Una storia fascista (reprise)

13 giugno 2010
Pubblicato da

Condannato a due mesi di reclusione con tutti i benefici di legge

Si è conclusa con la condanna a due mesi di reclusione (pena comminata dal giudice monocratico di Città di Castello PG), il procedimento di 1° grado che vede imputato lo scrittore Divier Nelli, accusato (Delitto di cui artt. 595 c. 1° e 3° Cp.) di avere offeso la reputazione dei congiunti di Casella Marcello (defunto) attribuendo a questi, nel romanzo giallo Falso Binario (Passigli Editori, 2004), la responsabilità dell’omicidio di Barsottelli Ottavio, avvenuto a Viareggio (Lu) l’11 settembre del 1931. “Siamo abbastanza soddisfatti, si tratta del minimo della pena prevista”, ha commentato l’avvocato Aldo Lasagna “ricorreremo in appello contando in un ribaltamento della sentenza. In appello sarà ripreso in esame il materiale storico già agli atti, comprese le note di polizia dell’epoca che potrebbero fare nuova luce sul delitto Barsottelli.”

Per saperne di più, leggere qui.

Tag: , , , ,

3 Responses to Una storia fascista (reprise)

  1. […] indiana racconta una storia fascista: Condannato a due mesi di reclusione con tutti i benefici di […]

  2. Beppe il 13 giugno 2010 alle 23:37

    Proprio qualche settimana fa riflettevo sul fatto che James Ellroy, nei suoi romanzi, fa un uso quanto meno “spregiudicato” dei personaggi realmente esistiti. E la mia banale conclusione era proprio: “in Italia, qualcuno si sentirebbe offeso”. (Ma lo immaginate un romanzo in cui Junio Valerio Borghese viene dipinto come un feroce fascista a capo di un gruppo di repubblichini torturatori, e che poi, negli anni ’70, tenta un colpo di Stato con appoggi criminali e internazionali per stabilire una dittatura militare?!)
    Ecco.
    Non conosco Nelli, né ho letto il romanzo in questione, ma di certo capisco perché ci sia difficoltà (e anche imbarazzo) nell’interpretare o piegare a usi narrativi pezzi di storia italiana. Da cui i soprannomi dei personaggi, le situazioni “nebulose” ecc.

  3. Ares il 14 giugno 2010 alle 10:40

    Caspita c’è tutto il materiale per un sequel…

    .. porcapaletta che storia torbidissima..

    ..



indiani