Sulla rivolta d’Egitto – Slavoj Zizek e Tariq Ramadan

6 febbraio 2011
Pubblicato da

Tag: , ,

4 Responses to Sulla rivolta d’Egitto – Slavoj Zizek e Tariq Ramadan

  1. […] This post was mentioned on Twitter by entrambos, nazioneindiana. nazioneindiana said: Sulla rivolta d'Egitto – Slavoj Zizek e Tariq Ramadan: http://bit.ly/hL53Mm [marco rovelli – 6 febbraio 2011] […]

  2. […] Nazione indiana ho trovato questo interessante discussione tra il filosofo sloveno Slavoj Zizek e Tariq […]

  3. renatamorresi il 6 febbraio 2011 alle 22:28

    “This is the time to support the people in Egypt”

    (che forza della natura Zizek)

  4. Abu Yasin il 12 febbraio 2011 alle 16:11

    Ottimo post! Questo davvero di qualità…Scusate ma vorrei solo per due righe tornare sulla questione del post di Sherif Sebaie, il quale non mi ha dato nemmeno la possibilità di rispondere sul suo blog, bannando ben 4 mie risposte al suo post dedicato a me! E mentre mi ha bannato ormai in forma stabile, continua a vantarsi della sua democraticità, sostenendo di essere diverso da Magdi Allam perché lui non censura a differenza dell’altro egiziano del Don Bosco. La cosa più spiacevole è che nelle mie risposte non c’erano né insulti né attacchi personali, ed anzi dichiaravo di non aver nessun desiderio di lunghe e/o aspre diatribe, ma semplicemente di esprimere la mia condanna umana, ideologica, politica della posizioni da lui espresse e subito accolte con estrema soddisfazione dalla parte più razzista e reazionaria dei frequentatori del suo blog. Tra l’altro mentre nel post il laico Sherif mi attacca dandomi anche del “munafiq” che significa “ipocrita” in senso religioso islamico, permettendosi di entrare nella mia sfera religiosa, che giudico invece privata e personale, non avendo mai parlato di religione e non avendo mai fatto alcun riferimento religioso sulla questione egiziana. Elemento religioso che ripeto, considero elemento intimo dell’identità della persona e che mi ha particolarmente fastidio perché ho sempre detestato le etichette e le “incasellature” delle identità, che considero invece fluide, in movimento continuo, sensibili agli scambi e ai meticciati. Ringrazio per l’ospitalità, con stima…
    Abu Yasin



indiani