Un libro vi trasporterà: Carlo Grande

12 gennaio 2011
Pubblicato da

Nuova puntata per gli amici di Torno Giovedì dedicata a un vero gentleman della letteratura italiana, Carlo Grande. Così Torino ci accoglie tra le strade illuminate dalle luci d’artista, caffè storici, come il caval ‘d brons di Piazza San Carlo, l’area di rigore di un campo di calcio su cui si allena l’Osvaldo Soriano Football club e soprattutto le pagine di Terre alte, ed Ponte alle Grazie, che si lasciano sfogliare strada facendo. La band torinese che ci accompagna è quella dei Nadar Solo il cui cantante, Matteo de Simone, scrittore e promessa della scena musicale rock torinese, ci ha suggerito “Radical Trip” come colonna sonora. Cosa aggiungere se non, Hare Krishna, Hare Krishna, Hare Krishna, hare Hare… effeffe

Tag: , , , , , ,

4 Responses to Un libro vi trasporterà: Carlo Grande

  1. natàlia castaldi il 12 gennaio 2011 alle 10:26

    visto e rivisto, torno a vederlo, ascoltarlo: bello, bello, bello!

    “il vero isolamento, quello che ci fa sentire soli, non è una condizione fisica, è uno stato morale. E’ rimanere tra gente insulsa e compiere azioni insignificanti, è produrre cose inutili che mortificano la nostra vita e la svuotano di senso”

  2. sparz il 13 gennaio 2011 alle 09:28

    moooolto bello, Fra’, grazie.

  3. véronique vergé il 13 gennaio 2011 alle 10:00

    Si respira il mondo. E’ una parola essenziale al sentimento di essere nel cosmos.
    Il nostro corpo soffre come la nostra mente. Città prigione. Corpo chiuso nella macchina, nella scuola, nella fabbrica, nell’ufficio…E’ difficile sentire la respirazione. Gli occhi sono privati dell’orizzonte.
    Con una parola si immagina il paesaggio imane, teso, fragile. L”influenza del luogo anima la gioia di vivere o l’indifferenza alla vita.
    Molto bello, da sognare con anima svegliata.

  4. véronique vergé il 13 gennaio 2011 alle 10:12

    Guardando la video, mi è venuta nella mente l’idea che il cielo blu era una traccia dell’avventura. Il cielo blu era portato dalle montagne, aveva viaggiato, era entrato negli occhi dello scrittore. Il cielo blu a stento voleva invadere la strada con illuminazioni, aveva inventato questa parola poetica sul punto di spiccare il volo.



indiani