Lettera ai torinesi e al mio sindaco Piero Fassino

5 febbraio 2012
Pubblicato da
di
Francesco Forlani
Adesso, mo proprio, che molti di voi dormono, proverò a comunicare a coloro che sono a Torino gli incerti passi innevati di un sogno: vado in Piazza Carlina e  mi trovo la statua di Nino Gramsci. Continuo fino a Piazza San Carlo e  invece dell’orrido solito antenato dei re più codardi della storia,, stavolta a cavallo, la statua di Primo Levi. A Piazza Vittorio, arrivando quella di Cesare Pavese e verso la fine su una panchina Fruttero e Lucentini. In Piazza Bodoni vedrei volentieri Fred Buscaglione, Carlo Levi in Piazza Carlo Felice e in Piazza Arbarello quella di Piero Gobetti . In Piazza Castello Emilio Salgari, e Mario Sodati alla Gran Madre. E tutto il bronzo di quelle orribili statue dittatoriali fonderlo per fare un enorme monumento a una donna emigrante. Un’ emigrante ridente come il sole accucciato in valigia’nzomm. ‘nzuonne. 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

23 Responses to Lettera ai torinesi e al mio sindaco Piero Fassino

  1. elle il 5 febbraio 2012 alle 08:35

    scendendo dal treno a pietrasanta si trovava, prima che la giunta plurindagata la spostasse in un parcheggio, la statua di un… cavallino. Niente di che ma era così vivo che subito ti veniva fuori un sorriso, così, pure se il treno aveva tardato. Terra di cavatori, anarchici e scalpellini. C’era pure il monumento all’amicizia: una scimmia che abbraccia un cane. Una scimmia perchè? Boh. Ah, terra di fantasiosi quella: l’avranno pensata così.

    A Torino vado a dormire vicino alla sinagoga e trovo che lo spiazzetto lì davanti l’hanno intitolato a Primo Levi che a dodici anni io quando l’ho letto ho pianto. Ci vuole del sentimento per pensare a un posto giusto per quei tipi lì, magari ci vuole pure fantasia. Certo qualcosa, un posto ci vuole per la memoria della gente perbene, per sentirtela vicino senza dover visitare cimiteri. E la neve a volte fa quel pulito giusto e silenzio che serve per pensarci.

  2. gigi spina il 5 febbraio 2012 alle 09:49

    “se le strade cambiassero di nome”, cantava Paolo Pietrangeli, e pochi sarebbero d’accordo oggi a identificarsi in quei nomi. Ma quelli che indichi tu, nottambulo pensatore effeffe, non temono il tempo; monumenti e valori umani, profondi,che hanno già fatto i conti con la storia, senza lasciare dubbi.

  3. fabio il 5 febbraio 2012 alle 15:21

    siamo un popolo senza memoria, quella che rimane è solo un retaggio vetero ottocentesco che non parla e non racconta più nulla a nessuno.

  4. Antonio Devicienti il 5 febbraio 2012 alle 15:45

    Ed io, nei paesi del mio Salento, anzicché le Scuole Elementari “Principe di Piemonte” situate in “Via Umberto I” (le ho frequentate in quel di Maglie)o le varie “Piazza Regina Margherita” vorrei trovare qualcosa di discreto, ma sincero dedicato ai poeti della mia terra: Vittorio Bodini, Salvatore Toma, Antonio Leonardo Verri, Claudia Ruggeri, Stefano Coppola……..

  5. enrico dignani il 5 febbraio 2012 alle 17:12

    La politica

    Un martello è un utensile
    Se lo dai in testa a qualcuno
    L’uso è stato improprio.
    Il progresso ha distribuito la ricchezza
    Prima di lui
    L’aristocrazia l’aveva costruita
    Organizzata,
    Il comunismo è un eventuale strumento
    Non è una fissazione,
    Esteticamente bello
    Altrettanto quanto il capitalismo
    Nella sua brutalità.

    Questo è il migliore
    Dei mondi possibili
    Ed è anche molto simpatico,
    Deretani flaccidi compresi.

    Ogni secolo
    A modo suo è stato
    Bello.

  6. arduino il 5 febbraio 2012 alle 18:22

    In Piazza Carlina c’è la statua di Cavour, non di qualche Savoia. Tra l’altro l’autore della statua è il senese Dupré e alla statua è associata una storia (non so se sia autentica) molto anti-clericale, troppo volgare e scorretta per essere raccontata in un posto fine e ben frequentato come questo forum.

  7. francesco forlani il 5 febbraio 2012 alle 19:43

    Tu preferisci Cavour, io ci vedrei bene Gramsci che qui ci abitò. Comunque bene facesti a segnalare l’attribuzione “monumentale”. Lo scivolone effetto del sogno o della neve?
    effeffe

    • arduino il 5 febbraio 2012 alle 22:54

      Vedo bene Gramsci così come Cavour.

      • francesco forlani il 5 febbraio 2012 alle 23:08

        Gramsci che passeggia lungo il perimetro del giardino. ça ira? effeffe

        • arduino il 6 febbraio 2012 alle 21:20

          Mi va bene dare tutta Piazza Carlina a Gramsci, per Cavour c’è Piazza Carignano, al posto di Gioberti che c’entra come i cavoli a merenda.

          Poi, sempre divangando, Fenoglio al Monte dei Cappuccini, perché lui le città le mira dall’alto, Pavese in Piazza Carlo Felice, sotto l’hotel Roma, Buscaglione in Via Bava, dove concordava le canzoni da balcone a balcone con Chiosso, Dante di Nanni è giustamente a casa sua, Corso Re Umberto tra Gigi Meroni e Carlo Casalegno (Primo Levi è già davanti alla sinagoga), Fausto Coppi è anche lui al posto giusto, via XX Settembre gli anticlericali dispettosi di fine ottocento già l’hanno fatta finire davanti al Duomo, un pezzo di Piazza San Giovanni va a Giuseppe Perotti, dove lo catturarono le brigate nere, giustamente Piazza CLN ha riscattato il luogo dove c’era il comando delle SS e tanti ne dimentico.

          • francesco forlani il 6 febbraio 2012 alle 22:59

            Massimo Mila in Piazza Bodoni davanti al conservatorio. pavese mi piaceva , ci piaceva l’idea del caffè Elena dove andava spesso. effeffe

  8. francesco forlani il 5 febbraio 2012 alle 19:51

    Ora corretto
    effeffe

  9. Luca il 6 febbraio 2012 alle 11:24

    Da torinese, ma anche da spatriato, spossessato di Torino, la vedo molto diversamente. intanto, sono contro ogni iconoclastia (anche la sostituzione delle immagini lo è), piuttosto sono per l’uso delle immagini. Quei monumenti sono talmente remoti da ver perso qualsiasi significato ideologico. Il Cavaliere (il Cavallo) di bronzo di piazza San Carlo è un estraniato cavaliere romantico. E perchè, Forlani, taci di quell’altro cavallo cadente con il suo cavaliere, in piazza Solferino, forse unico al mondo? Torino è quel cavallo che cade ferito a morte da una pallottola, proprio mentre era sul punto di spiccare il salto. Non siamo iconoclasti ma non adoriamo nemmeno le immagini così come sono, non ne abbiamo bisogno, nemmeno per quelli che sentiamo nostri veri antenati. Primo, o Cesare, o Nino Gramsci non sarebbero saliti su nessun cavallo e nessun piedestallo, nè vivi nè morti. E perchè non pensi a Sandro Penna, quando dice che le statue retoriche non gli fanno alcun male, o ancora quando scrive “un bicchiere di latte ed una piazza /col monumento”. Un monumento, appunto, non importa di chi, possono essere segnacoli per avvenimenti futuri. Un amico tedesco giudicò con sguardo estraneo lo sconcertante Cavour di piazza Carlina come luogo deputato di convegni omosessuali. Perchè no?

    Altro è quel sempre latente “processo a Torino” che si fa, dall’esterno. Perchè non farlo davvero, su una di quelle piazze, come happening teatrale, con neoborbonici rancorosi e leghisti uniti come testimoni a carico? E poi abbattere i monumenti savoiardi e accapigliarsi sui segnacoli con cui sostituirli?

  10. francesco forlani il 6 febbraio 2012 alle 12:19

    Luca mi piace la tua riflessione. Sul cavallo morente di piazza solferino se ne parlava ieri con un amante di torino, non torinese, che ne metteva come te in risalto la dimensione tragica narrativa, la pietas del cavallo. arrivi in corsa sulla cosa e come avrai notato dai commenti c’è un aggiustamento in corso. non togliamo, ma portiamoci gente nelle piazze, che a Torino la gente in piazza non ci va come se ne avesse paura, e facciamoci precedere appunto dagli esploratori dell’immaginario, ovvero gli autori di cui sopra. In Piazza Solferino metterei Fenoglio, per esempio effeffe

  11. Luca il 6 febbraio 2012 alle 14:26

    Caro Forlani, Fenoglio a Torino ci è venuto però solo a morire, non vi ha nemmeno situato un suo personaggio. Viviamo in un’epoca che non può più erigere statue -mi pare una fortuna- e a Torino i veri grandi sono arrivati quando tutte le statue erano già occupate.È interessante questa discrepanza, le statue sono quindi da non prendere alla lettera perché celebrano un eroismo che è stato poi incarnato da altri, da quelli rimasti senza. Un’altra prova di estraniamento, due miei amici, lui polacco lei austriaca, identificano per convenzione scherzosa ogni statua monumentale come “Prinz Eugen”; è così è stato per Carlo Alberto apparso di lato passando su via Po, in mezzo ai suoi soldatini di piombo.

    Le associazioni tra persone e luoghi non possono quindi che essere immateriali; lo immagini Pavese nell’insignificante via Lamarmora? Eppure proprio là è stato, passando senza lasciare traccia in quel preciso luogo.

  12. Marco il 6 febbraio 2012 alle 16:07

    In ogni città per favore.

  13. francesco forlani il 6 febbraio 2012 alle 22:58

    Se c’è un ciclostile prepariamo tutte le lettere. effeffe ps Marco vai con delle proposte però. da dove scrivi? effeffe

  14. Raz-Rub II il 7 febbraio 2012 alle 01:29

    Perchè non girare la statua di Garibaldi invece?il nizzardo non si merita di guardare il manifesto del capitale; si guarda i suoi mille direte, ma sovrastati dalla cappa del danè della storia e dalla scritta bluelettrico della toro assicurazioni. Voltiamo Garibaldi, voltiamo uno degli ultimi eroi romantici e alla testa dei suoi mille permettiamogli di guardare il fiume e l’ultima speranza per salpare verso il mare.

    • effeffe il 7 febbraio 2012 alle 16:37

      buona l’idea però ci mettiamo i fratelli Rosselli nelle vicinanze effeffe

  15. arduino il 7 febbraio 2012 alle 17:03

    Merita un cenno anche il monumento a Guglielmo Pepe, patriota, generale e repubblicano, che come Aureliano Buendia partecipò a mille rivoluzioni e ne uscì sempre sconfitto ma mai domo, e anche nella versione lapidea del suo monumento continua a indicare un orizzonte.

    Fa bene Luca a ricordare il cavallo morente di Piazza Solferino

    https://en.wikipedia.org/wiki/File:Statua_Ferdinando_di_Savoia_in_Piazza_Solferino_Torino.jpg

    A me piace il contrasto tra la dinamicità del cavallo morente e l’andazzo da marionetta di Ferdinando, con il pizzetto inamidato, il cappello incollato in testa, il braccio destro a levare la spada in un gesto legnoso che denuncia il filo che lo muove. Sembra Totò che mette in caricatura un condottiero.

    • effeffe il 7 febbraio 2012 alle 17:10

      Arduino capirai, Guglielmo Pepe è un ex allievo della Nunziatella, come me :-) del resto ci vedrei accento ben volentieri Pisacane, altro ex allievo, peraltro da lui aiutato a Londra durante la fuga. effeffe ps Pisacane autore di un opus politico considerevole come purtroppo pochi sanno

  16. arduino il 8 febbraio 2012 alle 11:41

    Francesco, non vorrei essere frainteso, non c’è ironia nel mio ricordo di Pepe, ma molta ammirazione. Su Pisacane riconosco di sapere poco, troppo poco. Infine non ho trascorsi militari prestigiosi come i tuoi, solo un corso per diventare caporale.

  17. francesco forlani il 8 febbraio 2012 alle 12:16

    a Pisacane ho dedicato un lavoro teatrale ma ti confesso che anche la figura di Gugliemo Pepe mi ha sempre affascinato. il monumento che c’è a Torino ma anche il luogo sono molto suggestivi. io ce li lascerei effeffe



indiani