RECIDIVI

3 settembre 2011
Pubblicato da

di Franco Buffoni

“Uno dei più grossi errori che si possono fare per risolvere i problemi, è continuare a comportarsi nello stesso modo, aspettandosi risultati diversi”. Queste parole sono state pronunciate da Yvonne Murphy, il giudice irlandese che ha redatto il “Cloyne Report”, un’inchiesta commissionata dal governo irlandese nel 2009 per accertare lo svolgimento dei fatti in numerosi casi di pedofilia avvenuti nella diocesi di Cloyne.
Specificamente dall’inchiesta si evince che, tra il 1996 e il 2005, almeno cinque sacerdoti della Diocesi e lo stesso Arcivescovo John Magee omisero di denunciare all’autorità giudiziaria ben 17 casi di abusi su minori a loro segnalati – vincendo più che comprensibili ritrosie – dalle giovani vittime. “Abbiamo tristemente appurato – ha detto Murphy presentando il rapporto – che i membri della Chiesa hanno sistematicamente mancato al dovere di denucia in merito ai casi di pedofilia”.
Presentando il rapporto al parlamento – 421 pagine che ricostruiscono l’atteggiamento dei membri della Chiesa in merito ai casi di abuso sessuale avvenuti dal 1996 al 2009 – il primo ministro irlandese Enda Kenny ha accusato la Santa Sede di “disfunzione, disconnessione e elitarismo” per avere “incoraggiato i vescovi a non denunciare gli abusi alle autorità ufficiali”. Kenny ha inoltre esplicitamente denunciato “il tentativo della Santa Sede di bloccare un’inchiesta in uno Stato sovrano e democratico non più di tre anni fa, non trent’anni fa”.

Tag: , , , , , ,

3 Responses to RECIDIVI

  1. daniele ventre il 3 settembre 2011 alle 21:28

    Nil sub sole novum.

  2. daniele ventre il 3 settembre 2011 alle 21:29

    *novi, pardon.

  3. giuliomozzi il 4 settembre 2011 alle 15:00

    Il Cloyne Report si può leggere qui.

    Le osservazioni del Vaticano al Cloyne Report si possono leggere qui.

    Quanto alla “esplicita denuncia” del primo ministro irlandese circa “il tentativo della Santa Sede di bloccare un’inchiesta in uno Stato sovrano e democratico non più di tre anni fa, non trent’anni fa”, nel documento del Vaticano si legge che “when asked, a Government
    spokesperson clarified that Mr Kenny was not referring to any specific incident” (p. 11, trad. a p. 26: “un portavoce governativo, quando è stato interrogato in merito, ha chiarito che l’On. Kenny non si riferiva ad alcun episodio specifico”).
    Quindi:
    – o il Vaticano mente, in un documento ufficiale, nel riferire questa dichiarazione di un portavoce (del quale non fornisce né nome né cognome; né ci permette di capire il grado di ufficialità di tale dichiarazione);
    – o il portavoce ha mentito;
    – o il primo ministro irlandese ha mentito in una sede ufficiale (Camera dei deputati d’Irlanda, 20 luglio 2011);
    – o il primo ministro irlandese ha dichiarato, in una sede ufficiale, qualcosa che non è in grado di provare.



indiani