Campi Sterminati

1 gennaio 2012
Pubblicato da

Immagine di Federico Patellani,

Manifestazione a Cagliari
di
Manlio Massole

Fiorirono i mandorli
quando chiudemmo il pugno
contro il ministro Piccoli.
“ Le mi – nie – re
non si chiu-dono!
Le mi- nie –re
non si chiu –dono! ”

La domenica si fece rossa
per i ricordi allo striscione:
“BUGGERRU
SIAMO GLI STESSI DEL ‘904”,
per la giovinezza delle bandiere Guspinesi.
Andammo in pace, senza dinamite,
ma pronti a tutte le battaglie.
Giovanni Battista Melis, il Sardo,
fu soltanto un grido d’amore
per la patria antica e martoriata:
ci sciolse la quarzite del cuore
e noi uomini delle miniere
fummo ragazzi all’assalto del futuro.

Tag: , , ,

One Response to Campi Sterminati

  1. unsardoaventifaccie il 1 gennaio 2012 alle 22:43

    …dopo la grande manifestazione a Cagliari…

    M’animo di meno nel mostrare
    le mie mani in ampi movimenti
    che misurino l’impegno e la motivazione
    nel manifestare un ammutinamento
    che mugghia muggisce o mugola
    senza ammutolirsi mai, per non morire.
    M’animo di meno nel mutare
    l’animo dentro una massa in moto
    che marcia che minaccia che s’imbroda
    si mitizza si monta s’ammansisce
    e in ampi movimenti museali
    si moltiplica mentre mummifica.



indiani