Un libro vi trasporterà: Carlo Grande

Nuova puntata per gli amici di Torno Giovedì dedicata a un vero gentleman della letteratura italiana, Carlo Grande. Così Torino ci accoglie tra le strade illuminate dalle luci d’artista, caffè storici, come il caval ‘d brons di Piazza San Carlo, l’area di rigore di un campo di calcio su cui si allena l’Osvaldo Soriano Football club e soprattutto le pagine di Terre alte, ed Ponte alle Grazie, che si lasciano sfogliare strada facendo. La band torinese che ci accompagna è quella dei Nadar Solo il cui cantante, Matteo de Simone, scrittore e promessa della scena musicale rock torinese, ci ha suggerito “Radical Trip” come colonna sonora. Cosa aggiungere se non, Hare Krishna, Hare Krishna, Hare Krishna, hare Hare… effeffe

francesco forlani

Vive a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman e Il reportage, ha pubblicato diversi libri, in francese e in italiano. Traduttore dal francese, ma anche poeta, cabarettista e performer, è stato autore e interprete di spettacoli teatrali come Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, con cui sono uscite le due antologie Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Corrispondente e reporter, ora è direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Con Andrea Inglese, Giuseppe Schillaci e Giacomo Sartori, ha fondato Le Cartel, il cui manifesto è stato pubblicato su La Revue Littéraire (Léo Scheer, novembre 2016). Conduttore radiofonico insieme a Marco Fedele del programma Cocina Clandestina, su radio GRP, come autore si definisce prepostumo. Opere pubblicate Métromorphoses, Ed. Nicolas Philippe, Parigi 2002 (diritti disponibili per l’Italia) Autoreverse, L’Ancora del Mediterraneo, Napoli 2008 (due edizioni) Blu di Prussia, Edizioni La Camera Verde, Roma Chiunque cerca chiunque, pubblicato in proprio, 2011 Il peso del Ciao, L’Arcolaio, Forlì 2012 Parigi, senza passare dal via, Laterza, Roma-Bari 2013 (due edizioni) Note per un libretto delle assenze, Edizioni Quintadicopertina La classe, Edizioni Quintadicopertina Rosso maniero, Edizioni Quintadicopertina, 2014 Il manifesto del comunista dandy, Edizioni Miraggi, Torino 2015 (riedizione) Peli, nella collana diretta dal filosofo Lucio Saviani per Fefé Editore, Roma 2017 

Tags:

  4 comments for “Un libro vi trasporterà: Carlo Grande

  1. 12 gennaio 2011 at 10:26

    visto e rivisto, torno a vederlo, ascoltarlo: bello, bello, bello!

    “il vero isolamento, quello che ci fa sentire soli, non è una condizione fisica, è uno stato morale. E’ rimanere tra gente insulsa e compiere azioni insignificanti, è produrre cose inutili che mortificano la nostra vita e la svuotano di senso”

  2. 13 gennaio 2011 at 09:28

    moooolto bello, Fra’, grazie.

  3. véronique vergé
    13 gennaio 2011 at 10:00

    Si respira il mondo. E’ una parola essenziale al sentimento di essere nel cosmos.
    Il nostro corpo soffre come la nostra mente. Città prigione. Corpo chiuso nella macchina, nella scuola, nella fabbrica, nell’ufficio…E’ difficile sentire la respirazione. Gli occhi sono privati dell’orizzonte.
    Con una parola si immagina il paesaggio imane, teso, fragile. L”influenza del luogo anima la gioia di vivere o l’indifferenza alla vita.
    Molto bello, da sognare con anima svegliata.

  4. véronique vergé
    13 gennaio 2011 at 10:12

    Guardando la video, mi è venuta nella mente l’idea che il cielo blu era una traccia dell’avventura. Il cielo blu era portato dalle montagne, aveva viaggiato, era entrato negli occhi dello scrittore. Il cielo blu a stento voleva invadere la strada con illuminazioni, aveva inventato questa parola poetica sul punto di spiccare il volo.

Comments are closed.