A Casal di Principe stendono un velo

9 settembre 2011
Pubblicato da

di Rosaria Capacchione

Il problema é: riusciranno a resistere, quei trecentomila centimetri di pizzo, al lastricato sconnesso di corso Umberto? E i tacchi della sposa? I tacchi, s’incastreranno tra un buco dell’asfalto e un rattoppo? E le damigelle? Ne serviranno almeno cento, tutte rigorosamente in abito da cerimonia. Ecco, il loro fondoschiena potrà competere con quello di Pippa? E se per caso il 23 settembre dovesse risvegliarsi la faida casalese, come la metteremmo con la fuga dei killer? E se uno schizzo di sangue dovesse insozzare tre chilometri di virgineo tulle nuziale? Mettiamola cosi: don Carlo Aversano, che ha appena appena finito di benedire la nomina di un assessore pur sapendolo indagato per fatti di camorra, quest’ultima uscita se la poteva pure risparmiare. Cioè, avrebbe serenamente potuto negare, come altrove già accade da anni, la sua autorizzazione al matrimonio-kermesse con il solito velo da guinness dei primati realizzato dal solito stilista specializzato in effetti speciali.

Forse non avrà voluto dare un dispiacere al suo pupillo, l’assessore, che per andare incontro ai desideri della sposa non ha saputo far altro che convocare in Comune tutte le associazioni di volontariato che operano a Casal di Principe, dalla Scuola di Pace intitolata a don Peppe Diana alla Jerry Masslo che i veli è abituata a scoprirli e non certo a portarli. A prescindere dal fatto che gli abiti nuziali con i veli lunghi tre chilometri non mi piacciono. A prescindere anche dal fatto che questi show, specie in tempo di crisi, sono di pessimo gusto (tre mila metri di tulle costano almeno almeno cinquemila euro) e che comunque lo stilista, in cambio di quel po’ di pubblicità che porterà a casa potrebbe pure spendere qualcosina di tasca sua pagando qualche ragazza disponibile a reggere il velo, mi chiedo: ma proprio a Casal di Principe deve far sfilare il suo velo da primato? Velo trasparente, che nulla servirà a mascherare.

Tag: , , , ,

7 Responses to A Casal di Principe stendono un velo

  1. Marco Palasciano il 9 settembre 2011 alle 05:28

    ;) Il record attuale, pare, è di 11.017 metri e rotti di lunghezza: tale il velo di Sandra Mechleb, sposatasi con Chady Abi Younis il 18 ottobre 2009 ad Arnaoon, in Libano.

  2. davide vargas il 9 settembre 2011 alle 07:36

    roba che Christo non è nessuno…..

  3. véronique vergé il 9 settembre 2011 alle 17:54

    Rosaria, anima schietta, bella. Mi piace la sua scrittura nitida, senza velo, perché la realtà si deve guardare senza paura. Rosaria, grande giornalista.

    Grazie.

  4. Antonio il 11 settembre 2011 alle 19:55

    Rosaria Capacchione ….
    Credo che oltre che a scrivere male sia anche un pò cattivella , che vuole denunciare strade rotte , disservizi dei politici , benvenga, ma che inizia a fare confusione approfittando con una scrittura qualunquistica della situazione camorristica di Casal Di Principe generando solo un inutile confusione , questo proprio no!!!
    Cosa gliene frega dei soldi spesi da un privato ?! In questo caso lo stilista , non deve certo dar conto a lei !! Altrimenti iniziamo a dire perché si spendono soldi in questo momento di crisi per viaggi , per auto nuove, abbigliamento inutile etc.etc.
    Se volessimo seguire Rosaria , in questo momento si fermerebbe il mondo , invece noi fan di Molaro preferiamo seguire una scia di velo bianco che ci dà tanto entusiasmo .
    E poi, pur di scrivere qualcosa che secondo lei faccia rumore inizia a confondere un matrimonio di una ragazza dal passato sofferente con camorra agguati e schizzi di sangue .
    Rosaria , ma ti vuoi curare???!!!
    E poi , Don Carlo perché dovrebbe non celebrare un matrimonio solo perché nelle strade del paese fuori dalla sua chiesa si è esteso un velo di 3000 metri ?
    Invito la giornalista a riflettere prima di scrivere , a Casal di Principe i guai sono già tanti .

  5. rosaria capacchione il 13 settembre 2011 alle 00:37

    Caro Antonio Anonimo, sono contenta che una scia di velo bianco ti dia tanto entusiasmo, non altrettanto credo ne darà a chi abita lungo quei tre chilometri di corso Umberto, a Casal di Principe, costretto come sarà a tapparsi in casa o ad assistere, suo malgrado, alla sfilata. Ti assicuro che a me, degli eventi privati con spreco di tulle, denari e quant’altro non me ne cale più di tanto. Però questo non è un evento privato, visto che prevede l’occupazione di tre chilometri di pubblica strada e che ha indotto il Comune di Casal di Principe, che dovrebbe avere cose più serie a cui pensare, a convocare, dico convocare, le associazioni che operano sul territorio sul fronte della lotta al racket, alla camorra e in difesa dei diritti dei non italiani per reggere un velo da sposa. Quanto al ruolo del parroco, vorrei ricordarti che da anni, in tutte le parti del Paese, i sacerdoti vietano non la somministrazione del sacramento, per carità, ma l’esibizione di tanto e inutile sfarzo. Puro sadismo? No, banale applicazione delle norme pastorali, tra le quali questa che qui ti cito: “Norme generali di comportamento
    Poiché la celebrazione religiosa non deve essere scambiata per uno spettacolo, si raccomanda di evitare ogni eccesso ed ogni spreco in quanto ad addobbi floreali o vestiario. Anche per gli operatori video e fotografici e necessaria la massima discrezione durante lo svolgimento della liturgia”.
    Sono assolutamente certa che a questa risposta ne seguirà, qui o altrove, un’altra assai velenosa e provocatoria. Nemmeno di questo m’interessa granché, come immagino tu sappia. Appena avrò bisogno di un medico seguirò senza dubbio il tuo spassionato consiglio e mi farò curare, ma nel frattempo i termini della questione non cambiano, così come il mio diritto di criticare una cosa che non mi piace. Naturalmente la ragazza che indosserà l’abito e il velo è fuori della questione. Le auguro, con tutto il cuore, una vita serena e felice e che il giorno del suo matrimonio sia per lei bellissimo. Peccato che su di lei altri, non certo io, abbiano deciso di farsi un po’ di pubblicità
    Rosaria Capacchione

  6. francesco forlani il 13 settembre 2011 alle 01:04

    Credo che oltre che a scrivere male sia anche un pò cattivella – scrive Antonio

    Credo che oltre che a scrivere male sia anche un po’ vigliacco – aggiungo io

    e non tanto perché lei non si firmi con nome e cognome (personalmente credo che ognuno sia libero di firmarsi come vuole, in generale) ma perché quando si scrivono le cose che lei, Antonio, scrive, quando si usa il tono che lei, Antonio, usa, quando si impiega uno strano linguaggio (nvito la giornalista a riflettere prima di scrivere) strano per chi non conosca la civiltà dello zittire tipico delle nostre terre, se non si mette nome e cognome o è perché si è vigliacchi o perché quelle cose non valgono niente. A volte entrambe le cose. effeffe

  7. véronique vergé il 13 settembre 2011 alle 13:36

    A Antonio,

    Condivido il punto di vista di Effeffe. Sono straniera e amo il sud. Rosaria Capacchione è una donna coraggiosa, che sa analizzare la Camorra, la situazione di un paese, in particolare Caserta, con talento. Mi piace leggere i suoi articoli nel “il Mattino”. Ho letto l’Oro della Camorra con passione. E’ una donna che ama il suo paese, vive dentro, con la sua anima.
    Prima di scrivere un commento velenoso, si deve riflettere prima, “caro” Antonio, come lei lo dice…



indiani