Chapbooks a Milano e a Roma!

9 marzo 2011
Pubblicato da
canto / hocquardplasma / watten
cani / raosvoci / marzaioli

Doppia presentazione per gli ultimi quattro titoli della collana ChapBook, Arcipelago editore.

I titoli sono:

  • Il canto secolare per un nomarca di Emmanuel Hocquard
  • Plasma di Barrett Watten
  • I cani dello Chott el-Jerid di Andrea Raos
  • Voci di seconda fase di Giulio Marzaioli

Venerdì 11 marzo, alla Libreria popolare in via Tadino 18 a Milano, alle ore 18:30, saranno presenti Alessandro Broggi, che introdurrà la serata, e Paolo Giovannetti e Gherardo Bortolotti che parleranno della collana e delle ultime uscite.

Venerdì 18 marzo, al Beba do Samba in via Messapi 8 a Roma, alle ore 19:00, saranno presenti Giulio Marzaioli e Michele Zaffarano.

Tag: , , , , , , , , , ,

10 Responses to Chapbooks a Milano e a Roma!

  1. andrea inglese il 9 marzo 2011 alle 12:49

    …un’iniziativa da tenere d’occhio, dei volumi da non prendere sottogamba…

  2. alcor il 9 marzo 2011 alle 12:59

    La libreria popolare di via Tadino è una gran libreria.

  3. gianni biondillo il 9 marzo 2011 alle 15:30

    sono un tipo che ha naso ma a costo di mostrare il fianco, orecchiando le cose dette, trovo senza capo né coda in commento di Inglese. ;-)))

    (farò di tutto per esserci, Gherry.)

  4. andrea inglese il 9 marzo 2011 alle 15:44

    ma gianni, sono invece certo che raos capirà nel modo più conveniente lo spirito del mio commento :)

  5. gherardo bortolotti il 9 marzo 2011 alle 16:34

    sì, sì, accorrete numerosi. il dottor raos, anche se assente, paga da bere a tutti!

  6. gianni biondillo il 9 marzo 2011 alle 17:37

    Sciampagne!

  7. véronique vergé il 10 marzo 2011 alle 08:12

    AUGURI!
    AUGURI!
    AUGURI!

  8. maria luisa il 10 marzo 2011 alle 17:50

    Presto ordiniamo un champa formato “nabuchodonosor”… dovrebbe bastare.
    @ alcor hai ragione la libreria popolare di via Tadino è proprio un posto molto bello e prezioso.

  9. Andrea Raos il 11 marzo 2011 alle 01:45

    lenti ma inesorabili, vedo che i chapbook prendono piede.



indiani