Ciao, Roberto

15 settembre 2012
Pubblicato da

httpv://www.youtube.com/watch?v=CSUGqrZkYNI

Il motore del 2000

di Roberto Roversi

Il motore del 2000 sarà bello e lucente
sarà veloce e silenzioso sarà un motore delicato
avrà lo scarico calibrato e un odore che non inquina
lo potrà respirare un bambino o una bambina

Ma seguendo le nostre cognizioni
nessuno ancora sa dire
come sarà cosa farà nella realtà
il ragazzo del 2000 questo perché nessuno lo sa
l’ipotesi è suggestiva ed anche urgente
ma seguendo questa prospettiva
oggi ne sappiamo poco o niente

Noi sappiamo tutto del motore
questo lucente motore del futuro
ma non riusciamo a disegnare il cuore
di quel giovane uomo del futuro
mon sappiamo niente del ragazzo
fermo sull’uscio ad aspettare
dentro a quel vento del 2000
non lo sappiamo ancora immaginare

Tag: ,

6 Responses to Ciao, Roberto

  1. véronique vergé il 15 settembre 2012 alle 16:29

    Roberto Roversi era venuto incantare molte pagine di Nazione Indiana.
    Aveva l’intelligenza del cuore e della lingua poetica,
    aveva da dire del nostro mondo,
    qualcosa di fragile sulla partenza.
    Caro Roberto Roversi, sempre nelle tue pagine trovero la tua presenza,
    la bellezza da fare emergere, quando il nostro mondo diventa troppo crudele.

    véronique

    Grazie a Gianni Biondillo per il ricordo.

  2. davide orecchio il 15 settembre 2012 alle 17:15

    Grazie Gianni

  3. Gualtiero Via il 16 settembre 2012 alle 00:17

    nella sterminata produzione di Roversi avete scelto una canzone dall’album che rifiutò addirittuta di firmare col suo nome, che pose fine per parecchi anni alla sua collaborazione con Dalla. Bravi, davvero.

  4. gianni biondillo il 16 settembre 2012 alle 01:25

    Gualtiero Via, ero certo che questo commento qualcuno l’avrebbe fatto. Ma sai, la cosa mi interessa poco. Non è NI che ha scelto questo pezzo, ma io. L’affetto che provo per Roversi nasce da quando scoprii questo disco e il nome di questo poeta bolognese, tutto qui. Ero un ragazzino (potevo avere 12, 13 anni)… nella vita incontri la poesia nei modi più imprevedibili.

  5. franco buffoni il 16 settembre 2012 alle 14:19

    Questo il mio ricordo di Roversi, è del dicembre scorso, e sono contento che Roberto abbia potuto ascoltarlo:

    http://www.francobuffoni.it/video_intervento_roberto_roversi.aspx

  6. davide orecchio il 17 settembre 2012 alle 17:37

    segnalo un’intervista inedita a Roversi che abbiamo pubblicato su rassegna.it.
    http://www.rassegna.it/articoli/2012/09/17/91807/intervista-a-roberto-roversi-la-poesia-e-una-risposta-alla-realta
    “Abbiamo fatto 30 canzoni, tre dischi con 30 canzoni che fossero organiche. Non un insieme di canzonette ma che fossero collegate. Abbiamo cantato per la prima volta lo smog, l’inquinamento dell’aria. Abbiamo cantato l’inquinamento e l’affollamento, gli ingorghi nelle autostrade. Abbiamo cantato tutte queste cose. E bisogna dire la verità: Dalla è stato estremamente bravo e impegnato nel vincere le contraddizioni di queste aziende di produzione che erano internazionali e che non ne volevano sapere.”



indiani