tutto ciò che aveva permesso di riconoscere il nostro territorio. La speranza è che questo allarme venga ascoltato, e che non si aspetti di sentire la puzza che affiori dalla terra, che tutto perda di luce e bellezza, che il cancro continui a dilagare prima di decidersi a fare qualcosa. Perché a quel punto sarebbe davvero troppo tardi. E coloro che sono stati chiamati i grandi diffamatori del Paese sarebbero rimpianti come Cassandre colpevolmente inascoltate.

Prefazione al volume  “Ecomafia” di Legambiente, pubblicato su “La Repubblica”, 7 giugno 2010.

Tag: , , , , ,

8 Responses to I veleni dell’ecomafia che investe sulla crisi

  1. véronique vergé il 10 giugno 2010 alle 10:23

    E’ vero… Lo straniero ha gli occhi tornati verso il Vesuvio o verso lo centro storico, gli occhi si bagnano al mare luccicante all’orizzonte, con la spaccatura celeste neglio giornate d’estate verso Capri, o con la speranza di prendre il batello verso Procida, tutto avvolto in un nimbo di calore, sfera di bellezza.

    Lo straniero con la mano afferrata alla borsa attraversa la stazione, per perdersi nel palmo verdissimo, non vede il giallo che morsa già la palma, non vede ragazze alla notte d’estate, molte giovane con cellulari fare prostituzione, non vede l’uomo che prende mai vacanza nel retifilo .

    I ragazzi della camorra prendono vacanza in agosto, e lo straniero va in giro senza notare niente. La città è tranquilla, addormentata in un cielo blu di blu. Ma quando lo straniero va nel paesa, lasciando dietro la città, cammina una collina ripida, arsa come un dolore quando ci sono più le lacrime, si vede la sfera perfetta della terra da alto.

    In questo azurro di paradiso, un tratto nero di fumo alza verso il cielo, in terra del lavoro o verso Casal di Principe, un tratto nero che spacca il tuo sguardo e già non sei più innocente, sei già di questa terra.
    Un amico ti conduce a Marcianise, e tra case in costruzione, vede spazzatura, lasciato sul ciglione e sente l’afa di quelli sono costretti a mangiare il polvere e un’estate senza fine, e già sai che il tuo cuore è meno felice.

  2. Ares il 10 giugno 2010 alle 11:33

    Poi il cerchio si chiude quando si finanziano cliniche oncologiche gestite da Mafiosi.

  3. Ares il 10 giugno 2010 alle 11:34

    Comunque si sa: i topi di fogna è nelle pattumiere che si aggirano e si nutrono.

  4. véronique vergé il 10 giugno 2010 alle 13:07

    tanti rifusi faccio :-) Sono tentata di correggere.

    nelle giornate, morde, paese, lasciata

    Scrivo de un respiro alla scuola media, con la mia emozione e questo brano fa emozione, c’è rumore intorno a me.; e faccio errori.

    Roberto Saviano farà due puntate in ottobre, uno sull’argomento su RAI 3.

  5. Salvatore D'Angelo il 10 giugno 2010 alle 19:56

    Al mattino presto, facendo footing per le campagne dei regi lagni in località Santa Venere e Marcianise, in un territorio che fino al 1966 (gli anni della nostra infanzia e prima adolescenza, estati meravigliose e interminabili) era permeato solo dalla “puzza” della canapa al macero nei lagni, mista all’odore intenso delle pesche e del tabacco, odori forti e sorprendentemente erogeni per noi giovani “pischelli”), al mattino presto , ora, invece si levano strani fumi e odori indefinibili da cumuli di terra e detriti.La sera tardi, poi, i paesi intorno sono invasi dall’odore nauseante di siti di compostaggio e lavorazioni organiche e la notte è buio testimone di clandestini scarichi nei “depuratori” il cui lezzo è a dir poco nauseante. Sì, confermo: sono tragicamente vere le percentuali di insorgenza di tumori e altre impensate malattie; ogni giorno ne scopri l’aggiornamento dall’amico col viso angosciato che ti dice “hai saputo della moglie di X ha un tumore alla tiroide” “la sorella di Y, ventitrè anni, ha scoperto all’improvviso un tumore nel sangue”… e in fondo agli occhi gli leggi “speriamo che non tocchi pure a me”. Due anni fa una manifestazione pubblica raccolse più di 4000 persone in corteo per far chiudere “la fabbrica della puzza” a Orta di Atella; anche i parroci fecero affiggere un manifesto…. ma lestofanti e malfattori sono di nuovo al loro posto. Quanti morti ci vorranno ancora perchè sorga un comitato permanente di lotta?
    Véronique Vergé ha ragione…ma non sa -forse- l’assurda vergogna che ti assale ogni qualvolta viene a trovarti un amico da fuori, specie se straniero, come se l’esser vittime fosse già una colpa. O peggio, come se fosse impossibile sottrarsi alla catena delle “complicità”, delle contiguità, delle acquiescenze, senza esserlo mai stati.

  6. véronique vergé il 11 giugno 2010 alle 12:01

    Forse la vergogna è dentro l’uomo di passaggio, perché lo stato della Campania è faccenda di tutti. Vergogna perché bevi il cielo, il mare, la forma divina del Vesuvio, gusti il vino bianco, il gelato, i frutti del mare, ti spogli di tutta il griggio del Norte, e questa gioia del corpo ti fa dimenticare un viale scuro con spazzature, un uomo monco, la stazione
    in abbandono, con treni bianco e blu portano turisti, neri con buste, lavoratori. Ti spendi denaro in un albergo dove i tuoi occhi incontrano
    un ragazzo bello con ricci neri, cortese e sai che lavori per una paga di miseria, e questo ragazzo è nonstante gentile e sorridente con te, molto di più dei turisti in un bagno di sudore, affaticati di bellezza, di luce.

    Qui, dico qui in termine di vicinanza, la gente è molto più coraggiosa dell’immagine che si fa il viaggiatore, più complessa. La gente ti accoglie in una dolcezza che non riusci à obliare, in un bellezza del gesto che non è una leggenda, con questa sottilità nello sguardo e anche la tristezza.
    Perché si tu vedi benissimo negli occhi di tanti volti bellissimi afferri la tristezza.

    Salvatore mi ha fatto passagiare in un pomeriggio d’agosto in luoghi bellissimi, ma anche in una breccia si indovinava il polvere, l’abbandono del paese dove il sole accumula l’odore chimico della polluzione.

    Qui era un ruscello dell’infanzia con canne, i ragazzi durante l’estate bagnavano i piedi, qui è un ruscello dall’acqua gialla con odore soffocante, qui erano i luoghi imprendibili dell’infanzia, oggi, sono luoghi rapiti tra case di cemento in uno stato di costruzione sospesa.

    Partando con il treno, vedevo le case con questi tendi azurri al colore polveroso, tendi chiudano gli occhi sul paesaggio in agonia. Ho pensato a quelli che vivono in queste case in un estate devastatore di noia. Pensavo seduta in questo treno regionale che si ferma a tutte le stazioni.
    E’ strano perché questa terra straniera mi trattenava, mi diceva di rimanere un po’. E il paradosso di questa terra: ti prende contro il cuore, e quando parti ti senti colpevole di lasciare un amico, un amica, ti porti dentro la forma intima del Vesuvio, che è quella del tuo cuore.

  7. Salvatore D'Angelo il 11 giugno 2010 alle 13:42

    @ Véronique

    Morire..lottare..forse sognare. Comunque, merci :

    http://www.youtube.com/watch?v=EtEWBMmSHhw



indiani