La cultura nasce copiando

13 giugno 2011
Pubblicato da

httpv://www.youtube.com/watch?v=jcvd5JZkUXY


All creative work is derivative
Nina Paley, questioncopyright.org

Tag: , , , ,

6 Responses to La cultura nasce copiando

  1. Cri il 13 giugno 2011 alle 10:39

    bello!

  2. Fernando Bassoli il 13 giugno 2011 alle 12:10

    Basta che non si esageri a copiare però. Oppure a farsi scrivere i libri dagli altri.

  3. Daniele Ventre il 14 giugno 2011 alle 15:33

    E’ meraviglioso!

  4. Sebastiano il 14 giugno 2011 alle 17:23

    Giusto.
    O meglio, la copia in se, fine a se stessa, non credo sia positiva.
    E’ il rielaborare qualcosa di preesistente che invece può essere considerato positivamente “produttivo”, nel senso di (ri)creazione di senso (peraltro, nel caso di questo video, comicamente efficace!) mediante elaborazione di materiale già esistente.
    D’altronde, se ci pensate, anche la scrittura di un libro, ad esempio, comporta la “copia” di un qualcosa, nello specifico le lettere che, grazie ad una particolare forma di relazione che l’autore crea fra loro, danno un prodotto presumibilmente, si spera, unico.
    Credo che la chiave sia nell’uso che si fa di ciò che viene “copiato”.
    Se copio un quadro, non creando nulla di (nuovamente) unico, magari merito particolari riconoscimenti che si fermano però ad un livello meramente materiale e “superficiale”.
    Diversa è una copia che riesce invece a conferire originalità e diversità rispetto al precedente artefatto.

    • jan reister il 21 giugno 2011 alle 10:06

      Vi ringrazio degli interventi. Sebastiano centra bene il problema, il linguaggio stesso è una copia di segni condivisi. Comunque esistono cuture dove la copia di un’opera d’arte, di una calligrafia o di una poesia ha un valore in sé. In Cina una tale copia non è plagio, ma espressione di rispetto ed apprezzamento. Grazie ancora!

  5. lucia D. il 16 giugno 2011 alle 07:10

    E’ un video incredibile.Non si riesce a collocarlo.Originale,quindi.Riguardo al copiare, è sempre sbagliato,tranne che per la Zecca.
    Lucia D.



indiani