L’indomito, verso

19 aprile 2011
Pubblicato da

Che cos’è il PREMIO FALERNO primo romanzo 

Il “Premio Falerno Primo Romanzo” nasce nel 2010 dall’idea di suggellare il “gemellaggio” storico tra vino e letteratura, e in particolare per sottolineare da un lato l’importanza storica della città di Capua e dall’altra il vino Falerno, vino famoso dell’antica Roma, che ancora oggi si produce in diverse zone della provincia di Terra di Lavoro.
Il “Premio Falerno Primo Romanzo” è dedicato agli autori esordienti, la cui opera prima sia stata pubblicata in Italia dal gennaio dell’anno precedente al gennaio dell’anno in corso.
I nove romanzi d’esordio dei nuovi narratori italiani, segnalati da altrettanti testimonial provenienti dal mondo della cultura, vengono letti e valutati dalla giuria popolare, formata dai comitati di lettura collegati alle numerose librerie della provincia di Caserta aderenti al Premio, il voto di questi (entro il 31 maggio 2011) decreterà i quattro autori finalisti.
Ad ogni scrittore esordiente candidato dai componenti della giuria di qualità viene abbinata un’azienda produttrice di Falerno che accompagna il percorso del libro candidato.
La proclamazione del vincitore avverrà l’ultima sera del Capua il Luogo della Lingua festival a Palazzo Lanza in Capua il 19 giugno 2011.
Qui è possibile consultare il programma completo.
Post Scriptum
Secondo me la migliore opera prima è Ho rubato la pioggia, ed. Nottetempo, di Elisa Ruotolo, e per chi volesse saperne di più Giovedì mo che viene sarò qui a “raccontare” il perché. effeffe

Tag: , , ,

2 Responses to L’indomito, verso

  1. véronique vergé il 19 aprile 2011 alle 12:39

    Un’ unione felice – il vino con i suoi colori diversi – i racconti fatti della terra campana. La lingua da Caserta a Salerno tiene il suo profumo delle colline di terra gialla, dove la pioggia scatta in un tempo magico, tiene il suo desiderio di evasione nel mare.
    Il vino possiede terra e mare. in bocca si sente il ricordo della terra,
    papille linguale riconoscono la lingua natale, il soffio, la parola trasmessa.
    Sono straniera, ma la lingua degli scrittori della Campania mi invade con sensualità. Come attraverso il vetro della bottiglia, vedo i rifletti dorati, rubino, viola dei miei sogni.

  2. Marco Palasciano il 20 aprile 2011 alle 00:05

    :D Ci vediamo a tavola! Capua über alles! evoè!



indiani